Come Conservare il Tuo Latte Materno

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Conservare il tuo latte materno dopo averlo tolto con un tiralatte è un ottimo modo per averlo sempre a disposizione quando non puoi allattare direttamente. È molto importante utilizzare la tecnica corretta per mantenere i principi nutritivi del latte e per garantire gli standard igienici. Questo articolo fornisce informazioni su come utilizzare i contenitori, conservare il latte e il modo giusto per scongelarlo.

Metodo 1 di 3:
Usare Contenitori Igienici

  1. 1
    Usa barattoli di plastica o di vetro. Entrambi i materiali vanno bene, se hanno un coperchio che li chiude perfettamente. Devi disinfettarli in questo modo prima di usarli:
  2. 2
    Usa dei sacchetti per il latte materno. Sono venduti nei negozi di articoli per bambini e sono progettati proprio per la conservazione del latte in frigorifero. Il latte viene pompato direttamente nel sacchetto e rende le operazioni più semplici rispetto ai barattoli.
    • I sacchetti non vanno conservati in freezer. Sono adatti solo per la conservazione a breve termine in frigorifero.
    • Puoi anche riporre i sacchetti in scatole di plastica per tenerli in ordine all’interno del frigo.
  3. 3
    Non utilizzare dei biberon usa e getta. Non sono pensati per la conservazione. Non usare i sacchetti per alimenti progettati per un normale uso casalingo. Questa plastica può rilasciare delle sostanze nel latte per il tuo bambino.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Conservare il Latte Materno

  1. 1
    Lavati sempre le mani. Prima di toglierti il latte, lava sempre le mani e le attrezzature che devi usare con acqua calda e sapone per evitare di contaminare il latte.
  2. 2
    Metti il latte nei contenitori. Se possibile, è meglio pompare il latte direttamente nel contenitore di conservazione piuttosto che travasarlo dal tiralatte. Così facendo riduci i rischi di contaminazione. Quando hai finito chiudi i tappi ben stretti.
  3. 3
    Metti le etichette. È importante indicare la data di confezionamento. Se non lo fai potresti dimenticare quale sia il latte più vecchio e trovarlo andato a male.
  4. 4
    Metti il latte in frigorifero o in freezer. Il latte materno può rimanere a temperatura ambiente senza alcun rischio per 6-8 ore (la temperatura però non deve eccedere i 25°C). Se non usi il latte entro questo tempo devi conservarlo.
    • Il latte si conserva in frigorifero per 5 giorni alla temperatura di 4°C. Se ti togli il latte più di una volta al giorno puoi metterlo nello stesso contenitore. Il latte di giorni diversi va conservato in contenitori diversi.
    • In freezer può rimanere per 3-6 mesi. Non aggiungere latte a quello già congelato, usa un altro contenitore.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Scongelare il Latte Materno

  1. 1
    Scongelalo mettendolo il frigorifero. Alla mattina sposta il contenitore che vuoi usare dal freezer al frigo e dagli il tempo di scongelarsi. Non lasciarlo a temperatura ambiente; è meglio un passaggio graduale da congelato a liquido.
  2. 2
    Scalda il latte scongelato mettendolo in una ciotola di acqua calda. L’acqua deve essere calda, non bollente. Lascia che il latte raggiunga una temperatura un po’ superiore a quella dell’ambiente e usalo immediatamente.
  3. 3
    Non scongelare né scaldare il latte nel microonde. Può diventare troppo caldo e scottare il bambino; un calore eccessivo inoltre distrugge i nutrienti del latte materno.
  4. 4
    Non ricongelare il latte. Scongela solo quello che ti serve per quel giorno. Se hai degli avanzi, buttali, potrebbero contaminarsi.
    Pubblicità

Consigli

  • Se hai un congelatore molto grande, puoi conservare il latte fino a 12 mesi.
Pubblicità

Avvertenze

  • Non ricongelare mai il latte materno scongelato.
  • Ricorda: non aggiungere latte caldo a quello freddo.
Pubblicità

wikiHows Correlati

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Genitori

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità