Come Diagnosticare e Trattare la Salpingite

Nelle donne le tube di Falloppio trasportano gli ovociti dalle ovaie all'utero. La salpingite è un processo infiammatorio a carico delle salpingi (ovvero delle tube uterine), che in genere insorge in seguito a un'infezione batterica. Poiché la salpingite può causare sintomi dolorosi, portare alla sterilità e, in alcuni casi, progredire fino a rendere pericolosa l'infezione, è fondamentale riconoscere i sintomi e sottoporsi subito a un trattamento. Se sospetti di soffrire di salpingite, continua a leggere l'articolo.

Parte 1 di 4:
Riconoscere i Sintomi della Salpingite

  1. 1
    Tieni presente che, a volte, chi soffre di salpingite non presenta sintomi. In alcuni casi, si tratta di un processo infiammatorio che non comporta un evidente corredo sintomatologico. Pertanto, esiste la possibilità di non avere il benché minimo sospetto finché la paziente non è costretta a sottoporsi a un controllo medico dell'apparato riproduttivo per altri motivi, tra cui l'infertilità.
  2. 2
    Presta attenzione alla presenza di secrezioni vaginali anomale. Alcune sono normali e salutari, ma se noti cambiamenti nella quantità, nel colore, nella consistenza o nell'odore, dovresti prendere un appuntamento dal ginecologo. Se sono abbondanti o insolite, possono indicare un'infezione o un'affezione a carico degli organi riproduttivi, tra cui la salpingite.
  3. 3
    Prendi nota se hai perdite marroni (o spotting) tra un ciclo e l'altro. Se sanguini tra i vari cicli mestruali, consulta il ginecologo. Come le secrezioni vaginali anomale, anche un perdita anomala di sangue può indicare un problema, compresa la salpingite.
    • A volte, le alterazioni dovute all'assunzione della pillola contraccettiva possono causare spotting tra un ciclo mestruale e l'altro. Se recentemente hai cominciato a prenderla o hai inserito un dispositivo intrauterino, potrebbe essere la causa delle tue perdite marroni. Prova ad aspettare qualche mese per vedere se il problema si risolve da solo, specialmente se non si manifesti altri sintomi tipici della salpingite.
  4. 4
    Metti al corrente il ginecologo se senti dolore durante il ciclo mestruale. La maggior parte delle donne avverte crampi prima e durante le mestruazioni, ma se sono particolarmente dolorosi, fissa un appuntamento dal ginecologo. A volte, la dismenorrea (il termine medico con cui vengono indicati i dolori associati al ciclo mestruale) può essere causata dalla salpingite (così come dall'endometriosi, dalla malattia infiammatoria pelvica, dai tumori fibrosi e da altre condizioni). Consulta il tuo ginecologo in modo da sottoporti a un esame completo.
    • Questo sintomo è preoccupante soprattutto se il ciclo mestruale non ha mai creato grossi disturbi. Se avverti da poco questo dolore o è ingravescente, consideralo come un segnale di avvertimento e cerca di curarti il prima possibile.
  5. 5
    Prendi sul serio il dolore addominale. Alcune donne affette da salpingite manifestano forti dolori addominali, che variano da lievi a gravi. Possono essere accompagnati da nausea, vomito o diarrea.
  6. 6
    Considera i problemi urinari. La salpingite può causare l'infiammazione dell'uretra (nota come uretrite). Di conseguenza, la minzione potrebbe diventare dolorosa o frequente e potresti avere l'impressione che un'infezione abbia colpito le vie urinarie o la vescica.
  7. 7
    Informa il ginecologo se soffri durante l'ovulazione. Molte donne in salute avvertono dolore o malessere durante l'ovulazione (questa condizione viene talvolta definita col termine medico "mittelschmerz"). Se cominci improvvisamente a presentare questo problema o se è accompagnato da altri sintomi, fissa un appuntamento dal ginecologo.
  8. 8
    Controlla se ha mal di schiena. Il mal di schiena può insorgere per molte ragioni, ma se diventa grave o è accompagnato da altri sintomi preoccupanti, dovresti consultare il ginecologo. Alcune donne affette da salpingite soffrono di lombalgia.
  9. 9
    Nota se hai febbre. Quando la salpingite è connessa a una grave infezione, può causare febbre e brividi. Se la temperatura corporea si alza ed è accompagnata ad altri sintomi tipici della salpingite, non esitare a consultare il ginecologo.
    • In alcune donne, la febbre è accompagnata da mal di schiena che si irradia alle gambe. Se riscontri questi sintomi, rivolgiti immediatamente al medico per farti prescrivere una terapia.
  10. 10
    Tieni conto che i sintomi potrebbero essere altalenanti. Spesso, le donne che soffrono di salpingite notano che la sintomatologia compare in alcuni periodi del ciclo mestruale, di solito al termine.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Conoscere le Cause della Salpingite

  1. 1
    Considera che nella maggior parte dei casi la salpingite è provocata da batteri. Nel 90% dei casi, la causa è un'infezione batterica. Il batterio può essere trasmesso per via sessuale (come avviene per la clamidia o il gonococco, l'agente eziologico della gonorrea), ma non è sempre così. Gli altri batteri che più frequentemente causano la salpingite sono:
    • micoplasmi;
    • stafilococchi;
    • streptococchi.
  2. 2
    Tieni presente che anche le infezioni virali possono causare la salpingite, sebbene sia più raro che un virus la scateni.
  3. 3
    Sappi che la salpingite è spesso associata alla malattia infiammatoria pelvica. In alcuni casi, questa malattia può produrre un'infezione o un'infiammazione in altri organi riproduttivi, quindi diffondersi alle tube di Falloppio, provocando la salpingite. È un processo flogistico che interessa gli organi riproduttivi ed è piuttosto comune (ogni anno si sviluppa in più di un milione di donne negli Stati Uniti).
  4. 4
    Considera alcune procedure mediche nell'eziologia della salpingite. Queste tecniche non sono da disapprovare, ma alcune determinano l'introduzione di batteri attraverso la cervice, nell'utero e nelle tube di Falloppio. La laparoscopia, la biopsia dell'utero e dell'endometrio e le procedure chirurgiche di dilatazione e curettage, come anche l'inserimento di un dispositivo intrauterino, possono permettere l'ingresso di microrganismi nell'apparato riproduttivo.
  5. 5
    Considera la gravidanza. L'interruzione di gravidanza volontaria, l'aborto spontaneo e il parto possono favorire l'introduzione di batteri che attraverso la cervice risalgono negli organi riproduttivi, causando la salpingite. Se presenti uno dei sintomi riportati precedentemente e da poco hai avuto una gravidanza (indipendentemente dal fatto che tu l'abbia interrotta o abbia partorito), devi assolutamente consultare quanto prima il ginecologo.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Diagnosticare la Salpingite

  1. 1
    Prendi appuntamento dal tuo ginecologo. Se hai qualche motivo per sospettare di avere la salpingite (o la malattia infiammatoria pelvica o un altro disturbo all'apparato riproduttivo), dovresti consultare un ginecologo il prima possibile. Forniscigli tutte le informazioni utili a ricostruire un'anamnesi medica completa e un resoconto dettagliato dei sintomi.
  2. 2
    Sottoponiti a una visita ginecologica. Il ginecologo inizierà a effettuare un normale esame ginecologico per verificare la presenza di secrezioni, sofferenze o sensibilità anomale e altri sintomi infiammatori. Userà lo speculum per dilatare la cervice e potrebbe eseguire il pap test per controllare se vi sono alterazioni nelle cellule della cervice uterina che possono dipendere da un tumore al collo dell'utero.
  3. 3
    Sottoponiti alle analisi del sangue. Probabilmente il ginecologo vorrà anche controllare i valori del sangue per capire se è presente un'infezione. Ad esempio, la formula leucocitaria lo aiuterà a determinare se esiste questo rischio.
  4. 4
    Effettua altri esami diagnostici prescritti dal ginecologo. Ogni caso è diverso, ma è probabile che il ginecologo ti prescriva altre analisi, tra cui quelle delle urine o ulteriori esami diagnostici per immagini per osservare meglio il tuo apparato riproduttivo.
  5. 5
    Considera la laparoscopia. A seconda della gravità dei sintomi e dei risultati degli esami diagnostici, il medico può consigliare la laparoscopia, una procedura medica mediante la quale si inserisce un dispositivo nelle tube di Falloppio attraverso un'incisione praticata sull'addome. Consente al medico di osservare dettagliatamente le tube di Falloppio.
  6. 6
    Arriva a una diagnosi precisa. Se il ginecologo riscontra che le tube di Falloppio sono infette e infiammate, ti diagnosticherà la salpingite. Se può, risalirà anche alla causa. La salpingite si suddivide in due categorie: acuta e cronica.
    • Quella acuta è la forma più grave, perché le tube di Falloppio si gonfiano e si infiammano. Possono secernere liquidi e aderire all'intestino o ad altri organi, riempendosi di pus.
    • Quella cronica è un'infiammazione di gravità inferiore, che spesso insorge dopo un episodio acuto. L'infezione è più lieve, ma dura più a lungo.
  7. 7
    Tieni presente che, a volte, può essere difficile diagnosticare con precisione la salpingite. Prima che sia chiaro che le tube di Falloppio sono infiammate, ad alcune donne vengono erroneamente diagnosticate cisti, endometriosi o altri problemi ginecologici. In alcuni casi, è necessario insistere. Se il ginecologo pensa che tu sia affetta da qualcos'altro, ma dubiti della sua diagnosi (o i sintomi persistono dopo la cura che ti ha prescritto), rivolgiti a un altro medico.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Trattare la Salpingite

  1. 1
    Assumi gli antibiotici. Come primo passo, probabilmente il ginecologo ti prescriverà una cura antibiotica per combattere l'infezione. Questi farmaci riescono a eliminare il problema nella maggior parte delle donne affette da salpingite (circa l'85%).
  2. 2
    Considera il ricovero in ospedale. Nei casi più gravi il medico può raccomandare il ricovero ospedaliero in modo che la paziente possa assumere liquidi e antibiotici per via endovenosa (attraverso un ago nel braccio).
  3. 3
    Considera la possibilità di un intervento chirurgico se la situazione è grave. La maggior parte delle donne affette da salpingite viene curata con una terapia antibiotica, ma in alcuni casi, è indispensabile la chirurgia. Il medico raccomanda un intervento se si sono verificati ascessi a carico delle tube di Falloppio che necessitano un drenaggio. In un numero ristretto di casi, potrebbe anche essere necessaria una salpingectomia, ovvero l'asportazione delle tube di Falloppio danneggiate.
    • Se la salpingite è correlata a una grave forma di malattia infiammatoria pelvica, potrebbe essere necessaria una isterectomia totale insieme a una salpingo-ovariectomia. In questi casi, il chirurgo andrà a rimuovere l'utero, le ovaie e le tube di Falloppio.
  4. 4
    Coinvolgi nella terapia anche il tuo partner sessuale, se necessario. Se la salpingite è dovuta a un'infezione sessualmente trasmissibile, come la clamidia o la gonorrea, è opportuno che anche il partner con cui hai rapporti sessuali si sottoponga agli esami diagnostici di rito e segua una cura. Tieni presente che potrebbe essere infetto anche se non manifesta sintomi.
    Pubblicità


Consigli

  • Alcune persone usano la parola "salpingite" come sinonimo di malattia infiammatoria pelvica, ma in realtà, sono due patologie diverse. La seconda è un termine generale che si usa per indicare un processo flogistico a carico degli organi riproduttivi femminili, mentre la salpingite è un termine più specifico perché indica un processo infettivo e infiammatorio che interessa le tube di Falloppio.
  • Le donne affette da salpingite corrono un rischio più elevato di gravidanza ectopica (gravidanza in cui l'ovulo fecondato si innesta all'esterno dell'utero, ossia nella tuba di Falloppio). Le gravidanze ectopiche sono molto pericolose, pertanto il medico dovrebbe monitorare attentamente la paziente durante le successive gravidanze.
  • Un modo per ridurre il rischio della salpingite è quello di avere rapporti sessuali più sicuri: se possibile, usa il preservativo in lattice per limitare il rischio di contrarre infezioni sessualmente trasmissibili.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Salute Donna

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità