Come Capire Perché Non Hai Ottenuto un Lavoro

Trovare un lavoro può essere stressante e portarsi via tanto tempo, soprattutto quando bisogna andare a diversi colloqui. Per questo è comprensibile sentirsi agitati nello scoprire che si è stati scartati per la professione dei propri sogni. Se è successo anche a te, ricorda che non puoi far cambiare idea al datore di lavoro, ma puoi provare a capire perché non ci sei riuscito, richiedere critiche costruttive e impegnarti per migliorare le chance future.

Parte 1 di 2:
Superare la Sensazione di Rifiuto Iniziale

  1. 1
    Mantieni la calma quando ti viene data questa notizia. Dopo aver saputo di non essere stato assunto, potresti sentirti arrabbiato o sconvolto. Potrebbe essere difficile, ma lasciare che le emozioni abbiano la meglio non ti aiuterà a capire perché non sei stato preso. Inoltre, non ti permetterà di imparare quello che dovresti fare quando ti candiderai per altri posti.
    • Se la notizia ti viene data per telefono dall'impresa, non è appropriato scoppiare a piangere o gridare.
    • Ricorda che, nonostante questo rifiuto, magari in futuro potrai essere il candidato giusto per un altro lavoro presso la stessa compagnia. Di conseguenza, mantieni la calma e sii professionale.
  2. 2
    Cerca di non prendere sul personale il rifiuto. Sono tanti i fattori che contribuiscono nella scelta della persona giusta da assumere. Certo, alcuni potrebbero dipendere da caratteristiche puramente personali, come l'affabilità e il carattere, ma in linea di massima, la scelta finale si fa considerando qual è il candidato più adatto per svolgere una determinata professione.
    • È per questo che è importante indagare ulteriormente per scoprire il motivo che li ha spinti a scartarti. Non ha senso rimanerci male e pensare che ti abbiano preso in antipatia: probabilmente la scelta è dipesa semplicemente dal fatto che un'altra persona aveva esperienze ben precise che tu non hai.
  3. 3
    Cerca di capire che il rifiuto ha più a che vedere con gli altri candidati chiamati al colloquio che con le tue competenze ed esperienze. Come affermato prima, le probabilità di essere assunti dipendono anche dalle altre persone che vogliono la stessa professione. Se ci sono molteplici candidati interessanti per un certo posto, allora il datore di lavoro si troverà di fronte a un'ardua decisione.
    • Ricorda che avresti potuto essere assunto se i colloqui degli altri candidati non fossero andati così bene. Magari hai qualche anno di esperienza in meno rispetto alla persona a cui è stato offerto il lavoro, o forse l'impresa l'ha scelta perché richiede uno stipendio più basso rispetto a quello che avresti voluto tu.
    • Qualunque sia il caso, cerca di capire che non sempre è una decisione personale: spesso subentra la fortuna, perché magari un certo candidato ha da offrire proprio quello che a te manca. Ricorda che non hai alcun controllo sulle persone che partecipano ai tuoi stessi colloqui.
    Advertisement

Parte 2 di 2:
Trovare il Modo di Migliorare le Probabilità in Futuro

  1. 1
    Chiama il datore di lavoro e chiedigli quali sono le esigenze della compagnia. È importante capire come ti relazioni rispetto agli altri candidati e, soprattutto, cosa emerge dal paragone con la persona che ha ricevuto l'offerta finale. Potresti porre le seguenti domande per chiarirti perché non sei stato scelto e cosa stava cercando l'impresa nell'esattezza:
    • “Può darmi un motivo in particolare per cui non sono stato scelto?”.
    • “Quali esperienze o capacità stavate cercando? Cosa mi manca?”.
    • “Vi sono sembrato adatto alla cultura aziendale?”.
    • “Oltre alle mie esperienze e competenze, ci sono stati altri fattori che mi hanno impedito di essere assunto?”.
  2. 2
    Chiedi critiche costruttive. Se riesci ad accettarle, senza prendertela, potrebbero rivelarsi decisamente utili in futuro. Il cacciatore di teste o responsabile alle assunzioni con cui hai parlato conosce la tua esperienza e ha osservato il tuo modo di porti durante un colloquio. In quest'ambito c'è sempre spazio per il miglioramento, anche per i più esperti. Potresti chiedere critiche costruttive come le seguenti:
    • Candidarti per la posizione giusta. “Dovrei continuare a candidarmi per questo tipo di lavoro in altre compagnie? Ho tutte le carte in regola?”. Per esempio, ti sei candidato per una posizione manageriale, ma hai solo tre anni di esperienza alle spalle. “A questo punto, dovrei cercare un ruolo di management di livello inferiore o continuare sulla stessa strada?”.
    • Abilità comunicative. Riesci a comunicare adeguatamente le tue idee e illustrare le tue esperienze durante un colloquio?
    • Rispondere alle domande difficili. A volte è complicato parlare di te stesso. Hai bisogno di fare un po' di pratica?
  3. 3
    Ascolta attentamente e prendi appunti. Se hai posto le domande indicate finora, dovresti fare lo sforzo di ascoltare con cura le risposte. Rimani in silenzio e presta attenzione a quello che ti viene detto: è importante e ti aiuterà in futuro. Prendi appunti basandoti su queste critiche costruttive, in modo da rileggerli prima di candidarti per un altro lavoro o partecipare a un altro colloquio in futuro.
  4. 4
    Occupati di tutti i problemi emersi o metti in atto i suggerimenti per voltare pagina. Sebbene non ti sia garantito di essere assunto o chiamato per un colloquio, lavorare su quello che dovresti migliorare ridurrà le probabilità di essere rifiutato in futuro.
    • Ripensa alla conversazione che hai avuto con il datore di lavoro e rileggi gli appunti presi. Successivamente, trova i metodi giusti per migliorare le tue competenze a seconda delle critiche costruttive ricevute.
    • Per esempio, se il problema è che non guardi mai negli occhi il tuo interlocutore, lavora sulla capacità di conversare mantenendo un contatto visivo costante e naturale.
  5. 5
    Non lasciare che il rifiuto limiti la tua autostima. Più volte vieni scartato, meno credi in te stesso. È comprensibile che quando senti la parola “No” le speranze vacillino. Affronta il rifiuto nel migliore dei modi, facendo tesoro dell'esperienza. Questo incrementerà le chance di essere assunto in futuro.
    • Ricorda che ogni “No” ti farà avvicinare sempre di più a un “Sì”, a patto che impari dall'esperienza e non ti arrendi. Là fuori esiste il lavoro perfetto per te, l'importante è continuare a cercare.
    Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Il Mondo del Lavoro

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement