Come Aumentare la Conta dei Neutrofili

Scritto in collaborazione con: Luba Lee, FNP-BC

I neutrofili sono cellule fagocitarie che aiutano l'organismo a combattere le infezioni. I loro valori possono abbassarsi e, in questi casi, si parla di neutropenia, soprattutto se si è affetti da un tumore o ci si sottopone a trattamenti antitumorali, come la chemioterapia. La riduzione del numero di neutrofili circolanti potrebbe dipendere anche da una cattiva alimentazione, una malattia del sangue o un'infezione del midollo osseo. Per aumentare la conta di questi leucociti, prova a modificare il tuo regime alimentare e ricorrere a trattamenti medici in modo da risolvere il problema. Inoltre, dal momento che la neutropenia ti predispone a contrarre infezioni o malattie, dovresti cercare di mantenerti in salute ed evitare l'esposizione a germi e batteri.[1]

Metodo 1 di 3:
Modificare l'Alimentazione

  1. 1
    Mangia frutta e verdura ricche di vitamina C. Questa vitamina ti permette di migliorare le difese immunitarie e garantisce che il numero di neutrofili non scenda eccessivamente. Quindi consuma frutta fresca, tra cui arance, banane, mele e pere. Per quanto riguarda le verdure, opta per broccoli, carote, peperoni, cavoli e spinaci. Aggiungi alcuni di questi alimenti a ogni pasto per mantenere alti i valori dei neutrofili.[2]
  2. 2
    Aggiungi cibi ricchi di vitamina E e zinco. La vitamina E stimola la produzione di globuli bianchi, mentre lo zinco è un minerale essenziale per aumentare i neutrofili. Puoi trovare queste due sostanze in molti alimenti.[3]
    • Sono ricchi di vitamina E le mandorle, l'avocado, il germe di grano, i semi di girasole, l'olio di palma e quello d'oliva.[4]
    • Ottime fonti di zinco sono le ostriche, le carni bianche, i fagioli, la frutta a guscio e i cereali integrali.[5]
  3. 3
    Consuma cibi ricchi di acidi grassi omega-3. Il salmone, lo sgombro e l'olio di lino sono tutti alimenti ad alto contenuto di acidi grassi omega-3. Questi micronutrienti aumentano il numero dei fagociti, ovvero dei globuli bianchi che eliminano i batteri nocivi che attaccano l'organismo. Aggiungi queste pietanze nella tua dieta e condiscile con l'olio di lino oppure ingerisci mezzo cucchiaino (2,5 ml) di olio di lino una volta al giorno.[6]
  4. 4
    Opta per i cibi che contengono vitamina B12. Puoi sviluppare una neutropenia se hai una carenza di B12. Le fonti ricche di questa vitamina, come il pesce, le uova, il latte e le verdure a foglia verde, possono aiutarti ad aumentare la conta neutrofila.[7]
    • Alcuni prodotti a base di soia sono arricchiti con vitamina B12, quindi rappresentano un'eccellente opzione se sei vegano o non ti piacciono i prodotti di origine animale.
    • Puoi anche assumere integratori di vitamina B12 per assicurarti un apporto adeguato.
  5. 5
    Evita la carne, il pesce o le uova crude. Questi alimenti, consumati crudi, possono esporti al rischio di contrarre germi e batteri. Quindi, assicurati di mangiarli cotti a una temperatura interna sicura.[8]
  6. 6
    Assumi gli integratori alimentari dopo aver consultato il medico. Se la tua dieta è povera di nutrienti essenziali o hai poco appetito, potresti prendere un multivitaminico o altri integratori per aiutare l'organismo a produrre globuli bianchi. Tuttavia, parla sempre con il tuo medico prima di assumere vitamine o integratori.
    • Accertati che il medico consideri tutti i farmaci che stai assumendo in caso di una supplementazione alimentare.
  7. 7
    Lava e prepara correttamente qualsiasi pietanza. Usa l'acqua tiepida per lavare la frutta e le verdure fresche, in modo da ridurre l'esposizione a germi e batteri. Prepara i piatti cucinandoli a una temperatura interna sicura e metti in frigo o congela gli avanzi nell'arco di 2 ore. Non utilizzare taglieri di legno o spugne, perché possono accumulare germi.[9]
    • Manipolando e preparando gli alimenti in modo sicuro, è possibile diminuire il rischio di esposizione a germi o batteri che sono all'origine di problemi di salute nei soggetti affetti da neutropenia.
    Advertisement

Metodo 2 di 3:
Cercare Assistenza Medica

  1. 1
    Chiedi al medico se può prescriverti un farmaco in grado di stimolare la produzione di neutrofili. I farmaci a base di filgrastim, come Accofil, contribuiscono ad aumentare il numero dei neutrofili, specialmente se segui una terapia antitumorale. Il medico può somministrare questa molecola tramite iniezione o flebo. Probabilmente dovrai assumerla ogni giorno se la conta neutrofila è molto bassa e sei sotto trattamento chemioterapico.[10]
    • Durante la cura potresti manifestare effetti collaterali, come nausea, febbre, dolori ossei e mal di schiena.
  2. 2
    Chiedi al medico se altre patologie influiscono sulla neutropenia. La riduzione del numero assoluto dei neutrofili può essere causata da altre condizioni, come infezioni batteriche o virus. È possibile intervenire su questi problemi di salute ricoverandosi in ospedale e assumendo antibiotici che curano l'infezione principale. Una volta passata, i livelli di neutrofili dovrebbero tornare nella norma.[11]
  3. 3
    In caso di patologia grave dovrai sottoporti a un trapianto di midollo osseo. Se la neutropenia è dovuta a una condizione patologia molto seria, come la leucemia o l'anemia aplastica, il medico può suggerirti un trapianto di midollo osseo. Si effettua asportando il midollo osseo malato e sostituendolo con quello sano di un donatore. Verrà predisposta l'anestesia generale durante l'intervento.[12]
    • Probabilmente dovrai assumere alcuni farmaci prima e dopo il trapianto per essere sicuro che l'infezione sia scomparsa e che il numero di neutrofili torni nella norma.
    Advertisement

Metodo 3 di 3:
Mantenere Bassa la Conta Neutrofila

  1. 1
    Lava regolarmente le mani con acqua tiepida e sapone antibatterico. Una corretta pulizia delle mani può aiutarti a prevenire l'esposizione a infezioni e germi, specialmente se il sistema immunitario non funziona perfettamente e il numero di neutrofili è basso. Strofina le mani con acqua e sapone per 15-30 secondi. Dopodiché sciacquale accuratamente sotto l'acqua calda e asciugale bene con un tovagliolo di carta.[13]
    • Assicurati di lavarle prima di mangiare, bere o prendere medicine, e dopo che sei andato in bagno. Puliscile prima di toccare il cibo o qualsiasi parte del corpo, specialmente occhi, naso e bocca.
    • Lavale sempre dopo che hai toccato un animale.
  2. 2
    Indossa una mascherina per prevenire l'esposizione a germi e batteri. Proteggi la bocca e il naso indossando una mascherina quando esci o ti trovi in luoghi pubblici, soprattutto se affollati. Puoi anche portarla in casa, se vivi con altre persone o se gli ambienti sono pieni di polvere, muffa o sporco.[14]
    • È possibile acquistarla presso una sanitaria o su Internet.
  3. 3
    Stai lontano da chi ha l'influenza o il raffreddore. Evita di stare a contatto con persone malate, altrimenti ti esponi a germi e agenti patogeni. Finché i valori dei neutrofili non tornano nella norma, chiedi a chi soffre di influenza o raffreddore di mantenere una certa distanza.[15]
    • Prova anche a evitare le zone e gli spazi affollati, come i centri commerciali, in cui c'è il rischio di incontrare persone affette da indisposizioni e malanni.
  4. 4
    Cura particolarmente l'igiene orale, in modo da prevenire le infezioni. Lava i denti e usa il filo interdentale 2-3 volte al giorno e dopo ogni pasto. Prova a fare risciacqui con acqua e bicarbonato di sodio per rimuovere germi e batteri. Passa regolarmente lo spazzolino sotto l'acqua tiepida per mantenerlo pulito.[16]
    Advertisement


Informazioni su questo wikiHow

Comitato di Revisione Medica
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Luba Lee, FNP-BC. Luba Lee lavora come Infermiera di Famiglia Iscritta all’Albo in Tennessee. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche alla University of Tennessee nel 2006.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement