Come Andare in Terapia di Coppia

Scritto in collaborazione con: Trudi Griffin, LPC, MS

Prima o poi la maggior parte delle coppie va incontro a dei problemi. Se tu e il tuo partner avete difficoltà nel vostro rapporto, potresti considerare la possibilità di andare in terapia di coppia. È un'ottima idea per chi vuole superare gli ostacoli della vita a due, imparare a comunicare in un altro modo e individuare la radice da cui scaturiscono i problemi.

Parte 1 di 3:
Affrontare i Problemi

  1. 1
    Sii onesto con te stesso e il tuo partner. Devi ricorrere alla terapia di coppia con sincerità e senza preconcetti. Le sedute prevedono che il terapeuta ponga una serie di domande per capire come va la vostra relazione. Pertanto, vi interrogherà per conoscere la vostra storia, sapere perché avete cercato questo tipo di aiuto e per scoprire che cosa vi tiene uniti.[1]
    • Cerca di non fare mistero su niente. Parla di qualsiasi tensione o problema in modo da capire quali sono le difficoltà da affrontare.
  2. 2
    Riflettete sui problemi più importanti. Dal momento che avete scelto entrambi di andare in terapia di coppia, sicuramente conoscerete una parte problemi che stanno compromettendo il vostro rapporto e, pertanto, non avrete difficoltà a parlarne. Tuttavia, potrebbero esistere altri ostacoli di cui non siete pienamente consapevoli. Collaborate con il terapeuta in modo da scoprirli tutti.[2]
    • Così facendo, riuscirete a individuare le dinamiche principali che alimentano i vostri problemi.
  3. 3
    Migliorate la vostra comunicazione. Man mano che affronterete i vostri problemi, il terapeuta vi aiuterà a capire il modo migliore di comunicare per poter superare gli ostacoli e andare avanti nel rapporto. Vi insegnerà a correggere il modo in cui vi parlate affinché sia più proficuo e incoraggiante.[3]
    • Inoltre, aiuterà ciascuno di voi a capire con quali metodi potete migliorare la vostra comunicazione di coppia.
    • Ad esempio, se in passato evitavate di confrontarvi, vi aiuterà a chiarire i vostri rispettivi pensieri senza reprimere nulla.
    • Se avevate l'abitudine di criticarvi a vicenda, vi insegnerà a comunicare quello che pensate con un linguaggio più positivo e rassicurante.
  4. 4
    Non avere paura del silenzio. Al primo appuntamento probabilmente impiegherete tempo prima di cominciare a parlarvi. Il terapeuta vi farà capire in che modo potete instaurare un dialogo più produttivo, invece di soffrire in silenzio. I silenzi possono essere carichi di rabbia o tristezza, a seconda delle difficoltà che si cerca di affrontare.[4]
    • Sfrutta le prime volte per ascoltare il tuo partner o iniziare a dichiarargli onestamente quello che provi.
  5. 5
    Preparati alle urla e ai litigi. Una volta che avrete cominciato a guardare in faccia i vostri problemi, probabilmente emergeranno vecchi rancori. In questi momenti potreste perdere le staffe, innervosirvi o ferirvi. Preparati a urlare e litigare con il tuo partner. Il terapeuta fungerà da mediatore e vi permetterà di capire come potete superare le divergenze e il risentimento.[5]
    • Può essere un'esperienza catartica perché vi dà l'opportunità di dare sfogo a tutto quello che state provando, in modo da buttarvelo alle spalle.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Migliorare la Relazione

  1. 1
    Modificate il vostro atteggiamento. Durante le sedute il terapeuta vi aiuterà ad abbandonare il vecchio modo di vedere il vostro rapporto, incoraggiandovi a non incolparvi più dei vostri problemi, considerare i vostri rispettivi punti di vista e vedere la relazione con maggiore obiettività.[6]
    • Il terapeuta osserverà come interagite nel tentativo di trovare una soluzione che vada a colmare il divario aperto tra te e il tuo partner e vi permetta di essere comprensivi l'uno con l'altro.
    • Ad esempio, se avete problemi di comunicazione, capirà che cosa vi manca sotto questo aspetto e vi spiegherà come potete superare i vostri ostacoli.
  2. 2
    Cambiate comportamento. In molte coppie i problemi possono alterare le dinamiche comportamentali dei partner e peggiorare la situazione. Il terapeuta vi aiuterà ad analizzare i vostri attuali schemi relazionali e vi insegnerà a modificarli affinché possiate interagire in maniera più produttiva e affettuosa.[7]
    • In questo modo, smetterete di provocarvi e ferirvi a vicenda.
  3. 3
    Imparate a esprimere le vostre emozioni. Man mano che affronterete i vostri problemi, il terapeuta vi aiuterà a esprimere onestamente quello che ognuno prova verso l'altro. Se smetti di comunicare emotivamente col tuo partner, continuerete ad avere problemi e vi allontanerete sempre di più.[8]
    • Inoltre, il terapeuta vi darà una mano a scoprire se uno di voi ha problemi irrisolti che possono allontanarvi emotivamente, come la paura del rifiuto, l'insicurezza o la riluttanza ad accettare i legami affettivi.
    • Aiuterà entrambi a superare questi problemi e a capire come potete crescere nella vita di coppia.
    • In questo modo, imparerete a costruire un'intimità emotiva più forte, basata sulla manifestazione delle vostre rispettive fragilità e sulla comunicazione sincera di quello che ognuno di voi pensa e prova.[9]
  4. 4
    Scoprite i punti di forza della vostra unione. Man mano che la terapia volgerà al termine, avrete affrontato la maggior parte dei vostri problemi. A questo punto, il terapeuta comincerà a concentrarsi sui punti di forza del vostro rapporto per farvi capire quanto è solido il vostro legame e quanto siete in grado di tollerarvi. In questo modo, sarete in grado di concentrarvi sugli aspetti migliori che vi contraddistinguono singolarmente e sul piacere di stare insieme.[10]
    • Di solito questo cambiamento è benaugurante, in quanto l'attenzione si sposta dai problemi di coppia.
    • Il terapeuta potrebbe farvi riflettere sui comportamenti di ciascuno di voi in modo da incentivare i complimenti reciproci o sui modi in cui vi sostenete emotivamente all'interno del rapporto.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Prepararvi alla Terapia di Coppia

  1. 1
    Valuta se avete bisogno della terapia di coppia. Tutte le persone che hanno una relazione sentimentale possono ricorrere all'assistenza del terapeuta di coppia. Sebbene alcune lo consultino ancor prima del matrimonio per non avere dubbi sul passo che stanno per compiere, normalmente è utile alle coppie con difficoltà relazionali che necessitano di un aiuto esterno. Spesso, chi va in terapia di coppia sta cercando di risolvere problemi che possono sfociare nella separazione o nel divorzio, come:[11]
    • Infedeltà;
    • Insoddisfazione sessuale;
    • Problemi di comunicazione;
    • Lotte di potere;
    • Inganni;
    • Rabbia;
    • Problemi legati alla crescita e all'educazione dei figli o alla creazione di famiglie allargate;
    • Tossicodipendenza;
    • Problemi economici.
  2. 2
    Accetta il fatto che è necessario andare in terapia. Una delle cose più importanti da fare prima di andare in terapia di coppia è accettare l'idea di avere bisogno di aiuto. Dovete farlo entrambi. Se l'altra persona non è disposta a seguire questo percorso, potresti continuare per conto tuo e beneficiare da solo dei vantaggi della terapia. Tuttavia, avrai maggiori difficoltà a migliorare il tuo rapporto.[12]
    • Ammettere di aver bisogno di un aiuto non vuol dire aver fallito, ma rendersi conto che esiste un bene così forte che permette alla coppia di riflettere sulla loro relazione e capire che è necessario un piccolo appoggio esterno per affrontare i problemi.
    • Dovresti anche fare di tutto per far funzionare il rapporto. Se non ti predisponi a salvarlo, non sarai in grado di essere pienamente partecipe durante le sedute.
  3. 3
    Sappi che cosa aspettarti dalla terapia di coppia. Si tratta di una forma di psicoterapia che consente a due partner di parlare concentrandosi sul loro rapporto. Quindi, collaborando col terapeuta, potrete esprimere le vostre emozioni, avvicinarvi e affrontare i vostri problemi relazionali. Inoltre, avrete la possibilità di capire se siete in grado di superarli e salvare tutto quello che vi tiene legati.[13]
    • Grazie all'aiuto del terapeuta sarete in grado di confrontarvi sui vostri problemi. Il suo intervento vi guiderà nella giusta direzione per risolverli.
    • Anche se le sedute saranno concentrate principalmente sulla coppia, potete anche stabilire qualche incontro individuale se preferite.[14]
  4. 4
    Trova un terapeuta specializzato. Una volta deciso di ricorrere alla terapia di coppia, dovete trovare un professionista specializzato nelle vostre vicinanze. Prova a chiedere consiglio al medico curante. Per trovare un terapeuta preparato, puoi anche rivolgerti alla tua famiglia o agli amici, valutare i suggerimenti dello psicologo dell'ASL o effettuare qualche ricerca su Internet.
    • Se hai stipulato un'assicurazione sanitaria, controlla se il tuo piano assicurativo mette a disposizione questo servizio.[15]
  5. 5
    Trova spazio tra i tuoi impegni. Solitamente le sedute di terapia di coppia si tengono una volta a settimana e durano circa un'ora, il tempo necessario per far emergere le difficoltà e affrontarle parlando apertamente. La durata di tutto il percorso terapeutico varia a seconda delle esigenze specifiche della coppia e della gravità dei problemi.
    • Spesso la terapia di coppia non dura molto, da poche sedute durante le quali ci si occupa dei problemi meno importanti, a pochi mesi, ma continua solo se entrambi i partner hanno bisogno di aiuto.[16]
    • Se emergono problemi su cui è necessario lavorare singolarmente, il terapeuta potrebbe suggerire ulteriori sedute di terapia individuale che verranno programmate in giorni diversi.[17]
    Pubblicità


Informazioni su questo wikiHow

Counselor Professionale Registrata
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Trudi Griffin, LPC, MS. Trudi Griffin lavora come Counselor Professionale Registrata nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Counseling Psicologico Clinico alla Marquette University nel 2011.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità