Come Consolare una Persona Molto Triste

Scritto in collaborazione con: Trudi Griffin, LPC

La tristezza è un'emozione normale e comune.[1] Voler consolare un amico, un familiare, un partner o un conoscente triste è un atteggiamento molto premuroso e naturale.[2] Puoi aiutare qualcuno che è molto triste mostrando dell'interesse nei suoi confronti (con l'empatia, la vicinanza e la valorizzazione dei suoi sentimenti), aiutandolo a sentirsi meglio e dedicandoti ad attività positive insieme a lui.

Metodo 1 di 3:
Mostrare Interesse

  1. 1
    Avvicinati. Per poter aiutare una persona triste, devi essere in grado di avvicinarti e iniziare una conversazione. Il modo in cui decidi di avvicinarti dipende dal tipo di rapporto che avete.
    • Avvicinati a lui e coinvolgilo in una conversazione. Puoi cominciare chiedendo semplicemente come sta. Se l'altro risponde che sta bene, puoi continuare dicendo che ti sembra triste e chiedendogli se ha voglia di parlarne. Se la risposta è no, rispetta la sua scelta di stare da solo, replicando che comprendi le sue intenzioni e affermando che sei a sua disposizione in caso di bisogno. Potrai provare un altro approccio in seguito, se ne avrai voglia.
  2. 2
    Offri il tuo sostegno. Comunicagli che sarai di sostegno.[3]
    • Comunica alla persona in questione che tieni a lei e al suo benessere e che sei a sua disposizione. Offri il tuo aiuto dicendole semplicemente che sei a conoscenza della sua tristezza e che vuoi soltanto farle sapere che le sei vicino.
    • Chiedile cosa puoi fare per aiutarla dicendo, per esempio: "Mi piacerebbe essere d'aiuto in qualche modo. C'è qualcosa che posso fare? Possiamo parlarne, se ti va."
  3. 3
    Mostra empatia. Uno degli aspetti dell'empatia è cercare di adattarsi allo stato d'animo o alle emozioni dell'altra persona: se l'altro è triste, anche tu dovresti sembrare preoccupato. Cerca di sentire le sue emozioni e di fare da specchio: è meglio non ridere né sorridere davanti a una persona che sta piangendo o che è molto triste.
    • Manifesta calore umano e comprensione.[4] Usa la vicinanza fisica; per esempio, abbraccialo o prendi la sua mano, se hai l'impressione che sia gradita e appropriata.[5] Puoi chiedere direttamente alla persona in questione se ha piacere di ricevere un abbraccio.
  4. 4
    Valorizza i sentimenti dell'altro. Molte persone provano tristezza di fronte alle avversità: è una reazione normale a situazioni molto difficili.[6] Valorizzare o normalizzare la tristezza può aiutare l'altra persona ad accettarla.[7]
    • Puoi dire qualcosa come: "Capisco che tu sia triste; è normale, vista la difficoltà della situazione. Mi dispiace che tu debba affrontare tutto questo."
    • Non suggerire a una persona di non provare quello che prova. Non dire mai: "Non essere triste". Può essere davvero svilente.
    • Un altro modo in cui puoi normalizzare i sentimenti dell'altro è informandolo riguardo alla tristezza, al dolore e alla perdita.[8] Puoi spiegargli che è normale provare rifiuto, rabbia e altre reazioni di dolore in situazioni simili.
  5. 5
    Lascialo piangere. Il pianto può contribuire al nostro benessere pulendo e rilasciando emozioni represse.[9] Incoraggia il tuo amico o il tuo familiare a lasciar andare le proprie emozioni, se si sente propenso a farlo.[10]
    • Siediti semplicemente accanto alla persona che è sul punto di piangere. Puoi porgerle un fazzoletto, strofinarle la schiena (se lo ritieni appropriato) o incitarla a sfogare l'emozione.
    • Puoi continuare dicendole che piangere è assolutamente naturale e che qualche volta fa bene lasciar uscire i propri sentimenti.
    • Evita di chiederle di non piangere: equivale a trasmettere il messaggio che lasciar uscire le proprie emozioni non è appropriato e che tu ti senti a disagio di fronte alla sua tristezza.
  6. 6
    Ascolta in modo attivo. L'ascolto attivo consiste nel concentrarsi solamente sull'altro e sulla sua esperienza. Sforzati di non pensare a ciò che dovrai dire e ascolta semplicemente tutto quello che l'altro sta dicendo.
    • Fai delle domande di chiarificazione per mostrare che sei attento. Un esempio potrebbe essere: "Mi stai dicendo che sei molto triste perché hai smarrito il tuo cane e vorresti ritrovarlo, giusto?"
  7. 7
    Lasciagli spazio, se ne ha bisogno. Rispetta lo spazio e le esigenze del tuo amico. Se non vuole più parlare di ciò che lo preoccupa, puoi cominciare ad aiutarlo a sentirsi meglio svolgendo delle attività con lui.
    • Per dimostrare che comprendi il suo bisogno di spazio digli che capisci il il suo desiderio di non parlare più della questione o di restare da solo, ma ribadisci che, se desidera parlare o passare del tempo insieme, tu sei disponibile.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Aiutare l'Altra Persona a Sentirsi Meglio

  1. 1
    Sii fiducioso e ottimista, ovvero non farti abbattere dalla tristezza dell'altro.[11] Devi essere capace di tenere sotto controllo le tue emozioni e di non lasciarti sopraffare, altrimenti non sarai in grado di aiutarlo davvero.
    • Fai una pausa dalla conversazione, se hai bisogno di riprenderti un attimo. Magari scusati dicendo che devi andare al bagno. Fai dei respiri profondi o lascia andare un po' le tue emozioni, se ne hai bisogno.
  2. 2
    Fagli un regalo. Secondo il libro "I 5 linguaggi dell'amore", di G. Chapman, a molte persone piace ricevere regali come espressione di amore e sostegno.[12] È un modo molto efficace di risollevare l'umore di una persona triste e dimostrare che sei premuroso e di supporto.
    • Donagli dei fiori, un biglietto oppure i suoi dolci preferiti.
    • Se non hai molti soldi, puoi scrivergli una lettera affettuosa oppure preparare un pensiero fatto a mano (come un oggetto artistico).
  3. 3
    Sii di supporto nel trasformare i pensieri negativi.[13] A volte le persone possono avere dei pensieri negativi e falsi in grado di accrescere la tristezza o il senso di colpa. Per esempio, alcune persone tendono a personalizzare gli eventi o le situazioni, generando così emozioni negative non necessarie.[14]
    • Ad esempio, la persona in questione potrebbe pensare che sia colpa sua se il suo cane è scappato. Aiutalo a cambiare questo tipo di pensieri offrendo delle alternative ed esprimendo gentilmente il tuo disaccordo. Puoi rispondere che sei sicuro che il tuo amico ami molto il proprio cane e che se ne prenda cura nel migliore modo possibile; probabilmente il cane si è allontanato troppo e non è riuscito a ritrovare la strada di casa.
    • Alcune persone possono avere dei pensieri negativi cercando di predire il futuro. Per esempio, se il tuo amico pensa che non riuscirà mai più a ritrovare il suo cane, sta sbagliando, perché non può prevedere quello che accadrà. Rispondigli gentilmente che tu invece sei fiducioso e ritieni che ci siano buone possibilità di ritrovarlo.
    • Evita di scaricare la colpa su altre persone.[15] Incoraggia la persona in questione a concentrarsi su quello che può fare per risolvere la situazione invece di pensare troppo a come altre persone possano avervi contribuito. Altrimenti l'effetto che si ottiene è un aumento della rabbia e una diminuzione della capacità di pensare in modo logico e di trovare possibili soluzioni.
  4. 4
    Trova delle soluzioni. Quando le persone sono molto tristi possono avere delle difficoltà a pensare in modo razionale e a elaborare delle possibili soluzioni al proprio problema. Incoraggia l'amico in questione a vedere le proprie emozioni come fonti di informazione: la sua tristezza gli sta dicendo che c'è qualcosa che non va e che necessita di una soluzione.[16] Quindi, aiutalo a trovare delle possibili soluzioni e a metterle in pratica.
    • Ad esempio, se il tuo amico ha smarrito il cane, potresti dirgli: "Lavoriamo insieme a una soluzione: cosa pensi che dovremmo fare come prima cosa?"
    • Offri delle possibili soluzioni. Per esempio potresti dire: "Ho un'idea: perché non cominciamo a chiamare i rifugi per animali per vedere se qualcuno lo ha trovato?"
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Dedicarsi ad Alcune Attività con la Persona in Questione

  1. 1
    Incoraggialo ad affrontare positivamente il problema. Aiuta il tuo amico a mettere in pratica alcune strategie utili per gestire situazioni e sentimenti negativi. In questo modo potrà esprimere quello che sente e riprendersi senza procurarsi ulteriore dolore.[17]
    • Alcuni metodi utili per gestire la tristezza includono attività spirituali o religiose, esercizi creativi e artistici, attività collegate alla natura, esercizio fisico, la pratica della consapevolezza o della meditazione.
    • Evita di bere alcool o utilizzare sostanze stupefacenti con la persona in questione.[18] Può essere pericoloso e inoltre non aiuta a promuovere strategie di risoluzione né a ridurre la tristezza. Per scoraggiare l'uso di alcool o droghe come espediente per far fronte al problema, puoi dare al tuo amico delle informazioni utili e offrire delle alternative dicendo: "Ho letto che l'uso di alcool per affrontare una situazione difficile può creare più danni e diminuire la capacità di gestire le proprie emozioni e la situazione stessa. Se invece guardassimo un film divertente insieme?"
  2. 2
    Procura delle distrazioni.[19] Spesso le persone finiscono per rimuginare troppo sui loro pensieri negativi e restano così intrappolate in un'emozione.[20] Aiuta l'amico in questione a distrarsi in modo da ridurre il suo rimuginare.
    • Alcune tecniche di distrazione o di radicamento efficaci sono guardare un film comico, ascoltare della musica allegra, ballare, nominare i colori o gli oggetti della stanza e fare un gioco.
  3. 3
    Trascorrete del tempo di qualità insieme. Trascorrere del tempo con il tuo amico può servire a consolarlo e favorire il sostegno sociale.[21] Il sostegno è fondamentale per aiutare qualcuno a superare la propria tristezza.
    • Dedicatevi insieme ad alcune attività creative come la pittura, il disegno, suonare uno strumento musicale, scrivere una canzone, realizzare delle candele e altro ancora.
    • Uscite all'aperto. Andate a fare un picnic in un luogo panoramico oppure andate in spiaggia a rilassarvi sulla sabbia.
    • Fate esercizio fisico insieme. Fate trekking, andate a correre oppure fate una passeggiata.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Counselor Professionale Registrata
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Trudi Griffin, LPC. Trudi Griffin lavora come Counselor Professionale Registrata nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Counseling Psicologico Clinico alla Marquette University nel 2011.
Categorie: Altro

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità