Come Bere un Espresso

Di un seducente color terra di Siena e ruggine, denso e vellutato, l'espresso perfetto è scrupolosamente ricercato dai baristi e dai bevitori di caffè in quasi tutte le caffetterie del mondo. Ma com'è l'espresso perfetto, e come va bevuto?

Magari stavi cercando Come fare il caffè espresso.

Parte 1 di 2:
Bere l'Espresso

  1. 1
    Segui il metodo che ti piace di più. Gli amanti del caffè espresso preferiscono seguire dei rituali quando lo bevono, e discutere su quale di essi sia il migliore. Alcune opinioni e metodi comuni sono descritti in questo articolo, ma persino gli esperti non riescono a decidere quale sia il "migliore".
    • Se vuoi provare diversi metodi, pulisci il palato con l'acqua tra un bicchierino e l'altro.
  2. 2
    Annusa l'espresso. Porta la tazzina al naso e inspira l'aroma a lungo e lentamente. Il profumo è una parte fondamentale dell'esperienza.
  3. 3
    Passa alla crema. Lo strato di "crema" marrone chiaro è la parte più amara del caffè, quindi gli "inesperti" spesso non vogliono assaggiarlo da solo. Ecco alcuni approcci, tutti utilizzati da almeno qualche bevitore "esperto":
    • Mescola la crema con un cucchiaino o fa girare la tazzina in cerchio per mescolare la cremina con il resto dell'espresso. Non leccare il cucchiaino se non vuoi assaggiare la crema amara.
    • Sorseggia la crema per un'esplosione amara iniziale. Alcune persone mescolano la crema restante con il caffè, ma la maggior parte beve tutta la crema separatamente.
    • Togli la crema ed eliminala. Questa opzione potrebbe sconvolgere i tradizionalisti, ma addirittura alcuni chef preferiscono una bevanda più dolce, leggera e con una consistenza più omogenea.[1]
  4. 4
    Prova a "inghiottire tutto d'un fiato". Il sapore dell'espresso inizia a cambiare (o a deteriorarsi, come direbbero alcuni) da 15 a 30 secondi dopo esser stato preparato, e la crema inizia a dissolversi nella tazzina. Vale la pena berlo in uno o due sorsi almeno una volta per vedere come cambia il sapore, ma sii pronto a ricevere un colpo estremamente intenso.
    • Verifica la temperatura del caffè prima di provare con questo metodo.
    • Potresti voler iniziare sorseggiando la crema da sola o mescolata al liquido per provare un sapore diverso.
  5. 5
    Prova a berlo a piccoli sorsi. Per scoprire come variano le sfumature di sapore in una tazzina di espresso, sorseggialo senza mescolare. Per un assaggio più consistente, mescola prima di sorseggiarlo. In ogni caso, cerca di finirlo prima che si raffreddi. Il raffreddamento ne altererà il sapore o renderà alcune note più forti, ma è quasi sempre un effetto negativo quando il caffè è ormai a temperatura ambiente.[2]
    • Prova a mescolare e sorseggiare un caffè doppio, o lungo, per avere un equilibrio diverso tra lo strato superiore e quello inferiore.[3]
  6. 6
    Assaggialo con lo zucchero. Questo passaggio è stato messo intenzionalmente dopo i metodi per degustare il caffè al naturale, giacché molti amanti dell'espresso detestano aggiungere altri ingredienti. Prova a dare un tocco di dolcezza a un caffè di bassa qualità, o quando inizi ad avventurarti nel mondo dell'espresso e hai bisogno di perdere la dipendenza da caffè più dolci.
  7. 7
    Servilo con acqua frizzante. Alcuni bar servono l'espresso con un bicchiere di acqua frizzante. Sorseggiala prima di bere il caffè per sciacquarti la bocca. Poi bevi l'acqua quando il caffè è finito solo se non ti piace il sapore, e fallo lontano dallo sguardo del barista.[4]
    • Di recente, in alcuni bar si è iniziato a preparare il "caffè frizzante"... ma sii preparato a ottenere un risultato strano se provi a farlo.[5]
  8. 8
    Servilo con il cioccolato. Talvolta le caffetterie servono il caffè con un pezzetto di cioccolato. Evita altri accompagnamenti saporiti, soprattutto biscotti secchi o con gocce di cioccolato.[6] Il più delle volte l'espresso viene servito da solo.
    • Per delle degustazioni di caffè, servi dei cracker non salati e acqua naturale per pulire il palato tra un assaggio e l'altro..
  9. 9
    Mescolalo con l'alcool o con il cibo. Aggiungi una cucchiaiata di gelato alla vaniglia nell'espresso per preparare un affogato. Correggi il caffè con la vodka o un liquore al caffè, o aggiungi l'espresso alla ricetta per una torta al caffè, invece di usare quello solubile. Ovviamente puoi restare nel mondo del caffè con altre bevande più complesse, come un latte macchiato, un caffè macchiato o un cappuccino.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Individuare un Espresso di Qualità

  1. 1
    Sii consapevole di come viene fatto un espresso. L'espresso viene preparato spingendo l'acqua calda e ad alta pressione attraverso una miscela di chicchi di caffè macinati sul momento, raccogliendo poi una piccola quantità di liquido, circa da 14 a 22 ml. Il caffè espresso vero e proprio viene preparato con chicchi di caffè che sono stati tostati con un grado di tostatura media o scura, macinati finemente e impacchettati con cura in un cestino da caffè. [7] Sebbene ci sia una gamma infinita di preferenze e tradizioni relative al caffè espresso, queste proprietà di base definiscono la bevanda. Se la tua bevanda riempie una normale tazza da caffè, è stata preparata con dei chicchi macinati grossolanamente, o è passata attraverso un filtro standard per caffè, e non si tratta di un espresso vero e proprio.
    • Per un "espresso macchiato" aggiungi un po' di latte o di schiuma di latte sopra al caffè.
  2. 2
    Osserva il colore e la densità della crema. Uno strato marrone chiaro e spumoso ricopre la superficie del vero espresso. Questa "crema", che evapora rapidamente, è una combinazione degli oli e dei solidi del caffè, che non trovi in nessun'altra bevanda a base di caffè. Una crema più densa e rossa, con macchioline color rame o oro scuro, suggerisce che l'espresso è stato fatto alla perfezione.[8] La crema si dissolve rapidamente una volta che il caffè è pronto, quindi un espresso senza crema potrebbe esser stato fatto un paio di minuti prima, o potrebbe non aver ottenuto la pressione sufficiente.
  3. 3
    Annusa e assaggia l'espresso scuro. Il "corpo" del caffè è uno strato spesso e scuro che si trova sotto alla crema. È molto più forte di una tazza normale di caffè, e dovrebbe lasciare un retrogusto complesso che combina sapori amari, dolci, acidi e persino cremosi. Se c'è un sapore monodimensionale amaro, è probabile che i chicchi siano stati tostati troppo. Prova un altro metodo su un caffè al bar o fatto in casa, e scoprirai un'altra interpretazione dell'espresso.
  4. 4
    Valuta il finale. L'ultimo strato del caffè espresso, che non è visivamente distinguibile dallo strato superiore, è più denso e dolce, quasi come uno sciroppo. Può piacerti o meno, molte persone mescolano i due strati insieme, ma una tazzina con il caffè non mescolato senza uno strato finale denso è un caffè che non è stato ben preparato.
    • L'espresso dovrebbe avere qualche granello di caffè macinato, ma potresti non voler sorseggiare la fine del caffè se la tua macchinetta per prepararlo non rispetta questi standard. Se i chicchi sono macinati in polvere e versati direttamente nella tazza, stai bevendo il "caffè turco."
    Pubblicità

Consigli

  • In Italia e nei paesi vicini l'espresso viene spesso bevuto al mattino, sebbene molte persone ne bevono altro durante la giornata per socializzare. Se ordini un caffè espresso da consumare in piedi o seduto al bancone, avrai un prezzo più basso.[9]
Pubblicità

Avvertenze

  • L'espresso ha una concentrazione di caffeina maggiore rispetto al caffè normale.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Drinks

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità