Come Creare un Giardino

Scritto in collaborazione con: Steve Masley

Hai sempre desiderato un orto per mangiare verdure fresche tutti i giorni, oppure vorresti avere la possibilità di ammirare un giardino fiorito dalla finestra? Per un progetto del genere, le dimensioni del cortile non sono importanti, basterà progettare un angolo verde su misura, in base alle tue esigenze. Continua a leggere per scoprire come creare il giardino dei tuoi sogni.

Metodo 1 di 3:
Progettare il Giardino

  1. 1
    Stabilisci il tipo di giardino da coltivare. A quale scopo vuoi creare un angolo verde nel tuo cortile? Deve essere funzionale, in modo da produrre frutta e verdura per la tua famiglia e i vicini? Oppure preferisci un giardino ornamentale, per esaltare la bellezza della proprietà ed offrire uno scorcio meraviglioso ai passanti? Se non hai ancora le idee chiare, prendi in considerazione le seguenti possibilità:
    • In un orto puoi piantare peperoni, pomodori, cavoli, lattuga, patate, zucche, carote e tanti altri ortaggi. Praticamente, puoi coltivare qualsiasi cosa cresca nella zona in cui vivi.
    • Se crei un giardino, puoi fare in modo di avere una fioritura per tutto l'anno. Basta selezionare in modo strategico le piante da inserire. Alcuni giardini vengono progettati secondo un disegno ben preciso, con fiori e piante posizionate in schemi predefiniti; in alcuni casi, invece, si preferisce creare un angolo verde apparentemente più selvaggio e libero. Scegli le piante giuste in base allo stile che fa per te.
    • Un giardino di piante aromatiche spesso unisce la funzionalità dell'orto alla bellezza del giardino classico, difatti contiene piante dalle magnifiche fioriture che servono anche per arricchire le pietanze di casa con sapori particolari. Ad esempio, potresti piantare il rosmarino, il timo, l'aneto, il coriandolo e tantissime altre erbe aromatiche da essiccare o usare per le tisane.
    • In generale, l'orto è quello che ha le maggiori necessità di cura del terreno; i giardini di fiori ed erbe aromatiche non hanno bisogno della stessa attenzione.
  2. 2
    Decidi esattamente quali piante inserire nel giardino. Scopri le varietà che crescono bene nella tua regione. Fai una ricerca approfondita e stila una lista degli esemplari da acquistare.
    • Alcune piante non crescono bene in determinate zone. Se vivi in un posto con inverni miti e estati afose avrai problemi a coltivare piante che necessitano di periodi freddi per svilupparsi adeguatamente.
    • Se non hai a disposizione uno spazio enorme per creare il giardino, scegli piante dalle caratteristiche simili. Hanno bisogno dello stesso tipo di suolo e lo stesso tipo di esposizione? In caso contrario, suddividi lo spazio in base alle proprietà delle piante e alle loro esigenze, il che può rivelarsi alquanto difficile nei giardini più piccoli.
    • Visita un mercato ortofrutticolo o un garden in primavera. Potrai ricevere molte informazioni utili dai venditori e acquistare piante sane adatte all'area dove vivi.
    Steve Masley

    Steve Masley

    Specialista in Orti di Verdura Biologica
    Steve Masley si occupa della progettazione e della manutenzione di orti finalizzati alla produzione di verdure biologiche nella San Francisco Bay Area da oltre 30 anni. Nel 2007 e nel 2008 ha dato un corso di pratiche agricole sostenibili a livello locale sul campo all'Università di Stanford.
    Steve Masley
    Steve Masley
    Specialista in Orti di Verdura Biologica

    Considera la stagionalità. Secondo i proprietari di Grow it Organically, una ditta di giardinaggio in California: "Il momento migliore per creare un giardino è dopo l'ultima gelata in primavera. Di solito puoi trovare queste informazioni nelle tabelle agricole della tua regione. Se dove vivi c'è una lunga stagione calda, potresti essere in grado di piantare di nuovo in agosto o in settembre".

  3. 3
    Scegli il punto giusto. Osserva il cortile per decidere dove creare il giardino. Devi tener presente che la posizione deve essere sia funzionale allo scopo, sia adatta ai requisiti di coltivazione per ottenere delle piante forti e rigogliose.
    • Ricorda che la maggior parte delle piante richiedono un suolo ricco e ben drenato, indipendentemente dal tipo di giardino. Evita i punti in cui ci sono ristagni d'acqua dopo la pioggia: significa che il terreno è molliccio o argilloso, perciò non è adatto a molte coltivazioni.
    • La maggior parte degli ortaggi crescono meglio in pieno sole, perciò scegli un punto che non sia molto ombreggiato da alberi o edifici. I fiori invece sono più versatili, quindi se preferisci un'aiuola fiorita vicino casa, scegli delle varietà che crescono bene a mezz'ombra o in piena ombra.
    • Se il terreno non è di buona qualità, puoi preparare un'aiuola rialzata in cui coltivare i fiori o gli ortaggi. Prendi delle assi di legno con cui creare una cornice e riempila di terriccio.
    • Se non hai un cortile, non disperare. Puoi creare un piccolo giardino piantando fiori, erbe e alcuni ortaggi in ampi vasi da posizionare sul terrazzo. Spostali in base alla quantità di sole di cui hanno bisogno.
  4. 4
    Prepara il progetto per il giardino. Segna la posizione delle piante, tenendo presente le loro caratteristiche, perciò assicurati di posizionare a mezz'ombra quelle che non richiedono troppo sole e viceversa.
    • Considera lo spazio di cui ogni pianta ha bisogno, dal momento in cui viene interrata fino a quando si sarà completamente sviluppata. Assicurati che ogni esemplare si inserisca perfettamente nel giardino e abbia abbastanza spazio per crescere.
    • Non dimenticare che le piante hanno bisogno di essere interrate in diversi periodi dell'anno in base alla zona climatica. Ad esempio, se vivi in una regione con inverni miti ed estati calde, devi piantare i fiori prima rispetto a chi vive in una zona con inverni fredde ed estati brevi.
    • Se decidi di creare un orto, progettalo in modo che sia possibile attraversarlo senza calpestare le piante, così potrai avere cura degli ortaggi e raccoglierli senza problemi una volta giunti a maturazione. Sarebbe preferibile predisporre un sentiero proprio a questo scopo.
    • Fai appello al tuo senso estetico per progettare un giardino ornamentale. Abbina i colori dei fiori, posiziona le piante in modo da creare degli schemi che siano una delizia per gli occhi. In particolare, non dimenticare di considerare i periodi di fioritura, perciò coordina i vari esemplari in modo da avere sempre un giardino in fiore.
    • Considera anche il tuo stile di vita. Hai bambini o animali domestici che potrebbero scorrazzare nel giardino? C'è vicino un attacco dell'acqua? È sufficiente vicino (o lontano!) da casa tua?
    Advertisement

Metodo 2 di 3:
Preparativi per la Coltivazione

  1. 1
    Acquista tutto il necessario per prenderti cura del giardino. Avrai bisogno di molti attrezzi e materiali, ma la maggior parte di essi dureranno per diverse stagioni. Rivolgiti ad un negozio specializzato, oppure fai gli acquisti in un vivaio. In linea generale, ti servirà:
    • Semi o piantine. Puoi scegliere di creare il giardino partendo dai semi, oppure acquista delle piantine da interrare. Controlla la lista delle varietà che hai scelto e acquista il numero di semi o piante necessarie per dare vita al giardino.
    • Terriccio e concime. Se vuoi che le piante crescano rigogliose, puoi scegliere tra tanti tipi di fertilizzanti, come la farina d'ossa e la farina di sangue. Non dimenticare di acquistare un po' di terriccio che si rivela utile in molte occasioni, soprattutto per interrare piante che hanno bisogno di una maggiore protezione.
    • Pacciame o compost. Le piante appena germogliate hanno bisogno di essere protette da uno strato di pacciame o di compost, soprattutto in caso di temperature estreme e cattivo tempo. Puoi acquistarli già pronti oppure puoi prepararli in casa.
    • Attrezzi per dissodare il terreno. Se hai intenzione di creare un giardino piuttosto grande, ti conviene acquistare o affittare un dissodatore, ossia un attrezzo dotato di una ruota che smuove il terreno, rendendolo più soffice e adatto alla coltivazione. Per le zone più piccole è sufficiente un rastrello e una pala.
    • Una pala e una vanga. Questi attrezzi sono fondamentali per scavare senza fatica delle buche della giusta grandezza per piantare i semi o i germogli.
    • Una pompa da giardino. Procurati una pompa per innaffiare a pioggia o con un getto diretto, in base alle necessità.
    • Materiale per la recinzione. Se devi creare un orto, devi costruire anche una recinzione per tenere lontani i conigli, gli scoiattoli e gli animali dei vicini che mangerebbero i tuoi ortaggi.
  2. 2
    Prepara il terreno. Usa un dissodatore o un rastrello per lavorare la terra fino ad una profondità di 30 centimetri, assicurandoti di rompere le zolle più grandi. Togli le pietre, le radici e tutti gli altri oggetti solidi che trovi, poi concima il terreno per prepararlo per la semina.
    • La qualità del terreno influisce sulla salute delle piante. Puoi acquistare un kit per analizzare il terreno e scoprirne le caratteristiche, come la quantità di materia organica, di nutrienti e il pH. In base ai risultati potrai decidere quanto concime usare e quali sostanze aggiungere.
    • Quando usi il concime, segui le indicazioni presenti sulla confezione e non esagerare con le quantità. Un eccesso di concime può rivelarsi tossico per le piante. Ricorda che non tutte le piante hanno bisogno di un suolo molto fertile; alcune crescono meglio in un terreno povero, perciò informati sempre sulle caratteristiche delle piante che scegli.
    • Se l'analisi del terreno rivela un pH acido, aggiungi del calcare per aumentare il pH. Nel caso in cui il terreno fosse alcalino, puoi aggiungere farina di semi di cotone, zolfo, corteccia di pino, compost o aghi di pino per renderlo più acido.
    Advertisement

Metodo 3 di 3:
Curare il Giardino

  1. 1
    Interra i semi o le piantine in base al progetto. Usa la vanga per creare le buche distanziandole di qualche centimetro, oppure segui lei istruzioni indicate sulle confezioni degli esemplari acquistati. Assicurati che le buche siano della grandezza giusta. Sistema i semi o le piante nelle buche e ricopri tutto con il terriccio. Comprimi delicatamente il terreno per assestarlo.
  2. 2
    Aggiungi il concime se necessario. Alcune piante hanno bisogno della concimazione dopo essere state interrate e la quantità di concime necessario può variare, perciò fai attenzione.
  3. 3
    Aggiungi il compost, il pacciame o altro terriccio se necessario. Alcuni tipi di piante richiedono uno strato sottile di compost, di pacciame o di terriccio come ulteriore protezione durante la germinazione o subito dopo la germogliazione. Spargi il materiale a mano, oppure utilizza lo strumento apposito per le zone più ampie.
    • Alcuni tipi di compost o pacciame non sono adatti a determinate piante. Esegui una ricerca approfondita per essere certo di usare la copertura giusta.
    • Uno strato troppo spesso rischia di intralciare la crescita, perciò fai attenzione ad impiegare la quantità giusta per la pianta.
  4. 4
    Innaffia il giardino. Quando hai finito di piantare e trattare il terreno, innaffia la zona a pioggia. Nelle prime settimane, ripeti le innaffiature ogni giorno, variando la quantità d'acqua in base alle diverse zone del giardino e alle esigenze delle piante.
    • Se bagni troppo il terreno rischi di rovinare i semi, impedendo la germogliazione. Non innaffiare eccessivamente, formando addirittura dei torrenti per tutto il giardino.
    • Non lasciare mai che il terreno si asciughi completamente. Un'innaffiatura al giorno dovrebbe essere sufficiente, ma puoi innaffiare a pioggia più di una volta per mantenere il suolo umido.
    • Quando le piante saranno germogliate, innaffia al mattino presto anziché di sera. L'acqua che resta sulle foglie e sulle gemme per tutta la notte può favorire lo sviluppo di muffe e altre malattie delle piante.
    • Dopo qualche settimana, riduci la frequenza con cui innaffi le tue piante. Abbevera le piante in maniera profonda solo un paio di volte a settimana, o quando pensi che ce ne sia bisogno.
  5. 5
    Estirpa le erbacce dal giardino. Le erbacce rubano nutrienti al terreno e, di conseguenza, agli ortaggi o ai fiori. Fallo più volte a settimana per essere certo che le tue piantine ricevano tutti i nutrienti di cui hanno bisogno. Fai attenzione a non strappare le piante del giardino appena germogliate!
    • Puoi aiutarti con una zappa o un rastrello per rimuovere le erbacce prima che diventino troppo grandi. Passa l'attrezzo sul terreno e tira via le erbacce.
  6. 6
    Se preferisci puoi costruire una piccola recinzione. Se noti degli animaletti nei paraggi, come conigli, scoiattoli, roditori o arvicole, è consigliabile erigere un recinto intorno al giardino per proteggerlo. Deve essere alto almeno un metro per tenere al sicuro le tue piante da questi piccoli animali.
    Advertisement

Consigli

  • Anche se non puoi fare l'analisi del terreno, osserva le erbacce che crescono in quella zona per carpire delle informazioni sul terreno. I ranuncoli prediligono un suolo molto fertile. Se non ci sono molte erbacce, è probabile che non sia una zona molto florida. Nel caso in cui le erbacce avessero un aspetto malsano, la terra potrebbe presentare una carenza di nutrienti. La digitaria, la piantaggine, l'acetosa e l'equiseto preferiscono un suolo acido, mentre la camomilla e il farinello prediligono un terreno alcalino.
  • Per stabilire la capacità drenante del terreno puoi utilizzare questo semplice metodo. Per prima cosa, scava delle buche profonde circa 30 cm e larghe 60 cm, poi riempile d'acqua. Se per asciugarsi impiegano da 1 a 12 minuti, significa che il suolo ha un ottimo drenaggio e si asciuga facilmente. Se si svuotano nel giro di 12 o 30 minuti, il terreno ha un buon drenaggio, ma se impiegano dai 30 minuti alle 4 ore, la zona presenta un drenaggio mediocre ed è più adatto a piante che amano un suolo umido. Se le buche impiegano addirittura più di 4 ore per asciugarsi, probabilmente quella zona non sarà adatta alla coltivazione finché non modificherai la composizione del terreno.
Advertisement

Avvertenze

  • Annaffia sempre il giardino se il terriccio sembra troppo asciutto. Non lasciare che le piante appassiscano, ma non esagerare con le annaffiature perché anche troppa acqua può ucciderle.
Advertisement

Cose che ti Serviranno

  • Semi o piantine
  • Terriccio
  • Compost o pacciame
  • Pompa da giardino
  • Dissodatore o rastrello
  • Pala
  • Vanga
  • Concime
  • Materiale per la recinzione

Informazioni su questo wikiHow

Specialista in Orti di Verdura Biologica
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Steve Masley. Steve Masley si occupa della progettazione e della manutenzione di orti finalizzati alla produzione di verdure biologiche nella San Francisco Bay Area da oltre 30 anni. Nel 2007 e nel 2008 ha dato un corso di pratiche agricole sostenibili a livello locale sul campo all'Università di Stanford.
Categorie: Giardinaggio

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement