Come Coltivare le Piante da Appartamento

Le piante d'appartamento rendono gli ambienti molto più belli, purificano l'aria in casa ed essendo elementi naturali ravvivano gli spazi asettici, come quelli degli uffici. Le piante crescono e mutano, difatti alcune persone gradiscono la loro "compagnia". È molto facile coltivarle! Ecco alcuni semplici consigli per prendersene cura.

Passaggi

  1. 1
    Le piante devono ricevere luce a sufficienza. È indispensabile per la loro sopravvivenza! Verifica quante ore di luce naturale sono necessarie alla pianta che acquisti e se è possibile compensare con una luce artificiale. Generalmente, la posizione ideale per una pianta è nei pressi di una finestra. Non dimenticare di sistemare un sottovaso o un vassoio sotto la pianta per raccogliere l'acqua eccedente dall'innaffiatura e la condensa che a volte si forma sulle foglie di notte.
  2. 2
    Annaffia in base alla necessità. Le piante hanno bisogno della giusta quantità d'acqua, né troppa né troppo poca. Quando innaffi, continua a versare l'acqua finché non raggiunge il bordo del vaso. Non scegliere mai un vaso che sia privo dei buchi per il drenaggio sul fondo! Valuta il tempo a tua disposizione per la cura delle piante e organizzati di conseguenza. Le piante più grandi che crescono in ampi vasi hanno bisogno di annaffiature meno frequenti rispetto a quelle piantate nei vasi piccoli in cui il terriccio si asciuga nel giro di un paio di giorni. I cactus e le piante grasse hanno bisogno di pochissima acqua rispetto alle piante normali e quelle in fiore. Tuttavia, quando il cactus fiorisce ha bisogno di un po' più acqua del solito. Scegli la pianta che preferisci in vivaio, informandoti sullo spazio, la luce e la temperatura di cui ha bisogno. Cerca tra gli esemplari più belli, ma anche tra quelli più adatti alla tua abitazione, valutando anche il tempo che puoi dedicarle.
  3. 3
    Fai attenzione ai parassiti. Questo tipo di insetti possono attaccare qualsiasi pianta e iniziano a cibarsene causando il suo indebolimento. Alcune varietà non attirano molti parassiti, ma in generale le piante a foglia piccola attraggono acari e mosche bianche, mentre altre vengono prese di mira da diversi tipi di cocciniglia. Impara a distinguere i vari parassiti e i metodi per scacciarli; generalmente un insetticida sistemico da spruzzare sul terriccio è sufficiente per eliminare la minaccia, ma a volte non è abbastanza e bisogna informarsi bene sui metodi più efficaci. Le piante possono essere attaccate anche da muffe e virus, ma sono meno comuni dei parassiti. In ogni caso, puoi trovare tantissime informazioni su internet per trattare le malattie delle piante.
  4. 4
    Scegli un bel vaso. Puoi abbinarlo con l'arredamento, scegliendo un modello decorato per esaltare sia la bellezza della pianta che dell'ambiente. Può essere utile appoggiare il vaso o la fioriera in un sottovaso pieno di ghiaia. Crea uno strato alto circa due centimetri e mezzo: quando annaffi la pianta, l'acqua in eccesso che finisce sulle pietre evaporerà intorno alla pianta, rendendo l'aria più umida. È un espediente utile soprattutto in inverno. Assicurati che l'acqua non arrivi al livello del vaso, altrimenti le radici resteranno a contatto con l'acqua per molto tempo e potrebbero marcire, uccidendo la pianta. Sistema il vaso su un tavolino o in posizione rialzata, in modo che non sia a contatto diretto con un pavimento in legno o una superficie decorata. L'umidità potrebbe formare la condensa al di sotto, rovinando la superficie su cui è poggiato. Quando annaffi, ricorda di asciugare immediatamente gli schizzi.
  5. 5
    Innaffia la pianta quando il vaso sembra più leggero rispetto all'ultima volta. Ovviamente, ogni pianta ha bisogno di diversi tipi di innaffiatura. Alcune hanno bisogno di acqua ogni due giorni, mentre altre - soprattutto le piante da fiore - devono essere innaffiate più spesso. Pochissime varietà, ad eccezione delle piante acquatiche e del papiro egiziano, hanno bisogno di essere innaffiate più volte al giorno! Imparare ad innaffiare in base alle necessità è il segreto per coltivare piante da appartamento sane e rigogliose.
  6. 6
    Devi scoprire quali sono le piante più adatte al tuo stile di vita. Tra le migliori piante da appartamento troviamo le piante da tenere a terra, come la dracaena marginata, il ficus (sia la varietà a foglia piccola che a foglia grande), la sansevieria, la spatafillo e il falso papiro. Evita la strelitzia, il bambù, le palme e le felci, a meno che tu non abbia a disposizione molto tempo per prendertene cura; non fidarti sempre dei fiorai e dei vivaisti che sono più interessati a vendere una pianta anziché assicurarsi che riceva le cure giuste.
    • Piante da tenere sul tavolo o vicino alla finestra: la kalanchoe, le begonie, le violette africane, le orchidee (la phalaenopsis è molto facile da coltivare ma fiorisce solo un paio di volte all'anno; puoi darle risalto affiancandole piante con un bel fogliame), il filodendro, la maranta, il singonio, la crassula, la zamioculcas e la beaucarnea recurvata (detta pianta mangiafumo). Non cedere alla tentazione di portare all'interno piante che sono rimaste all'esterno per tutto l'anno, come la fuchsia, le begonie o persino il coleus. Non si adattano bene all'ambiente interno dopo aver trascorso l'estate all'aria aperta; inoltre, rischi di portare in casa parassiti che potrebbero attaccare le altre piante. Esistono diverse varietà di ogni pianta e alcune persone decidono di collezionarle tutte. Se vuoi essere particolarmente coscienzioso, quando acquisti una pianta assicurati che sia cresciuta in serra, che non l'abbiano raccolta in natura e, soprattutto, che non si tratti di una specie in via d'estinzione.
    Pubblicità

Consigli

  • Acquista soltanto piante in buona salute! Se ne trovi una malaticcia, probabilmente è troppo tardi per salvarla, a meno che tu non abbia un'enorme esperienza nel campo; se si tratta di una pianta rara e pregiata puoi fare un tentativo, ma soltanto nel caso in cui tu conosca una persona esperta che possa consigliarti su come curarla e riportarla al suo massimo splendore.
  • Se riesci a prenderti cura di piante semplici da coltivare, prova qualcosa di più impegnativo, come le violette africane o le orchidee ad esempio. Danno molte soddisfazioni ed esistono tanti gruppi che se ne interessano, in particolare online, ma magari puoi trovarne qualcuno anche nella tua città. Generalmente, gli appassionati di queste piante sono molto disponibili e felici di condividere le loro conoscenze sulle tecniche di coltivazione e di moltiplicazione.
  • Ogni tanto gira la pianta in modo che riceva la luce in ogni punto. Se il sole che arriva dalla finestra è troppo intenso, sposta la pianta in un altro punto, a circa mezzo metro dal vetro. Basta fare una prova con la mano: se in estate ti sembra troppo caldo, probabilmente lo è anche per la pianta e vale lo stesso ragionamento per il freddo in inverno. Puoi anche tirare le tende di sera per mantenere la stanza calda, ma ricorda di aprirle al mattino perché le piante hanno bisogno di diverse ore di luce al giorno!
  • Lava le foglie delle piante più grandi con una salvietta umida una o due volte all'anno, così sembreranno più belle. Non usare mai il lucido sopra foglie, perché occlude i pori impedendo alla pianta di respirare. Non spruzzarlo nemmeno al di sotto, rischieresti di uccidere la pianta in quanto è la zona da cui respira maggiormente. Se vuoi rendere le foglie lucide, puoi passare un panno bagnato con latte parzialmente scremato sulla parte superiore: sembreranno più lucenti senza il rischio di occludere i pori e, inoltre, è un metodo molto meno costoso rispetto al lucido fogliare.
Pubblicità

Avvertenze

  • Le foglie di alcune piante sono tossiche se ingerite da bambini o animali, come quelle della dieffenbachia o della stella di natale. Se hai figli piccoli o animali informati sull'eventuale tossicità di una pianta da appartamento prima di portarla in casa.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 9 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Giardinaggio

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità