Come Digiunare e Pregare

Il digiuno può essere un potente esercizio spirituale, soprattutto se unito alla preghiera. Anche se il digiuno è, probabilmente, più conosciuto come una pratica cristiana, non è un'esclusività del Cristianesimo: persone di ogni fede possono digiunare e pregare quando si sentono ispirate. Continua a leggere per imparare alcuni principi di base, istruzioni, e consigli in merito a come digiunare e pregare in modo efficace.

Metodo 1 di 4:
Parte 1: La Preghiera e la Preparazione Prima del Digiuno

  1. 1
    Prega per capire quale tipo di digiuno vuoi praticare. Quello tradizionale è il digiuno dal cibo, ma una forma di digiuno può anche essere la rinuncia ai media o ad altre abitudini.
    • Un digiuno assoluto o che prevede solo l’assunzione di acqua richiede di astenerti da tutti i solidi e liquidi esclusa, appunto, l'acqua.
    • Un digiuno liquido richiede di astenerti da tutti i cibi solidi, ma puoi bere tutti i liquidi che vuoi.
    • Un digiuno parziale richiede di astenerti da certi cibi o da tutti gli alimenti durante una parte del giorno. Questo digiuno è particolarmente comune tra i cattolici durante la Quaresima.
    • Il digiuno tradizionale di Quaresima è quello parziale. Dovresti astenerti dal mangiare la carne il venerdì e il Mercoledì delle Ceneri. Il Mercoledì delle Ceneri e il Venerdì Santo, dovresti limitarti a un pasto completo e due pasti più piccoli del normale. Tutte le bevande sono permesse.
    • In un digiuno di pane e acqua puoi consumare solo questi cibi, ma niente di più.
    • Una rinuncia ai media richiede di astenerti dai mezzi di comunicazione. Questo può includerli tutti, oppure può prevedere solo una certa forma di media, come la televisione o internet.
    • Una rinuncia alle abitudini richiede di astenerti da un certo tipo di comportamento. Questo può includere qualsiasi cosa, dall’alzare la voce a giocare a carte. Questo è un altro “digiuno” praticato comunemente durante la Quaresima.
  2. 2
    Chiedi per quanto tempo digiunare. Puoi digiunare per un giorno o per diverse settimane. Stabilisci un periodo di tempo che sia sano e spiritualmente stimolante.
    • Se non hai mai digiunato prima, è opportuno non digiunare più di 24 o 36 ore.
    • Non astenerti dai liquidi per più di tre giorni.
    • Valuta di allenarti, se vuoi fare un prolungato digiuno assoluto. Inizia dal rinunciare a un pasto per diversi giorni. Dopo che il corpo si è adattato, puoi rinunciare al pasto successivo, e, infine, rinunciare a tutti i pasti.
  3. 3
    Cerca di capire perché desideri digiunare. Nelle tue preghiere, chiedi a Dio indicazioni su quale dovrebbe essere l'obiettivo del tuo digiuno. Tale obiettivo offrirà alle tue preghiere e al tuo digiuno uno scopo.
    • Il rinnovamento spirituale è un motivo comune, ma puoi anche digiunare se desideri una guida, la pazienza, o la guarigione.
    • Puoi anche digiunare per una causa specifica che va oltre i tuoi bisogni spirituali personali. Per esempio, se si verifica un disastro naturale, potresti digiunare e pregare per le vittime del disastro.
    • Il digiuno può essere fatto come espressione di gratitudine.
  4. 4
    Chiedi perdono. Il pentimento è un elemento chiave per il digiuno e per una preghiera efficace.
    • Con la guida di Dio, fai una lista dei tuoi peccati. L'elenco deve essere il più esauriente possibile.
    • Confessa i tuoi peccati a Dio, chiedi e accetta il perdono.
    • Dovresti anche chiedere il perdono di coloro che hai offeso, e perdonare coloro che ti hanno fatto un torto.
    • Chiedi a Dio di guidarti per fare ammenda dei tuoi errori.
  5. 5
    Confessati. In qualche maniera, cercare l’approvazione degli altri sminuisce il senso del digiuno. Detto questo, puoi parlarne con chi ti può sostenere spiritualmente durante il digiuno.
    • I parroci, i compagni e i partner spirituali di solito sono buone opzioni.
    • Chiedi a Dio di guidare chi ti darà supporto.
  6. 6
    Accetta una guida per la preparazione fisica. Oltre a prepararti spiritualmente, devi prepararti anche fisicamente.
    • Parti lentamente, soprattutto se sei nuovo al digiuno. Fai piccoli pasti prima di iniziare il digiuno per preparare il tuo corpo.
    • Evita la caffeina almeno 24 ore prima, dato che l’astinenza da caffeina può causare e intensificare il mal di testa.
    • Togli gradatamente lo zucchero dalla tua dieta una settimana prima di praticare un digiuno prolungato, dato che le persone che consumano grandi quantità di zucchero di solito trovano difficile digiunare.
    • Valuta di fare una rigorosa dieta di cibi crudi diversi giorni prima di un digiuno prolungato.
    Pubblicità

Metodo 2 di 4:
Parte 2: La Preghiera Durante il Digiuno

  1. 1
    Concentrati sul motivo del tuo digiuno. Dato che puoi pregare per qualsiasi cosa durante un digiuno, stabilisci in anticipo un obiettivo che ti fornisca un punto focale al centro delle principali preghiere.
    • Sii aperto a un cambiamento di obiettivo. È possibile che ti senta ispirato a digiunare per un motivo, solo per scoprire che Dio vuole che ti concentri invece su un altro obiettivo.
  2. 2
    Medita sulle Scritture. Puoi seguire uno studio approfondito della Bibbia o sfogliare le pagine in qualunque modo ti senti di fare. Prendi appunti su ciò che leggi e prega per una più completa comprensione degli insegnamenti delle Scritture.
    • Se non sei cristiano, puoi meditare su qualsiasi testo sacro al centro della tua fede.
    • Puoi anche meditare sui libri spirituali che stai leggendo durante il digiuno.
  3. 3
    Fai delle invocazioni personali e preghiere scritte. La maggior parte delle tue preghiere potrebbe essere improvvisata, o potrebbero essere invocazioni personali espresse con parole tue. Quando non trovi le parole adatte, però, puoi passare a una preghiera canonizzata per comunicare con Dio.
    • Una delle preghiere scritte più comuni è la "Preghiera del Signore", chiamata anche il "Padre nostro". Tuttavia puoi recitare qualunque preghiera che ti ispiri.
  4. 4
    Usa dei supporti nella preghiera. Usare degli aiuti per pregare può essere discutibile per alcune religioni, ma è accettabile per molte altre.
    • Dei supporti di preghiera comuni nella religione cattolica, possono essere rosari, medaglie, santi e crocifissi. Nelle confessioni non cattoliche del cristianesimo potresti prendere in considerazione l'ascolto di versioni strumentali di inni o pregare senza rosario.
  5. 5
    Prega con altri. Anche se la maggior parte delle tue preghiere probabilmente è di carattere personale individuale, puoi anche pregare con altre persone durante il digiuno. Pregare in gruppo è come chiedere a Dio di stare in mezzo a voi, rendendo così la preghiera uno strumento potente.
    • Puoi pregare ad alta voce o in silenzio. Se preghi ad alta voce, però, evita di confondere le tue preghiere con quelle delle persone intorno a te.
    • Dei buoni partner di preghiera di solito sono le persone che sanno del tuo digiuno e che digiunano con te.
  6. 6
    Trova un posto tranquillo. Puoi pregare in ogni momento della giornata, indipendentemente da dove ti trovi o da ciò che sta accadendo intorno a te. Durante un momento di preghiera concentrato come il digiuno, però, è importante trovare il tempo da trascorrere in silenzio con Dio.
    • Puoi stare in un luogo tranquillo al chiuso. Una camera da letto è spesso un buon posto, ma ogni angolo tranquillo in casa o in ufficio è appropriato. Puoi pregare anche quando ti trovi da solo in auto.
    • In alternativa, puoi anche pregare all'aperto. Un posto tranquillo nel bosco ti permette di trascorrere del tempo in preghiera con Dio, ma anche di ammirare la Sua creazione.
  7. 7
    Alterna una preghiera canonizzata con una preghiera spontanea. Fare un programma di preghiera può essere utile, soprattutto nei digiuni prolungati, ma non devi seguire il tuo programma in modo rigoroso se ciò ti impedisce di pregare spontaneamente su ispirazione dello Spirito Santo.
    • Prega durante il tempo libero che ti sei appena creato. Il tempo che di solito spendi per mangiare, guardare la televisione, o seguire alcune abitudini, quando decidi di rinunciarvi puoi spenderlo in preghiera.
    • Inizia e termina la giornata con un momento di preghiera.
    Pubblicità

Metodo 3 di 4:
Parte 3: Altre Azioni Durante il Digiuno

  1. 1
    Ricorda la tua igiene personale. Nel corso di un prolungato e totale digiuno, il corpo espelle una grande quantità di tossine nei primi tre giorni.
    • Fai una doccia o un bagno tutti i giorni, specialmente in questi primi tre giorni.
    • Lavati i denti più del solito in questi primi tre giorni di tempo per scongiurare l'alito cattivo.
  2. 2
    Non assumere un atteggiamento di sofferenza. Il digiuno è un momento di raccoglimento, l’unione personale tra te e Dio. Se appari sofferente agli altri, li inviti a provare pietà e ammirazione, e ciò potrebbe gonfiare il tuo orgoglio e rendere più difficile la tua comunione con Dio in uno stato di umiltà.
  3. 3
    Continua a bere liquidi. Non dovresti andare oltre i tre giorni senza acqua.
    • Puoi astenerti da altri liquidi, come il succo di frutta o il latte, ma devi continuare a bere acqua durante la maggior parte di un digiuno prolungato. Altrimenti corri il rischio di provocare una grave disidratazione, con seri problemi per la salute.
  4. 4
    Controlla le tue emozioni. Le persone che saltano un pasto tendono a essere scontrose. Quindi, c’è da aspettarsi che saltare molti pasti ti renderà ancora più irritabile. Tieni presente il tuo stato emotivo, e se ti senti pronto a scattare con la prima persona che ti si avvicina, cerca uno spazio solitario per pregare e riflettere.
  5. 5
    Riduci l'attività. Passeggiate occasionali sono accettate e incoraggiate, ma il digiuno ti toglie una grande quantità di energia, quindi hai bisogno di riposare il più spesso possibile.
    • Per lo stesso motivo dovresti anche evitare qualsiasi attività fisica intensa.
  6. 6
    Evita i farmaci. Integratori, farmaci a base di erbe e rimedi omeopatici possono causare complicazioni durante il digiuno, provocando effetti collaterali come nausea, irrequietezza, stanchezza, vertigini, mal di testa e anche peggio.
    • Nota però che non dovresti smettere di assumere qualsiasi farmaco prescritto senza l'approvazione e la supervisione del tuo medico.
    Pubblicità

Metodo 4 di 4:
Parte 4: La Preghiera Post-Digiuno e Azioni Supplementari

  1. 1
    Rifletti sull’esperienza e chiedi aiuto a Dio. Puoi avere imparato molto durante il digiuno, ma forse ci sono ancora altre lezioni che puoi imparare lontano dal tuo digiuno e che puoi scoprire solo dopo averlo terminato. Chiedi a Dio di guidarti per riflettere su come andare avanti in modo da poter sfruttare al meglio la tua esperienza.
    • Se hai fatto un digiuno parziale, o una rinuncia ai media o a delle abitudini, puoi concentrarti sui tuoi successi, anziché sui fallimenti. Molte persone a un certo punto esitano in queste rinunce, soprattutto se non sono abituate. Invece di ritenere l'esperienza un fallimento a causa dei tuoi punti deboli, concentrati sulle lezioni apprese e sulla forza spirituale acquisita.
    • Esprimi gratitudine. Sopra ogni altra cosa, rifletti sulla tua crescita spirituale e ringrazia. Rendi grazie a Dio per il completamento e il successo del digiuno e per ogni insegnamento spirituale che hai ricevuto durante il periodo di digiuno.
  2. 2
    Torna a mangiare normalmente dopo un digiuno breve. Se hai digiunato solo per 24 ore, puoi tornare a un programma alimentare normale il giorno seguente.
    • Così come, se hai rinunciato solo a un certo tipo di cibo o a un singolo pasto, puoi reintrodurre in modo sicuro l'alimento o il pasto nella dieta senza necessità di ulteriori precauzioni.
  3. 3
    Rompi il digiuno che prevede solo l’assunzione di acqua con della frutta. Se hai digiunato da ogni cibo, dovresti reintrodurre i cibi gradualmente, iniziando con della frutta solida.
    • L’anguria e altra frutta con un alto contenuto di acqua è la scelta migliore.
    • Puoi anche bere dei succhi di frutta per riabituare l’organismo a introdurre alimenti diversi dalla semplice acqua.
  4. 4
    Introduci lentamente le verdure quando concludi un digiuno liquido. Se continui a bere succhi di frutta e di verdura durante il digiuno, interrompilo gradualmente con una lenta e costante assunzione di verdure.
    • Il primo giorno non mangiare niente più di un'insalata cruda.
    • Il secondo giorno aggiungi una patata al forno o bollita. Non usare burro o condimenti.
    • Durante il terzo giorno aggiungi una verdura al vapore. Anche in questo caso, non usare burro o condimenti.
    • Dal quarto giorno puoi tornare alla tua dieta normale, in modo da sentirti a tuo agio con il tuo corpo.
  5. 5
    Mangia degli snack per tornare a una dieta regolare. Quando torni a mangiare regolarmente, consuma diversi piccoli spuntini o pasti nei primi giorni, invece di fare subito pasti abbondanti.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Ci sono alcune condizioni che rendono il digiuno pericoloso e imprudente. Non digiunare senza l'autorizzazione del medico, se sei delicato, incline a disordini alimentari o a disturbi comportamentali, se soffri di anemia, di problemi di glicemia come il diabete o l’iperglicemia, o se sei in stato di gravidanza o allattamento. Dovresti anche evitare il digiuno senza una supervisione se soffri di tumore, ulcere sanguinanti, malattie del sangue, malattie cardiache o problemi ai principali organi come polmoni, fegato e reni.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Bibbia
  • Taccuino per annotare
  • Penna o matita
  • Acqua

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Religione

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità