Come Calcolare la Durata del Tuo Ciclo

Scritto in collaborazione con: Sarah Gehrke, RN

Calcolare il tuo ciclo mestruale non è difficile e può aiutarti a conoscere meglio il tuo corpo. Considerando l'intervallo in giorni tra l'inizio di un periodo e il seguente puoi farti un'idea dei momenti di maggiore fertilità e della salute generale del tuo sistema riproduttivo. Inoltre prendere nota del flusso, dei sintomi e delle irregolarità del ciclo può esserti utile per imparare a conoscere meglio il tuo corpo e anticipare le possibili complicazioni mediche.

Metodo 1 di 3:
Contare i Giorni tra i Periodi

  1. 1
    Inizia a contare dal primo giorno del periodo. Per avere una rappresentazione precisa del tuo ciclo mestruale, parti dal primo giorno. Segna la data sul calendario o su un'app che monitora il ciclo.[1]
    • Le app per smartphone come Clue, Glow, Eve e Period Tracker sono progettate per aiutarti a monitorare il tuo ciclo mestruale. Sono mezzi semplici e basati sui dati per tenere sotto controllo la durata del tuo periodo.[2]
  2. 2
    Conta i giorni prima dell'inizio del periodo seguente. Il conteggio riparte il primo giorno del ciclo mestruale. Questo significa che un ciclo termina il giorno precedente al periodo successivo. Non includere il primo giorno di flusso, neppure se inizia più avanti nella giornata.[3]
    • Per esempio, se il tuo ciclo è iniziato il 30 marzo e il periodo successivo arriva il 28 aprile, la durata è dal 30 marzo al 27 aprile, per un totale di 29 giorni.
  3. 3
    Registra il ciclo per almeno 3 mesi. La durata del ciclo mestruale varia di mese in mese. Se desideri una rappresentazione precisa della durata media del tuo periodo, devi registrarlo per almeno 3 mesi. Più a lungo raccoglierai dati, più la media sarà accurata.[4]
  4. 4
    Calcola la durata media del tuo ciclo. Puoi farlo utilizzando i numeri ottenuti dal conteggio del periodo. Puoi ricalcolare la media ogni mese per ottenere una rappresentazione sempre più precisa della durata generale del tuo ciclo. Tuttavia, ricorda che la media mostra una tendenza e non prevede con assoluta precisione la durata del periodo seguente.[5]
    • Per trovare la media, somma il totale dei giorni del ciclo per tutti i mesi che hai monitorato. A quel punto, dividi il totale per il numero di mesi presi in considerazione. Otterrai la durata media del ciclo.
    • Se per esempio hai avuto un ciclo di 28 giorni in aprile, di 30 in maggio, di 26 in giugno e di 27 a luglio, la media è (28+30+26+27)/4, che equivale a un ciclo medio di 27,75 giorni.
  5. 5
    Continua a registrare il tuo ciclo. Fallo ogni mese. Persino se arrivi a un certo obiettivo, per esempio resti incinta, raccogliere informazioni sulle tue mestruazioni per tutta la vita può aiutarti a capire quando c'è qualcosa che non va. Anche i medici ti chiederanno spesso informazioni sul ciclo. Monitorando i periodi e le loro durate avrai a disposizione le informazioni più precise possibili.[6]
    • Se il tuo medico ti chiede la data del tuo ultimo periodo, intende quella di inizio, non quella finale.[7]
    Advertisement

Metodo 2 di 3:
Monitorare il Proprio Ciclo

  1. 1
    Osserva il flusso. Un flusso mestruale molto abbondante può indicare altri problemi di salute e provocarne alcuni, come l'anemia e la letargia. Mentre prendi nota del ciclo, fai attenzione ai giorni in cui il flusso è intenso, normale e leggero. Nella maggior parte dei casi non dovrai misurare la quantità di sangue. Ti basta fare una stima considerando quale tipo di prodotti mestruali utilizzi (tamponi taglia super, assorbenti normali ecc.) e con che frequenza devi sostituirli.[8]
    • Per esempio, se devi cambiare un tampone super ogni ora, il tuo flusso potrebbe essere eccessivamente abbondante.
    • Ricorda che quasi tutte le donne hanno giorni di flusso più intenso e più leggero. Una certa variazione è del tutto normale.
    • L'intensità del flusso varia molto da persona a persona. Un ciclo più pesante o più leggero non è problematico di per sé. Al contrario, fai attenzione ai periodi molto intensi o a quelli che salti del tutto, perché possono indicare altri problemi di salute.[9]
  2. 2
    Nota i cambiamenti nell'umore, nei livelli di energia e nel corpo prima e durante il ciclo. La SPM e il disturbo disforico premestruale possono avere molti effetti, da un leggero nervosismo a un completo disagio. Sapere quando è più probabile che si presentino quei sintomi può aiutarti a pianificare e ad affrontarli meglio. Prendi nota degli sbalzi d'umore più estremi, dei cambiamenti nei livelli di energia e nell'appetito, dei sintomi fisici come mal di testa, crampi e dolore ai seni nei giorni che precedono e durante il periodo.[10]
    • Se i tuoi sintomi sono così estremi da non permetterti di vivere normalmente le tue giornate, consulta il medico. Potrebbe aiutarti a trovare una soluzione o suggerirti un programma di gestione adeguato.
    • Consulta il medico anche se noti la comparsa di sintomi che non avevi mai avvertito, come una grave letargia. In alcuni casi sono indicazioni di un problema medico più serio.
  3. 3
    Cerca cure mediche per tutti i cambiamenti improvvisi e significativi. Ogni donna ha un ciclo diverso. Non hai problemi se il tuo periodo non segue le stesse regole di quello di un'altra donna. Tuttavia, i cambiamenti improvvisi o notevoli del ciclo sono spesso indicazioni di problemi di salute più seri. Consulta il medico o il ginecologo se salti un periodo o se il flusso è molto intenso.[11]
    • Dovresti consultare un medico anche se avverti crampi forti, emicranie, letargia o depressione nei giorni che precedono e durante il ciclo.
    • Il tuo medico ti chiederà quali sintomi avverti e svolgerà i test necessari per verificare se i cambiamenti nel tuo ciclo sono legati a problemi medici, come endometriosi, sindrome dell'ovaio policistico, disturbi alla tiroide, insufficienza ovarica e altri.
    Advertisement

Metodo 3 di 3:
Controllare l'Ovulazione in Base alla Durata del Ciclo

  1. 1
    Trova il punto centrale del ciclo mestruale. Di solito l'ovulazione si presenta nei giorni centrali del periodo. Calcola la metà del tuo ciclo medio per avere un'idea di quale sarà la fase centrale del prossimo.[12]
    • Per esempio, se hai un ciclo medio di 28 giorni, la metà si trova a 14 giorni. Se il tuo ciclo è di 32 giorni, la metà è a 16 giorni.
  2. 2
    Aggiungi 5 giorni prima dell'ovulazione. Se cerchi di restare incinta, quei giorni sono importanti quanto quello dell'ovulazione. Le probabilità di restare incinta aumentano se hai rapporti sessuali in quel periodo.[13]
    • I tuoi ovuli possono essere fertilizzati per 24 ore dopo che sono stati rilasciati e lo sperma può sopravvivere per 5 giorni nelle tube di Falloppio dopo il sesso. Avere rapporti sessuali nel giorno dell'ovulazione, così come nei 5 giorni che lo precedono, offre le probabilità di fertilizzazione migliore per gli ovuli.
  3. 3
    Usa un test di ovulazione se hai il ciclo irregolare. Se il tuo periodo è irregolare, controllare l'ovulazione sulla base della durata del ciclo non è il metodo più preciso. In questo caso ti conviene utilizzare un test.[14]
    • Puoi trovare questi test in quasi tutte le farmacie e su internet.
    Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

Infermiera Registrata
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Sarah Gehrke, RN. Sarah Gehrke lavora come Infermiera Registrata in Texas. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche alla University of Phoenix nel 2013.
Categorie: Salute

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement