Come Eseguire i Test per le Malattie Sessualmente Trasmissibili a Casa

Scritto in collaborazione con: Carlotta Butler, RN, MPH

Può essere difficile o imbarazzante sottoporsi ai test per le malattie e le infezioni sessualmente trasmissibili (rispettivamente MST e IST); per facilitare il processo, puoi eseguirli a casa. Al giorno d'oggi è possibile acquistare i kit casalinghi online e inviare un campione a un laboratorio per l'analisi. Sebbene questi esami non siano sempre completamente affidabili, esistono alcune ottime opzioni disponibili; inoltre, puoi iniziare a prestare attenzione ai sintomi delle principali malattie e valutare se sei a rischio.

Parte 1 di 4:
Eseguire il Test con un Kit Casalingo

  1. 1
    Acquista un kit casalingo per le MST. In commercio c'è un numero crescente di prodotti disponibili che permettono di prelevare un campione dal corpo e inviarlo a un laboratorio; puoi trovarne diversi per le principali malattie veneree, come la gonorrea, la clamidia e l'HIV.[1] Puoi ordinarne uno per una specifica malattia oppure scegliere un tipo che permette di rilevare diverse MST. Valuta i diversi prodotti offerti da un'azienda; tieni tuttavia presente che non si tratta di soluzioni tanto affidabili quanto una visita dal medico o un esame eseguito presso una clinica.[2]
    • Procurati un kit online facendo qualche indagine. Consulta diversi siti commerciali alla ricerca di test casalinghi e leggi varie recensioni. Questi kit sono sempre dotati di chiare istruzioni d'uso e possono contenere una busta preaffrancata per l'invio del campione.
    • Se vivi negli Stati Uniti, acquista myLAB Box. Le istruzioni del kit e le pagine commerciali che lo propongono sono in inglese (ad oggi non vi è la versione in italiano), ma si tratta di un prodotto che permette di testare malattie come l'HIV, la gonorrea, la clamidia, la tricomoniasi e altri disturbi analoghi. Puoi acquistare il prodotto che analizza la presenza di una singola malattia o quello completo, per diversi tipi di MST; ordinalo online e ti verrà inviato a casa per posta. L'azienda afferma di poter inviare gli esiti entro due-cinque giorni; se risulti positivo alla malattia, la società può fissare un appuntamento virtuale con un medico per definire una terapia.[3]
    • STDcheck.com è un altro sito analogo (anche questo opera solo negli Stati Uniti), che permette di eseguire test casalinghi per le malattie veneree; sembra che sia il solo in grado di fornire quello per l'epatite A.
    • Usa il test OraQuick (della ADVANCE®) per l'HIV. Questo kit è disponibile anche in Italia, permette di prelevare un campione dalle gengive e ottenere il risultato in venti minuti; tieni tuttavia presente che nei 3-6 mesi successivi al rapporto sessuale a rischio, il test può comunque risultare negativo.
  2. 2
    Esegui il test a casa. Segui scrupolosamente le istruzioni riportate sulla confezione e ricorda di rispedire il campione quanto prima possibile per ottenere i risultati più rapidamente. Alcuni kit contengono già una busta preaffrancata per accelerare il processo;[4] devi prelevare un campione dal tuo corpo, che può essere di urina, di sangue o un tampone gengivale.
    • MyLab Box può prevedere tutti e tre i tipi di campioni, che puoi prelevare in cinque minuti. Se il test risulta positivo, l'azienda si mette in contatto con te per trovare un medico disponibile per un appuntamento telefonico e può prescriverti i farmaci senza bisogno di uscire di casa.[5]
    • Il test OraQuick prevede di strofinare un cotton fioc sulle gengive e puoi conoscere l'esito dopo venti minuti.
  3. 3
    Sottoponiti agli accertamenti. Se risulti positivo a questo tipo di test "fai da te", devi eseguire ulteriori esami in una clinica per avere conferma della diagnosi; contatta anche il medico per trovare dei trattamenti per il tuo caso specifico.
    • I test casalinghi hanno un alto tasso di falsi positivi.
    • Se l'esito è negativo, ma manifesti dei sintomi insoliti, devi andare dal medico per una visita.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Individuare i Sintomi

  1. 1
    Comprendi che può essere difficile individuare i sintomi. Molte MST sono asintomatiche, ma anche se non lamenti alcun disturbo, potresti comunque esserne affetto. Dovresti usare sempre il preservativo e sottoporti regolarmente ai test per le malattie veneree.
  2. 2
    Controlla i sintomi della clamidia. Si tratta di una patologia comune, un'infezione batterica del tratto genitale; nella fase precoce, potresti non notare alcun segno particolare.[6] Dopo alcune settimane dall'esposizione, inizi però a presentare i seguenti sintomi, alcuni dei quali sono specifici in base al sesso:
    • Dolore durante la minzione;
    • Dolore al basso addome;
    • Perdite vaginali;
    • Secrezioni dal pene;
    • Dolore durante i rapporti sessuali (se sei donna);
    • Sanguinamento tra una mestruazione e l'altra;
    • Dolore ai testicoli.
  3. 3
    Presta attenzione ai sintomi della gonorrea. Si tratta di un'altra infezione batterica che colpisce ano, gola, bocca e occhi. Sebbene i sintomi possano manifestarsi dopo dieci giorni dall'esposizione al batterio, è però possibile aver contratto la malattia mesi prima che si presentino i segni evidenti.[7] Quando emergono, solitamente sono (anche in questo caso, possono variare in base al sesso):
    • Secrezioni dense, sanguinolenti o torbide dai genitali;
    • Dolore durante la minzione;
    • Sanguinamento tra un ciclo mestruale e l'altro o forte emorragia mestruale;
    • Dolore o gonfiore ai testicoli;
    • Dolore durante la defecazione;
    • Ano irritato.
  4. 4
    Cerca i sintomi della tricomoniasi. È causata da un piccolo protozoo unicellulare, chiamato Trichomonas, che può diffondersi durante i rapporti sessuali; nelle donne infetta la vagina, mentre negli uomini colpisce il tratto urinario. Dopo un periodo variabile da 5 a 28 giorni, potresti iniziare a manifestare alcuni dei seguenti sintomi:
    • Perdita vaginale dall'aspetto chiaro, bianco, giallastro o verdastro;
    • Secrezioni dal pene;
    • Odore vaginale molto forte;
    • Prurito o irritazione vaginale;
    • Qualsiasi tipo di dolore durante i rapporti sessuali;
    • Dolore durante la minzione.
  5. 5
    Osserva eventuali sintomi dell'infezione da HIV. È causata dal virus dell'immunodeficienza umana; in sintomi si manifestano a volte dopo 2-6 settimane e possono assomigliare un po' ai comuni malesseri influenzali; pertanto, il solo modo per ottenere una diagnosi certa è sottoporsi al test.[8] Se manifesti i sintomi descritti di seguito, devi rivolgerti assolutamente al medico per eseguire gli esami:
    • Febbre;
    • Mal di testa;
    • Mal di gola;
    • Gonfiore delle ghiandole linfatiche;
    • Sfoghi cutanei;
    • Sensazione di stanchezza;
    • Altri segni più gravi sono diarrea, perdita di peso, febbre, tosse e linfonodi gonfi;
    • Nello stadio avanzato della malattia potresti notare persistente stanchezza, sudorazioni notturne, brividi, diarrea cronica, forte cefalea e strane infezioni.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Valutare se Sei a Rischio

  1. 1
    Verifica il livello di rischio del tuo attuale comportamento sessuale. Se al momento hai rapporti non protetti, ti impegni in relazioni intime con più partner o hai una storia pregressa di MST, sei più esposto. Se temi di avere una malattia venerea, devi eseguire i test e, se necessario, sottoporti ai trattamenti opportuni.
    • Assicurati di seguire tutte le cure e di guarire completamente prima di fare ancora sesso con qualcuno.
  2. 2
    Conosci le probabilità di ammalarti. Le persone giovani, tra i 15 e i 24 anni, corrono maggiori rischi, sebbene non ne siano molto consapevoli.[9][10]
  3. 3
    Fai una valutazione complessiva del consumo di droghe ricreative. Se ti stai iniettando sostanze psicotrope o condividi aghi, hai maggiori probabilità di contrarre l'HIV, l'epatite B e C.
    • Secondo i risultati ottenuti da una ricerca, due persone su cinque che hanno contratto la malattia dagli aghi erano completamente ignare di essere ammalate.[11]
  4. 4
    Valuta se l'assunzione di alcol influisce sul tuo giudizio. Bere può avere un notevole impatto sui comportamenti e sul buonsenso, esponendoti maggiormente al rischio di contrarre qualche MST. Se ti sembra che gli alcolici stiano compromettendo la tua lucidità mentale e senti che perdi il controllo, dovresti considerare di ridurne il consumo.
    • Se hai problemi di alcol, puoi rivolgerti a gruppi di sostegno come Alcolisti Anonimi.[12]
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Quando Rivolgersi al Medico

  1. 1
    Consulta il medico se i test sono positivi. Il medico ti sottoporrà a un esame ulteriore per confermare la diagnosi. Preleverà un campione sterile per accertarsi che il test venga eseguito in maniera appropriata. Dopo le analisi, discuti dei risultati insieme al dottore.[13]
    • Potresti avere la possibilità di fare le analisi gratuitamente presso un consultorio locale.

    Consiglio: i kit casalinghi per le MST possono produrre falsi positivi, quindi potresti non avere nulla. Tuttavia, dovresti comunque farti visitare dal medico in modo da averne la certezza..

  2. 2
    Fatti prescrivere un trattamento. Se i risultati sono positivi, avrai bisogno di curare l'infezione. Molte delle malattie sessualmente trasmissibili sono curabili, ma per quelle come HIV ed herpes sarà necessario un trattamento permanente. Consulta il medico in merito alla cura di cui hai bisogno, quindi segui la terapia farmacologica come indicato.[14]
    • È probabile che siano farmaci da assumere per via orale, ma potrebbe trattarsi anche di una pomata;
    • Se hai domande inerenti al trattamento, parlane con il medico;
    • Non farti prendere dal panico se hai una malattia di questo genere. Il trattamento ti aiuterà a guarire o vivere comunque una vita normale.
  3. 3
    Consulta il medico se manifesti i sintomi di una malattia venerea, ma i test danno risultati negativi. Può capitare talvolta che un test produca falsi negativi, quindi è meglio farsi visitare dal medico se ne hai i sintomi. Il dottore eseguirà dei test differenti in condizioni sterili per elaborare una diagnosi più accurata.[15]
    • Parla delle tue preoccupazioni con il medico. Anche se i risultati fossero negativi, potresti essere affetto da qualche altro tipo di disturbo.
  4. 4
    Fai un test apposito annualmente se hai rapporti sessuali con più persone. Se sei una persona a rischio di malattie veneree, è consigliabile sottoporsi agli esami spesso. Fai almeno un test all'anno per assicurarti di essere sano. Se noti sintomi, fallo anche prima.[16]
    • Dovresti inoltre fare degli esami regolarmente se condividi l'uso degli aghi.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Infermiera Registrata
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Carlotta Butler, RN, MPH. Carlotta Butler lavora come Infermiera Registrata in Arizona. Ha conseguito un Master in Salute Pubblica presso la Northern Illinois University nel 2004 e un Diploma in Infermieristica presso l’ Heartland Community College nel 2010.
Categorie: Salute

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità