Come Affrontare i Cambiamenti di Peso Quando si Guarisce da un Disturbo Alimentare

Scritto in collaborazione con: Paul Chernyak, LPC

Guarire da un disturbo del comportamento alimentare richiede un grande impegno e pianificazione, in quanto devi imparare ad accettare i cambiamenti sia mentali sia fisici. Una delle preoccupazioni delle donne giovani, o anche uomini, che guariscono da tale disturbo è l'aumento di peso che si verifica una volta recuperata un'alimentazione sana (e sicura) e un'attività fisica adeguata. È però possibile interrompere l'ossessione per l'aumento ponderale e sostenere il recupero una volta superata questa patologia. Continua a leggere per sapere come fare.

Parte 1 di 3:
Concentrarsi sui Comportamenti Salutari

  1. 1
    Festeggia le vittorie della guarigione.[1] Sei riuscito a trascorrere un'intera settimana senza fare alcun commento negativo sul tuo corpo? Ottimo! Sei riuscito a superare la necessità di purgarti o di abbuffarti? Stupendo! È importante prendere nota di queste vittorie apparentemente "piccole", se vuoi ottenere il successo nel lungo periodo.
    • Dopo aver raggiunto un obiettivo, datti la proverbiale "pacca sulla spalla". Premiati con un film o un'ora di lettura. Puoi anche metterti a ballare nella stanza come una persona folle. La cosa importante è non festeggiare con il cibo o altri comportamenti che possano far scattare il desiderio di mangiare.
  2. 2
    Individua i fattori scatenanti. La maggior parte delle persone che soffrono di disturbi alimentari ha un elemento specifico che la induce a questo comportamento distruttivo. Trova il tuo e metti in atto un piano alternativo per gestirlo e superarlo.[2]
    • Per esempio, può essere la stagione estiva che risveglia questi tuoi comportamenti alimentari malsani; potresti preoccuparti del tuo aspetto in costume da bagno o in pantaloncini corti. Se è questo il tuo fattore scatenante, devi fare uno sforzo particolare per trovare un piano che ti permetta di evitare delle ricadute. Puoi parlarne con il terapista, il quale potrà trovare altre strategie per gestire tali fattori.
  3. 3
    Sviluppa delle tecniche opportune per affrontare le emozioni negative.[3] Un aspetto importante per sostenere la guarigione è quello di trovare delle tecniche di gestione salutari. Ti sarai sicuramente trovato ad affrontare delle situazioni nella vita che ti hanno fatto sentire triste o stressato. Gli individui che stanno cerando di guarire da questa malattia possono reagire ai momenti difficili abbuffandosi o smettendo di mangiare. Preparati a stilare un elenco di comportamenti sani che puoi mettere in atto quando devi affrontare delle emozioni negative. Tra questi considera:
    • Tenere un diario descrivendo perché è importante mantenere dei comportamenti sani;
    • Uscire all'aperto e sfogarti giocando a frisbee o portando a passeggio il cane;
    • Chiamare un amico che possa sostenerti;
    • Ascoltare della musica rilassante;
    • Guardare un programma televisivo o un film che ti faccia ridere.
  4. 4
    Non usare la bilancia. Evita di pesarti quando sei a casa. Devi pesarti in maniera precisa solo per essere sicuro di rientrare nell'intervallo di normalità; pertanto, l'unico momento in cui dovresti usare la bilancia è presso l'ambulatorio medico.
    • Manifesta in questo modo la tua libertà da un mondo ossessionato dal peso.
  5. 5
    Evita le diete. Le ricerche hanno dimostrato che non sono mai di aiuto. Molti studi hanno infatti riscontrato che sebbene molte di queste permettano di dimagrire parecchio, in realtà il calo ponderale non è sostenibile nel lungo periodo. Nella maggior parte dei casi la gente torna a recuperare i chili persi, a volte anche più di prima.[4]
    • Anziché ridurre le calorie o limitare alcuni gruppi alimentari, concentrati su una dieta bilanciata. Questo significa consumare una giusta quantità di proteine, grassi sani, carboidrati complessi – come la frutta, la verdura e i cereali integrali – e ridurre l'assunzione di sale, zuccheri e cibi lavorati industrialmente.[5]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Sviluppare un'Immagine Positiva del Corpo

  1. 1
    Accetta il fatto che i cambiamenti di peso sono inevitabili. Fanno parte del processo di guarigione e sono in realtà un segno che stai iniziando a riprenderti. Se ti prepari all'idea del cambiamento di peso, non ti troverai a vivere uno shock improvviso quando succederà.
    • Potresti manifestare ritenzione idrica e gonfiore, soprattutto nella zona delle caviglie e degli occhi. Lo stomaco può diventare molto più grande, perché inizia a impiegare più tempo per digerire il cibo. La produzione di gas intestinale, il dolore addominale e i crampi sono tutti sintomi che potresti iniziare a provare quando torni a mangiare.[6] Ricorda che sono tutti fenomeni temporanei; potrebbero creare disagio e innescare le tue peggiori paure in merito all'aumento di peso, ma quando tornerai a sentirti più in salute, questi effetti collaterali scompariranno.
    • Potresti aumentare di peso rapidamente durante i primi giorni o settimane (circa 1-1,5 chili), dato che il corpo torna a recuperare i fluidi nei tessuti e negli organi, ma questa progressione rallenterà in maniera graduale.[7]
    • Nell'arco di circa 3 settimane il corpo inizia a sviluppare un sottile strato di adipe, che lo protegge e lo isola.[8] In seguito, le cavità delle guance e tra le ossa iniziano a riempirsi, seguite da glutei, fianchi, cosce e seno (o petto).[9]
  2. 2
    Sottolinea tutte le tue buone qualità. Ricorda che sei molto di più del tuo peso corporeo. Nel caso tu debba ricordartelo, redigi un elenco delle tue qualità positive e appendile in un posto che puoi vedere ogni giorno. Nella lista puoi mettere le tue caratteristiche principali, come la forza, l'intelligenza o la capacità di essere un amico fantastico.[10]
  3. 3
    Pensa alle cose che ti piacciono in merito al corpo che sta guarendo. Apprezza le capacità di un organismo sano. Riconoscere il fatto che per permettere al corpo di funzionare correttamente devi mantenere un peso sano, può ridurre l'ansia che deriva dai chili che hai guadagnato.[11]
    • Per esempio, molte persone che soffrono di disturbi alimentari si accorgono di avere una maggiore sensazione di calore e di essere meno soggette a malattie. Potrebbe essere entusiasmante non sentirsi costantemente affamato o stanco. Presta attenzione alle caratteristiche positive del corpo, a prescindere dal peso.
  4. 4
    Tratta bene il tuo corpo. Potrebbe volerci molto tempo prima di arrivare ad apprezzare ciò che vedi nello specchio. Nel frattempo, devi quindi essere indulgente con te stesso e il tuo corpo. Mangia rispettando le indicazioni del nutrizionista. Dormi adeguatamente per ridurre lo stress e favorire il recupero. Fai attività fisica regolarmente, ma non esagerare.[12]
    • Puoi anche prenderti cura di te e mettere in atto delle azioni per migliorare l'umore, facendo dei bagni di schiuma, mettendo delle lozioni profumate o recandoti in un centro benessere per un massaggio o un trattamento al viso. Sono tutti rimedi che ti aiutano a prenderti maggiormente cura del corpo e quindi apprezzarlo di più.
  5. 5
    Valuta con senso critico i messaggi e le immagini che vengono veicolati dai mezzi di comunicazione. La televisione, i giornali, alcune canzoni e altro ancora hanno tutti un impatto notevole sulla percezione che hai del tuo corpo. Impegnati per prendere il controllo sulla tua visione del mondo; ciò significa valutare con cautela e con senso critico i messaggi inviati dai mass media. Spegni il televisore quando vedi immagini poco realistiche dei corpi di donne. Annulla l'abbonamento alle riviste o cancellati dai blog in cui i fisici magri o i modelli alimentari sbagliati vengono enfatizzati.[13]
  6. 6
    Unisciti a un gruppo di sostegno. La maggior parte delle persone trova che la guarigione sia più semplice quando aderisce a un gruppo di mutuo aiuto. Cercane uno nella tua zona e partecipa regolarmente agli incontri oppure fai una ricerca online per trovarne uno serio e qualificato, meglio ancora se è stato istituito da qualche associazione nazionale per i disturbi alimentari.[14][15]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Affidarsi ai Medici

  1. 1
    Continua a cercare l'aiuto di un dietologo. Consultare un esperto qualificato in alimentazione, che abbia esperienza e abbia lavorato con persone affette da disturbi alimentari è fondamentale per evitare il rischio di ricadute. Un dietologo è in grado di aiutarti a correggere le carenze nutrizionali e gli squilibri elettrolitici; può anche consigliarti l'apporto corretto di calorie di cui hai bisogno per tornare gradualmente a recuperare un peso sano.[16]
  2. 2
    Fatti visitare dal medico per monitorare qualunque problema di salute. I disturbi alimentari possono essere associati ad alcune patologie, come una riduzione della densità ossea o la mancanza di mestruazioni. I medici e anche i dentisti sono tutti professionisti indispensabili per la guarigione.[17]
  3. 3
    Rivolgiti regolarmente a uno psichiatra. Potresti aver bisogno dei servizi di questo professionista, per trovare una cura farmacologica che ti aiuti ad alleviare i sintomi associati al disturbo alimentare. Inoltre, dovresti rivolgerti a uno psicologo o a qualche altro professionista di igiene mentale, per una terapia individuale, di gruppo o familiare.
    • I trattamenti efficaci prevedono una combinazione di consulenze nutrizionali, farmaci, monitoraggio medico e psicoterapia. Si è riscontrato che le diverse terapie, come quella cognitivo-comportamentale, sono efficaci per cambiare e migliorare i meccanismi mentali che portano a questo tipo di disturbi.[18]
    Pubblicità

Consigli

  • Prendi un diario per annotare i tuoi sentimenti e sensazioni.
  • La convalescenza può essere impegnativa, ma devi guarire. Ricorda che i cambiamenti che stai facendo non sono negativi; indicano che stai affrontando con successo il problema e che hai la forza di superarlo.
  • Se ti rivolgi a un medico per guarire, ma non vuoi vedere il tuo peso, chiedi al professionista se puoi rivolgere lo sguardo altrove quando sei sulla bilancia. In questo modo, il medico può compilare le sue opportune statistiche e tu puoi evitare di farti ossessionare dai dati.
  • Acquista indumenti che ti facciano sentire bene con te stesso e con il tuo nuovo corpo. Così facendo, non corri il rischio che i vecchi abiti che non ti calzano più continuino a farti ricordare i normali cambiamenti a cui il corpo è sottoposto durante il processo di recupero.
Pubblicità

Avvertenze

  • Se ti accorgi che stai avendo una ricaduta, cerca aiuto immediato. Sebbene capiti abbastanza spesso di avere dei cedimenti durante la convalescenza, è importante cercare di restare "in carreggiata" il più possibile.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Counselor Professionale Matricolato
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Paul Chernyak, LPC. Paul Chernyak lavora come Counselor Professionista Matricolato a Chicago. Si è laureato all'American School of Professional Psychology nel 2011.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità