Come Compiacere Dio

Il rapporto che hai con Dio è già, di per se stesso, gradevole alla sua vista. Se desideri compiacerlo ancora di più, concentrati sulle convinzioni e i comportamenti che rafforzano il vostro legame.

Parte 1 di 3:
Esamina il tuo Rapporto con Dio

  1. 1
    Sii consapevole di essere il figlio di Dio. Devi osservare il vostro rapporto allo stesso modo in cui lo fa lui. Questo significa considerare Dio come un padre celeste, non come una divinità impersonale.[1]
    • Il tuo rapporto con Dio dovrebbe essere fondato sull'amore, non sulla cieca obbedienza a delle regole.
    • Pensa alle relazioni familiari che si instaurano tra gli esseri umani, concentrandoti principalmente sul rapporto tra padre e figlio. Di solito, anche chi ha avuto problemi con un genitore è in grado di comprendere in cosa dovrebbe consistere un sano amore paterno. Le aspettative che Dio nutre per te sono simili a quelle di un genitore amorevole nei confronti del proprio figlio. L'unica differenza sta nel fatto che l'amore di Dio è perfetto, così come lo è ciò che desidera per te.
  2. 2
    Abbi fede. In questo contesto, "fede" significa credere in Dio e nel fatto che manterrà le sue promesse.[2] Significa anche fidarsi di Dio in ogni aspetto della tua vita, e nutrire fiducia nelle sue vie prima che nella tua.
    • Nella Lettera agli Ebrei 11:6 viene spiegato: "Senza la fede è impossibile essergli graditi; chi infatti si avvicina a Dio deve credere che egli esiste e che ricompensa coloro che lo cercano".
    • La fede dovrebbe costituire il fondamento della tua vita cristiana. Ogni cosa buona che Dio ti porta a fare e che esegui per il piacere di compiacerlo dovrebbe essere il risultato diretto della tua fede. Più rafforzi la tua fede, più diventerai naturalmente coscienzioso nel tuo desiderio di fare ciò che accontenta Dio.
  3. 3
    Accetta la grazia di Dio. Tutti gli uomini nascono nel peccato e sono ben lontani dalla perfezione, ma, attraverso il sacrificio e la resurrezione di Gesù Cristo, all'umanità è offerta la possibilità di ricevere la grazia e ricominciare da zero. Accettare questo sacrificio e seguire Cristo nella grazia rappresentano un elemento fondamentale del compiacere Dio.[3]
    • Dio non vuole che tu sia schiavo del peccato e della morte. Accettare il dono della salvezza che Dio ti offre è la cosa più grande che tu possa fare per compiacerlo.
  4. 4
    Vivi nello spirito. Puoi scegliere se vivere nella carne o nello spirito. Nel primo caso, lasci che le vie e le tentazioni del mondo governino la tua vita. Se invece vivi secondo lo spirito, tutto ruoterà attorno alla tua dedizione a Dio. Solo così ti troverai nella posizione di poterlo compiacere.
    • Come viene fatto osservare nella lettera ai Romani 8:7-8, "Ciò a cui tende la carne è contrario a Dio, perchè non si sottomette alla legge di Dio, e neanche lo potrebbe. Quelli che si lasciano dominare dalla carne non possono piacere a Dio".
    • Naturalmente, vivere nello spirito non significa che non peccherai più. Di tanto in tanto, affronterai la tentazione e soccomberai. Quando cadi, fai un esame di coscienza, pentiti e chiedi a Dio di aiutarti a resistere in futuro alla stessa tentazione.
  5. 5
    Temi Dio. Temere Dio non significa che dovresti passare le giornate nel terrore di una punizione divina. In questo contesto, "paura" indica una forma di rispetto e riverenza. Per temere Dio, non devi fare altro che riconoscere il potere e l'autorità che egli esercita su qualunque altra cosa.
    • Come viene indicato nei Salmi 147:11, "Al Signore è gradito chi lo teme, chi spera nel suo amore".
    • La paura, provata nel modo giusto, può ricordarti che ti devi comportare in maniera responsabile e aiutarti a resistere alla tentazione.
    • Anche la comprensione di quanto un essere potente come Dio ami un essere debole come l'uomo può contribuire ad aumentare il tuo amore e la tua riconoscenza nei suoi confronti.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Approfondisci il tuo Rapporto con Dio

  1. 1
    Servi Dio liberamente e con amore. Dio non ti obbliga ad amarlo o servirlo: si limita a darti la libertà di farlo. Dopo aver compreso che servire Dio è sia un privilegio che una forma di libertà, farlo per amore ti diventerà più naturale.
    • Ricorda che il tuo rapporto con Dio dovrebbe essere fondato sull'amore. Se lo servi per cieca obbedienza o per il desiderio di "fare bella figura" di fronte agli amici e familiari, la tua visione è distorta, e ha bisogno di essere messa a fuoco.
  2. 2
    Metti da parte l'elenco delle "cose da fare".[4] Ci sono molte buone cose che puoi fare per servire Dio e rafforzare la fede che riponi in lui, ma, se finisci per dare la priorità all'elenco di lavori che devi svolgere invece che al tuo effettivo rapporto con Dio, devi cambiare il tuo punto di vista.
    • Lo studio della Bibbia, la compagnia di altri cristiani e la meditazione nella tranquillità sono strumenti che dovresti impiegare per approfondire la tua relazione con Dio. Devi comprendere, però, che la sua approvazione non dipende dall'accuratezza o dalla frequenza con le quali fai uso di questi strumenti. Dio trae più piacere dalla tua fede e dal rapporto che hai con lui che dagli strumenti che impieghi per esprimere tale fede.
    • Se ti dovesse mai capitare di dover scegliere tra lo svolgere un buon lavoro nel nome di Dio e l'occuparti della tua relazione con lui, scegli quest'ultima. Se permetti che la tua fede diventi vuota e superficiale, anche le tue azioni migliori, sul piano spirituale, diventeranno insignificanti.
  3. 3
    Cerca la volontà di Dio e sottomettiti a essa. In senso generale, puoi scoprire la sua volontà studiando la Bibbia e cercando di comprenderla meglio. Dovrai anche richiederla attraverso la preghiera e cercare i segni dell'assistenza divina presenti nella tua stessa vita.
    • Nella Lettera agli Ebrei 13:20-21 si dice: "Il Dio della pace, che ha ricondotto dai morti il Pastore grande delle pecore, in virtù del sangue di un'alleanza eterna, il Signore nostro Gesù, vi renda perfetti in ogni bene, perché possiate compiere la sua volontà, operando in voi ciò che a lui è gradito per mezzo di Gesù Cristo, al quale sia gloria nei secoli dei secoli".
    • Cercare la volontà di Dio non significa tentare di sembrare buoni. Significa sforzarsi sinceramente di raggiungere la maturità spirituale e l'unione con Dio. Qualunque cosa che ti avvicini a lui produrrà, alla fine, delle conseguenze che gli saranno gradite.
  4. 4
    Obbedisci ai comandamenti di Dio. Le sue leggi non sono state create allo scopo di limitare gli esseri umani, ma sono state stabilite per il loro stesso bene: seguirle ti renderà una persona migliore e ti proteggerà dai pericoli spirituali.
    • Dal momento che Dio ama l'uomo, il suo piacere risiede anche in ciò che è buono per gli esseri umani. Di conseguenza, seguire la sua legge e migliorare te stesso in quanto essere spirituale sono qualcosa di gradevole alla sua vista.
    • Devi comprendere che Dio non ordina mai l'impossibile. Seguire i suoi comandamenti potrebbe comportare il fatto che dovrai ignorare i tuoi stessi desideri e paure, ma, alla fine, Dio stesso ti darà la capacità di farlo.
  5. 5
    Comprendi lo scopo del sacrificio. Quelli fatti allo scopo di sembrare buoni sono superficiali e svuotati di qualunque vero significato. Allo stesso modo, sono sgraditi anche quelli che riflettono un cuore disobbediente. I sacrifici fatti per amore, invece, possono compiacere Dio.
    • Come viene spiegato nella Lettera agli Ebrei 13:15-16, "Per mezzo di lui dunque offriamo a Dio continuamente un sacrificio di lode, cioè il frutto di labbra che confessano il suo nome. Non dimenticatevi della beneficenza e della comunione dei beni, perché di tali sacrifici il Signore si compiace".
    • Da questo passaggio si può concludere che i sacrifici che si occupano di lodare sinceramente Dio e quelli fatti per condividere dei beni con gli altri risultano graditi ai suoi occhi.
  6. 6
    Punta all'eccellenza. Ogni essere umano è corrotto dal peccato ed è ben lontano dalla perfezione: ricercarla, quindi, non porterà che all'insuccesso e alla frustrazione. Al contrario, se, invece di preoccuparti per ogni imperfezione, concentrerai i tuo sforzi nel condurre una vita eccellente per Dio, potrai rendere quest'ultima più felice e significativa.
    • Naturalmente, compiere azioni eccellenti nel suo nome sarà fonte di piacere per Dio, ma lo sarà anche l'arricchimento spirituale che, come conseguenza, porterai nella tua vita.
  7. 7
    Celebra il settimo giorno della settimana (il sabato nella religione ebraica, la domenica in quella cristiana). Dedica questo giorno a Dio e alla pratica del riposo. Come qualunque altro suo comandamento, onorarlo porterà beneficio a te così come piacere a Dio.
    • Passa del tempo in compagnia di Dio. Cogli l'opportunità di meditare sulle sue promesse e la sua presenza, e allontanati dalle pretese di un mondo affannato per poter ristabilire un rapporto con la tua fede.
    • Dedicati esclusivamete ad attività rilassanti e piacevoli. L'eccesso di lavoro è stressante e poco salutare. Dio desidera il meglio per te, il che significa che devi trovare il tempo per riposare.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Fai Risplendere la tua Fede

  1. 1
    Segui l'esempio di Cristo. Oltre ad avere offerto all'umanità la fede e la salvezza, Cristo ci ha fornito un esempio perfetto del genere di vita che dovremmo condurre per compiacere Dio.
    • Studia gli insegnamenti di Gesù e mettili in pratica per guidare le tue stesse azioni.
    • Anche se non riuscirai a raggiungere la perfezione mostrata dalle azioni e dalle parole di Cristo, il solo cercare di seguire il suo esempio sarà gradito a Dio.
  2. 2
    Dona agli altri per amore, non per dovere. È vero che Dio vuole che tu sostenga e faccia dei doni agli altri, ma, affinché questi abbiano un valore spirituale, devi sviluppare un atteggiamento di amore e sincera carità.
    • La prossima volta che farai una donazione o verserai un tributo alla chiesa, medita sulle necessità specifiche che il tuo dono contribuirà a soddisfare. Quando ti senti parte della soluzione di un problema, potresti trovare più facile donare per amore e gioia.
  3. 3
    Ama le persone della tua vita. Anche se non nutri affetto per quelli che ti circondano, nei loro confronti dovresti comportarti con amore. Devi amare sia le persone facili che quelle difficili da trattare.
    • Comportarsi con amore può consistere in qualcosa di semplice, come rispettare qualcuno con cui non vai d'accordo, oppure di difficile, come andare incontro alle necessità di qualcuno indipendentemente dal fatto che questa persona ti piaccia o no.
  4. 4
    Considera con attenzione le tue nuove responsabilità. Dio si compiace di un cuore generoso, ma ciò non significa che tu debba accettare qualunque responsabilità ti si presenti.
    • Considera con attenzione le potenziali responsabilità. Chiedi a te stesso se potrebbero provocarti stress o senso di colpa, oppure condurti al fallimento. Ma, cosa ancora più importante, devi domandarti se accettarle ti avvicinerà o ti allontanerà da Dio.
    • Anche se desideri fare del bene accettando le responsabilità, quella sbagliata nel periodo sbagliato della tua vita potrebbe produrre, alla fine, conseguenze negative, tra le quali quella di indebolire il tuo rapporto con Dio.
  5. 5
    Fai tesoro del momento presente. Non vivere rimpiangendo costantemente il passato o temendo il futuro. Tratta ogni giorno per ciò che è realmente: un dono di Dio.
    • Ogni giorno rappresenta un'altra opportunità di crescere nella fede e nella comprensione. Semplicemente cercandolo giorno per giorno, compiacerai Dio.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Religione

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità