Come Creare un Virus

Hai mai desiderato di poter creare un virus tutto tuo con il solo scopo di apprendere nuovi concetti o semplicemente per fare uno scherzo a qualcuno? Il processo di creazione di un virus non è un gioco, richiede tempo e un'ampia preparazione tecnica, ma realizzarlo è comunque alla portata di tutti coloro che decideranno di intraprendere questo progetto con impegno e concentrazione. Il processo che sta alla base della creazione di un virus è in grado di insegnare molto riguardo a come funzionano i linguaggi di programmazione, i sistemi operativi e i protocolli di sicurezza delle reti informatiche. Prosegui nella lettura per scoprire come fare.

Passaggi

  1. 1
    Determina quale sarà il sistema operativo che andrai ad attaccare. L'obiettivo più amato dagli hacker è indubbiamente il sistema operativo Windows prodotto da Microsoft, soprattutto le versioni più datate. La maggior parte degli utenti che adotta versioni di Windows datate non aggiorna i propri computer con le patch di sicurezza che Microsoft rilascia regolarmente, lasciandoli così esposti alle vulnerabilità che vengono individuate dagli utenti e dagli hacker. Tali problemi vengono corretti automaticamente nelle nuove versioni di Windows.
    • Sia i Mac sia i sistemi Linux sono molto meno esposti ai virus informatici grazie al modo in cui funziona il loro complesso di autorizzazioni e all'architettura dell'intero sistema operativo. Le statistiche indicano che il 95% di tutti i virus che vengono prodotti hanno come obiettivo computer che usano il sistema operativo Windows.
  2. 2
    Decidi come diffondere il tuo virus. Il significato intrinseco della parola “virus” fa riferimento a qualcosa che si diffonde autonomamente. Perché il tuo programma possa rientrare in questa categoria dovrai scegliere uno dei tanti metodi di diffusione e dovrai farlo prima di iniziare a scrivere il codice, dato che è uno degli aspetti base del processo di creazione di quest'ultimo. Ecco un breve elenco dei metodi più utilizzati per diffondere un virus:
    • File eseguibili (.EXE, .BAT, .COM, eccetera): i programmi di questo tipo necessitano dell'azione diretta dell'utente per essere eseguiti e spesso vengono camuffati sotto forma di altri elementi, per esempio un'innocua immagine.
    • Macro (Microsoft Office): le macro sono programmi a tutti gli effetti, che possono essere inseriti all'interno di documenti e messaggi email. Questi strumenti hanno come obiettivo Word, Outlook e tutti i prodotti che utilizzano le macro. Il metodo più usato per diffondere questo tipo di virus è la posta elettronica sotto forma di allegati di un'email.
    • Script web: si tratta di codice maligno che viene inserito direttamente all'interno di una pagina web senza che il proprietario lo sappia.[1]
  3. 3
    Scegli quale vulnerabilità del sistema operativo usare come obiettivo. I virus più famosi sono basati su vulnerabilità note di un determinato programma o del sistema operativo stesso, che sfruttano per poter eseguire le azioni per cui sono stati creati. Questo punto dello sviluppo di un virus richiede una notevole quantità di tempo e conoscenze tecniche, dato che occorre effettuare test e ricerche per scoprire una nuova vulnerabilità. Tuttavia esistono comunità di utenti sparse nel web che possono esserti di aiuto per affrontare questo problema.
  4. 4
    Determina che cosa farà il tuo virus. Una volta che il programma sarà riuscito a infettare il sistema e a prenderne il controllo, che cosa vuoi che faccia? In questo caso lo spettro delle possibilità è amplissimo e può andare dal non fare nulla fino alla cancellazione dei dati che il computer contiene o peggio. Ricorda che nella maggior parte dei Paesi del mondo creare e diffondere un virus informatico è un crimine molto grave.
  5. 5
    Scegli il linguaggio di programmazione da usare per scrivere il codice del virus. Per poter eseguire questo passaggio occorre avere una preparazione tecnica di base e la conoscenza di almeno un linguaggio di programmazione o di uno strumento per la creazione di script. I virus più complessi spesso comportano l'utilizzo (e la conoscenza approfondita) di più linguaggi di programmazione. Per poter creare un virus realmente efficace dovrai conoscere molto bene i linguaggi "assembly".
    • Se vuoi creare un virus basato su un file eseguibile, un ottimo punto di partenza è rappresentato dai linguaggi C o C++.
    • Se vuoi sfruttare le macro dovrai imparare a usare il linguaggio di programmazione relativo al prodotto software a cui fa riferimento il tuo virus, per esempio Microsoft Office.
    • Il linguaggio di programmazione Visual Basic può essere utilizzato per creare virus destinati a sistemi Windows.
  6. 6
    Inizia a scrivere il codice del tuo virus. È un lungo processo di sviluppo, soprattutto nel caso in cui si tratti della tua prima esperienza nel mondo della programmazione. In questo caso il segreto è sperimentare il più possibile per imparare e studiare il metodo corretto, basato sul linguaggio di programmazione in uso, per replicare il codice. Online sono presenti forum e blog che forniscono tutorial su moltissimi linguaggi di programmazione.
    • Impara a creare un codice polimorfico. Questo aspetto è fondamentale per fare in modo che il codice venga modificato automaticamente ogni volta che il virus si replicherà durante la fase di propagazione, rendendo più difficile il compito dei software antivirus. Creare un codice basato sul polimorfismo è una tecnica avanzata e la relativa implementazione varia in base al linguaggio scelto.
  7. 7
    Studia un modo per nascondere il tuo virus. Oltre al polimorfismo esistono altri metodi che permettono di occultare un virus. La crittografia è uno dei metodi più usati da chi sviluppa virus informatici. Per padroneggiare questa tecnica è necessaria molta pratica e molto studio, ma è un ottimo metodo per allungare la vita di un virus.
  8. 8
    Testa il tuo virus. Dopo aver creato un prototipo funzionante e stabile del programma testalo utilizzando il maggior numero di macchine e configurazioni possibili. Se hai la possibilità di utilizzare delle macchine virtuali con configurazioni diverse fra loro, questo passaggio risulterà molto più semplice.
    • Assicurati che le macchine su cui eseguirai i test non siano connesse in rete, per evitare di rilasciare il virus prima che sia completo. Colloca le macchine di test in una rete locale isolata per poter controllare la diffusione e gli effetti del virus.
    • Modifica il codice che hai scritto in base ai risultati ottenuti dai test. Correggi tutti i problemi e i bug che hai riscontrato durante le prove.
  9. 9
    Diffondi il virus. Quando sei soddisfatto delle prestazioni ottenute dal tuo programma, è giunto il momento di rilasciarlo in rete. Prima di farlo veramente dovresti chiedere a te stesso se sei preparato ad affrontare tutte le conseguenze di un'azione del genere. Potrebbe essere più vantaggioso sfruttare tutte le conoscenze acquisite e l'esperienza maturata durante il processo di creazione del virus per sviluppare un nuovo progetto.[2]
    Pubblicità

Avvertenze

  • Creare e diffondere codice maligno è un'attività illegale. Questo articolo è stato creato solo per scopo didattico.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 44 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Programmazione

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità