Come Cucinare il Ginataang Bilo Bilo

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Il ginataang bilo bilo è un noto dessert filippino che viene preparato con polpette di riso glutinoso e latte di cocco. In genere contiene sago e giaco, ma le versioni più elaborate contengono anche patate dolci e platani. Questo dolce viene solitamente servito di pomeriggio e può essere gustato caldo o freddo.

Ingredienti

  • 20-25 polpette di riso glutinoso (bilo bilo)
  • 500 ml di acqua
  • 2 lattine di latte di cocco
  • 170 g di zucchero semolato
  • 270 g di sago cotto
  • 230 g di giaco tagliato a fette
  • 1 patata dolce grande sbucciata e tagliata a cubetti (facoltativa)
  • 2 banane da cottura o platani sbucciati e tagliati a cubetti (facoltativi)

Per le polpette di riso

  • 300 g di farina di riso glutinoso
  • 250 ml di acqua

Per cucinare il sago

  • 230 g di sago crudo
  • 1,5 l di acqua

Dosi per 6 porzioni

Parte 1 di 3:
Preparare le Polpette di Riso

  1. 1
    Mescola la farina di riso glutinoso e l'acqua fino a ottenere un impasto. In una ciotola versa 300 g di farina di riso glutinoso e aggiungi 250 ml di acqua. Mescola il tutto con una forchetta, quindi rovescia il composto su una superficie piana e impastalo per qualche minuto [1].
    • Assicurati di usare della farina di riso glutinoso anziché normale, altrimenti le polpette di riso non acquisiranno la consistenza giusta, che dovrebbe essere leggermente gommosa.
    • Nonostante il nome, la farina di riso glutinoso non contiene alcuna traccia di glutine [2].
  2. 2
    Modifica la consistenza dell'impasto qualora fosse necessario. L'impasto dovrebbe risultare ben compatto, ma al tempo stesso elastico. Se è eccessivamente appiccicoso, aggiungi una manciata di farina di riso glutinoso. Se è troppo secco, aggiungi dell'acqua. Impasta ogni volta che aggiungi farina o acqua [3].
  3. 3
    Aggiungi del colorante alimentare all'impasto, se lo desideri. Non è affatto obbligatorio, ma può dare quel tocco in più al dessert. Non devi fare altro che aggiungere 1 o 2 gocce di colorante alimentare al composto e impastarlo fino a ottenere una colorazione uniforme [4].
    • Aggiungi più gocce di colorante alimentare fino a ottenere la tonalità desiderata. Il rosa, il viola pastello, il verde pallido e l'arancione chiaro sono fra le colorazioni più usate.
    • Per ottenere più colori, prima dividi l'impasto in diverse parti e colorale separatamente.
  4. 4
    Modella l'impasto per ottenere delle polpette. Stacca un pezzetto di impasto (più o meno mezzo cucchiaio) con le dita. Arrotolalo fra i palmi fino a ottenere una pallina liscia, quindi mettila da parte su una teglia rivestita di carta cerata. Ripeti il procedimento fino a ottenere dalle 20 alle 25 polpette circa [5].
  5. 5
    Copri le polpette con un panno sottile. Metti la teglia in un posto tranquillo, in modo da non colpirla accidentalmente mentre prepari il resto della ricetta. L'ideale sarebbe lasciarla sul bancone della cucina a temperatura ambiente.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Cuocere il Sago

  1. 1
    Versa le perle di sago in una pentola di acqua bollente. Per iniziare, versa circa 1,5 l di acqua in una casseruola di dimensioni medie e portala a ebollizione. Poi, aggiungi 230 g di sago crudo. Puoi usare le perle grosse o piccole [6].
    • Se hai cotto il sago in precedenza o ne hai comprato una variante già pronta, clicca qui per continuare.
    • Incorpora lentamente il sago per evitare che l'acqua trabocchi.
  2. 2
    Cuoci il sago a fiamma media dai 10 ai 12 minuti. Riporta l'acqua a ebollizione, quindi metti un coperchio sulla pentola coprendola parzialmente. Lascia cuocere il sago dai 10 ai 12 minuti. A fine cottura le perle avranno una colorazione biancastra e rimarranno leggermente crude. Questo non è un problema, in quanto la cottura va ultimata in un secondo momento [7].
    • Lascia il coperchio semiaperto per evitare che si disperda il vapore.
  3. 3
    Spegni il fuoco e aspetta per 30 minuti. In alternativa, togli la pentola dal fuoco e mettila da parte. Lascia il coperchio sulla pentola mentre la fai riposare per 30 minuti. In questo frangente il vapore che è rimasto intrappolato al suo interno porterà a termine la cottura del sago [8].
    • Le perle di sago più grosse a questo punto ancora non si saranno cotte del tutto. Non preoccuparti: potrai rimediare con il passaggio successivo.
  4. 4
    Risciacqua il sago e ripeti l'operazione, se necessario. Versa le perle in un colino, quindi risciacquale sotto l'acqua corrente. Dovrebbero apparire semitrasparenti. Se così non fosse, cuocile nuovamente dopo aver cambiato l'acqua della pentola. Assicurati di risciacquare le perle anche dopo la seconda cottura [9].
    • Le perle di sago piccole richiedono in genere una sola cottura, mentre quelle grosse vanno cotte 2 volte.
    • Dopo la cottura le perle possono essere risciacquate diverse volte. In questo modo rimuoverai l'amido in eccesso, che può addensare il dessert alla fine della procedura .
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Terminare la Preparazione del Ginataang Bilo Bilo

  1. 1
    Porta a ebollizione l'acqua, il latte di cocco e lo zucchero. Prendi una casseruola di dimensioni medie e versaci 500 ml di acqua. Aggiungi 2 lattine di latte di cocco e 170 g di zucchero. Mescola il tutto e porta a ebollizione a fiamma media [10].
  2. 2
    Aggiungi la patata dolce e le banane da cottura, quindi cuoci dagli 8 ai 10 minuti. Per iniziare sbuccia e taglia la patata dolce, poi mettila nella pentola e cuocila per 5 minuti rimescolando di tanto in tanto. Successivamente sbuccia le banane da cottura e tagliale a fette prima di metterle nella pentola. Cuoci il dessert per altri 3-5 minuti [11].
    • Escludi la patata dolce e le banane da cottura per preparare una versione più semplice e cuoci il dessert dagli 8 ai 10 minuti [12].
  3. 3
    Aggiungi le polpette di riso e fai sobbollire il dessert dai 5 agli 8 minuti. Inserisci delicatamente una polpetta alla volta collocandola in fondo alla pentola. Aiutati con un cucchiaio o un mestolo. Lascia sobbollire il dolce fino a quando le polpette di riso non si saranno cotte bene e non inizieranno a galleggiare. Ci vorranno dai 5 agli 8 minuti circa [13].
    • Rimescola di tanto in tanto durante la cottura per mantenere gli ingredienti in movimento ed evitare che si attacchino sul fondo.
    • Se le polpette non dovessero affiorare in superficie, continua a cuocerle e a rimescolarle fino a quando non inizieranno a galleggiare.
  4. 4
    Per finire aggiungi il giaco e il sago, quindi cuoci per altri 3-5 minuti. Sbuccia il giaco e taglialo a fette prima di aggiungerlo al dolce. Incorpora il sago cotto e fai sobbollire per altri 3-5 minuti. Il dolce sarà pronto quando la patata dolce, le banane da cottura e il giaco saranno diventati morbidi e ben cotti.
    • Se non riesci a procurarti del giaco fresco, puoi sostituirlo con quello in scatola. Dovresti usarne una da 600 g circa [14].
  5. 5
    Trasferisci il dolce in una ciotola e servilo. Puoi servirlo finché è caldo o aspettare che si raffreddi. In questo caso, lascialo raffreddare a temperatura ambiente e poi mettilo in frigo per qualche ora o fino a quando non avrà raggiunto la temperatura desiderata.
    • È preferibile che il ginataang bilo bilo venga servito fresco. È possibile tenerlo in frigo per 2 o 3 giorni, ma considera che perderà la sua consistenza originale. Non si consiglia di riscaldarlo [15].
    Pubblicità

Consigli

  • Oltre alla patata dolce (o per sostituirla) puoi usare l'igname viola per modificare la ricetta. Il dolce diventerà così viola [16]!
  • Puoi utilizzare le banane saba, ma assicurati di scegliere quelle morbide e ben mature. Se sono troppo compatte, allora sono acerbe [17].
  • Aggiungi un pizzico di noce moscata o un cucchiaino di estratto di vaniglia per insaporire ancora di più il dolce. Questi ingredienti vanno incorporati verso la fine della cottura.
  • Se il dolce dovesse addensarsi troppo, diluiscilo con acqua o latte di cocco [18].
  • Le perle di sago possono essere sostituite con quelle di tapioca.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Casseruola
  • Colino
  • Ciotola
  • Forchetta
  • Cucchiaio
  • Teglia da forno
  • Carta cerata
  • Panno sottile o strofinaccio

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità