Come Dare il Resto Correttamente

Se stai usando un registratore di cassa, restituire il resto corretto è piuttosto semplice. Ti basta inserire il costo dell'articolo, l'ammontare pagato e il gioco è fatto, la macchina ti dice quanto resto devi dare al cliente. Tuttavia, se il registratore è rotto, se hai inserito l'ammontare scorretto o se non hai questo dispositivo, devi sapere come calcolare da solo il resto. Il metodo più semplice è contare a partire dal prezzo di acquisto fino a quello pagato.

Metodo 1 di 2:
Dare il Resto

  1. 1
    Assicurati che la somma del resto e del prezzo dell'articolo equivalga all'ammontare pagato dal cliente. L'acquirente deve uscire dal negozio senza aver perso nulla; il valore dei suoi soldi è coperto in parte del prodotto e in parte dal resto.[1] È molto semplice, ad esempio:
    • Se hai ricevuto 20 € per un libro da 5 €, il cliente deve andarsene con 5 € di libro, più 15 € di resto, per un valore totale di 20 €.
  2. 2
    Conta i soldi ricevuti dal cliente. Prima di poter calcolare il resto, devi sapere quanto denaro ti è stato dato. Mentre lo conti, mettilo sul registratore di cassa o sul bancone, di fronte a entrambi. Una volta finito, ripeti ad alta voce l'ammontare. In questo modo eviterai confusioni o disaccordi sul totale pagato dal cliente.
  3. 3
    Conta a partire dal prezzo dell'articolo acquistato, fino all'ammontare pagato. Ad esempio, se hai ricevuto 20 € per un panino da 7,29 €, parti da questa cifra e comincia a restituire il resto, fino ad arrivare a 20 €.
  4. 4
    Conta ad alta voce per evitare confusioni. Non devi contare le singole monete, ma è importante ricordare il totale ogni volta che arrivi a un taglio di moneta, come dieci centesimi, venti o cinquanta. Con le banconote gli errori hanno un impatto notevole, quindi è una buona idea contarle tutte.
    • Ad esempio, se hai ricevuto 10 € per un prodotto da 6 €, dovresti:
    • Contare le monete da un euro e poi ricordare il totale: "Uno, due, tre e quattro fanno dieci".
    • In alternativa, puoi contare fino a 10 con ogni moneta: "Sette, otto, nove e dieci".
  5. 5
    Inizia dalle monete. Parti da 1, 2 e 5 centesimi, poi passa ai 10, 20 e 50 centesimi prima di arrivare alle banconote. Restituire il resto al contrario è più difficile e il cliente potrebbe far cadere le monete perché ha già in mano i tagli più grandi. Se ti capita spesso che i clienti lascino cadere i soldi, probabilmente questo è il motivo.
    • Nel nostro esempio iniziale, il prezzo del panino era di 7,29 €, quindi dovresti restituire:
    • 1 centesimo ("sono 7,30 €")
    • 1 moneta da venti centesimi ("7,50 €")
    • 1 moneta da cinquanta centesimi ("8 €")
    • 1 moneta da due euro ("10 €")
    • Anche se quella descritta è la combinazione di monete più efficiente, non ha importanza la composizione del resto, purché tu riesca ad arrivare a 10 €.
  6. 6
    Continua con le banconote. Una volta raggiunta una cifra tonda, inizia a contare le banconote fino ad arrivare all'ammontare pagato. Tornando al nostro esempio:
    • Sei arrivato a 10 € e devi continuare fino a 20 €, quindi dovresti restituire:
    • 2 banconote da cinque euro ("15, 20")
    • Oppure una da dieci ("e altri 10 fanno 20")
  7. 7
    Controlla il tuo operato. Hai dato al cliente 0,01 + 0,20 + 0,50 + 2 = 2,71 € di resto. Poi hai aggiunto 10 € in banconote, per un totale di 12,71 € di resto. 7,59 € + 12,41 € = 20 €, l'ammontare pagato dal cliente.
    Advertisement

Metodo 2 di 2:
Gestire i Casi Più Complessi

  1. 1
    Preparati all'eventualità in cui i clienti ti consegnino una somma insolita, in modo da ricevere meno resto o una banconota specifica. Ad esempio, se il totale è 6 €, un cliente potrebbe darti 11 €, in maniera da avere una singola banconota da 5 € come resto. Se ti avesse dato 10 €, avrebbe ricevuto delle monete.
  2. 2
    Conta come hai fatto per le transazioni più semplici. Specialmente per i casi in cui non è necessario utilizzare le monete, si tratta della soluzione più facile.
    • Ad esempio, se un cliente acquista un cappello da 42 € con 47 €, conteresti:
    • 1 banconota da cinque euro ("Costa 42, più 5 fa 47")
  3. 3
    Considera se iniziare con delle sottrazioni per rendere i calcoli più semplici. Potresti non capire subito come arrivare da 12,78 € a 23,03 €. In questo caso una sottrazione può aiutarti:[2]
    • Parti dall'ammontare pagato. Sottrai per arrivare a una cifra tonda. In questo caso 23,03 – 0,03 = 23 €.
    • Adesso sottrai la medesima quantità dal prezzo: 12,78 – 0,03 = 12,75 €.
    • Adesso è chiaro che devi iniziare con una moneta da cinque centesimi e una da venti.
    • Con le due monete arrivi da 12,78 € a 13,03 € ("sono 13,03 €").
    • Una banconota da dieci euro ("più 10 fa 23,03 €").
  4. 4
    Restituisci il resto corretto con sicurezza in tutte le occasioni. Come altro esempio di una situazione complessa, immagina di essere un cameriere e di ricevere 6 banconote da 20 euro, una da cinque centesimi e una da un centesimo per un pranzo da 112,31 €.
    • Calcola l'ammontare pagato sommando i soldi che hai ricevuto mentre li metti sul tavolo: 20, 40, 60, 80, 100, 120 e sei centesimi. Ripeti al cliente il totale: "120,06 €".
    • Il cliente ti ha dato una somma insolita, quindi è il caso di iniziare con una sottrazione. 120,06 - 0,06 = 120 € e 112,31 - 0,06 = 112,25 €. Ora i calcoli sono più semplici e ti servono una moneta da cinquanta, una da venti a una da cinque.
    • Inizia a contare da 112,31 € a 120,06 €.
    • Una moneta da cinquanta, una da venti e una da cinque ("arriviamo a 113,06 €"); abbiamo calcolato questo passaggio con la nostra sottrazione precedente.
    • 2 monete da un euro ("114, 115").
    • 1 banconota da cinque dollari ("e 5 fa 120,06").
    • Controlla i calcoli: hai consegnato 0,05 + 0,20 + 0,50 + 1 + 1 + 5 = 7,75 €. 7,75 € + 112,31 € = 120,06 € – l'ammontare pagato dal cliente.
    Advertisement

Consigli

  • Controllare i calcoli è utile quando ti eserciti a dare il resto, ma non è necessario nelle transazioni reali.
Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 12 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Altro

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement