Come Dire al Tuo Ragazzo di Essere Incinta

Se sei un'adolescente incinta, probabilmente sarai preoccupata su come dirlo al tuo fidanzato. In primo luogo, ricorda che tu hai il controllo della tua vita e nessuno può costringerti a fare qualcosa che non vuoi fare. Quello che succede con la gravidanza è una scelta tua, e di nessun altro.

Passaggi

  1. 1
    Prevedi tutte le possibili reazioni e come reagirai ad esse. Non pianificare un intero discorso, comprese le sue reazioni, ma fai in modo che se lui ha qualche domanda o se comincia ad attaccarti verbalmente, saprai sempre cosa dirgli.
  2. 2
    Scegli un buon momento per dirglielo. Ad esempio, non è un buon momento quando lui è già stressato o arrabbiato. Assicurati che intorno ci siano distrazioni minime, in modo che lui possa concentrarsi completamente su ciò che stai dicendo.
  3. 3
    Inizia positivamente. Se inizi la conversazione con un tono negativo, ad esempio dicendo "ho una brutta notizia", allora anche lui reagirà in modo negativo.
  4. 4
    Mantieni la calma di fronte alla sua rabbia. Lui potrebbe gridare, urlare, sbraitare, invece tu non dovresti reagire con rabbia. Hai avuto più tempo per pensarci su, e lui ha bisogno della stessa considerazione. Solo perché adesso dice di non volere il bambino, non significa che non possa cambiare idea una volta calmatosi.
  5. 5
    Per discutere delle vostre opzioni, aspetta fino a quando entrambi non vi siate calmati. Probabilmente sarete entrambi stressati dopo il tuo annuncio, quindi dovreste calmarvi prima di decidere qualunque cosa. Non prendere decisioni avventate che potresti rimpiangere in seguito, soprattutto per quanto riguarda il bambino.
  6. 6
    Digli come ti senti. Se vorresti tenere il bambino allora parla con lui e chiedigli cosa ne pensa al riguardo. Se desideri dare al bambino in adozione, chiedigli cosa ne pensa anche di questo. Oppure, se non vuoi avere un bambino, discuti dell'aborto.
    Pubblicità

Consigli

  • Ricorda che sei tu quella che dovrà portare il bambino. Se lui non vuole il bambino, non fartene una colpa, perché lui ha accettato o addirittura ha voluto fare sesso con te.
  • Ascolta anche lui. Anche se tu porti il bambino, lascia che lui esprima le sue opinioni, ma non lasciargli prendere la decisione finale. Tu sei la madre, quindi dovresti avere l'ultima parola, ma tieni conto dei suoi pensieri e delle sue opinioni quando decidi.
  • Non dare la colpa. Lui non ha fatto tutto questo da solo, e nemmeno tu. Ne siete entrambi responsabili.
  • Infine, sarai tu la più colpita dalla decisione che prendete. Lui può dire qualcosa e dare il suo parere, o dire quello che vuole fare, ma tu sei quella che dovrà avere il bambino e prendersi cura di lui per diciotto anni, oppure darlo in adozione o avere un aborto. Lui non deve fare nessuna di queste cose personalmente, quindi non saprà come ci si sente, quindi non dovrebbe prendere la decisione per te. Scegli ciò che è meglio per te e la tua vita. Tu sarai quella più coinvolta emotivamente, fisicamente, e anche il tuo futuro.
  • Non lasciare che nessuno ti spinga ad agire in un modo o nell'altro. In definitiva, la decisione è solo ed esclusivamente tua. Non permettere a nessuno di interferire con la tua decisione, sia con la manipolazione emotiva che con la forza fisica. Ricorda che hai dei diritti.
  • Se puoi, parlane al tuo ragazzo non appena accetti la situazione. Prima lo dici al tuo ragazzo e più opzioni avrete.
  • Se davvero non puoi dirlo al tuo ragazzo, prova a parlare con tua madre, o anche con sua madre, su che cosa dire a lui.
Pubblicità

Avvertenze

  • Se il tuo fidanzato diventa violento allora vai via immediatamente. Non sei obbligata a rimanere e cercare di parlare con lui se il tuo benessere è in pericolo.
  • Mentre può essere molto utile chiedere il parere di persone care, devi ricordare che tu hai la responsabilità finale, per quanto riguarda il contenuto di quello che dici al tuo ragazzo.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 23 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Gioventù

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità