Come Discutere con Qualcuno che Pensa di Avere Sempre Ragione

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

È davvero frustrante cercare di avere una conversazione con una persona che crede di avere sempre ragione. Ti conviene riflettere su quello che vuoi ottenere da una discussione prima di cominciarla. Inoltre, trova un modo per spiegare il tuo punto di vista dando una piega diversa al confronto e adottando qualche misura che ti consenta di mantenere tranquilla la situazione.

Parte 1 di 3:
Prepararsi alla Discussione

  1. 1
    Scopri la ragione del problema. In genere, le persone che ostentano competenza e preparazione su tutto vengono classificate in due categorie (o una combinazione di entrambe). Alcune nutrono un profondo senso di insicurezza personale e cercano di mascherarlo arricchendosi culturalmente. Altre sono convinte di sapere tutto, quindi non perdono occasione per ostentare quello che hanno appreso. Comprendendo da che cosa dipende la saccenteria spavalda di un individuo, sarai in grado di gestire meglio la situazione.[1]
    • Quando dici a una persona che fa sfoggio di quello che sa che si sta sbagliando, non fai altro che provocare la sua insicurezza e metterla sulla difensiva. Prova, invece, a porle alcune domande un po' tendenziose. Questo metodo è efficace con chi appartiene alla categoria degli insicuri.
    • Con il secondo gruppo, spesso è meglio lasciar parlare e, in seguito, provare a esprimere il proprio parere.
  2. 2
    Determina quanto intendi mettere a rischio il tuo rapporto. Prima di buttarti a capofitto in una polemica con un sedicente tuttologo, rifletti su quello che sei disposto a perdere. In altre parole, chiediti quanto conta il tuo rapporto con l'altra persona e se è importante la posizione che intendi difendere. A prescindere da quanto tu sia prudente, un acceso scambio di vedute può compromettere le relazioni.[2]
    • Per esempio, se si tratta del tuo capo, probabilmente ti conviene lasciargli pensare quello che vuole in modo da non mettere in pericolo il tuo lavoro.
    • Se si tratta di una persona con cui hai un rapporto stretto, come il tuo coniuge o un caro amico, cerca di capire se vale la pena discutere.
  3. 3
    Decidi che cosa vuoi ottenere dal confronto. Ogni discussione dovrebbe tendere a un obiettivo. Forse, dal tuo canto, desideri che la controparte guardi la situazione dal tuo punto di vista o che ammetta di averti ferito. Qualunque cosa sia, devi tenerla chiara in mente prima di aprire bocca.[3]
  4. 4
    Verifica i fatti prima di cominciare. Se la controversia ruota attorno a un fatto, verifica ogni aspetto della vicenda. Se puoi, raccogli delle prove a sostegno della tua posizione. Tuttavia, quando studi la situazione, attieniti a fonti imparziali invece di utilizzare solo quelle che forniscono informazioni utili alla tua causa.[4]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Aiutare l'Altra Persona a Guardare dal Tuo Punto di Vista

  1. 1
    Presta ascolto a quello che ha da dire. Anche se il tuo interlocutore pensa di avere sempre ragione, merita di essere ascoltato quanto te. Quindi, non esitare a prestare la massima attenzione al suo ragionamento.[5]
    • Per dimostrare che lo stai ascoltando, prova ad annuire e riassumere brevemente il suo discorso, per esempio in questo modo: "Quindi, mi stai dicendo che ...".
  2. 2
    Poni qualche domanda per comprendere meglio. È probabile che il tuo interlocutore non esprima chiaramente gli aspetti più profondi del suo punto di vista. Inoltre, interrogandolo, potrai capire con più precisione la sua considerazione del problema e qual è la sua opinione.[6]
    • Anche qualche semplice domanda, come "Perché?" o "Come ti è venuto in mente?", può aiutarti a capire che cosa si muove sotto la superficie.
  3. 3
    Concorda e poi esprimi le tue obiezioni. Per discutere con qualcuno che pensa di sapere tutto, devi innanzitutto mostrarti dalla sua parte, o almeno ammettere di capire il suo punto di vista. Dopodiché puoi passare a controbattere.[7]
    • Per esempio, potresti dire: "Capisco quello che stai dicendo. È un'argomentazione interessante, ma penso che ...".
    • Potresti anche rispondere: "Grazie per avermi permesso di conoscere la tua posizione. Adesso capisco che cosa intendevi dire, però il mio punto di vista è un po' diverso ...".
  4. 4
    Non spaventare l'altra persona quando formuli il tuo pensiero. Se hai un approccio ostile, il tuo interlocutore potrebbe chiudersi a riccio. Tuttavia, se presenti le tue osservazioni con toni pacati, sarà più propenso ad ascoltarti.[8]
    • Per esempio, invece di dire: "Ho decisamente ragione", prova con: "Beh, quello che ho letto è questo ..."
    • Invece di dire: "Ecco il punto di vista giusto ...", potresti rivolgerti in questo modo: "Forse esistono altri risvolti in tutta questa storia ...".
  5. 5
    Evita uno scontro diretto. A volte, quando esprimi un parere troppo diretto, chi hai di fronte si zittisce e non ascolta, come succede quando ti spieghi in maniera aggressiva. Che si tratti di consigli o soluzioni, non è detto che ascolti quello che stai dicendo.[9]
    • Quando vuoi far ragionare il tuo interlocutore in una determinata direzione, potresti scoprire che l'uso di domande tendenziose è più efficace rispetto a un confronto diretto.
    • Per esempio, potresti chiedere: "Che cosa te lo fa pensare?" invece di dire: "Mi sembra sbagliato".
    • Invece di "È assolutamente sbagliato", prova con: "Hai mai pensato ...?".
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Mantenere un Tono Calmo

  1. 1
    Non far precipitare la situazione. Durante una discussione potresti cedere alla tentazione di infervorarti. Le emozioni prendono il sopravvento ed entrambi gli interlocutori perdono le staffe. Se permetti alla rabbia di avere la meglio, il confronto si trasforma in uno scambio di insulti e urla. Il rischio che la situazione sfugga di mano è molto alto quando discuti con una persona saccente, perché potrebbe farti saltare i nervi. Tuttavia, devi mantenere la calma se vuoi ottenere qualche risultato.[10]
    • Se hai i nervi a fior di pelle, fermati un attimo per respirare profondamente. Potresti anche chiedere di riprendere la discussione in un secondo momento, quando sarete entrambi più calmi e tranquilli.
  2. 2
    Non incrociare le braccia. Il linguaggio del corpo esprime chiaramente quello che stai provando mentre parli. Se comunica chiusura durante una discussione, neanche il tuo interlocutore sarà propenso ad aprirsi.[11]
    • Smetti di incrociare le braccia, non accavallare le gambe e posiziona il corpo di fronte all'altra persona. Inoltre, cerca di guardarla negli occhi, in modo che capisca che la stai ascoltando.
  3. 3
    Apri la mente a un altro punto di vista. A volte, anche le persone saccenti possono avere ragione. Quando ti ritrovi a discutere con loro, devi essere disposto ad ammettere i tuoi sbagli, altrimenti non andrai da nessuna parte.[12]
  4. 4
    Capisci quando è il momento – e il modo – di allontanarti. A volte, quando ti rendi conto che nessuno riesce ad averla vinta, è meglio chiudere la conversazione. Tuttavia, non devi mostrarti ostile, altrimenti l'altra persona continuerà a polemizzare.[13]
    • Potresti terminare dicendo: "Beh, vedo che non stiamo andando da nessuna parte. Suppongo che dobbiamo solo accettare il fatto di non essere d'accordo".
    • Potresti anche esprimerti in questo modo: "Mi dispiace che non riusciamo a trovare un accordo su questo argomento. Forse possiamo riprendere il discorso un'altra volta".
    Pubblicità

Consigli

  • Cerca di smentire le falsità e le menzogne. Se il tuo interlocutore cita "fatti" inattendibili o statistiche di parte, contesta le sue argomentazioni con fonti credibili.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità