Come Eliminare la Cicatrice di un Brufolo

Esistono due tipi di cicatrici da brufoli: le prime imperfezioni lasciate dall'acne, che con il tempo sbiadiscono, e le vecchie cicatrici che conferiscono alla pelle un aspetto butterato. La cattiva notizia è che l'acne grave non trattata può lasciare entrambi questi tipi di cicatrici; quella positiva, però, è che puoi ridurre e, a volte, eliminare completamente le imperfezioni cutanee. Grazie ad alcuni trattamenti, procedure mediche e cure preventive, puoi ridurre o eliminare anche le cicatrici da acne più difficili e durature.

Metodo 1 di 3:
Trattare le Macchie e le Cicatrici da Acne Iniziali

  1. 1
    Riduci l'arrossamento. Puoi ottenere questo risultato applicando una crema al cortisone sulle imperfezioni cutanee. Questa sostanza aiuta a combattere l'infiammazione e ridurre il rossore attorno alle cicatrici, rendendole così meno visibili.[1]
    • Puoi acquistare queste creme anche senza prescrizione medica nelle principali farmacie e generalmente non costano più di 7-8 euro.[2]
    • Cerca quelle lozioni che riportino sull'etichetta la dicitura "non comedogeno", vale a dire che non contengono ingredienti che possono ostruire i pori, come burrocacao, catrame di carbone, isopropilmiristato, pigmenti e coloranti.[3] Se il trattamento contro le cicatrici peggiora l'acne, ti ritrovi a combattere una battaglia persa in partenza.
  2. 2
    Prova le creme per sbiadire le macchie. Si tratta di un'altra valida opzione per il tuo problema. Questi prodotti contengono acido cogico o arbutina che schiariscono il pigmento delle imperfezioni cutanee, in modo da ridurle visibilmente.
    • Anche in questo caso, puoi trovare le creme nelle farmacie a prezzi accessibili.
    • Sii cauto con l'idrochinone. Le creme che contengono questo principio attivo permettono di affievolire le macchie della pelle. Tuttavia, si tratta di un prodotto la cui vendita è vietata in Italia poiché ritenuto tossico e probabilmente cancerogeno.[4][5]
  3. 3
    Usa i retinoidi. Possono essere somministrati in forma topica o per via orale e normalizzano "l'ipercheratinizzazione"; ciò significa che aiutano a rinnovare le cellule della pelle a un ritmo normale, evitando che i pori possano ostruirsi con conseguente formazione di acne. Hanno anche delle proprietà antinfiammatorie che possono migliorare l'aspetto della pelle favorendo la guarigione. [6]
    • I retinoidi per uso topico come Retin-A o Zorac vengono usati per trattare l'acne e le sue cicatrici.[7] D'altra parte, gli alfa-idrossiacidi e i beta-idrossiacidi sono peeling chimici che rimuovono lo strato superiore di pelle morta, rivelando quella sottostante più recente e meno macchiata.[8]
    • Puoi acquistare i retinoidi in crema o siero nelle farmacie senza bisogno di prescrizione. Le donne incinte però devono astenersi dall'uso, perché non è un prodotto sicuro per il feto.[9]
  4. 4
    Prendi la vitamina C. L'acido ascorbico, o semplicemente vitamina C, può essere un prodotto efficace per ridurre o anche eliminare le cicatrici da acne ed è presente in una sostanza molto comune, come il succo di limone. La vitamina C non solo contiene antiossidanti ed è in grado di limitare l'infiammazione, ma è un elemento essenziale nella produzione di collagene, che viene usato dal corpo per riparare il tessuto connettivo.[10]
    • Puoi acquistare una crema o un siero per la pelle formulati specificamente con vitamina C nei negozi di prodotti naturali e nelle farmacie.
    • Un metodo ancora più semplice consiste nell'applicare il succo di limone sul viso (dopo esserti accuratamente lavato) con un cotton fioc e lasciarlo in posa per non più di mezz'ora. Potresti sentire una sensazione pungente o di disagio. La pelle probabilmente si seccherà, quindi in seguito dovrai applicare un prodotto idratante.[11]
    • Un'altra variante di questo metodo è quella di mescolare il succo di limone con miele e latte in rapporto 1:2:3 e applicare la miscela come se fosse una maschera per il viso. Non lasciarla per più di mezz'ora.[12]
    • Non esporti per troppo tempo al sole quando applichi il succo di limone per schiarire la pelle. Il sole peggiora l'evidenza delle cicatrici da acne, ma il suo effetto viene amplificato dalla presenza del succo di limone sulla cute.
  5. 5
    Evita le creme con vitamina E. In realtà questi prodotti possono essere più nocivi che salutari. Dato che si tratta di una vitamina, potresti pensare che è sempre benefica e che non sia dannosa. Uno studio dell'Università di Miami ha rilevato, invece, che un trattamento a base di vitamina E non ha dato risultati positivi o addirittura ha aggravato l'aspetto delle cicatrici nel 90% dei soggetti presi in esame, con un miglioramento solo nel 10% dei casi.[13]
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Trattare le Cicatrici Evidenti e Tardive

  1. 1
    Consulta il medico. Molti trattamenti contro le cicatrici evidenti dell'acne devono essere prescritti dal medico. Potresti trovare la cosa piuttosto fastidiosa e chiederti perché non puoi farli tu a casa. Tuttavia, si tratta di cure piuttosto rischiose, invasive e devono essere sempre eseguite sotto la supervisione di un medico.
    • Fissa un appuntamento presso un dermatologo. Costui è lo specialista della pelle e può fornirti dei pareri fondati in merito alle cure necessarie per il tuo problema.
    • Se non conosci un dermatologo, rivolgiti al tuo medico di base per fartene indicare uno.
  2. 2
    Valuta di sottoporti a un peeling chimico. Chiedi al medico maggiori dettagli circa questa tecnica esfoliante abbastanza forte. La procedura si avvale di acidi piuttosto aggressivi, grazie ai quali si solleva lo strato - o gli strati - superficiale della pelle, riducendo così al massimo la visibilità delle cicatrici.[14]
    • Questi trattamenti devono sempre essere eseguiti sotto uno stretto controllo medico. A seconda della gravità dell'acne e di altri fattori, il medico ti potrà consigliare diversi tipi di peeling specifici e ti darà tutti i dettagli per prenderti cura della pelle dopo l'intervento.
  3. 3
    Sottoponiti alla dermoabrasione o microdermoabrasione. La "dermoabrasione" è la rimozione degli strati superiori di pelle con una spazzola metallica che ruota rapidamente.[15] Di solito la procedura rimuove le macchie sulla superficie della cute e riduce l'aspetto delle cicatrici più profonde.
    • Il trattamento non è privo di rischi. Potrebbe provocare un temporaneo arrossamento o gonfiore della pelle, allargamento dei pori, infezioni e, seppure raramente, anche cicatrici. Può anche causare un cambiamento della pigmentazione nei soggetti che hanno la carnagione più scura.
    • La microdermoabrasione è una procedura più leggera; consiste nell'applicare dei piccoli cristalli sulla superficie cutanea che verranno poi aspirati assieme alle cellule di pelle morta.[14] Dato che questa tecnica rimuove solo lo strato epidermico più esterno, i risultati in genere sono meno evidenti rispetto alla dermoabrasione.[16]
  4. 4
    Parla con il medico in merito al laser skin resurfacing. Questo trattamento prevede l'uso di un laser per rimuovere lo strato di pelle più esterno (l'epidermide) e rassodare quello centrale. Generalmente la pelle ricresce più liscia, in circa 3-10 giorni. A volte sono necessarie più sedute per ottenere risultati significativi e ridurre le cicatrici.[17]
    • I trattamenti laser non sono adatti a tutti e si possono ottenere risultati imprevedibili. A dire il vero la scienza ancora non sa spiegare il motivo per cui sono efficaci per alcune persone mentre per altre no.[18]
    • Molti pazienti restano soddisfatti dei risultati, ma sono pochi quelli che riescono a eliminare completamente le cicatrici.[19] Sebbene queste procedure aiutino a diminuire la visibilità delle imperfezioni, in realtà non si dimostrano quasi mai totalmente efficaci e spesso devono essere eseguite in combinazione con altri trattamenti.
  5. 5
    Prendi in considerazione la chirurgia cosmetica. Come "ultima spiaggia" puoi chiedere il parere di un chirurgo estetico, se presenti lesioni o cicatrici grandi e profonde. Durante l'intervento il medico eseguirà un'escissione del tessuto cicatriziale applicando poi dei punti di sutura o effettuando un trapianto di cute. Le piccole lesioni richiedono solo una sutura, mentre le grandi escissioni devono essere ricoperte con un lembo di pelle prelevato da un'altra area del corpo.[20]
    • Soppesa attentamente questa soluzione e discutine con il medico prima di procedere; ricorda che si tratta di una chirurgia considerata minore, ma comporta comunque dei rischi. Verrai anestetizzato e, a meno che la tua situazione non sia tanto grave da giustificare l'intervento del servizio sanitario nazionale, l'operazione sarà piuttosto costosa, senza contare il tempo necessario per la convalescenza.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Mettere in Atto Cure Preventive

  1. 1
    Evita la luce solare. Un'esposizione eccessiva al sole causa l'iperpigmentazione delle cicatrici (diventano più scure), rallentandone al tempo stesso il processo di guarigione. Questo significa che non devi abbronzarti né con la luce naturale né con le lampade UV.[21] Evita la luce solare diretta, soprattutto nelle ore più calde del pomeriggio.
    • Applica un'abbondante quantità di protezione solare prima di uscire all'aperto e ricorda di spalmarla ancora dopo due ore. Scegli un prodotto che non ostruisca i pori.
    • Indossa un cappello a falda larga e gli occhiali da sole come protezione in più. Se le cicatrici si trovano su braccia, collo o schiena, copri queste zone con gli abiti.
  2. 2
    Non pizzicare e non schiacciare i brufoli. Le cicatrici sono composte soprattutto da collagene e sono la risposta naturale del corpo per rigenerare se stesso. Se pizzichi o schiacci le pustole acneiche o le cicatrici stesse, la pelle diventerà ancora più irritata e avrà difficoltà a guarire correttamente.
    • Limitati invece a lavare le zone interessate con un detergente delicato per pulirle dal sebo e dalla sporcizia che causano l'acne. Puoi anche provare dei prodotti specifici da banco. Scegli quelli che contengono perossido di benzoile come principio attivo.[22]
    • Presta attenzione a ciò che entra in contatto con la pelle. Mantieni i capelli puliti e allontanali dal viso, non appoggiare le mani o altri oggetti (come il telefono) sulla faccia.
  3. 3
    Rispetta una terapia mirata. Potresti essere tentato di provare di tutto e di più per combattere l'acne e le sue cicatrici. Tuttavia, questo approccio in genere non è affatto efficace. Discuti con il tuo dermatologo per trovare una terapia specifica e appropriata per risolvere il problema.
    • In certi casi potrebbero essere necessari un ciclo di antibiotici per via orale, dei retinoidi topici e una crema sbiancante. Il medico potrebbe anche prescriverti un farmaco per tenere sotto controllo l'acne nel lungo periodo.
    • Tratta le cicatrici sotto la supervisione del medico e soprattutto sii paziente man mano che la pelle migliora.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 39 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Cura della Pelle

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità