Come Diagnosticare la CIDP

Scritto in collaborazione con: Spencer McCleave, MD

La polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (CIDP) è una malattia rara che colpisce i nervi e le funzioni motorie; le radici nervose si gonfiano distruggendo la guaina mielinica attorno ai nervi e provocando debolezza, intorpidimento e dolore.[1] Per diagnosticare questa patologia, devi prestare attenzione ai segnali come intorpidimento o sensazione di formicolio in entrambi i lati del corpo, verificare se i sintomi si manifestano da più di due mesi e rivolgerti quindi al medico per sottoporti a degli accertamenti.

Parte 1 di 3:
Riconoscere i Sintomi

  1. 1
    Presta attenzione alla perdita della sensibilità. L'intorpidimento o la perdita della sensazione tattile è uno dei sintomi più caratteristici della malattia e potresti manifestarlo in qualsiasi parte del corpo.[2]
    • Potresti anche provare una percezione insolita, come formicolio o dolore in qualche area del corpo, per esempio le mani o i piedi.
  2. 2
    Esamina un'eventuale debolezza muscolare. In caso di CIDP, tale sintomo deve essere presente per almeno due mesi e può verificarsi in entrambi i lati del corpo. A causa di tale indebolimento, può risultare difficile camminare, potresti avere problemi di coordinazione o altre disfunzioni motorie; potresti essere più maldestro del solito, avere un'andatura goffa o fare dei passi falsi quando cammini.[3]
    • La debolezza si manifesta spesso a livello di anche, spalle, mani e piedi.
  3. 3
    Osserva in quali parti del corpo si presentano i sintomi. La CIDP è simile a molte altre patologie neurologiche che provocano anomalie nelle funzioni motorie e disordini percettivi. Nei casi tipici, si verificano intorpidimento e debolezza in entrambi i lati del corpo, solitamente in tutti e quattro gli arti.[4]
    • Inoltre, i riflessi tendinei possono ridursi o scomparire del tutto.
  4. 4
    Monitora gli altri sintomi. La perdita della sensibilità e altri problemi delle funzioni motorie sono quelli più comuni e caratteristici; tuttavia, ne esistono altri secondari che possono svilupparsi con la malattia, tra cui:[5]
    • Spossatezza;
    • Sensazione di bruciore;
    • Dolore;
    • Atrofia muscolare;
    • Difficoltà a deglutire;
    • Visione doppia.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Ottenere una Diagnosi Medica

  1. 1
    Vai dal medico. Per ottenere una diagnosi certa devi farti visitare da un professionista della salute; recati al suo ambulatorio quando noti formicolio, intorpidimento o altri disturbi delle funzioni motorie. Il medico esegue un esame fisico e valuta con te i vari sintomi.[6]
    • Prendi nota dei sintomi non appena li manifesti; si può parlare di CIDP solo quando i disturbi sono presenti per almeno otto settimane.
    • Sii onesto quanto più possibile e illustra nel dettaglio tutti i sintomi che riscontri. Questa malattia è simile in qualche maniera ad altri disturbi gravi; più sei preciso nella descrizione e più è facile distinguerla da altre patologie. Sii pronto a riferire al medico i sintomi che manifesti, in quali aree del corpo si sviluppano, cosa li fa peggiorare e cosa ti fa sentire meglio.
  2. 2
    Sottoponiti a un esame neurologico. Il medico può eseguire questo tipo di accertamento per escludere altre malattie correlate o per ottenere ulteriori informazioni per confermare la CIDP. Durante l'esame è probabile che il medico controlli i riflessi, dato che la loro perdita è un tipico indizio della patologia.[7]
    • Può anche osservare diverse parti del corpo per valutare se sono intorpidite o esaminare le tue capacità di percezione della pressione o del tatto.
    • Può anche sottoporti a un test di coordinazione, può controllare la forza e il tono muscolare, oltre alla postura.
  3. 3
    Esegui degli esami per verificare la funzione nervosa. Il medico può prescrivertene diversi per confermare la malattia, sebbene non esista un test univoco che possa portare a una diagnosi certa. Può raccomandarti un test di velocità di conduzione nervosa o un'elettromiografia (EMG); questi esami hanno lo scopo di controllare se le funzioni nervose sono rallentate o se l'attività elettrica è anomala, entrambi segnali che indicano danni ai nervi.[8]
    • I nervi vengono stimolati e controllati per verificare se sono danneggiati; in seguito, vengono esaminati anche i muscoli per capire se sono l'origine del problema.
    • Si tratta di test che aiutano il medico a individuare possibili alterazioni o la perdita della guaina mielinica, che svolge la funzione di controllare gli impulsi elettrici.
    • Il dottore può decidere di sottoporti a una risonanza magnetica per valutare se le radici nervose sono ingrossate o infiammate.
  4. 4
    Esegui altri accertamenti per escludere ulteriori malattie. Il medico può sottoporti a diversi altri test per assicurarsi che i sintomi non siano causati da altre patologie. L'analisi del liquido spinale può mostrare se hai un elevato livello di proteine o una conta cellulare elevata, entrambi segni di CIDP.[9]
    • Può anche richiedere un esame del sangue o delle urine per escludere altri disturbi.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Considerare Altri Aspetti della CIDP

  1. 1
    Valuta la durata dei sintomi. La CIDP è una patologia che avanza adagio; può manifestarsi e aggravarsi in maniera lenta ma graduale oppure può presentarsi con delle ricadute permettendoti di recuperare tra un attacco e l'altro. Queste "crisi" e i periodi di benessere asintomatici possono verificarsi per settimane o mesi.[10]
    • Per poter diagnosticare la malattia, è necessario che i sintomi siano presenti per più di due mesi.
  2. 2
    Sappi quali sono le persone che si ammalano più facilmente. La CIDP è una patologia rara, ogni anno 1-3 persone su 100.000 la contraggono, ma chiunque può esserne colpito a qualsiasi età; tuttavia, gli uomini hanno probabilità due volte maggiori di ammalarsi rispetto alle donne.[11]
    • Sebbene tutte le persone di tutte le età possano contrarla, l'età media dei pazienti è di 50 anni.
  3. 3
    Distingui la CIDP da altre patologie simili. A volte, è difficile riuscire a diagnosticare la polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica, perché presenta disturbi simili ad altre malattie neurologiche; tuttavia, esistono differenze importanti che ti aiutano a riconoscerla.[12]
    • Un disturbo analogo è la sindrome di Guillain-Barré, che si sviluppa rapidamente, ma le persone guariscono in circa tre mesi; la CIDP è invece una malattia che procede lentamente e può durare anni.
    • La sclerosi multipla e la CIDP alterano le funzioni motorie; la prima colpisce il cervello, il midollo spinale e altre parti del sistema nervoso centrale, mentre la seconda interessa i nervi periferici.
    • La sindrome di Lewis-Summer e la neuropatia motoria multifocale (MMN) possono colpire anche solo un lato del corpo, mentre la CIDP agisce su entrambi; la MMN non comporta una perdita della sensibilità.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Medico di Medicina Generale
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Spencer McCleave, MD. Il Dottor McCleave lavora come Medico di Medicina Generale in Arizona. Si è laureato in Medicina alla Dalhousie University nel 1977.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità