Come Aiutare la Digestione in Modo Naturale

La digestione è il processo con cui l'organismo scompone il cibo in particelle assimilabili dal sistema sanguigno. Purtroppo, esistono diversi fattori che la disturbano, causando complicazioni come eccesso di gas, gonfiore, nausea, costipazione e diarrea. Se vuoi ridurre al minimo questi sintomi sgradevoli e migliorare la salute del tuo apparato digerente, puoi apportare alcune piccole modifiche alla tua dieta e allo stile di vita. Ecco qualche suggerimento per aiutare la tua digestione a funzionare in modo naturale.

Parte 1 di 3:
Migliorare la propria Alimentazione

  1. 1
    Aumenta l'apporto di fibre. La fibra è il tuo migliore amico quando si tratta di digestione. Aumenta la dimensione e la morbidezza delle feci, rendendo più facile il transito intestinale e prevenendo la stipsi.
    • Le fibre regolano anche i livelli di zucchero nel sangue rallentando la digestione e immettendo a un ritmo più lento il glucosio nel sangue.
    • Aumenta l'apporto di fibre mangiando cibi che ne sono ricchi, come la farina d'avena e la crusca di cereali, i legumi come lenticchie, fagioli neri e quelli normali, la frutta secca come le arachidi, le noci e le noci pecan. Anche la frutta ricca di fibre come i frutti di bosco, le prugne, le albicocche secche, l'uva passa, le pere e le mele (con la buccia) sono ottime scelte.
    • In alternativa (o in aggiunta), puoi prendere regolarmente un integratore di fibre per aiutare la digestione.
  2. 2
    Evita i cibi grassi. L'apparato digestivo fa fatica a elaborare i cibi grassi, che rallentano l'intera fase digestiva. Rendi più veloce il processo, riducendo i grassi nella tua dieta.
    • Scegli carni più magre come pollo e tacchino, come fonti di proteine. Se mangi carne di manzo o di maiale, scegli i tagli più magri.
    • Sostituisci i prodotti lattiero-caseari ricchi di grassi con quelli più magri o senza grassi come il latte, il formaggio e lo yogurt. Elimina il burro e la margarina e sostituiscili con l'olio di oliva.
    • Evita i cibi fritti, quelli trasformati e surgelati, che tendono a essere ricchi di grassi.
  3. 3
    Mangia i probiotici. I probiotici [1] sono un genere di batteri buoni, simili ai microrganismi presenti naturalmente nel corpo umano, che aiutano a mantenere l'intestino sano e attivo.
    • Semplicemente introducendo nel tuo organismo più alimenti probiotici puoi evitare l'eccesso di gas, la diarrea e altri problemi di digestione.
    • Tra gli alimenti ricchi di probiotici sono inclusi lo yogurt, la zuppa di miso, i crauti, i formaggi a pasta molle, il kefir, il pane a lievitazione naturale.
    • Prova a prendere un integratore a base di probiotici, se hai difficoltà a trovare cibi che li contengano. Li puoi trovare in capsule, in polvere e liquidi, nelle farmacie e nei negozi di prodotti naturali.
    • Dovresti comunque consultare il medico prima di assumere questi integratori, in quanto possono essere nocivi per le persone con determinate patologie.
  4. 4
    Evita sodio, amidi e dolcificanti artificiali. Se soffri regolarmente di gonfiore allo stomaco e gas addominale, dovresti evitare gli alimenti che contengono elevate quantità di eccipienti e dolcificanti artificiali, perché potrebbero essere i responsabili di questo tuo malessere.
    • Inoltre, dovresti evitare di mangiare troppo durante i pasti, perché anche questo aumenta le probabilità di gonfiore.
    • Il gonfiore si verifica quando le particelle di gas formate dai batteri nel tratto intestinale tornano indietro nello stomaco, facendoti sentire gonfio come un palloncino.
    • Il gonfiore può anche essere un sintomo di condizioni di base più gravi, come la diverticolite, la proliferazione batterica nell'intestino tenue e il cancro ovarico; quindi, se nonostante i cambiamenti nella dieta come indicati sopra, soffri ancora di gonfiore addominale, dovresti consultare il medico.
  5. 5
    Riduci i gas intestinali. La formazione eccessiva di gas è un problema comune che può causare disagio e imbarazzo per molte persone. Per fortuna ci sono diverse cose che puoi fare per controllarla.
    • Evita i cibi che provocano la formazione di gas. Tra questi sono comprese quasi tutte le varietà di fagioli e verdure come cavoli, broccoli e cavolfiori.
    • Evita le bevande gassate. Le bibite e le altre bevande gassate contengono aria, che aumenta la quantità di gas prodotto dal corpo.
    • Mangia più lentamente. Se mangi troppo in fretta, tendi ad ingoiare più aria, che contribuisce alla produzione di gas.
  6. 6
    Elimina eventuali allergeni conosciuti o sospetti dalla tua dieta. Mangiare cibi a cui sei allergico o sensibile senza saperlo, può essere una delle principali cause di problemi digestivi, come gonfiore, gas e dolore. Riducendo semplicemente alcuni alimenti chiave dalla tua dieta, puoi eliminare facilmente molti problemi digestivi.
    • Latticini, fragole, noci, pollo, uova e prodotti a base di glutine sono allergeni comuni a cui molte persone reagiscono male, anche se non se ne rendono conto.
    • Se pensi di essere intollerante a qualche alimento, toglilo completamente dalla dieta per alcuni giorni e osserva se noti la differenza nella tua digestione.
    • Se non riesci ad individuare il cibo specifico che ti sta causando problemi digestivi, rivolgiti al medico per fare dei test per le allergie.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Semplici Cambiamenti nel Comportamento

  1. 1
    Bevi molta acqua. Dovresti berne almeno 8 bicchieri al giorno. L'acqua aiuta il corpo a ridurre la massa di cibo ed eliminare le tossine che possono interferire con la digestione naturale. Inoltre rende le feci più morbide e più facili da eliminare.
    • Portati sempre dietro una bottiglia d'acqua. Ti aiuta a ricordarti di bere di più e puoi fare qualcosa quando sei annoiato. Bevi più acqua dopo l'attività fisica, dato che perdi molti liquidi attraverso il sudore.
    • Sai che il corpo è adeguatamente idratato quando l'urina resta di colore chiaro per tutta la giornata. Più sei disidratato e più gialla è la tua pipì.
    • Scegli inoltre frutta e verdura dall'elevato contenuto di acqua. Anguria, cetrioli e arance sono ottimi esempi.
  2. 2
    Fai regolarmente attività fisica. Un costante allenamento aiuta la regolarità intestinale e l'espulsione dei gas intestinali. Anche un minimo di 10 o 15 minuti di movimento al giorno, può essere utile per la digestione.
    • L'esercizio accelera la digestione, aumentando il flusso di sangue agli organi e stimolando i muscoli nell'intestino, aiutandoli ad eliminare le scorie in modo più rapido.
    • Prova gli esercizi cardio, come camminare, il nuoto e lo jogging che mettono in movimento tutto il corpo. Fai anche dei piccoli cambiamenti nella tua vita, come fare le scale anziché prendere l'ascensore.
  3. 3
    Vai in bagno prontamente quando senti il primo stimolo. Se rimandi, l'acqua contenuta nelle feci viene riassorbita nel colon e di conseguenza diventano più dure e difficili da evacuare.
  4. 4
    Perdi qualche chilo. Il sovrappeso può creare pressione sulla zona addominale, mettendo in difficoltà la valvola tra lo stomaco e l'esofago che non riesce più a chiudersi correttamente, con conseguente reflusso acido e bruciore di stomaco.
    • Allevia la pressione causata da eventuali chili in più dimagrendo. È possibile farlo in modo sicuro ed efficace attraverso una combinazione di dieta sana ed esercizio fisico.
    • Altri suggerimenti per perdere peso in modo facile consistono nel mangiare piatti più piccoli, bere un bicchiere d'acqua prima dei pasti per sentirti più sazio, e mangiare l'ultimo pasto almeno quattro ore prima di coricarti.
  5. 5
    Mangia più lentamente. Mangiare quando sei in movimento o fare grandi bocconi ingurgitando frettolosamente, può portare ad ingoiare un sacco di aria, che si trasforma in gas e può causare forti crampi e disagio. Mangiare troppo velocemente ti fa anche mangiare di più, mettendo così più pressione sullo stomaco e rallentando il processo digestivo.
    • Mastica ogni boccone almeno 20 volte prima di deglutire; questo ti permette di preparare lo stomaco al cibo che sta per ricevere e dà al cervello il tempo di registrare che sei sazio.
    • Non mangiare quando guardi la TV, controlli la tua pagina Facebook o leggi una rivista o un giornale, perché si tende a mangiare molto di più quando si è distratti. Cena seduto a tavola e concentrati su ogni boccone che metti in bocca.
  6. 6
    Prova un breve massaggio addominale. Comprimi lentamente e in maniera ferma con le dita l'area addominale nel raggio di 3-5 cm intorno all'ombelico, con un movimento in senso orario. Per ottenere i migliori risultati, fallo per 2-5 minuti. Questa semplice tecnica, praticata dopo il pasto o almeno una volta al giorno, può aiutarti rapidamente con la digestione.
  7. 7
    Interrompi la routine delle cattive abitudini. Prova a rinunciare per qualche giorno a spuntini zuccherati, cibi lavorati, alcool, nicotina e caffeina. Questo darà al tuo sistema digestivo la possibilità di ritrovare il suo equilibrio naturale.
    • Dopo questa pausa, prova a seguire un programma disintossicante naturale. Puoi trovare alcuni prodotti in molti negozi di alimenti naturali e centri nutrizionali. Leggi bene tutte le istruzioni indicate e segui il programma correttamente, per evitare di aggravare i problemi digestivi.
  8. 8
    Applica una borsa dell'acqua calda sulla pancia dopo i pasti. Anche questo semplice rimedio può migliorare la digestione, rilassando i muscoli dello stomaco e degli intestini.
  9. 9
    Controlla le etichette su tutte le prescrizioni e sui farmaci da banco che assumi. Se uno qualsiasi dei tuoi farmaci, tra i suoi effetti collaterali, elenca formazione di gas, gonfiore, nausea o altri problemi digestivi, può essere una buona idea interromperne l'assunzione o rivolgerti al medico per trovare un'alternativa.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Rimedi Erboristici

  1. 1
    Prova la liquirizia. È una radice che può essere usata come integratore per alleviare i crampi allo stomaco e alleviare i sintomi di bruciore di stomaco e reflusso acido.
    • Può essere assunta in forma di capsule, o puoi fare bollire la radice in acqua per fare un tè.
    • La forma più sicura da prendere è quella deglicirrinizzata (DGL) [2], un estratto di liquirizia specifica che non ha gli effetti negativi della normale liquirizia, come ad esempio la pressione alta.
  2. 2
    Prendi l'olio di menta piperita. In piccole dosi, l'olio di menta piperita è noto per alleviare il mal di stomaco e il gonfiore. Puoi assumerlo in forma di capsule, o masticarne le foglie se vuoi un'alternativa più delicata.
  3. 3
    Bevi la camomilla. Si ritiene che la camomilla, oltre alle sue proprietà calmanti e soporifere, sia utile per i problemi digestivi quali nausea, coliche e mal di stomaco.
    • La camomilla può anche aiutare ad alleviare i crampi muscolari o gli spasmi.
    • Prova a bere una tazza di camomilla, preparata in casa o acquistata al supermercato, una volta al giorno.
  4. 4
    Bevi il succo di aloe vera. Questa pianta ha degli enzimi unici che aiutano la digestione in modo naturale. Contiene inoltre vitamina C e amminoacidi che possono aumentare il flusso di sangue verso l'apparato digerente.
  5. 5
    Usa lo zenzero. È un tradizionale rimedio erboristico cinese contro il mal di stomaco e i dolori. Funziona anche per alleviare la nausea.
    • Puoi prenderlo in forma di tè dalla radice fresca, negli spuntini a base di zenzero candito, o sotto forma di integratori, che puoi trovare in capsule, in polvere e persino nelle bevande.
    • Per motivi di sicurezza, meglio non consumarne più di 1-3 grammi al giorno.
    Pubblicità

Consigli

  • Gli organi che compongono l'apparato digerente sono la bocca, l'esofago, lo stomaco, la cistifellea, il pancreas e l'intestino tenue e crasso.
  • Prova ad accovacciarti in bagno, invece di sederti; si ritiene che questo sia il modo più naturale ed efficace per evacuare. Puoi trovare dei sanitari specifici per aiutarti a trovare la posizione accovacciata più idonea.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Salute

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità