Come Accedere a Google in Cina

Per poter accedere a Google mentre ti trovi in Cina hai bisogno di una rete di telecomunicazioni privata (virtual private network o VPN), poiché non ci sono vie ufficiali o "legali" per farlo. Una VPN è un programma che ti permette di "fingere" di accedere a internet da un altro luogo rispetto a quello in cui ti trovi davvero. In questo caso, ti permette di utilizzare Google come se ti trovassi negli Stati Uniti – dove non è vietato – anche se in realtà sei in Cina, Paese in cui non è consentito.

Parte 1 di 3:
Informarsi sulle VPN

  1. 1
    Scarica una VPN per nascondere il tuo indirizzo IP. Una rete di telecomunicazioni privata (VPN) oscura il contenuto a cui stai accedendo, indirizzandolo attraverso una connessione privata e in genere criptata. Molti programmi gratuiti hanno dei limiti per quanto riguarda il flusso di dati giornalieri o l'ampiezza di banda.[1] Puoi iscriverti a una VPN di maggior volume pagando 10 dollari al mese (9 euro circa) e può essere un buon investimento, se prevedi di usarla parecchio. Valuta di condividere la connessione VPN con alcuni amici per suddividervi il costo.
    • Consulta la pagina https://en.greatfire.org/ per verificare se un determinato sito web è bloccato totalmente o parzialmente in Cina.
  2. 2
    Tieni presente che la rete cinese non proporrà gli stessi risultati di ricerca di quella occidentale. La maggior parte degli utenti cinesi però non se ne preoccupa, dato che preferisce usare pagine con un host all'interno della Cina e che non vengono oscurate. Ad esempio, Baidu è un motore di ricerca che in Cina è tanto popolare quanto Google e non è soggetto a restrizioni. Il suo maggior problema è che fornisce risultati esclusivamente cinesi e blocca tutto quello che proviene dal resto del mondo. Molte persone affermano che il governo di Pechino ha oscurato Google e gli altri siti web soprattutto per mantenere il popolo all'oscuro di ciò che accade nel mondo.[2]
    • Quando usi Baidu al posto di Google, puoi visualizzare quello che cercano gli utenti cinesi. Quando usi Google, puoi trovare informazioni da tutto il mondo.
    • Lo stesso vale per i siti di video: facendo una ricerca per Youku invece che per Youtube, puoi trovare quello che viene pubblicato e visto dai cinesi. Puoi anche visualizzare dei video stranieri che sono stati resi disponibili da persone che vivono in Cina; tuttavia, questo servizio ha dei limiti.
  3. 3
    Sappi che tecnicamente è legale usare una VPN. Il governo non ha mai dichiarato illecito l'utilizzo di questi programmi per aggirare il "Great Firewall" e nessuno è mai stato perseguito dalla legge per questo motivo. Nonostante ciò, la Cina blocca i siti web della maggior parte delle VPN. Se accedi a un sito web che opera in questo Paese, ricorda che è tenuto a comunicare, su richiesta del governo cinese, le informazioni in merito al tuo punto di accesso e alle tue operazioni online.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Scegliere una VPN

  1. 1
    Esamina questa lista di VPN popolari. Ricorda che ciascuno di questi provider potrebbe essere stato disabilitato dalla Cina dopo la scrittura dell'articolo. Fai qualche ricerca prima di scaricare una VPN e accertati che non sia stata bloccata.
    • fqrouter: funziona molto bene con i dispositivi Android. È gratuita e puoi sfruttarla al massimo, se hai sottoposto il cellulare a root. Se utilizzi una connessione USB per collegare il cellulare al computer portatile, puoi accedere liberamente a siti web da entrambi i dispositivi. Questa VPN ha un proxy stabile e un'ampia gamma di funzioni.
    • SuperVPN: lavora sul sistema operativo Android e offre 30 giorni di prova gratuiti. Trascorso questo tempo puoi ancora connetterti senza pagare per un'ora, ma dovrai ricollegarti dopo ogni ora.
    • ExpressVPN: è stata progettata per funzionare in maniera rapida e stabile in Cina. Puoi utilizzare varie applicazioni. I server del servizio si trovano a Hong Kong, Singapore, Giappone e sulle coste occidentali degli Stati Uniti. Puoi farti restituire i soldi entro trenta giorni senza che ti venga posta alcuna domanda. ExpressVPN accetta pagamenti tramite Paypal, la maggior parte delle carte di credito, Bitcoin, Unionpay, Alipay, Webmoney e CashU.
    • 12VPN: il suo quartier generale si trova a Hong Kong e gli sviluppatori conoscono bene il sistema di blocco e riduzione degli accessi operato dalla Cina. Viene utilizzato da molti cittadini cinesi, le sue politiche commerciali prevedono il rimborso entro sette giorni, ma permette la condivisione peer-to-peer/torrent.
    • VPN.AC: mette a disposizione degli utenti cinesi parecchie funzioni, inclusa la possibilità di far apparire il traffico OpenVPN come un normale SSL. I suoi server si trovano a Hong Kong, Singapore e sulla costa occidentale degli USA. Il servizio permette delle funzioni di peering con China Telecom e China Unicom.
    • VyperVPN: funziona con i sistemi operativi Windows o Linux. Mette a disposizione 500 MB gratuiti ogni mese e devi pagare per poterti connettere di più. Quando viene configurato con OpenVPN, opera molto bene.
  2. 2
    Ricorda che la disponibilità delle connessioni tramite VPN è variabile. Il governo di Pechino blocca a volte alcuni provider, soprattutto perché infrangono alcune norme politiche o di altra natura; tuttavia, non avrai alcuna ripercussione se hai scaricato e utilizzato questa rete privata. Attualmente, la Cina sta oscurando tutte le VPN a livello di protocollo di rete (incluse quelle aziendali). Tuttavia, ci sono altri provider che hanno sviluppato tecniche segrete per nascondere il proprio traffico dati attraverso le reti private.[3]
    • Chiedi alla gente del posto qualche consiglio in merito alle VPN attualmente disponibili. La maggior parte della gente che vive in Cina è in grado di dirti quali sono le sue VPN gratuite preferite.
    • È raro che le reti private già scaricate diventino inutilizzabili. Tuttavia, se ti accorgi che il provider della tua VPN è stato bloccato ed è diventato inaccessibile per nuovi utenti, non preoccuparti, puoi trovarne un altro.
  3. 3
    Ricorda che l'utilizzo delle reti private potrebbe impedire l'accesso ad alcuni siti web cinesi. Ad esempio, molte pagine di e-commerce espongono i prezzi in valuta cinese, che in genere sono molto più economici rispetto a quelli in valuta straniera, solo quando l'indirizzo IP rivela che l'accesso è stato effettuato entro i confini di Stato. Questo significa che se utilizzi una VPN, il sito non ti proporrà i prezzi cinesi, perché ritiene che tu sia all'estero, ad esempio negli Stati Uniti.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Usare una VPN

  1. 1
    Usa un protocollo VPN. Per impostare la maggior parte delle reti private, devi scaricare un protocollo e un host.
    • OpenVPN: attualmente, offre il protocollo meno stabile, anche se in passato è stato affidabile. Sappi che la maggior parte delle porte è stata bloccata e la connessione viene azzerata. La causa principale di tutto ciò sembra risiedere nei pacchetti RST falsificati.[4]
    • L2TP: è un protocollo rapido per la Cina e perfettamente funzionante al momento della scrittura di questo articolo.
    • PPTP: utilizzalo solo quando non funziona il L2TP, perché è in genere più lento e meno prevedibile.
    • SSTP: sfruttalo per collegarti a delle connessioni sicure HTTPS (Porta 443). In questo modo i clienti possono accedere alle reti in maniera sicura dietro router NAT, firewall e servizi di web proxy. Non devi preoccuparti dei soliti problemi con i blocchi delle porte.
  2. 2
    Scarica e installa una VPN. Fai una semplice ricerca online e scegli il programma che hai deciso di usare. Ad esempio, puoi scrivere "download ExpressVPN". Dovresti trovare un link al sito con il protocollo. Se non riesci a trovarlo, prova a scaricarlo da una pagina di torrent.
  3. 3
    Avvia il programma. L'interfaccia è leggermente diversa per ogni VPN, ma viene sempre richiesto di dichiarare il proprio Paese. Devi inserire il nome della nazione da cui "fingi" di accedere a Google. Il programma modifica il tuo indirizzo IP per simulare una connessione dal quel determinato Paese. Se la VPN non è stata sottoposta a restrizioni da parte del governo cinese, dovresti riuscire ad aggirare il Great Firewall.
  4. 4
    Scegli la nazione a cui vuoi che appartenga l'indirizzo IP. Una volta scaricato il programma, scegli il Paese da cui sembra che tu ti stia collegando, ad esempio gli Stati Uniti o la Corea del Sud. Quando sei online, dovresti riuscire a navigare su tutte le pagine bloccate dal governo di Pechino: Google, YouTube, Twitter, Facebook, Netflix e via dicendo. Quando ti trovi in Cina, cerca di accedere attraverso una VPN con server in Asia (China, Hong Kong, Bangkok). La seconda migliore opzione è quella di scegliere un server che si trovi sulla costa occidentale degli Stati Uniti (Los Angeles, Portland, San Francisco).
    • Gli utenti cinesi visitano spesso siti web che si trovano nella Cina continentale; il server VPN deve quindi trovarsi nelle vicinanze per assicurare una connessione rapida. Gli occidentali hanno invece bisogno di un server che si trovi il più possibile vicino a quello del sito web straniero che vogliono visitare – ad esempio, dovresti scegliere un IP statunitense per accedere alle pagine online americane.
    • I siti web occidentali si caricano sempre molto più in fretta attraverso una VPN con base nel proprio Paese natale, rispetto a quelle prossime alla Cina. D'altro canto, i siti web cinesi sono molto lenti quanto ci si connette con un IP occidentale, perché il traffico dati viene inviato e ritrasmesso dall'altra parte del mondo.
  5. 5
    Accertati di avere una buona connessione a banda larga. Quando operi attraverso una VPN, hai bisogno di un'ampiezza maggiore rispetto a quella necessaria per una normale connessione internet. Pertanto, non è molto semplice riuscire a farlo attraverso una connessione lenta – soprattutto con le reti pubbliche messe a disposizione nei bar, negli aeroporti o negli alberghi.
  6. 6
    Fai attenzione ad accedere a Google in Cina anche attraverso una VPN. Quando utilizzi i servizi di Google, non immettere delle parole chiave "sensibili" che possano attirare l'attenzione del governo. In caso contrario, la connessione viene resettata, il che significa che non potrai accedere a internet per 90 secondi. Potrai comunque riconnetterti non appena riuscirai a vedere nuovamente il logo del sito web.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Internet

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità