Come Cucinare un Tacchino

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Cuocere un tacchino, grande o piccolo, è molto più semplice di quanto tu possa pensare. L'aspetto importante è saperlo preparare in modo appropriato e assicurarsi che la carne non si asciughi mentre cuoce. Scegli il tacchino adatto alle tue esigenze, insaporiscilo a piacere, farcisci la cavità interna (se lo desideri) e cuocilo in forno finché non risulta morbido e succulento all'interno e dorato all'esterno.

Parte 1 di 4:
Scegliere e Preparare il Tacchino

  1. 1
    Seleziona un tacchino di buona qualità. Vale la pena investire in un prodotto di qualità se te lo puoi permettere. Se il tacchino è stato trattato con i conservanti o è rimasto nel congelatore o esposto in vetrina per lungo tempo, il gusto e la freschezza della carne ne risentiranno.[1] Ricordatelo quando è il momento di sceglierlo.[2]
    • Se possibile, acquista il tacchino dal macellaio anziché comprarlo confezionato al supermercato, perché tendenzialmente la carne in vendita dal macellaio è più fresca.
    • I tacchini allevati all'aperto sono più costosi – ma anche più saporiti – rispetto a quelli allevati al chiuso.
    • I tacchini che sono stati trattati con la salamoia possono essere molto umidi e salati. Il fatto che la carne sia umida può essere un vantaggio, ma il sapore può risultare leggermente artefatto.
    • Anche ai tacchini preparati seguendo le regole della cucina kosher viene aggiunto il sale, quindi la carne avrà un gusto meno naturale rispetto agli altri.
  2. 2
    Scegli un tacchino delle dimensioni appropriate alle tue esigenze. Conteggia il numero di commensali e calcola circa mezzo chilo di carne per persona.[3] In termini pratici con un tacchino piccolo del peso di circa 5-6 kg puoi saziare fino a 14 persone, con un tacchino medio che pesa circa 7-8 kg puoi servire fino a 17 persone, mentre un tacchino grande del peso di 8-10 kg può riuscire a soddisfare fino a 21 commensali.
    • Se desideri che avanzi della carne per utilizzarla nei pasti successivi, compra un tacchino più grande rispetto alle tue reali necessità.
  3. 3
    Lascia scongelare il tacchino, se occorre. Se l'hai acquistato congelato, è essenziale tirarlo fuori dal congelatore in anticipo e lasciarlo scongelare completamente prima di cuocerlo. Il sistema più sicuro è quello di metterlo nella parte bassa del frigorifero senza estrarlo dalla sua confezione originale. Perché si scongeli correttamente servono 24 ore ogni 2 kg di peso.[4]
    • Per scongelare il tacchino in modo più rapido, mettilo ancora confezionato nel lavandino e sommergilo di acqua fredda. In questo caso serviranno circa 30 minuti ogni 450 g di peso. Per questioni igieniche dovrai cambiare l'acqua ogni mezz'ora e cuocere il tacchino non appena è scongelato.
    • Se hai a disposizione solo pochissimo tempo, puoi provare a estrarre il tacchino dalla confezione e scongelarlo usando la funzione defrost del microonde (se ci entra). Mettilo su un ampio piatto adatto al forno a microonde e calcola circa 6 minuti ogni 450 g di peso.

    Lo sapevi? Cuocere un tacchino ancora congelato in modo sicuro è possibile, ma ci vorrà il 50% del tempo in più.

  4. 4
    Se occorre, svuota la cavità del tacchino dalle interiora. Prima di cuocerlo, rimuovi gli organi interni dalla cavità addominale del volatile. Potrebbero essere contenuti in un sacchetto e potrai decidere se usarli nel ripieno o conservarli per preparare per esempio una zuppa o se invece preferisci gettarli via. La cavità potrebbe contenere anche il collo del tacchino; anche in questo caso potrai scegliere di usarlo, conservarlo o gettarlo via.[5]
    • Il macellaio potrebbe aver riposto le interiora all'interno della cavità addominale oppure sotto un lembo di pelle sul lato frontale del volatile.
  5. 5
    Risciacqua il tacchino con acqua fredda solo se la carne è stata trattata con la salamoia per insaporirla. In tal caso risciacqua rapidamente la cavità addominale con acqua corrente fredda per rimuovere la salamoia in eccesso. Posiziona la teglia accanto al lavandino per non dover trasportare la carne gocciolante da un lato all'altro della cucina.[6] Tampona il volatile con la carta assorbente per asciugare la pelle in modo che in forno diventi dorata e croccante.[7]
    • Nota: anche gli esperti raccomandano di non risciacquare il tacchino prima di cuocerlo a meno che non sia stato trattato con la salamoia. Risciacquare la carne non serve e inoltre può causare la propagazione dei batteri sulle superfici della cucina.
    • Lava il lavandino con acqua calda e sapone prima e dopo aver risciacquato il tacchino, inoltre stendi dei fogli di carta da cucina sulle superfici circostanti per proteggerle dai germi.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Farcire e Insaporire il Tacchino

  1. 1
    Metti il tacchino a bagno in una salamoia, se lo desideri. Puoi insaporire la carne con una salamoia preparata con acqua, sale, spezie ed erbe aromatiche. Questo processo serve a rendere la carne più saporita e succulenta e a evitare che si secchi durante la cottura. Se lo desideri, metti il tacchino in una grossa pentola e sommergilo completamente con la salamoia, quindi lascialo marinare in frigorifero per 12-24 ore prima di cuocerlo.[8]
    • Prima di cuocere il tacchino dovrai risciacquarlo dalla salamoia e tamponarlo con la carta da cucina per asciugarlo.
    • Gli chef hanno opinioni discordanti riguardo alla necessità di marinare il tacchino con la salamoia. Se vuoi che la carne sia molto saporita, può essere la scelta giusta per te; se invece preferisci evitare di assumere troppo sale, salta questo passaggio.
    • Salta il passaggio se il tacchino è stato trattato con la salamoia dal macellaio o se è stato preparato seguendo le regole della cucina kosher, altrimenti la carne risulterà eccessivamente salata.
    • Prepara una salamoia semplice sciogliendo 250 g di sale marino in 4 l di acqua calda, dopodiché personalizzala a piacere, per esempio con foglie di alloro, pepe in grani, chiodi di garofano, pimento o scorza di limone.
  2. 2
    Prepara il ripieno per il tacchino. Puoi prepararlo da zero e personalizzarlo a tuo gusto o acquistarlo già pronto per risparmiare tempo. Assicurati di preparare o acquistare la quantità che serve in base alle dimensioni del volatile.[9]
    • Come regola generale serviranno circa 150-200 g di ripieno ogni 500 g di carne.
  3. 3
    Farcisci il tacchino (facoltativo). Lascia raffreddare il ripieno per poterlo maneggiare senza scottarti e riempi la cavità del collo senza pressare troppo. Piega la pelle circostante in modo che trattenga il ripieno e, se occorre, fissala con uno spiedo in metallo. Prendi un cucchiaio e riempi la cavità addominale con il resto del ripieno senza pressare troppo, infine lega le zampe con lo spago da cucina.[10]
    • Come alternativa puoi cuocere il ripieno a parte anziché usarlo per farcire il tacchino.

    Suggerimento: farcire il tacchino è facoltativo; alcuni chef preferiscono evitarlo perché ritengono che altrimenti la carne cuocia più lentamente e in modo non uniforme.[11]

  4. 4
    Massaggia la carne con l'olio di oliva e insaporiscila a piacere con le spezie. Una volta aggiunto il ripieno (o quando è pronto per essere cotto separatamente), massaggia la pelle del tacchino con l'olio extravergine di oliva o il burro fuso chiarificato per aiutarla a trattenere l'umidità. Se lo desideri, cospargila anche con sale e pepe per insaporirla.[12]
    • Non aggiungere il sale se il tacchino è già stato insaporito con la salamoia.
    • Puoi provare a usare altri aromi, come aglio in polvere, salvia o rosmarino.
    • Per un successo assicurato puoi cospargere il tacchino con burro alla salvia.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Cuocere il Tacchino

  1. 1
    Accendi il forno a 165 °C e lascialo scaldare. Cuocere il tacchino a una temperatura bassa e uniforme assicura che la carne risulti tenera e saporita.[13] La teglia va posizionata nella parte più bassa del forno per lasciare ampio spazio al tacchino.[14]
    • Alcuni chef consigliano di iniziare la cottura a 220 °C e ridurre la temperatura dopo mezz'ora. Questo metodo consente di accelerare la cottura di circa 30-90 minuti, ma è fondamentale ricordarsi di ridurre il calore del forno nella seconda fase.
  2. 2
    Prepara la carta stagnola con cui rivestirai il tacchino. Usane 2 fogli e posizionali sulla teglia, uno in orizzontale e uno in verticale. Dovrai usarli per avvolgere completamente il tacchino, quindi assicurati che siano abbastanza lunghi.[15] La copertura di stagnola intrappolerà l'umidità rilasciata dalla carne durante la cottura ed eviterà che la pelle si bruci.
    • Alcuni chef consigliano di posizionare la copertura di stagnola solo a 2/3 della cottura, per dare il tempo alla pelle di diventare croccante senza correre il rischio di bruciarla.[16]
  3. 3
    Determina il tempo di cottura in base al peso del tacchino. Calcola 20 minuti ogni 450 g di peso se il tacchino non è farcito.[17] Se hai aggiunto il ripieno, aggiungi 15 minuti al tempo di cottura totale.[18]

    Precauzioni di sicurezza: anche calcolando il tempo di cottura in base al peso del tacchino è necessario controllare che la carne sia cotta prima di servirla. Assicurati che sia sicura da mangiare usando un termometro per carni, infilzalo nella carne e nel ripieno e verifica che entrambi abbiano raggiunto la temperatura di 74 °C prima di servire il tacchino.

  4. 4
    Posiziona il tacchino al centro della teglia e mettilo nel forno. Quando il forno è caldo, trasferisci il tacchino nella teglia e coprilo con la carta stagnola. Se è possibile, infornalo con le zampe rivolte verso il lato posteriore del forno, dove la temperatura è più alta, dato che cuociono più lentamente rispetto al petto.[19]
    • Durante la cottura la carne rilascerà molti liquidi, in special modo se è stata marinata con la salamoia. Se non hai usato la salamoia e temi che risulti asciutta, puoi versare mezzo litro di brodo sul fondo della teglia per mantenerla umida.[20]
  5. 5
    Irrora la carne con i suoi liquidi ogni 30 minuti. Apri il forno, scopri con attenzione il tacchino e irroralo con i succhi della carne o il brodo presenti sul fondo della teglia usando un cucchiaio o una pipetta per carni e arrosti.[21] Questo passaggio contribuisce a rendere la pelle del tacchino uniformemente dorata.[22]
    • Se la quantità di succhi è insufficiente puoi versare del brodo sul fondo della teglia.
  6. 6
    Rimuovi la copertura di stagnola durante gli ultimi 30-45 minuti di cottura. Scopri il petto e le cosce del tacchino in modo che la pelle possa diventare dorata e croccante.[23]
    • Lascia coperte le cosce e la parte finale delle ali per evitare che si brucino.
    • Se noti che in alcuni punti la pelle si sta scurendo troppo velocemente, prova a girare la teglia per favorire una distribuzione più uniforme del calore.
  7. 7
    Assicurati che la carne sia cotta utilizzando un termometro per carni. Allo scadere del tempo di cottura, controlla che la carne sia effettivamente cotta usando un termometro per carni. Inseriscilo in una delle cosce e verifica che la carne abbia raggiunto la temperatura di 74 °C.[24]
    • Il tacchino potrebbe essere pronto prima del previsto, quindi inizia a controllare la temperatura quando è trascorsa metà del tempo di cottura.
    • Se, allo scadere del tempo di cottura, la carne non ha ancora raggiunto la temperatura richiesta, imposta altri 20 minuti sul timer e poi controlla di nuovo.
    • Non dimenticare di controllare anche la temperatura del ripieno.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Servire il Tacchino

  1. 1
    Una volta pronto, lascia riposare il tacchino per 30 minuti. Inclina la teglia in modo che i succhi si accumulino su un lato, quindi solleva il tacchino e trasferiscilo su un ampio tagliere, senza rimuovere la stagnola che copre le cosce e le ali. Copri con la carta anche il resto del tacchino e lascialo riposare per 30 minuti. In questo lasso di tempo i succhi si ridistribuiranno all'interno della carne, rendendola tenera e succulenta.[25]
    • Mentre la carne riposa, prepara la salsa gravy usando i suoi succhi.
    • Se il tacchino è farcito, rimuovi il ripieno dalla cavità addominale con un cucchiaio e trasferiscilo in un piatto da portata.
  2. 2
    Taglia il tacchino dopo averlo lasciato riposare. La tecnica è la stessa che usi per tagliare il pollo: prendi un coltello affilato, stacca le zampe, le cosce e le ali, dopodiché affetta il petto. Mantieni le diverse parti separate e servile in un piatto da portata.[26]
    • Non dimenticare di portare in tavola il cosiddetto "osso del desiderio", come da tradizione americana, per avere la possibilità di esprimere un desiderio.
    • Se hai legato le zampe del tacchino con lo spago, rimuovilo prima di iniziare a tagliare la carne.
  3. 3
    Conserva gli avanzi in frigorifero o nel congelatore. Potrai usarli per preparare un panino o per arricchire una zuppa o uno stufato. Puoi conservare la carne avanzata in frigorifero per 2-3 giorni oppure nel congelatore fino a 3 mesi.[27]
    • Trasferisci la carne avanzata in un contenitore ermetico. Se intendi congelarla, puoi usare un sacchetto per alimenti.

    Suggerimento: riscalda solo la porzione di carne che intendi mangiare, perché riscaldandola ripetutamente rischi che si secchi e perda sapore.

    Pubblicità

Consigli

  • Il tacchino è ottimo anche fritto.
Pubblicità

Avvertenze

  • Il metodo migliore per uccidere i germi è quello di attendere che la carne abbia raggiunto i 74 °C. risciacquarla prima della cottura non serve, se non per rimuovere la salamoia in eccesso. Il rischio è di diffondere i germi nel lavandino e sulle superfici di lavoro circostanti esponendoti a una possibile intossicazione alimentare. [28]
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Sommario dell'Articolo

Prima di cuocere un tacchino, fallo scongelare completamente nel frigorifero se è il caso. Quindi, una volta scongelato, svuota tutto ciò che si trova nell’addome e riempilo con la farcitura che desideri. Fatto ciò, spennella un po’ di olio o del burro sul tacchino e lascialo insaporire. Dopodiché, metti il tacchino in una teglia, coprilo con un foglio di alluminio e mettilo in forno a 160 °C. Cuocilo per 20 minuti per ogni 500 grammi di carne oppure per 35 minuti per ogni 500 grammi se lo hai farcito. Ricorda di inumidirlo ogni 30 minuti affinché la pelle si cuocia in maniera uniforme e rimuovi il foglio di alluminio negli ultimi 45 minuti di cottura.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità