Come Comprare e Conservare dell'Ananas Fresco

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Dato che l'ananas smette di maturare dopo essere stato colto, è importante sapere come sceglierne uno già pronto. Imparare a determinare quando è il momento giusto per scegliere, ti permetterà di conservare il frutto per gustarlo successivamente. Ci sono numerosi metodi per preservare la freschezza di un ananas, la scelta dipende da quanto a lungo desideri conservarlo.

Parte 1 di 3:
Scegliere un Ananas

  1. 1
    Impara a conoscere quali sono i segnali da ricercare. Quando scegli un ananas, devi tenere a mente due elementi principali: grado di maturazione e decadimento. Il primo indica se il frutto è pronto o meno per essere mangiato, mentre il secondo misura il suo naturale declino.[1]
    • Perché un ananas possa dirsi maturo, la sua buccia deve aver assunto un colore giallo dorato.
    • Il grado di decadimento del frutto si può misurare in base all'avvizzimento della buccia.
  2. 2
    Valuta il colore colore. La buccia dell'ananas dovrebbe presentare toni accesi, che variano dal giallo al verde, ed essere priva di parti biancastre o marroni. In base alla varietà del frutto, la percentuale di toni gialli dovrebbe essere superiore a quella del verde.[2]
    • I toni del giallo dovrebbero essersi diffusi almeno intorno agli "occhi" (le piccole escrescenze che si trovano al centro di ogni sezione che compone lo schema geometrico della buccia) e alla base dell'ananas.
    • Per quanto sia possibile che un ananas risulti maturo pur essendo ancora completamente verde, le probabilità di riuscire ad affermarlo con sicurezza sono davvero esigue; si tratterebbe pertanto di un acquisto rischioso.
    • Toni giallo-oro che si diffondono fino alla parte alta del frutto indicano che il suo sapore sarà uniformemente gustoso.
  3. 3
    Identifica un ananas maturo usando il tatto. Anche se il colore della buccia corrisponde alla descrizione ideale, non significa necessariamente che il frutto è pronto per essere mangiato. Per accertartene, puoi testare la consistenza della buccia con le dita.[3]
    • Schiaccia delicatamente il frutto. Dovrebbe risultare sodo, ma al contempo leggermente cedevole alla tua pressione.
    • Non ci dovrebbero essere parti ammaccate o viscose al tatto. Un ananas maturo, succoso e buono da mangiare ha una consistenza densa, deve quindi risultare pesante.
  4. 4
    Controlla le dimensioni degli "occhi" sull'intera superficie del frutto. Dovrebbero essere perlopiù della stessa grandezza e colore, privi di qualsiasi traccia di muffa. Gli "occhi" sono un eccellente indicatore del grado di dolcezza e di maturazione dell'ananas.[4]
    • Preferisci degli "occhi" di grandi dimensioni. La loro ampiezza indica per quanto tempo il frutto è stato lasciato maturare sulla pianta.
    • Evita i frutti dagli "occhi" sporgenti. Spesso una buccia liscia è sinonimo di dolcezza.
  5. 5
    Usa anche l'udito e l'olfatto. Sebbene gli odori e i suoni emessi dall'ananas non siano sufficienti a determinare il grado di maturazione del frutto, in presenza di altri indicatori possono aiutarti a compiere la scelta migliore.
    • L'odore del frutto dovrebbe essere dolce, ma delicato, privo di note alcoliche, altrimenti potrebbe essere troppo maturo.
    • Battendo la mano sul frutto dovrai udire un suono sordo, compatto. Un ananas acerbo tende a suonare vuoto.
  6. 6
    Evidenzia eventuali parti deteriorate. Oltre a cercare un frutto che ha avuto il tempo sufficiente di maturare sulla pianta, devi fare attenzione a quelli che sono stati colti in ritardo, quando la fase di decadimento è già iniziata. Un ananas che mostra i primi segni di deterioramento è da considerare eccessivamente maturo, pertanto non è una buona scelta.[5]
    • Un ananas in fase di decadimento ha la buccia raggrinzita e risulta soffice al tatto.
    • Ricerca eventuali lesioni o perdite di liquido nella buccia, entrambe indicano che il frutto è in fase di deterioramento.
    • Un ananas troppo maturo tende ad avere le foglie rigide, di color marrone.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Conservare un Ananas per Breve Tempo

  1. 1
    Riponilo sul piano di lavoro della cucina. Nei primi giorni che seguono l'acquisto, non è necessario riporre l'ananas in frigorifero. Se hai intenzione di mangiarlo entro uno o due giorni, puoi conservarlo comodamente nel portafrutta.
    • Controlla occasionalmente il frutto per accertarti che non presenti alcun segnale iniziale di decadimento.
    • Per evitare che il frutto possa deteriorarsi, la cosa migliore da fare è acquistarlo nello stesso giorno che intendi mangiarlo.
  2. 2
    Mettilo in frigorifero intero. Se vuoi protrarre la durata del tuo ananas per un paio di giorni, puoi conservarlo al freddo. Ricorda, però, che pur tenendolo in frigorifero non potrai preservarne la freschezza molto a lungo; pertanto, anche in questo caso, il consiglio è quello di mangiarlo al massimo entro 3-5 giorni dall'acquisto.[6]
    • Avvolgi l'ananas nella pellicola per alimenti prima di riporlo in frigorifero.
    • Controllalo ogni giorno per accorgerti di eventuali segni di decadimento.
  3. 3
    Mettilo in frigorifero a fette. Se vuoi prolungare ulteriormente la vita del tuo ananas per uno o due giorni, affettalo prima di metterlo nel frigorifero. Una volta tagliato, potrebbe essere più difficile capire se ha iniziato a deteriorarsi, pertanto, anche usando questo metodo, è consigliabile mangiarlo entro un massimo di sei giorni dall'acquisto.[7]
    • Usa un coltello seghettato per rimuovere la parte superiore dell'ananas, quindi sbuccialo dall'alto verso il basso.
    • Dopo aver tolto la parte esterna del frutto, puoi suddividerlo in fette dello spessore desiderato. Infine, usando un coltello, un coppapasta o uno stampino per i biscotti, puoi rimuovere la parte coriacea al centro di ogni fetta.
    • Per conservarle al meglio, disponi le fette in un contenitore ermetico da riporre in frigorifero.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Conservare un Ananas a Lungo Termine

  1. 1
    Congelalo per conservarlo più a lungo. Se vuoi protrarre la durata del tuo ananas fino a un massimo di 12 mesi, puoi riporlo nel congelatore. In questo caso dovrai privarlo innanzitutto della buccia e del torsolo.[8]
    • Una volta rimossi buccia e torsolo, potrai riporre la polpa in un contenitore ermetico adatto al congelatore.
    • Assicurati che rimanga solo poca aria nel contenitore.
  2. 2
    Usa un essiccatore per disidratare l'ananas e conservarlo a lungo. Se disponi di un essiccatore, puoi usarlo per fare seccare l'ananas prolungandone quasi indefinitamente la durata! Disidratare un frutto significa privarlo della sua naturale umidità, trasformandolo in una delizia simile a una "patatina", conservandone però al contempo tutti i valori nutrizionali.[9]
    • Con un coltello affilato, rimuovi la buccia e il torsolo dell'ananas, per poi affettarlo. Crea delle fette dello spessore piuttosto consistente: circa 1,5 cm.
    • Disponi le fette nell'essiccatore seguendo le indicazioni riportate nel manuale di istruzioni. Generalmente, la temperatura consigliata è di circa 55 °C. A processo ultimato dovrai ottenere delle fette di ananas dalla consistenza coriacea, ma non appiccicosa.
    • Perché il processo di disidratazione sia completo saranno necessarie circa 12-18 ore.
  3. 3
    Mettilo in barattolo. Un altro eccellente metodo per conservare l'ananas a lungo consiste nel trasformarlo in un delizioso dessert. Una volta riposto nel barattolo manterrà le sue proprietà anche per almeno un anno. In ogni caso, il consiglio è quello di mangiarlo entro i 12 mesi successivi alla preparazione per non rischiare che risulti dannoso per la salute.[10]
    • Anche in questo caso, la prima cosa da fare è rimuovere la parte superiore del frutto con un coltello, privandolo poi anche della buccia. Questa volta, però, anziché affettarlo, dovrai tagliarlo a pezzi perché sia più facile disporlo nel barattolo.
    • Dovrai far bollire l'ananas in una soluzione che agisca da "involucro" protettivo, andando a occupare lo spazio vuoto nel barattolo. Il liquido servirà anche a mantenere il frutto succoso. Puoi scegliere di utilizzare del succo di mela o di uva bianca già pronto, oppure puoi preparare un delizioso sciroppo di zucchero.[11]
    • Dopo aver fatto bollire l'ananas nel liquido selezionato, trasferiscilo nei barattoli, riempiendoli fino a circa 2-3 cm dall'apertura.
    • Chiudi i barattoli con i rispettivi coperchi, quindi disponili sul fondo di una pentola capiente. Aggiungi una quantità di acqua sufficiente a coprirli completamente, dopodiché versane ancora un po' per sommergerli di circa 2,5-5 cm.
    • Porta l'acqua a bollore, quindi imposta il timer della cucina: 25 minuti se i barattoli sono da 500 ml, 30 minuti se sono da 1 l. Il sottovuoto creatosi durante il processo consentirà che l'ananas si conservi intatto a lungo.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Frutta & Verdura

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità