Come Aiutare un Gatto in Preda a un Attacco Epilettico

L'epilessia nei gatti è piuttosto rara. È una malattia le cui cause non sono ancora ben chiare. Fortunatamente, è possibile tenere sotto controllo gli attacchi epilettici del tuo gatto con l'aiuto di alcuni farmaci. Puoi inoltre tenerlo al sicuro e fargli vivere una vita felice, proteggendolo da eventuali ferite e modificando il suo stile di vita.

Metodo 1 di 3:
Impedire al Gatto di Farsi Male Durante un Attacco Epilettico

  1. 1
    Sposta gli oggetti contro cui il tuo gatto potrebbe urtare nel corso di un attacco. Per diminuire la possibilità che il tuo gatto si faccia del male nel corso di un attacco epilettico, identifica gli oggetti contro cui potrebbe scontrarsi. Piuttosto che spostare il gatto, infatti, è preferibile rimuovere gli oggetti. Toccarlo potrebbe rappresentare uno stimolo neurologico troppo forte per le sue condizioni delicate e peggiorare così l'attacco epilettico in corso o allungarne la durata.
    • Ad esempio, se il tuo gatto cade preda di un attacco epilettico vicino alla gamba di un tavolo, metti un cuscino fra lui e l'oggetto a fare da imbottitura invece di afferrare l'animale.
  2. 2
    Cerca di non toccarlo nel corso di un attacco epilettico. Un gatto in quelle condizioni non è consapevole di ciò che succede attorno a lui. Giace su un lato, le sue zampe si muovono automaticamente, la sua mascella si contrae e potrebbe perdere il controllo di vescica e intestino. Il gatto non ha controllo sulle sue azioni e potrebbe mordere o graffiare chiunque lo tocchi[1]. Puoi fare un'eccezione se il gatto rischia di cadere, aspetto trattato in modo più approfondito nel passaggio 4 di questa sezione.
    • Non mettere le dita davanti o dentro la bocca del gatto perché potrebbe morderti e non riuscire a staccarsi fino a quando non sarà tornato cosciente.
  3. 3
    Elimina le fonti di stimolo esterno. Fai in modo che i presenti lascino la stanza. È normale piangere alla vista di un gatto sofferente a cui si è affezionati, ma non gli è d'aiuto. Per ridurre gli stimoli intorno al gatto:
    • Spegni radio e televisione.
    • Spegni la luce.
    • Chiudi le tende.
    • Evita di parlare per rassicurare il gatto, anche se la tentazione è forte. Purtroppo è una forma di stimolo e faresti più danni che altro, a meno che non rischi di cadere (situazione descritta nel passaggio successivo).
  4. 4
    Sposta il gatto in un luogo sicuro, se corre il rischio di cadere. Cerca di evitare di muoverlo o toccarlo nel corso di un attacco, a meno che non ci sia il pericolo che si faccia del male.[2]
    • Ad esempio, se il gatto ha un attacco epilettico quando si trova sul davanzale di una finestra, è possibile usare una coperta o un telo grande e spesso per coprirlo e spostarlo. Facendo così sarai protetto da morsi e graffi accidentali.
    • Tenendo il gatto nel telo, trasportalo in un posto sicuro, come uno spazio aperto e senza ostacoli. Appoggialo quindi con delicatezza. Assicurati di scoprirgli la testa per farlo respirare e allontanati.
  5. 5
    Dopo l'attacco contatta il veterinario. Un attacco dura in media 2-3 minuti: la tua priorità deve essere tenere il tuo gatto al sicuro. Quando si sarà ripreso, tienilo dentro casa per non farlo allontanare e chiedi consiglio al veterinario. Se si tratta del suo primo attacco dovrai farlo controllare e fargli fare un esame del sangue per investigarne le cause.
    • Aiuterai il tuo veterinario fornendogli una descrizione completa dell'attacco. Cerca di annotare l'orario di inizio e di fine.
    • Se possiedi uno smartphone, fai un video dell'attacco in modo da poterlo mostrare direttamente al veterinario.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Tenere Sotto Controllo gli Attacchi Epilettici con i Farmaci

  1. 1
    Usa il fenobarbital per prevenire gli attacchi epilettici. La maggior parte dei farmaci anti convulsioni pensati per i cani non hanno effetto sui gatti, o sono addirittura tossici. Il fenobarbital, tuttavia, è sicuro e funziona. Questo farmaco agisce prevenendo gli attacchi epilettici nei gatti. [3]
    • Il fenobarbital è disponibile in compresse o sciroppo e viene somministrato 2-3 volte al giorno.
    • La dose iniziale consigliata è da 1 a 2 mg al giorno, due volte al giorno. Un gatto di taglia media richiede 1,7 ml su 15 mg/ml di sciroppo di fenobarbital due volte al giorno.
    • Alcuni gatti assimilano il fenobarbital in modo estremamente veloce; in tal caso è consigliabile somministrare il farmaco 3 volte al giorno.
  2. 2
    Somministra al gatto il diazepam per prevenire l'occorrenza di una serie di attacchi epilettici. Gli attacchi epilettici in serie si originano perché il primo attacco crea un percorso nel cervello che facilita la successione degli altri. Il diazepam rallenta l'attività celebrale e rende più difficile la formazione dell'attività elettrica associata con un attacco epilettico.[4]
    • Dopo un attacco il modo più facile per somministrare il diazepam è tramite supposta: in questo modo verrà assorbito rapidamente dalla mucosa rettale del gatto. La dose consigliata è una siringa da 5 mg.
  3. 3
    Comprendi gli effetti collaterali di questo tipo di farmaci. Gli effetti più immediati includono sedazione e aumento dell'appetito e della sete. L'effetto sedativo dovrebbe sparire dopo qualche giorno, quando il corpo del gatto si sarà abituato ai nuovi farmaci.
    • Se l'effetto sedativo non sparisce dopo pochi giorni, chiama subito il tuo veterinario.
  4. 4
    Non somministrare questi farmaci a un gatto con problemi renali. Il fenobarbital rallenta le attività del fegato e non dovrebbe essere mai somministrato a un gatto con problemi associati a questo organo. Se il corpo del gatto ha una capacità ridotta di metabolizzare il fenobarbital, il medicinale potrebbe accumularsi nell'organismo e diventare tossico. Qualora capiti al tuo gatto, potrebbe sembrare sedato per periodi troppo prolungati e avere difficoltà a camminare.[5]
    • Il diazepam è controverso, perché in casi molto rari può provare un blocco renale fatale. Si tratta di una reazione idiosincratica – un altro modo per dire che gli scienziati devono ancora comprendere i motivi per cui si verifica.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Cambiare il suo Stile di Vita

  1. 1
    Tieni il gatto in casa. Un gatto epilettico che si arrampica sugli alberi o va in giro per il suo territorio potrebbe soffrire di un attacco epilettico nel momento sbagliato. Qualora perdesse conoscenza e cadesse da un ramo potrebbe farsi male sul serio. Allo stesso modo, se cadesse in preda a un attacco epilettico nel corso di una lotta per il territorio, non potrebbe difendersi. Sarebbe quindi più saggio tenerlo dentro casa.
  2. 2
    Fai adottare al gatto una dieta senza glutine. Non ci sono prove scientifiche che dimostrino che l'alimentazione abbia effetto sull'epilessia nei gatti, tuttavia ci sono diversi racconti di gatti che hanno smesso di avere attacchi epilettici quando hanno cessato di assumere alimenti contenenti glutine. È possibile che gli anticorpi anti-glutine possano essere tossici per il cervello. Nella medicina umana i ricettori del glutine del frumento possono attivare i ricettori dell'oppio nel cervello, che a loro volta possono provocare un attacco epilettico.
    • Dato che i gatti sono animali carnivori, si potrebbe sostenere che non sono preparati ad assumere il frumento e quindi sono più a rischio di sviluppare anticorpi contro il glutine. Se il gatto sembra sano non gli farà di certo male assumere una dieta bilanciata e completa senza glutine, con pochi carboidrati e molte proteine.
  3. 3
    Prendi appuntamento dal veterinario ogni 3 mesi. Se il gatto soffre di attacchi epilettici e prende dei medicinali, è importante farlo controllare di frequente. È particolarmente importante fargli fare regolarmente degli esami del sangue per controllare che il fegato assimili le medicine in modo corretto.
    Pubblicità

Avvertenze

  • In una piccola parte dei casi l'attacco epilettico potrebbe perdurare nonostante la somministrazione di farmaci anti-convulsioni. L'unica scelta in questi casi è aumentare la dose di fenobarbital, ma alcuni animali potrebbero rimanere comunque refrattari alle cure e un aumento eccessivo della dose potrebbe aumentare il rischio di tossicità.
  • Se questo è il caso del tuo gatto, cerca di trovare un compromesso: anche se è impossibile eliminare del tutto i suoi attacchi epilettici, prova a ridurne durata e frequenza.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Gatti

Riferimenti

  1. Manual of Small Animal Neurology. Simon Wheeler. BSAVA Publications
  2. Small Animal Formulary. Ian Ramsey. BSAVA Publications.
  3. Manual of Small Animal Neurology. Simon Wheeler. BSAVA Publications.
  4. Manual of Small Animal Neurology. Simon Wheeler. BSAVA Publications.
  5. Small Animal Formulary. Ian Ramsey. BSAVA Publications.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità