Come Catturare una Rana

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Le rane sono animaletti simpatici che si nutrono di insetti. Che tu voglia aggiungere una rana al tuo terrario, metterla nel laghetto artificiale di casa o semplicemente osservarla da vicino, dovrai prima di tutto catturarne un esemplare. Segui i passaggi di questo articolo per diventare un buon cacciatore di rane.

Metodo 1 di 2:
Prima Parte: Scelta della Rete e della Zona Adatta

  1. 1
    Scegli il retino. Le caratteristiche cui guardare nella scelta del retino sono molteplici. In particolare, dovresti tenere in considerazione la larghezza delle maglie, la taglia e la forma della bocca e la lunghezza del manico. Usare un retino è consigliabile nel caso tu sia un principiante assoluto ma, se ne sei sprovvisto e non hai intenzione di acquistarne uno, puoi sempre provare a mani nude.
    • Prima di tutto, scegli un retino a maglie strette. Le maglie dovrebbero essere abbastanza strette da non permettere alla rana di ficcarvi dentro la testa. Le reti a maglie larghe sono pericolose, in quanto la rana, nel tentativo di liberarsi, potrebbe ferirsi gravemente infilando la testa tra le maglie della rete. È sconsigliato l’uso di reti eccessivamente lunghe, come quelle per la raccolta delle farfalle.
    • La bocca e la rete dovrebbero essere abbastanza larghe da contenere una rana. La bocca dovrà essere flessibile, in modo da stanare la bestiola tra le rocce o sotto un tronco.
  2. 2
    La lunghezza del manico dovrebbe corrispondere alla tua taglia (o essere leggermente abbondante). Manici troppo lunghi, come quelli dei retini per la raccolta delle farfalle, non vanno bene per la cattura delle rane. Manici più corti risultano anche più maneggevoli.
  3. 3
    Scegli la zona di caccia. Uno stagno è in genere il posto migliore dove trovare delle rane, ma potresti vederne anche sulle rive dei torrenti e dei laghi. Le zone fangose ed i tronchi al sole sono i luoghi ideali dove avvistare delle rane. I canneti dove l’acqua è stagnante sono anch’essi ottimi posti. Non appena avvisti una rana, smetti di muoverti per non allarmarla.
    • Se senti dei tonfi nell’acqua mentre ti muovi, sappi che sono prodotti dai tuffi delle rane che hai appena spaventato e che dovresti muoverti più silenziosamente. Cammina il più silenziosamente possibile senza toccare canne o rami ed in generale tutto ciò che ti circonda.
    • Se cacci di notte, sfrutta la luce della tua torcia elettrica. Punta il fascio di luce contro la rana e questa, così come avviene per un capriolo sorpreso dalla luce dei fari di una macchina, rimarrà ferma, rendendo più facile la cattura.
  4. 4
    Mettiti in posizione. Una volta avvistata la rana, posizionati a seconda della conformazione del terreno. Se ti trovi in piano, mettiti in modo da calare la rete dall’alto direttamente sull’animale. Assicurati che non ci siano irregolarità a livello del suolo e che la bocca aderisca bene al terreno, in modo che la rana non scappi via.
  5. 5
    Se la rana è in acqua, dovrai metterti in modo da far passare la rete sotto la rana, usando il retino come un cucchiaio.
    • Se usi le mani, dovrai metterti in modo da sorprendere la rana da dietro. Le rane hanno un raggio visivo molto ampio ma non sono in grado di vedere alle loro spalle. Per afferrare una rana a mani nude dovrai per forza avvalerti dell’effetto sorpresa e portarti alle spalle dell’animale rappresenta in questo senso il modo migliore per avere successo nella cattura.
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Seconda Parte: la Cattura

  1. 1
    Cattura la rana. Il modo di catturare la rana dipende da dove è posizionato l’animale. Se è sul terreno, cala la rete dall’alto, se è in acqua raccoglila con un movimento veloce che vada dal basso verso l’alto.
  2. 2
    Sul terreno: dopo aver intrappolato la rana, abbassati e poggia delicatamente la mano sul dorso e le zampe della rana. La mano dovrebbe posizionarsi sulle anche dell’animale in modo che le zampe posteriori puntino dritte all’indietro. Ora puoi sollevare la bestiola assieme al retino, stringendola delicatamente con la mano.
    • In acqua: ora che la tua rana è sul fondo del retino, è più che probabile che provi a saltarne fuori. Puoi sia metterla in un secchio che tenerla delicatamente per le anche, in modo che le zampe puntino dritte all’indietro.
    • Con le mani: abbassa lentamente la mano finché non sei abbastanza vicino da afferrare gentilmente la rana prendendola per le anche e le zampe posteriori. Non stringere troppo, anche se sei eccitato, perché potresti ferire gravemente l’animale.
  3. 3
    Sposta la rana nell’altra mano o in un secchio. Libera delicatamente la rana dalle maglie della rete trasferendola nell’altra mano o in un secchio. Se la sposti da una mano all’altra, assicurati di prenderla sempre nello stesso modo, stringendo delicatamente le anche in modo che le zampe posteriori si distendano all’indietro. Lascia che l’animale poggi le zampe anteriori sull’altra mano. Tenendo la rana in questo modo eviterai che si liberi dalla presa ferendosi.
  4. 4
    Se metti la rana in un secchio, assicurati che quest’ultimo sia abbastanza alto, in modo che la rana non riesca a saltarne fuori. Dovresti mettere anche un po’ d’acqua sul fondo assieme ad un po’ di fango e una manciata di canne. In questo modo renderai l’esperienza più sopportabile per la rana, che si troverà un po’ più a suo agio sul fondo del recipiente. Se hai intenzione di tenere a lungo la rana nel secchio, metti un coperchio (traforato o a rete) nel caso in cui la rana prendesse coraggio e facesse un balzo disperato per guadagnare la libertà.
  5. 5
    Libera la rana. Dopo esserti saziato di ammirarla, di giocare con lei o quant’altro, libera la bestiola riaffidandola al suo ambiente naturale. Fallo in maniera gentile, in modo da non ferire l’animale. Portala a livello del terreno o a pelo d’acqua, in modo che tocchi la superficie, e poi lasciala andare. Non farla cadere dall’alto o potrebbe farsi del male. Se rimane immobile, non preoccuparti: potrebbe essere ancora scossa dall’accaduto; troverà la strada verso casa dopo essersi ripresa.
    • Se hai deciso di tenere la rana con te, dovrai aver già allestito a casa un terrario dove allevarla.
    Pubblicità

Consigli

  • Rane e rospi urinano quando sono spaventati. L’urina potrebbe imbrattarti i vestiti.
  • Alcune specie di rane e rospi sono protette. Catturarne degli esemplari potrebbe essere considerato illegale in alcune zone; informati in merito.
  • Nonostante non provochino la morte, le secrezioni di molte specie di rospi (incluso quello comune) possono causare eruzioni cutanee in soggetti particolarmente sensibili. Tratta l’animale con cura e lavati le mani dopo averlo toccato.
Pubblicità

Avvertenze

  • Alcune specie tropicali (della famiglia delle Dendrobatidae) secernono secrezioni altamente tossiche in grado di agire velocemente sul sistema nervoso delle altre creature. Toccare uno di questi animali potrebbe ucciderti. Gli esemplari della famiglia delle Dendrobatidae hanno colorazioni sgargianti di tonalità rossa, arancione o gialla. Se vedi una rana del genere, non toccarla assolutamente!
Pubblicità

Cose che ti serviranno

  • Retino
  • Secchio (con un po’ d’acqua e fango sul fondo)
  • Habitat adatto (se hai intenzione di allevare l’animale)
  • Coperchio traforato (opzionale)

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Animali

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità