Come Distinguere il Dolore Renale dal Dolore Lombare

Il dolore alla schiena può avere diverse cause e talvolta non è facile capire se origina dai reni o dai muscoli. Per distinguere da dove proviene bisogna prestare attenzione ai dettagli. Devi cercare di identificare dove è localizzato esattamente il dolore, valutare se è costante e riconoscere gli eventuali altri sintomi che accompagnano il mal di schiena. Dopo questa attenta analisi dovresti riuscire a capire se a soffrire sono i reni o i muscoli della schiena.

Parte 1 di 3:
Analizzare il Dolore
Modifica

  1. 1
    Identifica quali sono i punti colpiti dal dolore. Se senti male nella zona lombare e nei glutei, è probabile che la causa sia un infortunio a carico dei muscoli della schiena e che i reni non siano coinvolti. Questo tipo di disturbo è abbastanza diffuso e spesso coinvolge sia la parte bassa della schiena sia i glutei, mentre il dolore che origina dai reni generalmente riguarda un'area più ristretta.
    • Un infortunio a carico dei muscoli della schiena può influenzare la funzionalità e il benessere di diversi gruppi muscolari, inclusi quelli di glutei e gambe.
    • Se il dolore si diffonde oltre la zona lombare o avverti anche una sensazione di debolezza o intorpidimento muscolare, in special modo a carico delle gambe, è importante farti visitare subito da un medico.[1]
  2. 2
    Riconosci se il dolore è localizzato tra le ultime costole e il fianco. Solitamente quando il problema deriva dai reni il dolore colpisce la parte laterale dell'addome o la fascia centrale della schiena, ovvero l'area in cui sono localizzati i due organi.[2]
    • Se il dolore è localizzato nella parte alta della schiena, non può essere provocato dai reni.
  3. 3
    Riconosci se il dolore proviene dall'addome. Se la sofferenza coinvolge la parte anteriore del busto oltre alla zona lombare, ci sono maggiori probabilità che la causa sia da imputare ai reni. Il mal di schiena tende a rimanere confinato nella parte posteriore del corpo. Invece, in caso di infezione o di reni ingrossati, l'infiammazione può estendersi alla parte frontale del busto.[3]
    • Se il dolore interessa solo l'addome e non la schiena, i reni non dovrebbero essere coinvolti.
  4. 4
    Valuta se il dolore è continuo. In molti casi i disturbi ai reni causano una sofferenza costante. L'intensità potrebbe aumentare o diminuire durante il giorno, ma il male non dovrebbe concedere pause. Diversamente il mal di schiena tende ad andare e venire in modo irregolare.[4]
    • Nella maggior parte dei casi il dolore causato da un disturbo renale (per esempio dai calcoli o da un'infezione del tratto urinario) rimane finché non si interviene con una cura. Il mal di schiena invece può svanire autonomamente in seguito al recupero dei muscoli dopo che sono stati danneggiati.
    • Talvolta il corpo riesce a espellere i calcoli senza che sia necessario assumere farmaci.[5] Ciononostante è importante farsi visitare da un medico per capire qual è l'esatta origine del dolore.
  5. 5
    Valuta se il dolore è circoscritto a un solo fianco. Se senti male soltanto nel lato destro o sinistro dell'addome, è probabile che sia provocato dal rene corrispondente. I due organi sono localizzati proprio lungo i fianchi e la sofferenza potrebbe derivare dalla presenza di uno o più calcoli renali.[6]
    Advertisement

Parte 2 di 3:
Identificare Altri Eventuali Sintomi
Modifica

  1. 1
    Valuta le possibili cause del mal di schiena. Uno dei modi per capire se il dolore origina dai reni o dai muscoli della schiena è quello di analizzare gli eventi recenti. Se hai sollevato dei carichi pesanti o hai assunto per lungo tempo una postura scorretta, ci sono buone probabilità che si tratti di un indolenzimento muscolare.[7]
    • Se sei stato a lungo in piedi o seduto in modo insolito, il dolore potrebbe derivare da quella posizione inusuale.
    • Se in passato hai subito un infortunio alla schiena, il dolore attuale potrebbe essere correlato a quell'episodio.
  2. 2
    Nota se hai difficoltà a urinare. Dato che i reni sono parte integrante del tratto urinario, le infezioni e altri disturbi renali si manifestano spesso al momento di urinare. Osserva se ci sono tracce di sangue nelle urine e se il dolore aumenta quando vai in bagno.[8]
    • Se il dolore è provocato da un disturbo ai reni, le urine potrebbero essere scure o torbide.
    • Se il mal di schiena è causato da un problema ai reni, per esempio dai calcoli, potresti anche sentire l'esigenza di urinare più frequentemente del normale.[9]
  3. 3
    Nota se avverti una sensazione di intorpidimento nelle gambe o nei glutei. In alcune circostanze il mal di schiena può essere accompagnato da un intorpidimento degli arti inferiori, causato da una compressione anomala dei nervi o da uno scarso afflusso di sangue. Si tratta di un sintomo comune quando il mal di schiena è correlato al nervo sciatico.[10]
    • Nei casi estremi, l'intorpidimento può coinvolgere anche la parte inferiore della gamba fino a raggiungere le dita dei piedi.
    Advertisement

Parte 3 di 3:
Ottenere una Diagnosi Medica
Modifica

  1. 1
    Consulta il tuo medico se il dolore non passa. È importante che il disturbo all'origine del mal di schiena venga diagnosticato da un professionista e curato come si deve. Se non ti sottoporrai alle necessarie terapie, in futuro la patologia potrebbe aggravarsi e di conseguenza il dolore potrebbe aumentare.[11]
    • Contatta il tuo medico curante e vai a farti visitare. Cerca di essere il più preciso possibile nel descrivergli i sintomi.
    • Se il dolore è acuto, puoi valutare di assumere un farmaco antidolorifico da banco per trovare sollievo in attesa di farti visitare dal medico. Tuttavia l'unico modo per guarire ed eliminare la sofferenza a lungo termine è quello di identificare l'origine del problema e seguire un'apposita cura, anziché sedare semplicemente i sintomi.
  2. 2
    Fai degli esami appropriati. Quando andrai nel suo studio, il medico ti chiederà informazioni riguardo al tipo di sintomi, all'intensità e alla durata. In seguito ti visiterà per esaminare direttamente le aree in cui senti dolore. I dati raccolti potrebbero bastargli per formulare una prima diagnosi e capire cosa sta causando il dolore, oppure potrebbe prescriverti esami che gli consentano di approfondire alcuni aspetti del disturbo.[12]
    • Se secondo il medico potrebbe trattarsi di una patologia grave a carico dei reni o della schiena, per esempio di un'ernia al disco, ti prescriverà un esame che gli consenta di ottenere delle immagini dell'interno del corpo, come un'ecografia, una radiografia, una risonanza magnetica o una tomografia computerizzata (o TAC).
    • Se il medico sospetta che il problema derivi dai reni, ti prescriverà le analisi del sangue e delle urine per valutare se ci sono dei valori anormali relativi per esempio alle cellule ematiche o alla concentrazione di proteine.
  3. 3
    Cura la causa del dolore. Dopo aver identificato il problema, il medico ti prescriverà una terapia. Lo scopo deve essere quello di placare i sintomi, ma anche di eliminare il disturbo che dà origine alla sofferenza, quindi è probabile che dovrai assumere sia antidolorifici sia farmaci che curano l'infezione o la lesione in atto.
    • Se il mal di schiena è dovuto alla presenza di calcoli nei reni (una delle cause più comuni del dolore renale), il medico ti prescriverà dei farmaci antidolorifici e in più ti spiegherà quali sono le soluzioni offerte dalla chirurgia nel caso in cui i calcoli siano troppo grandi per riuscire a espellerli senza alcun aiuto.[13]
    • Se il problema è uno strappo muscolare, una causa comune del mal di schiena, il medico ti prescriverà un farmaco per placare il dolore ed eventualmente delle sedute di fisioterapia, inoltre ti fornirà consigli su come evitare di farti male di nuovo in futuro.[14]
    Advertisement

Hai trovato utile questo articolo?

No