Come Coltivare la Bella di Notte

La bella di notte è un fiore che sboccia la sera, di solito intorno alle 16:00-18:00, quando le temperature del giorno si raffreddano. Questi fiori imbutiformi si presentano nelle varianti del giallo, rosso, bianco, rosa o a strisce. La pianta continua a fiorire dalla primavera per tutta l'estate, fino ai primi freddi autunnali. Piantata all'aperto, può raggiungere un'altezza compresa tra 46 e 91 cm, o essere un po' più bassa, se coltivata in vaso.

Metodo 1 di 4:
Parte Prima: Piantare in Giardino all'Aperto

  1. 1
    Aspetta finché le temperature non siano più calde. Prevedi di piantare i semi nel corso della primavera, quando è passato il pericolo delle gelate.[1]
    • In base al luogo in cui vivi, il periodo può variare tra l'inizio di aprile e la metà di maggio.
    • La bella di notte cresce velocemente, perciò non c'è bisogno di piantarla presto al chiuso. Si consiglia di attendere finché il clima non sia più caldo, in modo da poter seminarla direttamente all'aperto.
  2. 2
    Metti a bagno i semi. Quando prevedi di piantare i semi, la sera prima mettili in un piattino e coprili con l'acqua. Lasciali in ammollo durante la notte.[2]
    • Il baccello di questi semi è molto spesso quindi c'è la possibilità che non germoglino bene se non sono completamente immersi.
    • Quando sono pronti, dovrebbero essere leggermente gonfi, ma comunque restare compatti.
    • Tieni conto che se li pianti nel corso della stagione delle piogge, quando il terreno è completamente intriso, è possibile omettere questo passaggio e piantare i semi secchi direttamente in giardino.
  3. 3
    Scegli una posizione soleggiata. La bella di notte cresce meglio quando viene piantata in un punto da cui gode della luce diretta del sole o è a mezz'ombra.[3]
    • Per una crescita ottimale, scegli un posto che riceve regolarmente 4-6 ore di luce solare al giorno.
    • Se c'è troppa ombra, la pianta rischia di avvizzirsi, indebolirsi e non produrre fiori.
  4. 4
    Lavora il terreno. Utilizza una paletta da giardiniere o una forca da giardino per scavare il terreno nella zona in cui andrai a piantare. Lavoralo fino a una profondità di 30 o 60 cm.
    • Non dovrebbe essere necessario modificare il terreno. Anche se questo fiore è rigoglioso quando il suolo è ricco e ben drenato, in genere attecchisce nonostante le condizioni del terreno, persino quando quest'ultimo è di qualità piuttosto scarsa.
  5. 5
    Inserisci delicatamente i semi nel terreno. Colloca ogni seme nel suolo con le dita, a non più di 1,25 cm di profondità.[4]
    • Assicurati di coprirli con uno strato di terra lavorata per proteggerli dalle intemperie e dagli animali selvatici, soprattutto gli uccelli. Non devono stare a una profondità superiore a 1,25 cm.
  6. 6
    Colloca i semi a una distanza di 30-60 cm l'uno dall'altro. Di solito, si pianta un seme ogni 30 cm di spazio.
    • Col tempo sorgerà la necessità di sfoltire le piantine, affinché abbiano una distanza di 60 cm. Per questo motivo, puoi anche scegliere di lasciare uno spazio di 60 cm tra ogni seme, risparmiandoti lo sforzo in seguito.
  7. 7
    Innaffia adeguatamente. Innaffia delicatamente i semi usando un innaffiatoio o nebulizzando l'acqua con un tubo da giardino. Assicurati che il terreno sia completamente umido, ma non impregnato.
    • Tieni presente che i semi, di solito, germogliano da 7 a 14 giorni, a seconda di quanto sono alte le temperature. Più sono calde, più veloce è la nascita dei germogli.
    • È fondamentale che il terreno rimanga moderatamente umido, quando i semi germogliano. Non impregnarlo d'acqua, però, altrimenti rischi che fuoriescano dal suolo.
    Pubblicità

Metodo 2 di 4:
Parte Seconda: Piantare nei Contenitori

  1. 1
    Metti a bagno i semi. Disponi i semi dal baccello spesso in un piattino o una tazza. Riempi il piatto con una quantità d'acqua appena sufficiente per coprire i semi, e lasciali in ammollo durante la notte.
    • Dal momento che hanno un baccello piuttosto doppio, questi semi germinano molto meglio quando si ammorbidiscono nell'acqua.
    • In ogni caso, dovrebbero rimanere compatti anche dopo essere stati in ammollo, nonostante diventino un po' più morbidi e gonfi.
  2. 2
    Trova un contenitore di dimensioni adeguate. È necessario utilizzare un vaso o un altro contenitore appropriato che abbia una capienza tra 4 e 20 l.
    • L'ideale sarebbe se il recipiente avesse quattro o cinque fori di drenaggio. Se lo tieni al chiuso, collocalo su un piattino per evitare che l'acqua in eccesso crei pasticci quando scola dal vaso.
  3. 3
    Dovrebbe andar bene qualsiasi tipo di miscela di terriccio per tutti gli usi. Questi fiori non necessitano di un terreno speciale.
    • Innaffia bene. Bagna il terreno con l'acqua prima di piantare i semi. Deve essere ben umido, ma non intriso.
  4. 4
    Innaffia bene. Bagna il terreno con l'acqua prima di piantare i semi. Deve essere ben umido, ma non intriso.
    • Lascia che l'acqua in eccesso defluisca prima di collocare i semi.
    • È necessario fare in modo che il terreno sia moderatamente umido durante tutto il processo della germinazione. Solitamente questa fase dura una o due settimane.
  5. 5
    Inserisci 4-7 semi nel contenitore. Premi delicatamente ciascun seme a una profondità di 0,60-1,25 cm nel terreno. Distanziali in maniera uniforme.
    • Quattro semi dovrebbero andar bene in un recipiente da 4 l. Se utilizzi un contenitore da 20 l, puoi seminarne una decina senza correre il rischio che si ammucchino.
  6. 6
    Metti il recipiente sotto la luce diretta del sole. Colloca il contenitore in un luogo soleggiato da cui possa ricevere circa 6 ore di sole al giorno.
    • Se fa abbastanza caldo, puoi sistemare il contenitore all'aperto in veranda, sul balcone o in cortile.
    • Se non ricevono abbastanza luce solare, le piante potrebbero crescere lunghe e sottili e anche la fioritura potrebbe soffrire.
    Pubblicità

Metodo 3 di 4:
Parte Terza: Cure Giornaliere

  1. 1
    Sfoltisci le piantine. Una volta che le piantine avranno attecchito, sfoltiscile in modo che abbiano una distanza di 60 cm l'una dall'altra.[5]
    • Se le stai coltivando nei contenitori o vuoi comunque che restino basse e non crescano eccessivamente, puoi lasciarle solo a 20-30 cm di distanza tra loro.
    • Attendi che i gambi abbiano già sviluppato due serie di foglie prima di sfoltirli. Conserva quelle più sane e forti e rimuovi le più deboli.
  2. 2
    Mantieni il terreno umido. La bella di notte è piuttosto resistente alla siccità, ma non dovresti lasciarla senza acqua per più di uno o due giorni.
    • Prova a dare alle piante almeno 2,5 cm di acqua ogni settimana, sia piovana che quella dell'innaffiatura mediante tubo o innaffiatoio.
    • Nota che i fiori coltivati nei recipienti richiedono un'innaffiatura più regolare rispetto a quelli piantati all'aperto.
  3. 3
    Applica ogni mese un fertilizzante non aggressivo. Scegli un fertilizzante per fiori, solubile in acqua e adatto a tutti gli usi, e applicalo prima di una pioggia o quando innaffi le piante.
    • Scegli un fertilizzante "10-10-10", che contenga parti uguali di azoto, fosforo e potassio. In tal modo, favorirà la salute generale delle piante.
  4. 4
    Tratta le piante contro gli insetti e le malattie solo se è necessario. Raramente la bella di notte ha problemi di insetti e malattie, perciò si sconsiglia vivamente di usare metodi per prevenire questi inconvenienti.
    • Se si presenta qualche problema, trattale con i pesticidi o i fungicidi appropriati. Il prodotto può essere sia organico sia chimico.
  5. 5
    Considera di estrarre i tuberi prima dell'inverno. Ogni cespuglio dovrebbe produrre sotto terra un tubero di grosse dimensioni. Se vivi in un luogo in cui il clima è mite, puoi lasciarlo tranquillamente nel terreno: questa misura non provocherà alcun danno alla pianta. Tuttavia, se vivi un clima particolarmente freddo, dovrai rimuoverlo in autunno inoltrato.
    • Conserva i tuberi avvolgendoli nella carta di giornale all'interno di una scatola di cartone o una cassetta di legno. Puoi anche riporli nel muschio di torba o nella sabbia. Non utilizzare contenitori di plastica o altri recipienti con coperchio, in quanto rischiano di farli marcire.
    • Metti i tuberi in un garage, un capannone o uno spazio simile. Dovrebbero restare in un ambiente asciutto e al buio per tutto l'inverno.
    • Pianta nuovamente i tuberi a primavera. Nello stesso punto in cui è cresciuto, scava una fossa sufficientemente grande per il tubero. Collocalo di nuovo nel terreno, coprilo con la terra e prenditi cura della pianta come prima.
  6. 6
    Considera di ricoprire l'area con del pacciame. Se non vuoi estrarre il tubero dal terreno, puoi proteggerlo durante l'inverno, coprendo la zona in cui l’hai piantato con 2,5-5 cm di pacciamatura organica.
    • La pacciamatura organica può essere composta da foglie, erba, trucioli di legno e giornali.
    • Il pacciame fornisce il giusto isolamento e mantiene il terreno un po' più caldo.
    • Tieni conto che, soprattutto nei climi freddi, la pacciamatura potrebbe non essere sufficiente a proteggere il tubero durante l'inverno.
    • Se coltivi le piante nei contenitori, è meglio riempire il contenitore di pacciame durante la primavera o in estate per diminuire l'evaporazione dell'acqua. In questo modo, eviterai che il terreno si secchi eccessivamente.
    Pubblicità

Metodo 4 di 4:
Parte Quarta: Raccogliere i Semi

  1. 1
    Attendi la produzione dei semi. I semi si formano quando un fiore del cespuglio si secca e il gambo cade.
    • Una volta caduto, dovresti vedere intorno dei semi neri delle dimensioni di un pisello.
    • Ogni pianta dovrebbe produrne in grosse quantità.
  2. 2
    Raccogli i semi. Cogli i semi con le mani oppure aspetta finché non cadono dallo stelo per conto proprio. Se precipitano a terra, raccoglili non appena li vedi.
    • Se, una volta caduti, vengono lasciati a terra, possono crescere altre piante in quel punto.
    • Un altro modo per raccogliere i semi è quello di scuotere delicatamente gli steli che contengono i semi, facendo in modo che si stacchino e cadano a terra tutti in una volta.
  3. 3
    Essicca i semi per 5 giorni. Spargili su un fazzoletto di carta pulito e asciutto e lasciali in un luogo asciutto per cinque giorni.
    • Possono marcire se vengono conservati quando sono ancora umidi, quindi è molto importante questo passaggio di pre-essiccazione.
    • Essicca i semi al chiuso per evitare che vengano presi da uccelli e altri animali.
  4. 4
    Conservali nelle buste da lettera. Colloca i semi essiccati in una busta da lettera. Etichettala, poi sigillala accuratamente e conservala in un ambiente asciutto.
    • Puoi anche utilizzare dei sacchetti di carta. La carta permette all'aria di circolare.
    • Tuttavia, non utilizzare un recipiente ermetico, come quelli di plastica. In questo tipo di contenitore i semi rischiano di ammuffirsi o marcire.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Le radici e i semi di questa pianta sono leggermente tossici.[6] L'ingestione di qualche parte può causare mal di stomaco, nausea, vomito e diarrea. La manipolazione delle radici può irritare la pelle per diversi minuti. Per ridurre al minimo il rischio di irritazione, indossa un paio di guanti quando tocchi i semi e i tuberi.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Pala, paletta da giardiniere, forca da giardino
  • Innaffiatoio o tubo da giardino
  • Piattino con acqua
  • Contenitore da 4 a 20 l (facoltativo)
  • Miscela di terriccio (facoltativa)
  • Fertilizzante solubile in acqua dolce
  • Pesticidi (solo se necessari)
  • Fungicidi (solo se necessari)
  • Pacciame
  • Tovaglioli di carta
  • Buste da lettera

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Giardinaggio

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità