Come Curare i Polmoni con Metodi Naturali

Scritto in collaborazione con: Zora Degrandpre, ND

I polmoni e l'apparato respiratorio hanno in genere diverse difese naturali. L'aria inalata attraverso il naso viene filtrata dai sottili peli che si trovano nelle narici. Inoltre, i polmoni producono il muco, una sostanza densa e viscosa che forma una barriera per evitare l'aggressione batterica. È di estrema importanza avere dei polmoni sani per vivere una vita felice e appagante. Sfortunatamente, respirando, esponiamo ogni giorno i polmoni a diversi elementi chimici e sostanze inquinanti dannosi che possono indebolire questi organi e provocare malattie, come tubercolosi, tosse convulsa, polmonite e bronchite. Ci sono anche malattie di lunga durata, come l'asma, la BPCO (broncopneumopatia cronica-ostruttiva) e il cancro ai polmoni, che possono colpire i polmoni per molto tempo. Se vuoi migliorare la salute di questi preziosi organi, devi mettere in atto alcuni validi metodi naturali, in modo da riportarli alle condizioni ottimali.[1][2]

Parte 1 di 5:
Prevenire le Malattie Polmonari

  1. 1
    Smetti di fumare. La prevenzione è sempre la migliore cura. Tenendo in mente questo concetto, non dovresti esporre i polmoni a stress eccessivo, microparticelle, agenti cancerogeni e fumo; quindi non dovresti fumare o dovresti smettere, se hai questo vizio. È debilitante per i polmoni, oltre al fatto che introduci nell'organismo delle sostanze chimiche nocive, come la nicotina, che con il tempo arrivano a distruggere i polmoni a causa della continua esposizione al fumo. Fumando, inoltre, si deposita il catrame sulle pareti polmonari, che è estremamente dannoso per la salute.
    • Quando smetti di fumare, l'astinenza da nicotina può presentare sintomi piuttosto gravi. Questi includono: cambiamenti di umore, vertigini, aumento di peso, ansia, depressione, aumento della tosse e insonnia.[3]
    • Non dovresti smettere senza un aiuto. Rivolgiti a un gruppo di sostegno, prendi le gomme da masticare, i cerotti alla nicotina o fatti prescrivere dei farmaci, come la vareniclina.
    • Per questo processo a volte difficile, puoi contattare i gruppi di sostegno, come le associazioni o il numero verde contro il fumo. Esistono molte realtà sul territorio nazionale; ti basta fare una semplice ricerca online e trovare quella più vicina a casa tua.[4][5][6]
  2. 2
    Proteggiti dall'inquinamento. Se vivi in un'area geografica con alti livelli di inquinanti nell'aria o se soffri di asma, puoi prendere diverse iniziative per difenderti dagli agenti nocivi. Puoi indossare una mascherina quando esci all'aperto o puoi valutare di installare un sistema di filtraggio dell'aria in casa, che ti permette di proteggerti dall'inquinamento quando sei nella tua abitazione.[7][8]
    • In commercio sono disponibili diversi tipi di maschere speciali per la salute dei tuoi polmoni. Prova quelle con un filtro a carboni attivi, per evitare di respirare allergeni, inquinanti, fumo e altre sostanze chimiche. Puoi anche acquistare delle maschere più specifiche con il filtro più potente P100, quelle specifiche contro gli effetti del freddo o che aiutano nella respirazione.[9]
    • Puoi anche iscriverti a una newsletter o attivare le notifiche d'allerta sullo smartphone, rivolgerti all'ARPA o fare ricerche online, per conoscere la qualità dell'aria della tua zona. Conoscendo in anticipo gli inquinanti presenti, puoi decidere di restare a casa o comunque sei consapevole del problema, in modo da tutelarti indossando una maschera protettiva quando esci.[10]
  3. 3
    Non reprimere la tosse. Uno dei metodi naturali migliori per aiutare i polmoni è quello di permetterti di tossire, se ne senti il bisogno. Molte persone tendono a sopprimere questa reazione, ma si tratta di un comportamento sconsigliato nella maggior parte dei casi. La tosse è il modo naturale dei polmoni di espellere il muco in presenza di allergeni o di infezioni; sopprimendola, impedisci ai polmoni di liberarsi di questi agenti nocivi.
    • Dovresti prendere un sedativo per la tosse solo se ti crea un notevole disagio o se la tosse è così forte da non permetterti di respirare.
    Advertisement

Parte 2 di 5:
Rispettare un'Alimentazione Sana e Nutriente

  1. 1
    Scegli alimenti biologici. L'alimentazione può essere di aiuto per proteggere e curare i polmoni grazie all'assunzione di vitamine e minerali presenti in determinati cibi. Cerca di mangiare il più possibile alimenti biologici; degli studi hanno dimostrato che diversi conservanti e additivi che si trovano negli cibi elaborati e raffinati sono associati ad attacchi di asma, tumori ai polmoni e broncopneumopatia cronica-ostruttiva (BPCO), che include enfisema e bronchite cronica.
    • Tra questi additivi ci sono solfiti, aspartame, parabeni, tartrazina, nitrati, nitriti, idrossitoluene butilato (BHT) e benzoati.[11][12]
    • Se non puoi passare a una dieta completamente biologica, cerca almeno di non acquistare i cibi che contengono tali additivi. Leggi l'etichetta del prodotto per evitare questo tipo di ingredienti.
  2. 2
    Limita il consumo di alimenti confezionati e lavorati industrialmente. Quando vuoi prenderti cura dei tuoi polmoni, devi ridurre il consumo di questi cibi, in modo da limitare l'assunzione di additivi e conservanti, che possono provocare problemi respiratori e aumentare la sensibilità polmonare. Dovresti anche fare in modo di preparare tu stesso i piatti che mangi, anche se ciò può voler dire impegnarti di più e pianificare i pasti.
    • La tua salute trarrà maggiori benefici, se prepari i tuoi pasti da zero e usi alimenti che non sono stati elaborati; questo perché mantengono una quantità maggiore di vitamine, minerali e altri nutrienti.
    • Un modo per capire se un cibo è stato troppo lavorato industrialmente è quello di osservarne il colore: se è molto bianco, come il pane, il riso o la pasta, significa che è molto raffinato. Dovresti invece scegliere la versione integrale.
    • Ciò significa che dovresti mangiare solo carboidrati complessi non elaborati. Evitando il pane bianco e gli altri alimenti sottoposti a processo di lavorazione, escludi sostanzialmente tutti gli altri carboidrati. Quando poi i carboidrati complessi vengono digeriti, si riducono in zuccheri semplici e vengono utilizzati dall'organismo.[13]
  3. 3
    Aumenta il consumo di frutta e verdura. Dovresti aumentare le porzioni di questi alimenti nella tua dieta giornaliera. Se non ne mangi in quantità adeguata, potresti soffrire di disturbi polmonari, soprattutto asma e BPCO. La frutta e la verdura sono ricche di antiossidanti, i quali si sono dimostrati particolarmente utili nel proteggere i polmoni da queste malattie, oltre che dal cancro.[14][15]
    • Per assumere grandi quantità di antiossidanti, scegli ortaggi e frutta dai colori brillanti, come mirtilli, lamponi, mele, prugne, arance e altri agrumi, verdure a foglie verde, zucche, zucchine e peperoni.[16]
  4. 4
    Non esagerare con il consumo di carne. Quando vuoi migliorare la salute dei polmoni, devi limitare la quantità di carne che mangi, soprattutto quella rossa. Se vuoi comunque mangiarla, assicurati che sia di manzo magro, meglio ancora se allevato al pascolo e senza l'uso di ormoni e antibiotici. Fai in modo che anche il pollame che scegli sia alimentato senza ormoni e antibiotici; inoltre, elimina la pelle, che è molto grassa.[17]
    • Il pollame, come il pollo e il tacchino, è un'ottima fonte di vitamina A. Le persone che hanno carenza di questa vitamina sono più suscettibili a infezioni batteriche polmonari. Aumentando l'assunzione di vitamina A, puoi uccidere i microrganismi nocivi presenti sui rivestimenti polmonari.[18]
  5. 5
    Mangia acidi grassi. Dovresti inserire più pesce nella tua alimentazione. Gli acidi grassi presenti in alcuni pesci, come il salmone, lo sgombro, la trota, le aringhe e le sardine, offrono maggiori benefici per i polmoni e ne favoriscono la salute.
    • Le proprietà antinfiammatorie degli omega 3 aumentano le prestazioni durante l'attività fisica, che a sua volta migliora la salute dei polmoni.[19]
  6. 6
    Inserisci i legumi nella tua alimentazione. Per seguire una dieta sana, dovresti considerare anche questi alimenti a ogni pasto. I fagioli Navy, quelli neri e rossi sono ottime fonti di proteine. Questi, così come altri legumi quali le lenticchie, hanno un alto contenuto di vitamine e minerali necessari per mantenere le corrette funzioni polmonari.
  7. 7
    Prendi degli integratori. Valuta la possibilità di integrare la tua alimentazione con ulteriori minerali, come il magnesio, lo zinco e il selenio. Si tratta di elementi indispensabili per il corretto funzionamento degli organi respiratori e per mantenerli in buona salute. Considera anche di prendere integratori di vitamina D3 ogni giorno. Le difficoltà di respirazione sono, infatti, correlate alla carenza di questa vitamina.[20][21]
    • Rivolgiti sempre a un medico competente prima di assumere qualunque integratore e segui sempre attentamente le indicazioni riportate sulla confezione del prodotto.
  8. 8
    Non prendere supplementi alimentari a base di beta-carotene. I beta-carotenoidi sono presenti naturalmente in alcuni alimenti e forniscono la base per la vitamina A. Tuttavia, non devi prenderli sotto forma di integratori, se fumi o se sei a rischio di cancro ai polmoni. Alcune ricerche hanno, infatti, dimostrato che quando tale sostanza viene assunta come supplemento alimentare, aumenta il rischio di cancro ai polmoni tra i fumatori.
    • Non ci sono tuttavia prove che dimostrino che l'assunzione attraverso l'alimentazione possa portare agli stessi risultati.[22]
  9. 9
    Bevi molta acqua. In questo modo, mantieni i polmoni ben idratati e liberi dal muco, oltre al fatto che permetti una migliore circolazione del sangue. Prefiggiti di bere circa 2 litri di acqua ogni giorno. Una corretta idratazione è importante anche per sciogliere il muco ed evitare che se ne possa accumulare in quantità eccessiva nei polmoni e nelle vie aeree.
    • Puoi migliorare la tua idratazione bevendo anche tisane e succhi di frutta. Ogni liquido senza caffeina entra a far parte dell'apporto giornaliero di fluidi.
    • Puoi aumentare l'assunzione di liquidi anche mangiando frutta e verdura particolarmente ricche di acqua, come l'anguria, i pomodori e i cetrioli.[23]
    Advertisement

Parte 3 di 5:
Attività Fisica

  1. 1
    Aumenta l'attività cardiovascolare. L'esercizio fisico è un aspetto importante per mantenere la salute del sistema cardiovascolare, ma lo è altrettanto per la salute dei polmoni. L'attività fisica migliora il flusso sanguigno nei polmoni, facilitando l'assorbimento di tutti i nutrienti di cui hanno bisogno. Inizia con un allenamento leggero e muoviti con cautela, per non esagerare. Trova il ritmo giusto e aumenta l'intensità man mano che le tue capacità migliorano.
    • All'inizio dovresti fare attività come una lunga passeggiata o a passo svelto oppure usare la bici ellittica. Si tratta di esercizi non particolarmente faticosi, ma permettono comunque di attivare il sangue e l'ossigenazione nei polmoni e in tutto il corpo.
    • Se hai problemi respiratori o polmonari, consulta il medico prima di iniziare a svolgere qualunque tipo di attività fisica. Egli potrà indicarti alcuni esercizi sicuri per te, che aumentano la capacità polmonare e ti aiutano a rafforzare gli organi respiratori.
  2. 2
    Inizia con degli esercizi di respirazione. Questi aumentano la quantità di ossigeno che viene introdotta e migliorano la capacità di espellere l'anidride carbonica, anche se all'inizio potrebbero provocare una leggera sensazione di stordimento. È per questo motivo che molti medici consigliano di avere un approccio lento e costante. Una volta che ti sarai abituato al metodo di respirazione più adatto a te, ti accorgerai che lo metterai in atto sempre di più, senza neppure accorgertene o senza doverci pensare razionalmente.
    • Puoi rivolgerti a un personal trainer o a un fisioterapista che ti dia delle linee guida per migliorare la capacità polmonare. Chiedi al medico di indicarti un professionista.
    • Discuti sempre con il dottore prima di iniziare qualunque programma di attività fisica; sempre con lo scopo di migliorare la salute dei polmoni, egli potrà consigliarti uno specialista nella riabilitazione polmonare.
  3. 3
    Prova la respirazione con le labbra "arricciate". La maggior parte dei medici solitamente consiglia uno o due metodi per ridurre le difficoltà di respirazione e aumentare la capacità polmonare. Il primo metodo consiste nel respirare "corrucciando" le labbra. Inspira attraverso il naso per circa due o tre secondi, quindi increspa le labbra ed espira lentamente attraverso la bocca per 4-9 secondi. Ripeti finché ti senti a tuo agio.
    • Se questa respirazione ti crea disagio, aspetta un'ora e riprova più tardi. Ci vorrà pratica e impegno, ma se continui a esercitarti, alla fine troverai che sarà più facile respirare e ti sentirai meglio.[24]
  4. 4
    Respira con il diaframma. Puoi imparare da solo questo tipo di respirazione, che consiste nel respirare con l'addome anziché con il torace. Sebbene la maggior parte delle persone non segua questo metodo, si tratta in realtà di una tecnica del tutto normale che mette in funzione il diaframma, quella striscia muscolare che si trova sotto i polmoni e la cui funzione è quella di permettere la respirazione. Per prima cosa, rilassa spalle, schiena e collo; metti una mano sulla pancia e l'altra sulla schiena; inspira attraverso il naso per due secondi. Durante l'inspirazione, spingi l'addome verso l'esterno; quindi, espira attraverso le labbra "corrucciate", in modo da controllare l'aria che rilasci e contemporaneamente premi delicatamente la pancia. In questa maniera, spingi il diaframma e lo rafforzi.
    • È necessaria un po' di pratica per imparare. Non è facile apprendere a usare il diaframma senza una guida, ma prova a osservare i neonati, perché respirano proprio così. Loro non usano quelli che vengono chiamati "muscoli accessori della respirazione", ossia il collo, le spalle, la schiena e la cassa toracica. Una volta appreso, cerca di mettere in atto questo metodo tutto il tempo e tutte le volte in cui ti senti a tuo agio.[25][26]
  5. 5
    Esegui degli esercizi di respirazione profonda. Questi sono una variante dei metodi con le labbra "corrucciate" e con il diaframma, descritti prima. Per eseguirli, devi sdraiarti supino. Metti un cuscino sotto le ginocchia e uno sotto il collo per sentirti più comodo. Appoggia il palmo della mano sullo stomaco, appena sotto la cassa toracica. Tieni le dita unite perché così le sentirai aprirsi durante l'atto respiratorio e saprai di avere svolto correttamente l'esercizio. Fai un lungo e lento respiro profondo dilatando l'addome. Durante questo movimento le dita dovrebbero allontanarsi tra loro, dato che sono appoggiate sulla pancia.
    • Con questo esercizio usi il diaframma per respirare, anziché la cassa toracica. Il diaframma crea una specie di suzione, che permette di introdurre più aria nei polmoni rispetto a quanto può fare la dilatazione della cassa toracica.
    • Ripeti questo esercizio ogni volta che senti il fiato corto o comunque quanto più spesso possibile. All'inizio potresti provare un po' di capogiri, dovuti al fatto di introdurre nei polmoni più ossigeno. Se provi del disagio in qualunque momento, interrompi la pratica. Tuttavia, puoi ripeterla tutte le volte che vuoi.[27]
  6. 6
    Respira mormorando a bocca chiusa. Questo ti permette di migliorare la capacità polmonare e rafforzare il diaframma. Inizia con dei respiri profondi, ma quando espiri cerca di emettere un suono simile a un ronzio, come quando canticchi a bocca chiusa. Tale vibrazione sollecita il muscolo del diaframma e aiuta a rafforzarlo. Ripetilo tutte le volte che puoi o quando hai il fiato corto. Anche in questo caso, all'inizio potresti provare la sensazione di vertigini, ma non allarmarti, in quanto è dovuta all'introduzione di maggiore ossigeno rispetto a quello che sei abituato a respirare.
    • Se in qualunque momento provi del disagio, interrompi la pratica. Tuttavia, sappi che puoi ripeterla quante volte desideri finché ti fa sentire bene.[28]
  7. 7
    Metti in pratica l'arte cinese della respirazione. Per questo esercizio, devi sederti in una posizione comoda. Inspira brevemente tre volte attraverso il naso. Alla prima inspirazione solleva le braccia portandole davanti a te e all'altezza delle spalle. Alla seconda inspirazione allarga le braccia ai lati mantenendole sempre a livello delle spalle. Al terzo movimento respiratorio solleva le braccia oltre la testa.
    • Ripeti l'esercizio 10-12 volte.
    • Se provi vertigini, fermati. Quando interrompi l'esercizio, l'organismo riprendere automaticamente il naturale ritmo respiratorio.[29]
    Advertisement

Parte 4 di 5:
Rimedi Erboristici

  1. 1
    Usa le erbe. Esistono molte piante che ti possono aiutare a respirare meglio e migliorano la salute dei polmoni. Non esiste una maniera "corretta" per assumerle; puoi berle sotto forma di tisana, prendere gli integratori in compresse e, se non vuoi ingerirle, puoi scaldarle in acqua e lasciare che il loro profumo si diffonda nella stanza. In questo ultimo caso, ti avvali dell'aromaterapia.
    • Per preparare una tisana, metti un cucchiaino di erba essiccata in una tazza di acqua bollita. Se preferisci fare ricorso agli integratori, leggi la posologia e le modalità di assunzione che sono riportate sulla confezione.
  2. 2
    Prova l'origano. Questa pianta molto comune nella nostra cucina è anche un decongestionante naturale con proprietà antimicrobiche e antistaminiche. I principi attivi sono un olio volatile, chiamato carvacrolo e l'acido rosmarinico. Puoi aggiungere quest'erba aromatica, essiccata o fresca, alla salsa di pomodoro oppure sulla carne.
  3. 3
    Sfrutta le proprietà della menta. Il suo ingrediente attivo è il mentolo, che rilassa i muscoli del tratto respiratorio e agisce in maniera simile agli antistaminici. Puoi usare la menta fresca o essiccata nei tuoi piatti di pesce oppure sui dessert. Inoltre, è disponibile l'olio di menta, che puoi utilizzare per aromatizzare le pietanze, assumere come integratore oppure applicarlo come crema topica. Esistono anche degli oli che puoi bruciare per l'aromaterapia.
    • Non spalmare l'olio di menta o mentolo direttamente sulla cute dei bambini, perché è stato associato a una riduzione della frequenza respiratoria dei piccoli pazienti.[34][35][36]
    • Molte persone usano dei balsami a base di mentolo da spalmare sul torace oppure degli spray per la gola che sciolgono la congestione.
  4. 4
    Fai un tentativo con l'eucalipto. Le foglie di questa pianta sono state usate per secoli, poiché sono un decongestionante naturale che scioglie il muco e ne rende più semplice l'espulsione con la tosse. Le sostanze responsabili di questi effetti sono l'eucaliptolo, il mirtolo e il cineolo. La ricerca clinica sembra suggerire che l'eucalipto sia in grado di trattare efficacemente la bronchite acuta e cronica. Puoi assumerne l'olio per bocca oppure spalmarlo direttamente sulla pelle. Ricorda, però, che l'olio di eucalipto deve essere diluito.
    • I vapori dell'olio di questa pianta agiscono come decongestionanti quando vengono inalati, quindi sono molto utili per curare la bronchite. Mettine un paio di gocce in una ciotola di acqua bollente e inalane il vapore.
    • L'olio di eucalipto diluito si rivela utile contro la tosse, l'edema delle vie aeree, la bronchite e numerose altre affezioni del tratto respiratorio.
    • Puoi applicarlo alla pelle per lenire il gonfiore delle mucose respiratore.[37][38][39]
  5. 5
    Prova altri integratori. Esistono alcuni altri integratori che favoriscono la salute dei polmoni. Ad esempio, puoi prendere il marrubio comune. Il suo utilizzo è presente in molte culture, perfino nell'antica medicina egiziana, quella ayurvedica, aborigena e nativa americana. È molto utile per trattare i problemi respiratori. Le caramelle balsamiche, come le Ricola, contengono proprio degli estratti di questa pianta. Prendi una o due caramelle ogni una o due ore in base al bisogno.
    • La Pulmonaria viene usata da centinaia di anni per trattare i disturbi respiratori. È un potente antiossidante che agisce come espettorante, cioè ti aiuta a liberarti del catarro.
    • L'Enula campana contiene l'inulina, che stimola la produzione di muco e rilassa i passaggi bronchiali. Possiede inoltre proprietà antibatteriche.[40][41][42]
    • Non usare il marrubio comune se sei diabetico o iperteso.
    Advertisement

Parte 5 di 5:
Valutare dei Metodi per Trattare l'Asma

  1. 1
    Tieni sotto controllo gli agenti che scatenano l'asma. I problemi correlati a questa patologia possono causare gravi danni polmonari. Per evitare che questo accada, bisogna far sì che non si inneschino crisi respiratorie generate da agenti esterni, come una pessima qualità dell'aria o fattori ambientali. Se soffri di questo disturbo, devi valutare di indossare una mascherina per proteggerti dalle sostanze comuni che lo peggiorano, tra cui il polline, la muffa, il pelo di animale, l'inquinamento e, in qualche modo, i forti odori.[43]
    • Puoi anche installare un impianto di filtri nella tua abitazione, per evitare che gli agenti scatenanti inquinino la casa.[44]
  2. 2
    Evita determinati alimenti quando soffri di asma. In certi casi, è possibile che il disturbo sia innescato da un cibo particolare, che è specifico per ogni soggetto asmatico. In linea generale, chi soffre di questa patologia non dovrebbe mangiare gli allergeni comuni, come le uova, il pesce, le arachidi, la soia, i lieviti, il formaggio, il frumento e il riso. Gli alimenti che contengono conservanti, quali il glutammato monosodico, i nitriti e i nitrati, possono innescare una crisi respiratoria. Tali sostanze riducono l'efficacia degli inalatori di emergenza.
    • Queste comuni allergie sono un valido motivo per seguire una dieta a base di prodotti organici e integrali.[45]
  3. 3
    Stai lontano dagli zuccheri e dai dolcificanti artificiali. Entrambi sono deleteri per la salute dei polmoni. Uno studio ha dimostrato che l'asma è associata a un alto consumo di zuccheri. Evita le caramelle, le bibite zuccherine, le torte e altri dolcetti.[46]
    • Se devi addolcire il tè o il caffè, usa la stevia come sostituto dello zucchero.
    Advertisement

Consigli

  • Ricorda che con ogni probabilità non sarai in grado di guarire completamente dai problemi polmonari gravi senza l'aiuto di un medico.
  • Sebbene i consigli di questo articolo possano aiutarti a preservare la salute dell'apparato respiratorio e a stare leggermente meglio, sappi che è sempre importante discutere delle tue condizioni di salute con un medico.
Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

Medico Naturopata
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Zora Degrandpre, ND. La Dottoressa Degrandpre lavora come Medico Naturopata Registrato a Washington. Ha conseguito la Laurea in Naturopatia presso il National College of Natural Medicine nel 2007.
Categorie: Vie Respiratorie
  1. http://www.enviroflash.info/
  2. https://www.aafa.org/display.cfm?id=9&sub=20&cont=285
  3. Jin H, Xu C-X, Lim H-T, et al. High Dietary Inorganic Phosphate Increases Lung Tumorigenesis and Alters Akt Signaling. Am J Respir Crit Care Med 2009;179:59-68
  4. http://cas.umkc.edu/casww/brethexr.htm
  5. Ellwood P, Innes Asher M, García-Marcos L, et al. (2013) Do fast foods cause asthma, rhinoconjunctivitis and eczema? Global findings from the International Study of Asthma and Allergies in Childhood (ISAAC) Phase Three Thorax 68:351-360
  6. Park S, Blanck HM, Sherry B, et al. (2013) Regular-soda intake independent of weight status is associated with asthma among US high school students. J Acad Nutr Diet 113(1):106-11.
  7. Rahman I, Biswas SK, Kode A. (2006) Oxidant and antioxidant balance in the airways and airway diseases. Eur J Pharmacol 533:222–239.
  8. Emelyanov A, Fedoseev G, Krasnoschekova O, et al. (2002) Treatment of asthma with lipid extract of New Zealand green-lipped mussel: a randomised clinical trial. Eur Respir J 20:596–600.
  9. http://www.stepintomygreenworld.com/healthyliving/greenfoods/top-foods-for-lung-health/
  10. http://www.stepintomygreenworld.com/healthyliving/greenfoods/top-foods-for-lung-health/
  11. http://advances.nutrition.org/content/2/3/244.full
  12. Gupta, S. K., Tshikaya, M., Kingston, M., and Chopra, B. K. Comparative evaluation of herbs and spices against bacterial pathogens. Dent.Implantol.Update. 2012;23(10):73-79.
  13. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo/natural/999.html
  14. http://www.lung.org/lung-disease/copd/living-with-copd/nutrition.html
  15. http://www.copdfoundation.org/What-is-COPD/Living-with-COPD/Breathing-Techniques.aspx
  16. http://www.physio-pedia.com/Muscles_of_Respiration
  17. http://www.copdfoundation.org/What-is-COPD/Living-with-COPD/Breathing-Techniques.aspx
  18. http://cas.umkc.edu/casww/brethexr.htm
  19. http://cas.umkc.edu/casww/brethexr.htm
  20. http://cas.umkc.edu/casww/brethexr.htm
  21. Bimczok, D., Rau, H., Sewekow, E., Janczyk, P., Souffrant, W. B., and Rothkotter, H. J. Influence of carvacrol on proliferation and survival of porcine lymphocytes and intestinal epithelial cells in vitro. Toxicol.In Vitro 2008;22(3):652-658.
  22. Gupta, S. K., Tshikaya, M., Kingston, M., and Chopra, B. K. Comparative evaluation of herbs and spices against bacterial pathogens. Dent.Implantol.Update. 2012;23(10):73-79.
  23. Skrovankova, S., Misurcova, L., and Machu, L. Antioxidant activity and protecting health effects of common medicinal plants. Adv.Food Nutr Res 2012;67:75-139.
  24. Bouhdid, S., Abrini, J., Zhiri, A., Espuny, M. J., and Manresa, A. Investigation of functional and morphological changes in Pseudomonas aeruginosa and Staphylococcus aureus cells induced by Origanum compactum essential oil. J Appl.Microbiol. 2009;106(5):1558-1568.
  25. Schelz, Z., Molnar, J., and Hohmann, J. Antimicrobial and antiplasmid activities of essential oils. Fitoterapia 2006;77(4):279-285.
  26. Javorka, K., Tomori, Z., and Zavarska, L. Protective and defensive airway reflexes in premature infants. Physiol Bohemoslov. 1980;29(1):29-35.
  27. http://www.webmd.com/a-to-z-guides/peppermint-oil-uses-benefits-effects
  28. Meister, R., Wittig, T., Beuscher, N., and de Mey, C. Efficacy and tolerability of myrtol standardized in long-term treatment of chronic bronchitis. A double-blind, placebo-controlled study. Study Group Investigators. Arzneimittelforschung. 1999;49(4):351-358.
  29. Matthys, H., de Mey, C., Carls, C., Rys, A., Geib, A., and Wittig, T. Efficacy and tolerability of myrtol standardized in acute bronchitis. A multi-centre, randomised, double-blind, placebo-controlled parallel group clinical trial vs. cefuroxime and ambroxol. Arzneimittelforschung. 2000;50(8):700-711.
  30. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo/natural/700.html
  31. http://www.botanical.com/botanical/mgmh/l/lungwo49.html
  32. Reiter, M. and Brandt, W. Relaxant effects on tracheal and ileal smooth muscles of the guinea pig. Arzneimittelforschung. 1985;35(1A):408-414.
  33. Stojakowska, A., Kedzia, B., and Kisiel, W. Antimicrobial activity of 10-isobutyryloxy-8,9-epoxythymol isobutyrate. Fitoterapia 2005;76(7-8):687-690.
  34. http://www.lung.org/lung-disease/asthma/taking-control-of-asthma/reduce-asthma-triggers.html
  35. http://www.consumerreports.org/cro/air-purifiers.htm
  36. http://www.pharmaceutical-journal.com/news-and-analysis/news/what-you-can-tell-lung-disease-patients/11129485.article
  37. Park S, Blanck HM, Sherry B, et al. (2013) Regular-soda intake independent of weight status is associated with asthma among US high school students. J Acad Nutr Diet 113(1):106-11.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement