Come Bere Vino Salvaguardando la Salute

Scritto in collaborazione con: Mark Ziats, MD, PhD

Ogni tanto un bicchiere di vino può produrre effetti positivi sulla salute del cuore. È stato dimostrato che gli antiossidanti presenti nel vino rosso (i flavonoidi e il resveratrolo) aumentano i livelli di colesterolo HDL (il colesterolo "buono"), riducono la formazione di coaguli di sangue, abbassano i livelli di colesterolo LDL (il colesterolo "cattivo") e diminuiscono la pressione sanguigna.[1] Diversi studi prospettici suggeriscono che un consumo leggero o moderato dell'alcol può ridurre il rischio della malattia coronarica del 40-70%%.[2][3] In ogni caso, è meglio se avviene in maniera occasionale e moderata. Infatti, se le quantità sono eccessive, i danni superano i benefici, quindi ricorda di non esagerare.

Parte 1 di 3:
Introdurre il Vino nell'Alimentazione

  1. 1
    Tieni traccia di tutte le volte che hai intenzione di bere. Dal momento che puoi facilmente superare il limite tra la moderazione e l'eccesso, devi controllare quando e quanto bevi. In linea generale, gli uomini non dovrebbero consumare più di due bicchieri di vino da 150 ml al giorno, mentre le donne dovrebbero limitarsi a uno solo, o anche meno.[4]
    • Scrivi quanto bevi e con quale frequenza. Considera di annotare queste informazioni in un diario alimentare o in un'applicazione per smartphone.
    • Per esempio, se stai pensando di accompagnare la cena con un bicchiere di vino, ma sai che il giorno successivo andrai a prendere un aperitivo dopo il lavoro, potresti evitare per una sera e accontentarti di berlo quella successiva.
  2. 2
    Misura le porzioni. Molte persone non badano a quanto alcol versano nel bicchiere e arrivano a superare la razione "standard". Cerca di limitarti a 150 ml a porzione in modo da non esagerare.
    • Se desideri bere più di un bicchiere, inizialmente considera di versare solo 90 ml di vino e in seguito altri 90 in modo da non superare la quantità raccomandata.
    • Tale quantità si intende per i vini che hanno una gradazione alcolica pari al 12%.[5] Ne esistono altri notevolmente più forti che andrebbero consumati in quantitativi minori.[6]
  3. 3
    Bevi sporadicamente uno o due bicchieri di vino. Oltre a fare attenzione alla razione, dovresti anche moderare la quantità dei bicchieri che consumi in una singola occasione.
    • I medici consigliano di limitarsi a una certa dose giornaliera di alcol per evitare che si manifestino effetti collaterali negativi.
    • Le donne dovrebbero bere al massimo 1 bicchiere di vino al giorno, mentre gli uomini non dovrebbero andare oltre i 2 bicchieri.[7] Un bicchiere equivale a 150 ml.
    • Se bevi di più, le conseguenze negative sulla salute potrebbero superare i benefici.
  4. 4
    Cucina usando il vino. Se non sei amante del vino o non vuoi aumentarne il consumo, considera di usarlo in cucina. In questo modo hai la possibilità di insaporire i tuoi piatti, assumere le sue sostanze nutritive ed evitare gli effetti collaterali dell'alcol.[8]
    • Il vino rosso è un ottimo ingrediente per cucinare. Può arricchire il sapore di molte pietanze. Questo metodo è un'ottima alternativa al consumo regolare del vino.
    • Quando si cucina con il vino rosso, in genere si consiglia di usare una cottura a fuoco lento, in modo da far evaporare il contenuto alcolico e, al tempo stesso, lasciare intatto tutto il sapore e gli elementi antiossidanti.
    • Prova a utilizzare il vino rosso per preparare una salsa o un sugo da aggiungere su una bistecca o una costoletta di maiale. Usalo anche per deglassare la pentola quando prepari uno stufato o una zuppa, in modo da conferire più sapore al tuo piatto.
    Advertisement

Parte 2 di 3:
Bere i Vini Più Nutrienti

  1. 1
    Dai preferenza al vino rosso rispetto a quello bianco. Se vuoi bere il vino per migliorare la tua salute, scegli una qualità che offra maggiori benefici. Da questo punto di vista non tutti i vini sono uguali.[9]
    • Messi a confronto, i bianchi e i rossi sono analoghi sotto alcuni aspetti: le calorie totali e i carboidrati.
    • Tuttavia, quando si valuta la quantità di antiossidanti e resveratrolo, il vino rosso supera di gran lunga quello bianco. Anche se quest'ultimo ha un ottimo sapore, il rosso resta sempre la scelta migliore.
    • Il vino rosso contiene 7 mcg di luteina e zeaxantina, 8,4 mg di colina e livelli notevolmente più alti di resveratrolo.
  2. 2
    Dai priorità al vino rosso secco rispetto ai vini più dolci. Nella categoria dei vini rossi esistono varie opzioni in base ai diversi tipi di uva. Alcune tipologie producono vini che hanno un contenuto di antiossidanti maggiore rispetto a quello di altri.
    • Si è scoperto che i vini rossi secchi sono molto più ricchi di antiossidanti (tra cui il resveratrolo) rispetto a quelli rossi più dolci.[10]
    • I vini più dolci hanno un contenuto di zuccheri leggermente superiore che comporta una perdita degli antiossidanti di cui questo genere di bevanda è naturalmente caratterizzato.
    • Tra i rossi secchi considera: il pinot nero, il merlot o il cabernet. I vini da dessert, come il porto o il marsala, sono più dolci e contengono molti zuccheri.
  3. 3
    Scegli una bottiglia di pinot nero. Un vino rosso secco molto particolare è il pinot nero. In seguito ad alcuni studi condotti sui nutrienti contenuti in diversi vini rossi, si è scoperto che le uve usate per produrre questa qualità di vino sono ricche di sostanze nutritive.
    • Non solo è gustoso, ma è stato anche riscontrato che ha concentrazioni più alte di resveratrolo.[11]
    • Il motivo per cui il pinot nero è particolarmente ricco di resveratrolo è dovuto al clima fresco e piovoso in cui vengono coltivati i vitigni.
  4. 4
    Evita gli spritz col vino o altri mix alcolici. Un'altra opzione che potresti trovare al ristorante, al bar o a un barbecue all'aperto sono gli spritz o i drink in cui viene usato il vino. Dovresti evitare queste combinazioni perché non sono molto salutari.
    • Gli spritz col vino sono una sorta di mix alcolico contenente vino e una bevanda gassata ricca di zuccheri, come l'acqua tonica.
    • Sono calorici e ricchi di zuccheri e, poiché il vino viene diluito, l'apporto degli antiossidanti è inferiore.
    • Mischiando il vino, si può ottenere una bevanda simile alla sangria. In questo caso, si unisce a un liquore, succo di frutta e qualche volta a una bibita gassata, come l'acqua tonica.
    • La sangria ha un contenuto alcolico particolarmente elevato, che non si attenua nonostante il vino venga diluito. L'inconveniente di questa combinazione consite nella perdita delle sostanze nutritive.
    Advertisement

Parte 3 di 3:
Controllare la Salute e il Consumo dell'Alcol

  1. 1
    Consulta il medico. Se sei interessato ai benefici che il vino rosso potrebbe avere sulla tua salute, parla con il tuo medico. Non è consigliabile cominciare a bere, anche per motivi di salute, senza consultare il proprio medico.
    • Chiamalo o recati al suo studio per discutere del tuo stato di salute generale e capire se, aumentando il consumo del vino rosso, otterrai ulteriori benefici.
    • Chiedigli qualche raccomandazione sulla quantità di alcol più appropriata alle tue esigenze. In linea generale, si consiglia di non superare la dose di 1-2 bicchieri. Tuttavia, se hai un problema di salute o assumi farmaci, potrebbe suggerirti di bere in quantità minori.
    • Inoltre, mettilo al corrente degli aspetti che vorresti migliorare. Se stai cercando di incrementare l'efficienza del sistema cardiovascolare, chiedigli in quale altro modo puoi favorire la salute del tuo cuore.
  2. 2
    Limita il consumo complessivo dell'alcol. Il consumo occasionale del vino rosso comporta vari benefici per la salute. Tuttavia, solo perché si è dimostrato utile, non vuol dire che puoi cominciare a berlo regolarmente.[12]
    • I medici non raccomandano di aumentare il consumo dell'alcol, soprattutto oltre il limite consigliato di 1-2 bicchieri al giorno.
    • Se bevi frequentemente o in quantità elevate, potrebbero verificarsi effetti collaterali negativi di una certa gravità.
    • Il consumo massiccio dell'alcol porta a un aumento del rischio di cancro al seno, danni al cuore, ictus, cirrosi epatica e pancreatite. Inoltre, può indebolire il sistema immunitario.[13]
  3. 3
    Evita di bere a stomaco vuoto. Quando bevi vino rosso (o qualsiasi altro genere di alcolico), dovresti ricordare di accompagnarlo sempre con il cibo oppure consumarlo dopo i pasti.
    • Non è consigliabile bere alcolici a stomaco vuoto. Se non hai mangiato, l'alcol entra direttamente nel torrente ematico, intossicando molto più velocemente l'organismo.[14]
    • Quando il tasso alcolemico si alza, sei portato a perdere il controllo, perché si alterano le funzioni cerebrali e, di conseguenza, anche i processi decisionali e le funzioni corporee. Di solito, questo processo comincia entro un minuto da quando cominci a bere.
    • Prima di bere, prova a mangiare o fare un piccolo spuntino. In alternativa, accompagna il pasto o l'antipasto con un bicchiere di vino.
  4. 4
    Mantieniti sempre idratato prima e dopo il consumo. Oltre a controllare quando e quanto bevi, dovresti badare anche al tuo livello di idratazione. Pertanto, bevi acqua prima e dopo l'assunzione di alcolici in modo da ridurre gli effetti collaterali.
    • Cerca di bere almeno 2 litri di liquidi idratanti nell'arco della giornata. Assicurati di farlo soprattutto nei giorni in cui intendi concederti il piacere dell'alcol.[15]
    • Inoltre, è consigliabile aggiungere 250 ml di acqua o altri liquidi per ogni bicchiere o razione di alcol che vai a consumare.
    • Puoi bere acqua naturale, acqua aromatizzata, caffè decaffeinato, tè o acqua frizzante. Ognuna di queste bevande ti aiuterà a mantenerti idratato.
    Advertisement


Consigli

  • Anche se alcuni studi hanno dimostrato che un bicchiere di vino ogni tanto può essere utile per la salute, consulta sempre il medico prima di introdurre l'alcol nella tua alimentazione nel tentativo di migliorare la tua salute.
  • Modera sempre il consumo degli alcolici. Non trarrai alcun beneficio bevendo eccessivamente. In realtà, rischi di danneggiare il tuo organismo.
Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Mark Ziats, MD, PhD. Il Dottor Ziats è un Internista, Ricercatore e Imprenditore nel campo della biotecnologia. Ha realizzato un Dottorato di Ricerca in Genetica all'Università di Cambridge nel 2014 e si è laureato in Medicina poco tempo dopo presso il Baylor College of Medicine nel 2015.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement