Come Difendersi dai Gas Antisommossa

L’effetto dell’esposizione ai gas antisommossa in genere dura meno di mezzora ma, come potrebbe raccontare chiunque abbia mai dovuto respirare dei gas lacrimogeni durante una manifestazione, sono 30 minuti davvero molto lunghi. Il termine "gas antisommossa" si riferisce a diversi tipi di gas, come il cloroacetofenone o il clorobenzilidenemalononitrile, conosciuti più comunemente come "gas lacrimogeni". Lo spray al pepe è un’altra sostanza antisommossa molto comune. L'esposizione a questo tipo di sostanze chimiche può provocare irritazioni alla pelle, al naso e agli occhi, nonché nausea e complicazioni respiratorie. In alcuni casi, i gas antisommossa possono provocare complicazioni a lungo termine, cecità e persino la morte. Se hai intenzione di partecipare a una protesta di qualsiasi tipo, è essenziale sapere come gestire l'eventuale esposizione a questo tipo di sostanze chimiche; anche se non sei un tipo da manifestazione, tuttavia, potresti comunque rischiare di venire a contatto con questi gas semplicemente trovandoti nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Passaggi

  1. 1
    Evita l’esposizione. Venire a contatto con i gas antisommossa è doloroso e può essere fatale. Cerca di evitare l’esposizione e tieniti alla larga da disordini, proteste e manifestazioni. Se credi fortemente nella causa di una protesta, non lasciare che i gas antisommossa ti facciano desistere dal partecipare, ma se vedi dei poliziotti con indosso maschere antigas, o se vedi che stanno per essere impiegate delle sostanze chimiche, allontanati alla svelta. Se non hai forti motivazioni che ti spingono a partecipare a una protesta, non andare: i gas antisommossa non fanno distinzione fra partecipanti e passanti, perciò non vale la pena di soffrire per soddisfare la propria curiosità.
  2. 2
    Sii pronto. Indossa vestiti che coprano il tuo corpo il più possibile e allacciali bene a polsi e caviglie. Le maschere antigas sono efficaci contro i gas antisommossa, ma solo se funzionano: le maschere già usate che si comprano online o nei negozi di articoli militari potrebbero essere difettate, mentre quelle più vecchie potrebbero contenere filtri all’amianto. Si tratta di una voce infondata ma che è molto diffusa. È stato comunque dimostrato che le maschere più vecchie presentano dei livelli di cromo tossici. Inoltre ci sono diverse voci negative a proposito della conservazione a lungo termine delle maschere antigas. Il carbone attivo, l'elemento di filtraggio efficace contro i gas lacrimogeni, ha una durata indefinita. Se non possiedi una maschera antigas, puoi usare un respiratore che copra naso e bocca: assicurati di usare filtri approvati per la protezione da vernici e altri gas tossici. In alternativa immergi una bandana o del tessuto nell'aceto di mele o nel succo di limone e annoda la stoffa in modo stretto intorno a naso e bocca. Procurati degli occhiali ermetici per proteggere gli occhi. Gli occhialini da nuoto vanno bene, purché abbiano una buona capacità sigillante. Se possibile, non indossare le lenti a contatto. Prepara e porta con te una soluzione di acqua e bicarbonato (contenente il 5% di bicarbonato) per neutralizzare le sostanze chimiche sulla pelle. Evita di applicare creme a base di olio o protezioni solari, dato che potrebbero favorire l’assorbimento dei gas antisommossa.
  3. 3
    Spostati all’aria aperta. Il segreto per minimizzare la gravità e la durata degli effetti dei gas antisommossa è limitare l’esposizione. Il modo migliore consiste semplicemente nell’allontanarsi.
    • Cammina rapidamente e allontanati, senza correre, dall'area in cui sono stati rilasciati i gas chimici. Correre potrebbe scatenare il panico nella folla. Non appena ti accorgi del rilascio di sostanze antisommossa nelle tue vicinanze, cerca di allontanarti rapidamente per uscire dalla loro portata. Cerca di spostarti controvento rispetto al punto di rilascio.
    • Evita le nuvole visibili. I gas antisommossa rilasciati dai loro contenitori esplodono come nuvole: le nuvole possono muoversi e accumularsi, soprattutto nelle zone basse o vicino il pavimento. Cerca di allontanarti dalle nuvole, dato che contengono la concentrazione maggiore di gas antisommossa.
    • Spostati in una zona rialzata. I gas antisommossa sono più pesanti dell’aria e la concentrazione maggiore tende a spostarsi a livello della terra. Non abbassarti: cerca di stare in piedi per evitare il rischio di essere schiacciato e spostati nel punto più elevato possibile, come una collina, un muro, ecc.
    • In caso di rilascio in un luogo interno, lascia l’edificio. Se i gas antisommossa vengono rilasciati all’interno di un edificio, esci il più rapidamente possibile. Le sostanze chimiche in uno spazio chiuso non si dissipano come all'aria aperta e la concentrazione elevata può essere molto pericolosa, in caso di esposizione prolungata.
    • Entra in un luogo chiuso, se possibile. Anche se può essere difficile, potrebbe essere d’aiuto entrare in un edificio relativamente isolato, qualora all’esterno venissero rilasciati dei gas antisommossa. Assicurati che porte e finestre siano chiuse e cerca di salire a un piano superiore. Ricordati che, qualora il gas sia già entrato nell’edificio tramite una finestra aperta, o se un sistema di ventilazione lo stia portando all’interno senza filtrarlo, dovrai uscire dall’edificio e cercare di tornare all’aria aperta. L’aria fresca, soprattutto se ventilata, è preferibile all’aria di un ambiente chiuso, se sei stato già esposto ai gas antisommossa.
  4. 4
    Sciacquati gli occhi. Se ti bruciano o se hai difficoltà a vedere, non strofinarli con le dita. Togli le lenti a contatto (se le porti) e sciacquati gli occhi con dell'acqua fredda per almeno 10 minuti. Non rimettere le lenti a contatto.
  5. 5
    Togliti i vestiti che sono entrati a contatto con i gas antisommossa. Una volta uscito dalla portata dei gas, togliti tutti i vestiti che sono entrati a contatto con le sostanze chimiche (in genere tutti tranne la biancheria). Se indossi una maglietta cerca di strapparla, invece di toglierla passandola sopra la testa. Non rimettere i vestiti ma sigillali in un sacchetto di plastica e lascia la borsa dove ti trovi: in genere dopo l'uso di sostanze antisommossa la scena sarà esaminata e ripulita dagli specialisti in rifiuti tossici. Oppure porta i vestiti con te per pulirli in un secondo momento.
  6. 6
    Sciacquati con cura con dell’acqua fredda o una sostanza neutralizzante. L’acqua calda apre i pori della pelle, causando un maggiore assorbimento dei gas antisommossa. Sciacquati il corpo nell'acqua fredda per 3-5 minuti (una doccia o un rubinetto vanno benissimo), ma non strofinarti e non applicare del sapone. Toccare la pelle potrebbe diffondere gli agenti chimici e farli entrare nei pori. Se hai a disposizione una soluzione neutralizzante, come il bicarbonato di cui si parlava prima, applicala letteralmente su tutto il corpo, prestando attenzione soprattutto alle zone esposte o che prudono e sono arrossate. Molti gas antisommossa possono essere sciacquati via dagli occhi usando il latte. Riempi un bicchierino da liquore per metà con del latte, portalo all'altezza dell'occhio che ti brucia, poi versalo inclinando la testa all'indietro e battendo le palpebre un paio di volte per assicurarti una migliore pulizia. Man mano che ti sciacqui, che sia con una soluzione neutralizzante o con dell'acqua, cerca di posizionarti in modo che l'acqua scorra via dalle diverse parti del corpo, invece di farla scendere dalla testa ai piedi. L'acqua che cade dal tuo corpo sarà contaminata, quindi cerca di non farla scivolare negli occhi o addosso ad altre persone.
  7. 7
    Lavati con acqua e sapone. Fai una doccia con acqua calda e sapone solo dopo esserti sciacquato con cura con dell’acqua fredda. È importante fare una doccia: non fare un bagno per nessun motivo.
  8. 8
    Fatti visitare da un medico. In molti casi non ti serviranno cure mediche, ma se i sintomi persistono una volta esserti sciacquato approfonditamente, o se sperimenti sintomi gravi, come la perdita della vista, vai immediatamente da un medico o da un altro specialista in campo medico.
    Pubblicità

Consigli

  • I gas antisommossa possono provocare disturbi respiratori anche gravi in soggetti che soffrono di asma. Se soffri di asma cerca di farlo sapere ai tuoi compagni prima che vengano rilasciati dei gas antisommossa, in modo che possano somministrarti i trattamenti adeguati e portarti al sicuro. L'uso di farmaci contro l'asma, come gli inalatori spray, possono ridurre le difficoltà respiratorie derivanti dall'esposizione a sostanze chimiche.
  • Il bicarbonato è una sostanza alcalina, mentre aceto e limone sono acidi. Usare la sostanza neutralizzante corretta è molto importante.
  • Se il dolore alla gola rende difficile la respirazione, fai dei gargarismi con l’acqua. Sputa l’acqua in eccesso, non ingoiarla. Fallo solo se non corri il rischio di soffocare.
  • Se invece di una maschera antigas scegli di usare del tessuto immerso nell’aceto, indossalo al di sopra di una maschera anti-polvere, dato che inalare i vapori dell’aceto può essere sgradevole.
  • Se vuoi conservare i vestiti che sono stati esposti alle sostanze chimiche, sigillali in un sacchetto di plastica e lavali con del detersivo in acqua calda. Ricordali di lavarli separatamente dagli altri vestiti. Stendili all'aria aperta e lasciali fuori per 2-3 giorni prima di indossarli di nuovo.
  • Smaltisci i vestiti contaminati in modo corretto.
  • Cerca di esporre al vento le parti corporee che sono entrate in contatto con i gas antisommossa (sempre che tu riesca a posizionarti controvento rispetto al punto di rilascio). Il vento aiuterà a rimuovere dal tuo corpo le sostanze chimiche.
  • In caso di eruzioni cutanee, curale come se si trattasse di un’ustione di secondo livello. Per ottenere sollievo dal dolore, applica una lozione alla calamina, la soluzione di Burow, dell’avena colloidale o un corticosteroide topico.
  • Lavati con il sapone di Marsiglia prima di una potenziale esposizione a dei gas antisommossa.
Pubblicità

Avvertenze

  • Alcune persone sviluppano una sensibilità aumentata ai gas lacrimogeni dopo una prima esposizione: in caso venissero di nuovo a contatto con una sostanza simile, quindi, potrebbero subire complicazioni maggiori.
  • Il panico di massa provocato da un gruppo di persone esposte ai gas antisommossa potrebbe causare una fuga di massa disordinata. Stai attento a non scivolare o potresti venire schiacciato, soprattutto considerando che gli altri potrebbero essere parzialmente accecati.
  • In caso di un attacco terroristico o di un'azione militare in cui vengano rilasciate sostanze chimiche tossiche, è importante determinare il tipo di gas utilizzato. Anche se i gas antisommossa sono più pesanti dell’aria, altri gas più tossici, come il cianuro di idrogeno, per esempio, sono più leggeri dell’aria. Inoltre il metodo di cura migliore cambia molto a seconda del tipo di sostanza chimica a cui la vittima è stata esposta.
  • Evita di toccare del materiale contaminato. Indossa dei guanti di gomma per toccare dei vestiti contaminati o qualora dovessi assistere una vittima dei gas antisommossa.
  • Un’esposizione prolungata a un’alta concentrazione di gas antisommossa, come quando vengono rilasciati in un ambiente chiuso, potrebbe causare problemi respiratori a lungo termine o anche la morte.
  • Nel caso dovessi soffrire di cecità temporanea o di problemi alla vista, stai attento quando ti muovi. Il tuo istinto naturale potrebbe essere correre via il più velocemente possibile, ma se non ci vedi bene, potresti correre nel traffico o contro un oggetto.
  • Se indossi una maschera antigas, assicurati di saperla togliere velocemente. Se dovessi entrare a contatto con dei gas antisommossa prima di aver indossato la maschera, o se la tua maschera non dovesse funzionare correttamente, potresti vomitare e, non riuscendo a togliere in tempo la maschera, soffocare nel tuo stesso vomito.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 18 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Vie Respiratorie

Riferimenti

  1. Centers for Disease Control and Prevention Riot Control Agent Factsheet
  2. Meagerman.net Tear gas, pepper spray, and rubber bullets information

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità