Come Comprare una Calopsite

Scritto in collaborazione con: Pippa Elliott, MRCVS

Le calopsite sono eccellenti animali da compagnia. Occupano il secondo posto nella classifica degli uccelli domestici più popolari (e per un sacco di buoni motivi!). Possono vivere fino a quindici anni, sono estremamente affettuose e hanno molta personalità. Le calopsite sono animali sociali e amano appollaiarsi sulle dita o le spalle del padrone; sono facilmente addestrabili e possono addirittura imparare a “parlare”. Prima di acquistare una calopsite, trova l'esemplare più adatto a te e assicurati di essere pronto a ospitarlo in quella che sarà la sua nuova casa.[1]

Metodo 1 di 3:
Prepararsi all'Acquisto

  1. 1
    Informati. Mantenere una calopsite è una grossa responsabilità; se vogliamo acquistarne una, è importante essere preparati a ciò che ci aspetta: bisognerà fornirle cibo e acqua ogni giorno e pulire frequentemente la sua gabbietta. Inoltre, le calopsite sono animali sociali, per mantenersi sane ed essere felici hanno bisogno di essere tenute in esercizio e di ricevere molte attenzioni da parte del padrone. Assicurati di avere abbastanza tempo da dedicare alle tue calopsite e che i membri della tua famiglia siano d'accordo riguardo all'acquisto di un animale del genere.[2]
    • Se occuparsi di una calopsite ti sembra troppo impegnativo, opta per l'acquisto di un canarino o una coppia di fringuelli, ottimi animali da compagnia, che richiedono meno cure rispetto a una calopsite.[3]
  2. 2
    Considera le spese. Il prezzo di una calopsite si aggira attorno ai 75-90 euro; non è molto, ma a questo bisogna sommare il costo della gabbia, del cibo e di tutti gli accessori necessari, arrivando a spendere facilmente anche 300 euro.[4] Sappi che la tua calopsite avrà bisogno di cibo e giochi e di sottoporsi ad almeno una visita veterinaria ogni anno (indicativamente, il costo per mantenere una calopsite si aggira attorno ai 90 euro l'anno).[5]
  3. 3
    Acquista gabbia e attrezzatura. Le calopsite hanno bisogno di molto spazio per muoversi, quindi è meglio acquistare per loro una gabbia il più grande possibile (le dimensioni minime per una singola calopsite sono 60x60x60 cm). Assicurati che la distanza tra le sbarre non sia maggiore di 1,5 cm.[6] La gabbia dovrebbe avere almeno tre trespoli, per dare alla calopsite la possibilità di scegliere dove posarsi.[7] Inoltre, l'uccello avrà bisogno di:
    • piattini per cibo e acqua;
    • cibo per calopsite;
    • una luce accesa durante la notte (certe calopsite hanno paura del buio, e possono avere delle crisi di panico durante la notte);
    • una vaschetta per uccellini;
    • giocattoli.
  4. 4
    Adotta un esemplare presso un ricovero per uccelli. Talvolta in questi centri di soccorso è possibile trovare, pronti per l'adozione, degli esemplari dolci e amorevoli, che i loro ex-padroni non sono più in grado di mantenere. La gioia di prendersi cura di un animale adottato sarà ancora più grande, considerando che gli avrai anche salvato la vita.
    • I ricoveri per uccelli possono essere trovati in ogni parte del mondo![8]
  5. 5
    Rivolgiti a un negozio di animali affidabile o a un allevatore esperto. Chiedi informazioni ad altri proprietari di calopsite o al tuo veterinario di fiducia; se nella tua città è presente un'associazione ornitologica, puoi rivolgerti a loro. Verifica che il venditore offra un'assicurazione sulla salute dell'animale e ricorda che gli esemplari allevati con cura fin dalla nascita sono più socievoli di quelli allevati soltanto per essere messi in vendita in un negozio.[9]
    • Fai tutte le domande possibili al venditore: chiedigli dell'animale e di come è stato allevato; se non è un grado di rispondere prontamente, rivolgiti a qualcun altro.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Scegliere l'Esemplare Giusto

  1. 1
    Prima dell'acquisto, chiediti quali sono le tue aspettative. Se vuoi un uccello da esposizione, col quale ti interessa poco interagire, basa la tua scelta esclusivamente sull'aspetto dell'animale; se invece desideri un compagno di vita, prendi in esame il carattere e la socievolezza dell'esemplare.[10]
    • Se vuoi un animale da esposizione, scegli un esemplare in salute, con un piumaggio molto bello.
    • Se vuoi un compagno di vita, scegli un esemplare curioso, canterino, disposto al contatto fisico e con tanta voglia di giocare.
    • Gli esemplari estremamente timidi possono essere resi più socievoli, ma alcuni non si abitueranno mai alla compagnia dell'uomo; se hai una calopsite particolarmente scontrosa, sarà difficile renderla affettuosa e socievole.
  2. 2
    Assicurati che l'esemplare sia in salute. Le calopsite in salute hanno gli occhi limpidi e luminosi e il becco pulito, senza tracce di secrezioni; assicurati che il becco sia ben levigato, che si chiuda correttamente e che l'animale non abbia perso delle penne o alcune dita delle zampe.[11]
    • Non acquistare un esemplare con le penne danneggiate, sporche o arruffate: sono tutti segnali di malattia.[12]
  3. 3
    Chiedi l'età dell'uccello. L'ideale è scegliere un esemplare giovane e completamente svezzato, allevato dall'uomo fin dalla nascita e nutrito a mano. Se opti per un esemplare adulto, valuta il colore del becco: in genere, più è scuro, più l'animale è anziano.
    • Determinare il sesso di una calopsite è piuttosto complicato, in certi casi è addirittura necessario ricorrere al test del DNA. Fortunatamente, sia i maschi sia le femmine sono ottimi animali da compagnia.[13]
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Portare a Casa la Calopsite

  1. 1
    Lascia che la tua calopsite si abitui al suo nuovo habitat. Trasferirsi da un'abitazione a un'altra può essere stressante per una calopsite, perché ha bisogno di tempo e riposo per adattarsi. Prima di interagire con lei, fai passare due o tre giorni; cerca di tenere lontano dalla gabbietta i bambini e gli animali domestici; abitua l'animale alla tua presenza parlandogli dolcemente.[14]
    • Ricorda che le calopsite sono animali particolarmente socievoli; quando sei fuori di casa, lascia il televisore o la radio accesi, in modo che l'animale abbia un po' di compagnia.
  2. 2
    Comincia l'addestramento. Prenditi un po' di tempo per studiare qual è il modo migliore per addestrare la tua calopsite. Per iniziare, insegnale a starti vicino quando è fuori dalla gabbia. Preleva delicatamente la calopsite dalla gabbietta e portala in una stanzetta con una sola uscita, come il bagno o un ripostiglio particolarmente grande; chiudi la porta, in modo che l'uccello non possa scappare, poi siediti accanto a lui e parlagli di tanto in tanto, in modo che si abitui alla tua presenza. Un altro semplice esercizio che gli puoi insegnare è quello di salirti sulle dita.[15]
    • Addestrare una calopsite può richiedere tempo, sii paziente e avrai al tuo fianco un compagno amichevole e socievole.
  3. 3
    Abitua la tua calopsite a fare il bagnetto. Le calopsite tendono a sporcarsi ed è necessario lavarle piuttosto spesso. Riempi uno spruzzatore per piante di acqua pulita, leggermente tiepida, poi abitua la calopsite al contatto con l'acqua dandole un paio di spruzzate di tanto in tanto. Non ci vorrà molto tempo prima che l'uccello si abitui a questo tipo di doccia e apra addirittura le ali per essere irrorato a fondo, per poi scrollarsi di dosso l'acqua in eccesso.[16]
    • Non fare il bagnetto alla calopsite quando fa molto freddo oppure di notte.
    • Le calopsite adorano fare il bagno in un tegame o giocare in una tinozza riempita con 1,5 cm di acqua tiepida.[17]
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Veterinaria del Royal College of Veterinary Surgeons
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Pippa Elliott, MRCVS. La Dottoressa Elliott è una veterinaria con oltre trenta anni di esperienza. Si è laureata all'Università di Glasgow nel 1987 e ha lavorato come specialista in chirurgia veterinaria per sette anni. In seguito, ha lavorato per più di dieci anni come veterinaria in una clinica per animali.
Categorie: Uccelli

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità