Come Acquistare Vestiti Vintage

Fare shopping di abbigliamento vintage è eccitante e divertente perché si possono trovare vestiti che nessun altro ha e articoli di buona qualità realizzati in modo diverso da quello in cui sono prodotti gli abiti di oggi, confezionati con tessuti che potrebbero anche non essere più in circolazione. Lo shopping di abiti vintage ti darà la possibilità non solo di avere capi unici, ma di fare per giunta affari “eco-friendly”, senza considerare che l'abbigliamento di seconda mano è molto gradito da coloro che popolano il panorama della moda.[1]

Per acquistare abbigliamento vintage, basta conoscere lo stile che ti piace in modo da orientarti verso i luoghi di acquisto più adatti e cavartela apportando qualche variazione. Anche se le modifiche fai da te possono aiutarti quando esistono piccoli problemi di vestibilità, è davvero importante controllare la taglia di un capo prima di acquistarlo. In definitiva, l'acquisto di abbigliamento vintage si basa sulla scelta di ciò che ti fa sentire davvero bene, una volta indosso.

Passaggi

  1. 1
    Informati sull'abbigliamento vintage e sulle differenze di qualità. In questo articolo si presume che "vintage" si riferisca ad almeno 30 anni fa (esclusi gli anni '80), prendendo in considerazione, pertanto, gli anni '70 e niente prima di allora. Volendo essere realistici, non molti vestiti prima del 1920 sarebbero così pratici da indossare oggi, e probabilmente sarebbero più difficili da trovare in buone condizioni (o a buon prezzo). In termini di qualità, gran parte dell'abbigliamento prima degli anni '60 era di produzione sartoriale e rifinito con maggior cura e precisione rispetto ai vestiti confezionati in seguito.[2] Ciò è dovuto al fatto che la produzione di massa dell'abbigliamento a buon mercato, anche se già in pieno svolgimento dopo la seconda guerra mondiale,[3] in realtà, è partita proprio dagli anni '60 e '70, perciò riguardo ai capi da questi decenni in poi, essendo di qualità variabile, dovrai affidarti al tuo occhio per fare una scelta buona.
    • Attenzione! Dagli anni '60 in poi, l'amore per le fibre confezionate dall'uomo, indipendentemente da quanto ruvide, irritanti o calde siano, si trovano in diversi vestiti in stile moderno, perciò fai molta attenzione alla qualità e al tatto!
  2. 2
    Conosci il tuo decennio di moda preferito. Attraverso i decenni, ogni epoca fa i suoi particolari annunci in fatto di moda e si concentra a enfatizzare diverse parti del corpo. Per la maggior parte dei periodi, e certamente dagli anni '30, le foto delle maggiori stelle del cinema ti daranno una panoramica eccellente delle mode migliori in ogni decennio e ti aiuteranno a farti un'idea di ciò che ti piace di più. Acquistando un bel libro sulla moda del XX secolo a un prezzo ragionevole, potrai avere una guida che ti orienti sulle scelte da fare. Inoltre, puoi visitare musei, guardare le gallerie online di abbigliamento vintage e dare un'occhiata ai negozi per iniziare ad avere un'idea delle mode passate. Qualche breve, ma importante punto dagli anni '20 agli anni '70 comprende:[4]
    • 1900-1918: Inizio della haute couture, importanti trasformazioni negli abiti e un po' di serietà negli stili durante la prima guerra mondiale.
    • 1920: L'era della moda flapper, che enfatizzava le linee sottili e lunghe, faceva uso abbondante di perline e ne favoriva la lavorazione intricata, accentuava la lunghezza degli abiti e impiegava splendidi tessuti. Un po' fanciullesco/androgino per alcuni aspetti, così perfetto per la donna maschiaccio. I film iniziano a influenzare la moda.
    • 1930: Molto glamour e couture parigina grazie alle stelle del cinema impiegate sempre più nelle pubblicità, molti abiti da sera, tessuti eleganti e attenzione per la femminilità; tanta haute couture francese.
    • 1940: Grazie alla seconda guerra mondiale, il pragmatismo, l'improvvisazione e la resistenza influenzano l'abbigliamento, con abiti pieni di tagli puliti e tessuti resistenti come la lana in modo principale. I colori tendono a concentrarsi su blu, nero e marrone e l'abbigliamento è spesso vivacizzato dalla bigiotteria.[5]
    • 1950: Con il rock and roll e una maggiore attenzione alla cultura giovanile, vi sono cambiamenti in corso nel settore della moda, dai prendisoli floreali, alle gonne ampie (circolari), ai corpetti stretti, agli abiti da cocktail, ai bolero, agli abiti a canotta, ai bei cardigan, ai jeans, ai pantaloni capri e agli abiti da sera favolosi indossati da artisti del calibro di Elizabeth Taylor. E non dimenticare il look Audrey Hepburn: è unico. I nomi di questo periodo comprendono Dior, Balenciaga, Balmain, Faith, Givenchy, Chanel, Norell, Claire McCardell, Mainboucher e Galanos.[6] Il cinema continua ad avere una forte influenza sulla moda, prendendo in considerazione le nuove tendenze giovanili; e Barbie esce nel 1959.
    • 1960: Le linee su misura vanno forti, dagli abiti in stile Jackie O, alle mini gonne a la Twiggy, tutti ben fatti e ben rifiniti in una gamma di colori maestosi, compreso l'arancione e il rosa. I motivi stanno iniziando a prendere il centro della scena, tra cui i pois, quelli psichedelici, il paisley e le strisce. E il look hippie è un forte elemento degli anni '60, mentre la preferenza per i sintetici dettata dalle mode mod o pop è stata lasciato alle spalle.[7] Gli stilisti di questo periodo includono Mary Quant, Paco Rabanne, Andy Warhol, Biba, Laura Ashley, Yves St. Laurent, Chanel, Balmain, Oleg Cassini, Peter Max, ecc.
    • 1970: L'era hippie degli anni '60 lascia il segno sull'abbigliamento degli anni '70, con abiti lunghi e ampi, ma anche una marea di stampe sorprendenti (spesso senza gusto) e look influenzato dalla disco. Vi sono anche tendenze punk, disco e abiti realizzati totalmente a maglia. Gli stilisti includono Ossie Clark, Bill Gibb, Thea Porter, Zandra Rhodes, Gina Fratini, Jean Varon, Jean Muir, Rae Spencer-Cullen, Calvin Klein, Diane von Fürstenberg, Ralph Lauren, Halston, ecc.[8]
  3. 3
    Sappi che cosa scovare. Quando fai shopping di abiti vintage, cerca la qualità che i vestiti vecchi possono conservare. Gli abiti vintage sono già stati indossati e questa caratteristica è parte del loro fascino. Non aspettarti capi d'abbigliamento nuovi di zecca. Ma assicurati anche di dare valore ai soldi che spendi. Verifica che il capo sia privo di difetti o imperfezioni e, se lo stai acquistando online, leggi attentamente la descrizione! Se non sei sicuro delle sue condizioni, parla con il venditore. Dovrebbe essere in grado di aiutarti a capire se si tratta o non di qualcosa che intendi acquistare.
    • Controlla che l’articolo sia foderato, tagliato e confezionato correttamente. Sarebbe anche meglio se non fosse troppo datato, confondendosi facilmente tra le infinite espressioni della moda di oggi, anche se spetta a te scegliere, magari distinguendoti con vestiti di un periodo particolare.
    • Danni causati da insetti. Tarme, scarafaggi e altri insetti danneggiano gli indumenti e possono creare buchi antiestetici irreparabili. Inoltre, non è opportuno portare gli insetti in casa, qualora vi fossero ancora le uova sul vestito in attesa di schiudersi.
    • Dissolvenza di colori o motivi. Questo danno non è sempre irrecuperabile, ma potrebbe davvero rovinare l'aspetto generale del capo se è troppo evidente e grave.
    • Ornamenti. È solo qualcuno a essere scomparso o ne mancano così tanti che si vede? Alcuni ornamenti sono il vestito e, quindi, potrebbe essere necessario verificare di persona per assicurarsi di guardarlo attentamente.
    • Verifica la presenza di odori, macchie e oggetti appesi o strappi. Per quanto riguarda gli odori, quelli difficili da rimuovere sono la naftalina e l'urina degli animali domestici. Riguardo alle macchie, la questione è molto incerta perché è probabile che si trovino lì da diverso tempo, a meno che qualcuno non abbia appena rovesciato caffè sul capo. Possono essere coperte? Cambia qualcosa se le strofini, ma non vanno via? È così evidente da rendere il capo indossabile? Si potrebbe modificare il capo per nascondere la macchia? Per quanto riguarda gli strappi, sono riparabili o possono essere coperti con qualcos'altro senza rovinare il look? Sii spietato nel porre le domande perché non indosserai un articolo rovinato; se il tessuto stesso è splendido da morire, potrebbe essere trasformato in un paio di guanti, una sciarpa, un cuscino, invece? Se è così, chiedi una riduzione del prezzo!
    • Tieni presente che se non ti senti a tuo agio o non ti va bene quando lo provi, allora probabilmente non è un capo adatto a te (sottoponilo a una ragionevole valutazione per eventuali modifiche).
    • Diffida quando il tessuto è debole. Alcuni tessuti sono più deboli di altri e lo diventano di più nel tempo. Lo chiffon, la rete e il pizzo si usurano facilmente a lungo andare e, pertanto, dovresti esaminarli attentamente prima dell'acquisto.[9] Una volta acquistati, dovrebbero comunque essere indossati raramente, se vuoi preservarli.
  4. 4
    Comprendi l'importanza di provare i vestiti. Le misure sono cambiate notevolmente nel corso del tempo e variano notevolmente a seconda del paese da cui proviene il capo. Quindi, se fai shopping in un negozio, prova sempre le cose prima di acquistarle, altrimenti puoi restare deluso quando le provi a casa. E molti negozi vintage vendono con la formula "visto e piaciuto" e non accettano il reso, perciò chiedi prima di fare acquisti se un articolo può essere restituito in caso non andasse bene o cambiassi idea.
    • Nota che la maggior parte dei venditori online di articoli vintage forniscono una stima delle taglie attuali alle quali il capo di adatta, ma in ogni caso dovresti ricontrollare le misure, giusto per essere sicuro. E se acquisti tramite internet, assicurati di verificare le misure (e conoscere le tue)! In questo caso, esamina i termini e le condizioni per il reso, qualora la stima delle misure online non fosse disponibile.
  5. 5
    Decidi il tuo budget. Nel complesso, un abito vintage può costare più o meno quanto un capo moderno e nuovo equivalente, a seconda di dove lo trovi. In particolare, l’abbigliamento vintage di qualità disegnato dagli stilisti costa sempre una piccola fortuna, soprattutto se lo stilista è tra quelli più famosi, perciò metti questo fattore nel tuo budget. La regola è questa: quanto più costava in passato, tanto più costa oggi come pezzo "da collezione".[10] Tuttavia, spendi parecchio per un vestito vintage solo se acquisti presso un rivenditore affidabile.[11] Per spendere molto meno, però, e divertirti anche, vai a caccia di quanti più posti puoi dove i prezzi sono probabilmente più bassi (ad esempio, presso i negozi di seconda mano e le vendite nei garage), così troverai abiti vintage a prezzi convenienti (vedi il passaggio successivo per ulteriori idee su dove fare acquisti).
    • Quando pianifichi un budget per l’acquisto dei vestiti, ricorda che solo pochi capi vintage abbinati all'abbigliamento normale valorizzeranno a lungo il tuo guardaroba.
    • Non tutte le firme dovrebbero essere costose. Se l'etichetta è stata fatta per il mercato di massa, non merita di avere un prezzo elevato. Informati sulle origini e sugli obiettivi del marketing inerente una determinata marca.
  6. 6
    Sappi dove fare acquisti. L’abbigliamento vintage è reperibile in molti luoghi, ma la portata e la qualità dipende da quanto il venditore si dedica a cercare capi di questo genere. Perciò, inizia sempre a verificare le credenziali del venditore per scoprire quanto sa di abbigliamento vintage, perché questo ti darà la sicurezza che vende capi buoni. I luoghi in cui guardare sono:
    • Negozi specializzati nella vendita di abbigliamento vintage. Possono vendere solo indumenti o far parte di un negozio o un centro commerciale specializzati nella fornitura di pezzi antichi. In genere, dove trovi un venditore ben informato sull'abbigliamento, i capi saranno accuratamente selezionati e dovrebbero esserci camerini per provare gli abiti. Cerca online i punti vendita consigliati nelle tue vicinanze; puoi trovare elenchi nutriti sui siti di abbigliamento vintage. Probabilmente anche qualche libro su questa moda può fornirti una lista dei negozi vintage più noti sul territorio.
    • Online. Esistono molti negozi di abbigliamento vintage in internet, sia come siti specifici che mediante siti di aste. Non dimenticare di controllare neanche gli annunci pubblicitari di vendita online, perché a volte le famiglie si sbarazzano di intere scatole piene di vecchi vestiti, piuttosto che riordinare quello che contengono. Riguardo all'esito positivo degli acquisti online, la percentuale di fare un affare è più bassa rispetto agli acquisti effettuati in negozio, dove c'è la possibilità di provare il capo. Non stupirti se le cose che ottieni non sono affatto come speravi. Le scommesse più sicure per lo shopping online includono la maglieria, i cappotti, le bluse in quanto si adattano alla maggior parte delle taglie.[12]
    • Scopri i negozi di seconda mano e quelli di beneficenza. Tendenzialmente hanno una vasta selezione di abiti di epoche diverse. Sarà difficile cercare attraverso vestiti tutti diversi, ma quando trovi qualcosa di vecchio, che emozione! Quando diventerai più esperto, riuscirai a camminare in un lungo corridoio di vestiti e a "individuare" quelli vintage senza nemmeno prenderli in mano.
    • Non sottovalutare le vendite nei garage e in casa, nei mercatini organizzati nelle parrocchie, le fiere, le vendite di beneficenza della chiesa, mercatini delle pulci, ecc., perché tutte queste alternative possono essere modi divertenti per scovare abiti vintage facendo donazioni. E i mercatini delle pulci e simili possono essere un vero e proprio scrigno di reperti di abbigliamento vintage!
    • La tua famiglia. Non aver paura di chiedere alla tua elegante prozia se c'è qualcosa nel suo guardaroba di decenni fa, perché sarà felice di fartelo indossare. Puoi anche ascoltare qualche deliziosa storia sull'ultima volta che indossò il suo bellissimo abito di sera nel 1954 ...
    • Renditi conto che, in linea di massima, i negozi in liquidazione o che vendono all’ingrosso danno più importanza all’abbigliamento contemporaneo, a meno che non abbiano abbastanza spazio per quello vintage. Tuttavia, dipende dalle decisioni del proprietario, quindi non escluderli completamente dalle tue fonti, perché possono essere ottimi punti dove trovare vestiti di marca, qualunque sia l'anno.
  7. 7
    Sii aperto e flessibile. Anche se ti può piacere la moda di un certo periodo, conviene avere una mente aperta quando sei a caccia di abiti vintage, perché non sai mai quello che potresti scoprire se "solo l’avessi", anche se non rientra nella tua idea di abiti vintage. In questo modo avrai l'opportunità di espandere le tue alternative, senza limitarti ad alcuni specifici capi che hai in mente, ma rifletterai anche sui vestiti che già hai e sul modo in cui potresti abbinare i nuovi articoli (vedi sotto per abbinare il vecchio con il nuovo).
  8. 8
    Preparati a fare modifiche. Non temere di cambiare un capo vintage, sia per la vestibilità che per un look totalmente diverso, o magari per tutti e due. Quando trovi il motivo o il tessuto ideale, ma solo in una parte del vestito, o sai che sarebbe bello se solo fosse in un determinato modo, allora modificalo da solo, anche su misura in modo cada come desideri. Probabilmente non troverai il tessuto o la qualità in qualsiasi altro luogo, quindi vale la pena comprare e adattare il capo.
    • A volte, un capo vintage ha solo bisogno di una piega e un risvolto qua e là affinché cada perfettamente. È anche utile legare, tagliare e appuntare con spilli per ottenere una buona vestibilità e aggiungere un po' di carattere al tuo look. Trova un bel libro su come modificare gli abiti se sei un sarto provetto che, tuttavia, necessita di una guida.
    • Questo non significa che devi trasformare ogni cosa, anche quando non sai come fare. Se il vestito che hai appena comprato è troppo lungo di pochi centimetri e provi ad accorciarlo senza avere alcuna esperienza di cucito, probabilmente la situazione sarà critica. È meglio lasciare le modifiche a un amico che sa cucire o a un sarto.
  9. 9
    Abbina il vecchio al nuovo. Quando decidi come indossare i vestiti vintage, abbinali ai capi moderni. L'abbigliamento e gli accessori che indossi ogni giorno possono essere valorizzati aggiungendo qualcosa di straordinario preso dalla tua collezione vintage, come ad esempio una borsa e un paio di scarpe abbinati a un abito aderente anni '50. Gli outfit più alla moda sono quelli che combinano articoli vintage con le tendenze moderne. Se adori i tuoi jeans skinny, immagina quanto attraenti possono sembrare se abbinati a un paio di stivali vintage. La tua nuova giacca ti fa impazzire? Sai come può diventare carina sopra un mini abito vintage!
  10. 10
    Ama il tuo look. Il requisito finale, ma più importante, per acquistare un capo vintage è amare il proprio look. Se non è così, vai davanti allo specchio e comincia a raffinare il tuo stile. Tutti i vestiti, sia vintage che nuovi, dovrebbe farti apparire al meglio a farti sentire alla grande quando esci.
    • Non trascurare gli accessori vintage per completare il look. Esistono tanti possibili accorgimenti, tra cui borse, cappelli, accessori per capelli, gioielli, sciarpe e molto altro.
    • Anche le scarpe vintage possono completare il look, ma spesso non è facile calzarle quando sono state già usate. Pertanto, prova a cercare gli equivalenti moderni, se non riesci a trovare un paio vintage decente.
    Pubblicità


Consigli

  • Non trascurare gli accessori e le acconciature da abbinare al tuo abbigliamento vintage!
  • Alcuni negozi sono specializzati in abbigliamento d'epoca anni '40 o '50. Se sei concentrato maggiormente su un certo periodo, cerca questo genere di negozi perché fanno un duro lavoro per scegliere, classificare e selezionare solo il meglio dell'epoca.
  • Se ti piace un look eclettico, il vintage è ideale per te; datti da fare a mischiare e abbinare!
  • Custodisci i capi vintage con cura. Le grucce imbottite sono assolutamente indispensabili perché, avendo una protezione adeguata, garantiscono che gli insetti non danneggino i vestiti nel tempo.
  • Informati sulla moda vintage. Così facendo, impererai che le mode si reinventano nel corso del tempo e che l'uso della moda in passato per essere popolari era importante tanto quanto lo è oggi. Imparerai anche che ogni generazione pensa di indossare capi all'apice della moda finché non si avvicenderà con un'altra generazione! Guardando le foto d'epoca di persone giovani e belle, ti chiederai: "Dove sono tutti ora? Dovrebbero avere ... anni?».
  • Le mode "futuristiche" attraversano ogni epoca del settore della moda del XX secolo.
  • Alcune persone considerano gli anni '80 e '90 già "vintage". La scelta spetta a te, ma in linea generale il termine "vintage" indica 30 anni in meno ogni 100 anni (dopo i quali, un articolo diventa "antico"). Qualunque sia il tuo limite, chiediti seriamente se intendi davvero indossare abiti con le spalle imbottite e colori pastello dalla testa ai piedi. Se ti piacciono gli anni '80, almeno prendi quelli griffati! Tuttavia, i vestiti di buona qualità del periodo "new wave", risalente ai primi anni '80 (30 anni fa), sono davvero rappresentativi di quell'epoca, perciò tieni d'occhio i segnali che ti indicano che un capo è di buona fattura e di valore.
  • Non aver paura di contrattare, ma sii gentile quando ricevi un rifiuto. Ognuno deve guadagnarsi da vivere!
  • Puoi indossare l'abbigliamento e gli accessori vintage seguendo i modelli vintage.[13] Tuttavia, il lato negativo è che i motivi vintage sono costosi da acquistare, in molti casi, e hanno taglie diverse da quelle moderne. Inoltre, le istruzioni spesso sono carenti (si dava per scontato come fare in contrasto con quanto si presume con i modelli moderni) e spesso non si menzionano oggetti e tessuti che non esistono più, quindi dovrai sapere come sostituirli.[14] È un'ottima idea utilizzare chiusure moderne, come fermagli e ganci dove è possibile, se vuoi essere sicuro della durata e della disponibilità.
Pubblicità

Avvertenze

  • Un capo troppo piccolo sarà sempre troppo piccolo, quindi non comprarlo sperando di poterlo allargare o allungare. Gli abiti più larghi possono essere adattati a una taglia inferiore, ma non il contrario.
  • I margini di guadagno sono stretti per coloro che vendono abbigliamento vintage, perciò sii sicuro dell'acquisto che fai dal momento che i resi non saranno possibili nella maggior parte dei negozi. Alcuni possono prevedere il cambio, ma è meglio saperlo prima di spendere i tuoi soldi.
  • Mantenere l'abbigliamento vintage pulito può essere impegnativo. Porta in lavanderia i capi più delicati e insoliti. Un modo per testare la capacità di una lavanderia a secco è quello di acquistare qualche vestito vintage più economico con paillettes, nastri e altri ornamenti per verificare lo tratta prima di affidarle capi più preziosi e costosi.[15]
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Elenco di buoni rivenditori
  • Accesso a internet per aste e acquisti online
  • Abbigliamento comodo per lo shopping, preferibilmente qualcosa su cui puoi provare altri vestiti
  • Metro da sarto in borsa

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 18 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Fashion

Riferimenti

  1. Nina Garcia, The Style Strategy, p. 120, (2009), ISBN 978-0=06-183401-1
  2. Nina Garcia, The Style Strategy, p. 120, (2009), ISBN 978-0=06-183401-1
  3. Tracy Tolkien, Vintage: The Art of Dressing Up, p. 10, (2000), ISBN 1-86205-305-7
  4. Gertrud Lehnert, A History of Fashion, (2000), ISBN 3-8290-2033-3
  5. Tracy Tolkien, Vintage: The Art of Dressing Up, p. 19, (2000), ISBN 1-86205-305-7
  6. Tracy Tolkien, Vintage: The Art of Dressing Up, p. 23, (2000), ISBN 1-86205-305-7
  7. Tracy Tolkien, Vintage: The Art of Dressing Up, p. 77, (2000), ISBN 1-86205-305-7
  8. Tracy Tolkien, Vintage: The Art of Dressing Up, p. 89, (2000), ISBN 1-86205-305-7
  9. Tracy Tolkien, Vintage: The Art of Dressing Up, p. 9, (2000), ISBN 1-86205-305-7
  1. Tracy Tolkien, Vintage: The Art of Dressing Up, p. 8, (2000), ISBN 1-86205-305-7
  2. Tracy Tolkien, Vintage: The Art of Dressing Up, p. 10, (2000), ISBN 1-86205-305-7
  3. Tracy Tolkien, Vintage: The Art of Dressing Up, p. 14, (2000), ISBN 1-86205-305-7
  4. Emma Brennan, Making Vintage Accessories, p. 28, (2009), ISBN 978-1-86108-637-2
  5. Emma Brennan, Making Vintage Accessories, pp. 28-29, (2009), ISBN 978-1-86108-637-2
  6. Tracy Tolkien, Vintage: The Art of Dressing Up, p. 9, (2000), ISBN 1-86205-305-7

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità