Come Comunicare Bene con Persone di un'Altra Cultura

Scritto in collaborazione con: Maureen Taylor

Per sviluppare un buon rapporto con persone di cultura diversa è fondamentale imparare a comunicare con loro, sia verbalmente sia attraverso il linguaggio del corpo. Inoltre renderai sicuramente le cose più facili se ti informi sulla loro cultura e mantieni un atteggiamento tollerante. Sapendo come comunicare in modo efficace potrai imparare molto sui loro costumi e, al tempo stesso, insegnare loro i tuoi.

Parte 1 di 3:
Avere una Mentalità Aperta

  1. 1
    Informati in anticipo sulla cultura in questione.[1] Una conoscenza anche solo parziale ti sarà di grande aiuto. Prima di partire per un viaggio o incontrare una persona proveniente da un ambiente culturale diverso dal tuo, cerca di trovare il tempo di imparare le basi riguardo a quello che si può e non si può fare in quella cultura; fai una ricerca in rete per trovare informazioni specifiche.[2]
  2. 2
    Aspettati di incontrare differenze. Persone provenienti da culture diverse comunicano in modo diverso: possono parlare a un volume più alto o più basso, esprimere le proprie emozioni in modo più o meno diretto, essere più o meno propense a chiacchierare.[3] Preparati ad affrontare differenze di questo tipo e altre ancora di cui non sei a conoscenza.
  3. 3
    Comprendi le gerarchie. Potrebbero esserci regole non scritte relative alla gerarchia sociale a cui non sei abituato.[4][5] Per esempio, potresti vivere in un ambiente in cui uomini e donne comunicano tra loro da pari e dover interagire con qualcuno che appartiene a una cultura in cui, invece, gli uomini hanno generalmente più voce rispetto alle donne. Allo stesso modo potresti dover parlare con qualcuno per cui è normale che una persona più giovane lasci condurre la conversazione a una più anziana, mentre per te gli individui di tutte le età hanno lo stesso diritto di parola.
  4. 4
    Sii diretto sulle difficoltà che incontri nella comunicazione. Se non riesci a capire, o se pensi che l’altra persona non ti abbia capito, dillo chiaramente. Non essere maleducato o offensivo, ma spiega con calma qual è il problema. È sempre meglio essere onesti e diretti anziché ignorare un’incomprensione, la quale potrebbe generare in seguito ulteriori difficoltà.
    • Se pensi di non aver compreso il tuo interlocutore, prova a dire qualcosa come: “Non sono sicuro di aver capito, possiamo ripartire dall’inizio?”.
    • Se temi che l’altra persona non ti abbia capito, prova a dire qualcosa come: “Rivediamo quanto abbiamo detto, giusto per assicurarci di essere sulla stessa lunghezza d’onda”. Puoi anche invitarla a farti delle domande.
  5. 5
    Sii rispettoso e tollerante. Ciascuna cultura ha il proprio insieme di valori, credenze e pregiudizi, i quali possono emergere nel corso della conversazione. Tuttavia una persona non andrebbe mai giudicata in base a tali differenze; devi invece rispettarla per come è ed essere tollerante nei suoi confronti.[6] Potresti persino imparare qualcosa di nuovo.
    • Anche nel caso in cui le differenze culturali dovessero palesarsi in modo esplicito durante la conversazione, mantieni un atteggiamento tollerante e aperto invece di metterti a discutere. Per esempio, se qualcuno fa un commento sul fatto che gli italiani tendono a rimanere in famiglia invece di andare a vivere da soli, puoi replicare in questo modo: “Sì, è vero che in Italia molti vivono ancora con i genitori, per diverse ragioni. Perché non mi parli di come funziona la vita familiare nel tuo Paese?”.

    "Ricorda che innovazione, creatività e intelligenza non hanno età, colore della pelle, genere o appartenenza culturale."

    Maureen Taylor

    Maureen Taylor

    Amministratrice Delegata di SNP Communications
    Maureen Taylor è l'Amministratrice Delegata e Fondatrice di SNP Communications, una società di capitali specializzata in comunicazione che si trova nella San Francisco Bay Area. Da oltre 25 anni aiuta leader, fondatori e innovatori di tutti i settori a perfezionare il proprio messaggio e la propria capacità oratoria.
    Maureen Taylor
    Maureen Taylor
    Amministratrice Delegata di SNP Communications
  6. 6
    Sii paziente. Comunicare con persone appartenenti a un’altra cultura può essere piacevole e interessante, ma presenta anche difficoltà. Non pensare che tutto andrà per il verso giusto o che vi capirete sempre. Cerca di avere pazienza e chiedi al tuo interlocutore di fare lo stesso.
    Advertisement

Parte 2 di 3:
Comunicare Verbalmente

  1. 1
    Parla lentamente e scandendo bene le parole, se necessario. Non urlare senza motivo e non comportarti come se il tuo interlocutore fosse incapace di capirti.[7] Alzare il tono di voce non rende le parole più chiare; ti farebbe solo sembrare maleducato. Analogamente, anche quando ci sono difficoltà nel comunicare, non devi trattare l’altra persona come se fosse stupida; i problemi di comunicazione derivano dalle differenze culturali e hanno poco a che fare con l’intelligenza.
  2. 2
    Rivolgiti al tuo interlocutore in modo corretto. Sii educato e utilizza le formule di cortesia, almeno finché non ti viene detto chiaramente che non è necessario (per esempio se un contatto di lavoro ti propone di darvi del tu o di chiamarvi per nome).[8] A seconda della cultura, potresti doverti rivolgere alla persona usando:
    • Nome e cognome,
    • Solo il cognome,
    • Un titolo, come “Signor” e “Signora”,
    • Pronomi di cortesia, come il “Lei”, se è possibile usarli nella lingua in cui si sta comunicando.
  3. 3
    Migliora la tua conoscenza delle lingue straniere. Se devi comunicare con persone che parlano una lingua che non conosci, cerca di imparare qualche frase basilare. Anche nel caso in cui il contesto specifico non richiedesse o non ti permettesse di arrivare a parlare fluentemente quella lingua, dovresti comunque provare ad apprenderne le basi.
    • Impara le parole essenziali, come “Salve”, “Per favore”, “Grazie”, “Come va?” ecc.
    • Porta con te un frasario o un dispositivo elettronico in grado di aiutarti a trovare le frasi che ti servono e che non conosci.
    • Sii paziente se l’interlocutore prova a parlare nella tua lingua.
  4. 4
    Cerca di usare la lingua dominante se ti trovi in “minoranza”. Se stai comunicando con persone che parlano una lingua diversa dalla tua, sforzati di usarla il più possibile. Anche se non riesci ad andare più in là di “Buongiorno” o “Come va?”, il gesto è generalmente apprezzato.
  5. 5
    Evita espressioni gergali e parole volgari. Non usare mai questo tipo di linguaggio, a meno che tu non sia assolutamente sicuro di come viene percepito nella cultura in questione. Se adoperi termini scurrili o che non rientrano tra le espressioni standard rischi di rendere difficile per l’altra persona capirti e risultare offensivo. Il gergo di una lingua è molto complesso e strettamente legato al contesto; è meglio quindi evitarlo del tutto, a meno di non sapere con certezza come usarlo nel modo corretto.
    Advertisement

Parte 3 di 3:
Usare la Comunicazione Non Verbale

  1. 1
    Fai gesti con le mani aperte. In alcune culture gesti diffusi come puntare il dito indice o fare il segno dell’OK possono essere considerati offensivi.[9] Se non sai quale tipo di gestualità può generare fraintendimenti, vai sul sicuro e usa solo la mano aperta.[10] Per esempio, prova a usare l’intera mano invece dell’indice per indicare qualcosa.
  2. 2
    Assumi una postura formale, almeno inizialmente.[11] Siedi tenendo i piedi a terra e la schiena dritta, non gesticolare troppo e in generale mantieni una postura composta. Anche in questo caso, serve a non rischiare di apparire scortesi: in alcune culture, per esempio, mostrare il piede è considerato un gesto maleducato, per cui non è appropriato incrociare le gambe in un modo che mette in evidenza la suola della scarpa.[12]
    • Se però diviene palese che è accettabile assumere una postura meno formale, puoi regolarti di conseguenza.
  3. 3
    Comprendi le regole relative al contatto fisico. In alcune culture è più accettato che in altre; per esempio, persone di determinate nazionalità si stringono la mano più volentieri rispetto ad altre.[13]
    • Non offenderti se il tuo interlocutore usa più o meno contatto fisico di quello a cui sei abituato. La sola eccezione è se percepisci tale contatto come violento o molesto; qualora ti sentissi a disagio, affermalo apertamente.
    • In linea generale è preferibile astenersi dal toccare le persone appartenenti a una cultura diversa quando si sta parlando con loro. Se tuttavia sembrano non avere problemi con il contatto fisico, puoi adeguarti anche tu, in base alle tue abitudini.
  4. 4
    Comprendi le regole relative al contatto visivo. Se in alcune culture guardare una persona negli occhi quando si parla è inteso come un segno di onestà e interesse, in altre può essere considerato un comportamento irrispettoso, aggressivo o che denota interesse sessuale.[14] Viceversa, in alcune culture non guardare negli occhi una persona più importante significa mostrarle rispetto.[15]
  5. 5
    Aspettati modi diversi di usare le espressioni facciali.[16][17] Per esempio, gli italiani sorridono spesso, mentre in altri Paesi si ritiene che un sorriso facile indichi superficialità. Nel comunicare con persone di nazionalità diverse potresti notare che manifestano la propria felicità, tristezza, rabbia ecc. in modo più espressivo di quanto tu sia abituato, oppure che non lasciano trasparire alcuna emozione.
    • Una buona parte della comunicazione è non verbale, a prescindere dalla cultura. Tuttavia puoi sempre concentrarti su quello che viene effettivamente detto e fare chiarezza quando necessario. Per esempio, se il tuo interlocutore reagisce in modo inaspettato con un sorriso o una risata a una tua frase, puoi specificare che stai parlando seriamente.
  6. 6
    Rispetta lo spazio personale previsto dalle circostanze.[18] Alcune culture richiedono una maggiore distanza interpersonale rispetto ad altre. Se il tuo interlocutore si avvicina o si allontana più di quanto sia normale per te, non vuol dire necessariamente che stia invadendo il tuo spazio o che voglia evitarti. Cerca di cogliere i segnali riguardo a quanta distanza è appropriato mantenere e di comunicare nel miglior modo possibile.
    Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

Amministratrice Delegata di SNP Communications
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Maureen Taylor. Maureen Taylor è l'Amministratrice Delegata e Fondatrice di SNP Communications, una società di capitali specializzata in comunicazione che si trova nella San Francisco Bay Area. Da oltre 25 anni aiuta leader, fondatori e innovatori di tutti i settori a perfezionare il proprio messaggio e la propria capacità oratoria.
Categorie: Comunicazione

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement