Come Coltivare le Patate Dolci

Se hai deciso di iniziare a coltivare un orto, le patate dolci richiedono poca cura, ma ti offrono un raccolto abbondante nella stagione successiva, molto più di altre verdure e piante da frutto. Se hai a disposizione una piccola zona, puoi piantare questi tuberi dal colore ramato e raccoglierli freschi per preparare delle ricette per le feste di Natale. Segui questa guida per iniziare.

Parte 1 di 3:
Coltivazione delle Patate Dolci per Talea

  1. 1
    Scegli delle patate dolci. Le talee sono piccoli germogli cresciuti da piante di patate dolci preesistenti. Puoi ordinarle online, acquistarle in un vivaio o coltivarle direttamente tu. Trova una patata matura e sana dal fruttivendolo o dall'orto di un tuo amico.
    • Le varietà più comuni e diffuse coltivate in Italia, sono la patata di Anguillara e Stroppare, oltre alla patana pugliese e la tartufulu.
  2. 2
    Prepara la patata. Ora che ti sei procurato un paio di bei tuberi sani, mettili nel lavello per pulirli. Poi tagliali a metà. Se sono particolarmente grandi, valuta di tagliarli in tre o quattro parti.
  3. 3
    Riempi un barattolo con l'acqua. Il metodo per far crescere le talee è quello di immergere parzialmente la mezza patata in un contenitore pieno di acqua. Usa un barattolo o una tazza con un'apertura sufficientemente larga da contenere il tubero.
  4. 4
    Appoggia la patata in acqua. Prima infilzala più o meno a metà con 4-5 stuzzicadenti, equidistanti gli uni dagli altri come se fossero i raggi di una ruota. Questi ti consentiranno di lasciare sospesa la patata al centro del barattolo con il lato tagliato immerso nell'acqua.
    • Ripeti questa operazione per ciascun pezzo di patata che vuoi coltivare. Usa un barattolo per ciascuno.
  5. 5
    Metti il barattolo vicino a una finestra dove può ricevere molto sole.
  6. 6
    Aspetta che le talee crescano. Dovrai attendere 2-4 settimane prima che inizino a spuntare delle foglioline dalla sommità della patata.
  7. 7
    Raccogli le talee. Quando ne sono spuntate parecchie, con grande attenzione torcile una alla volta per staccarle. Non avranno radici e sembreranno delle foglioline con un piccolo stelo.
  8. 8
    Metti le talee in acqua. Riempi una ciotola poco profonda con poca acqua (circa 2,5 cm) in base al numero di talee che possiedi. Disponile in maniera tale che lo stelo rimanga sommerso. Lasciale riposare per diversi giorni fino a quando si sviluppano le radici.
    • Cambia l'acqua una volta al giorno per mantenerle in salute.
    • Se una talea non forma le radici o comincia ad appassire, gettala.
  9. 9
    Prepara le talee per essere piantate. Dopo 2-3 giorni avranno sviluppato delle radici sul fondo, quindi puoi gettare l'acqua e prepararti a interrarle. È meglio metterle direttamente nell'orto piuttosto che in vasi separati così le radici resteranno intatte.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Preparare l'Orto

  1. 1
    Scegli la zona. Le patate dolci si sviluppano sotto terra quindi non hanno bisogno di tanto spazio. Tuttavia, preferiscono un habitat caldo, quindi scegli una zona che riceva parecchio sole (soprattutto se vivi in Paesi al nord) e che dreni bene l'acqua.
  2. 2
    Smuovi il terreno. Dato che sono dei tuberi, le patate crescono in profondità. Devi assicurarti che il loro sviluppo non sia ostacolato da un terreno troppo compatto: smuovilo almeno fino a una profondità di 30 cm. Aggiungi del terriccio per giardino, se necessario, per garantire che sia soffice e ben aerato.
  3. 3
    Prepara il suolo. Come tutte le verdure e gli alberi da frutto, un terreno ricco di nutrienti è fondamentale per un raccolto abbondante. Aggiungi uno strato di buon terreno e togli tutti i grossi sassi che incontri. Controlla il pH: aggiungi torba o cenere di legna per compensare un livello troppo acido o alcalino — il tuo obiettivo è un pH neutro.
  4. 4
    Sappi quando piantare. Dato che le patate dolci amano il caldo, dovresti piantarle quando il terreno è a una temperatura gradevole. Aspetta almeno un mese dopo l'ultima gelata, all'inizio della primavera, e pianta le tue talee.
  5. 5
    Scegli il tipo di pacciame. Aiuta le patate a svilupparsi trattenendo il calore nel terreno. Se vivi in una regione particolarmente fredda, metti un telo di plastica nero o simile sopra le talee dopo averle piantate.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Piantare le Patate Dolci

  1. 1
    Pratica dei fori. Le talee hanno bisogno di uno spazio leggermente maggiore rispetto agli altri ortaggi, quindi distanzia i buchi di circa 30-60 cm. Dovranno essere tanto profondi quanto la sfera di radici all'estremità di ogni talea e accogliere anche 1,25 cm di stelo.
  2. 2
    Interra le piante. Metti ogni talea in un foro e copri le radici e 1,25 cm di stelo con del terriccio. La parte con le foglie comincerà a distendersi come una vite verso l'esterno, mentre le radici produrranno il tubero a 15-30 cm di profondità.
  3. 3
    Aggiungi il pacciame. Proteggi le patate dal freddo con il pacciame che hai scelto in precedenza. Ti permetterà anche di controllare la crescita di erbacce infestanti e della parte esterna della pianta di patata poiché potrebbe consumare troppe energie che invece devono essere a disposizione del tubero.
  4. 4
    Innaffia. All'inizio le piante hanno bisogno di molta acqua. Con il tempo riducine la quantità fino ad arrivare a una innaffiatura alla settimana. Comincia a bagnarle tutti i giorni, poi gradatamente saltane qualcuno fino ad arrivare all'obiettivo di una volta alla settimana.
  5. 5
    Aspetta che si sviluppino i tuberi. Le patate dolci hanno un periodo di crescita relativamente lungo, saranno mature e pronte al raccolto all'inizio dell'autunno (ecco perché potrai gustarle per le feste di Natale). Continua a irrigarle settimanalmente ed elimina le piante infestanti per mantenerle sane.
  6. 6
    Raccogli le patate. Dopo circa 120 giorni dal momento in cui le hai interrate, le patate dolci raggiungono la completa maturazione. Se possibile, aspetta l'ultimo minuto (prima che arrivi il gelo) per il raccolto, perché cosi avrai dei tuberi più grossi e gustosi.
  7. 7
    Fai stagionare i tuberi. Uno dei passaggi fondamentali è la stagionatura. In questo modo si sviluppa il sapore tipico delle patate dolci (che non hanno quando sono appena raccolte) e una buccia più dura. Mettile in un locale dove la temperatura sia costantemente a 30-35°C con una umidità dell'80-90% per 5-10 giorni. Trascorso questo periodo saranno pronte da mangiare!
    • Valuta di mettere un piccolo termosifone e un umidificatore in una stanza piccola o in uno sgabuzzino per stagionare le patate.
  8. 8
    Conserva le patate dolci. Uno degli aspetti migliori di questi fantastici tuberi è che rimangono freschi e buoni da mangiare per molti mesi se conservati accuratamente. Mettile in un luogo asciutto dove la temperatura sia costante e intorno ai 21 °C (non in frigo!). Non mettere mai le patate dolci in sacchetti di plastica o in contenitori ermetici.
    Pubblicità

Consigli

  • Non colpire e non far cadere le patate dopo averle raccolte, altrimenti si svilupperanno grosse macchie scure.
  • Più le lasci stagionare e migliore sarà il sapore. Potrai aspettare anche diverse settimane.
  • Cerca di non usare una zappa o un rastrello per smuovere il suolo dopo avere piantato le patate, poiché questi attrezzi potrebbero rompere le radici delicate dei tuberi.
Pubblicità

Avvertenze

  • Durante il processo di crescita evita l'uso di fertilizzanti, perché incoraggiano la crescita della pianta in superficie, ma agiscono solo lievemente sul tubero nel sottosuolo.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Il Tuo Orto
Sommario dell'Articolo

Se vuoi coltivare le patate dolci, scegli un punto dell'orto illuminato dal sole in cui il terreno drena bene. Il momento migliore per piantare questi tuberi è circa un mese dopo l'ultima gelata della stagione. Ara il terreno a circa 30 cm di profondità, poi pianta le patate a distanza di 30-60 cm l'una dall'altra, a una profondità sufficiente per coprire le radici. Copri la zona intorno alle piante con il pacciame e annaffiale bene, ma riduci gradualmente la frequenza con cui ricevono l'acqua. Raccogli le patate circa 120 giorni dopo averle piantate.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità