Come Essere Anarchico

Che cosa vuol dire essere anarchico? In linea generale, "anarchia" significa assenza di governo o scarso predominio dello stesso. Il suo concetto di società si fonda su una forma estrema di libertarismo che potrebbe attuarsi se tutti collaborassero e non vi fossero dittatori né gruppi dispotici che sfruttano i deboli. I critici dell'anarchismo descrivono questo movimento ricorrendo a numerosi stereotipi negativi. Ritraggono schiere di persone arrabbiate e violente che deturpano i beni pubblici, borseggiano le persone, saccheggiano i negozi, rapinano, derubano negli appartamenti, aggrediscono e portano scompiglio generale. Anche se alcuni gruppi violenti asseriscono di essere anarchici, oggi la maggior parte degli esponenti di questa corrente si dichiarano pacifici e antigovernativi. Naturalmente, è necessario applicare la legge per conservare l'uguaglianza tra gli individui.

L'anarchia può insorgere a seguito di un collasso economico o politico accompagnato da un'assenza di leggi. In pratica, potresti trovare masse di persone turbolente, guidate da uomini forti e prepotenti. La gente potrebbe provare a rintanarsi in casa, difendere i propri beni e fare provviste con l'aiuto di amici e familiari. È probabile che la "polizia" sia formata da volontari, che nascano bande locali, prigioni improvvisate e che i tribunali diventino strapieni. Forse scoppierebbe una confusione di massa, si vivrebbe organizzati in gruppi e organizzazioni criminali, nella violenza e nel caos generale. Le strade potrebbero essere intasate, mentre il governo reprime i cittadini mediante decreti sulla sicurezza e coprifuoco, sequestrando armi e accaparrandosi cibo o carburante. L'anarchismo non è un sistema organico di idee né si fonda sulla caduta nel caos totale, ma si declina in varie forme di pensiero.

Passaggi

  1. 1
    Cerca di non conformarti alle gerarchie del sistema (come il governo. le strutture ecclesiastiche e l'ordine pubblico stabilito). Alcuni gruppi anarchici:
    • Promuovono l'individualismo assoluto, il survivalismo (ovvero una visione della vita alla Robin Hood, esaltando azioni che nobilitano la violazione delle leggi), l'istituzione di "Stati minimi" che evitano e rifiutano l'idea di una società basata sull'organizzazione collettivista a favore di un sistema della gestione governativa di carattere quasi feudale o tribale, in cui il potere viene detenuto da gruppi. Ma lo scopo quale sarebbe?
    • All'estremo opposto, chi crede nella collettivizzazione totale della società utilizzerebbe l'anarchia come un'opportunità per rinunciare alla libertà, limitare i movimenti e l'individualismo economico. Abolirebbe la proprietà per cercare di instaurare un governo utopistico, quindi dal potere illimitato, in nome della sicurezza e della sopravvivenza, e per ottenere cosa?
    Pubblicità

Metodo 1 di 3:
Informarsi sull'Anarchismo

  1. 1
    Decidi se sostenere l'anarchismo, il caos pianificato e le politiche che auspicano il ritorno a una vita meno strutturata, oppure un controllo da parte di un "governo" assoluto con blocchi e unioni sindacali al potere (tribalismo). Questo vuol dire studiare, condurre ricerche e informarsi sull'anarchismo. Il primo passo consiste nel leggere alcuni testi introduttivi. Prendi confidenza con le idee dei più importanti teorici e scrittori anarchici.
    • Leggi le opere degli scrittori anarchici del XIX secolo, come Pierre Joseph Proudhon, Peter Kropotkin [1], Daniel De Leon[2], Michail Bakunin [3] (Dio e lo Stato), Alexander Berkman (L'ABC dell'anarco-comunismo) e Benjamin Tucker.
    • Leggi gli scrittori del XX secolo, come Emma Goldman [4] (Anarchia, femminismo e altri saggi), Errico Malatesta (L'anarchia), Alfredo Bonanno, Bob Black, (L'abolizione del lavoro), Wolfi Landstreicher (Auto-organizzazione autonoma), John Zerzan, Murray Bookchin, le pubblicazioni in inglese di CrimethInc. Ex-Workers Collective[5] (tra cui Recipes for Disaster), Daniel Guerin (L'anarchismo: dalla dottrina all'azione, Né Dio né padrone. Antologia del pensiero anarchico), Rudolf Rocker (Nazionalismo e cultura), Colin Ward (L'anarchia), Noam Chomsky (Anarchismo).
  2. 2
    Informati sulle diverse scuole di pensiero. Esistono decine di movimenti anarchici, tra cui: socialismo libertario,[6] anarco-comunismo, anarco-individualismo, anarco-capitalismo, minarchismo (potere statale ridotto al minimo), sindacalismo (organizzazione dei lavoratori in unioni), piattaformismo (forma di comunismo non centralizzato), anarchismo di post-sinistra, mutualismo (banditi i proventi provenienti da interessi, canoni, azioni e obbligazioni, ecc.), indigenismo (vivere delle risorse della terra), anarco-femminismo, anarchismo verde e altri.
  3. 3
    Documentati sulla storia dell'anarchismo. Informati sui movimenti anarchici sorti durante la rivoluzione spagnola del 1936, sulla rivolta machnovista in Ucraina, sugli eventi di Parigi nel 1968, sui Black Block di oggi e sulle manifestazioni nate durante la conferenza dell'Organizzazione Mondiale del Commercio a Seattle.
  4. 4
    Comprendi e valuta le connotazioni negative dell'anarchia. Osserva quello che hai appreso sull'anarchismo e rifletti sulle caratteristiche negative. Esistono molti stereotipi che mettono in cattiva luce l'anarchismo. Molti lo associano a violenze, incendi dolosi e atti vandalici. Come per altri sistemi di pensiero, dovrai considerare come è possibile creare e applicare un sistema di pensiero anarchico.
  5. 5
    Apprendi i simboli e gli emblemi anarchici. Come tutti i movimenti politici e le organizzazioni sociali, gli anarchici utilizzano simboli in cui identificano se stessi e i loro principi. Variano in base al luogo e cambiano nel corso del tempo.
    • La "bandiera nera anarchica" si diffuse nel 1880. Più di cento anni dopo, predominò il simbolo della "A" cerchiata. Ne esistono anche altri.[7]
  6. 6
    Approfondisci lo studio del capitalismo, del marxismo, del fascismo e di altre ideologie politiche. Devi conoscere i tuoi "rivali". Informati su ciò che caratterizza gli altri sistemi di pensiero per riuscire a mettere in risalto il modo in cui sarebbe auspicabile condividere il tuo punto di vista.
    • Analizza le controversie sul controllo da parte del governo e dell'ordine pubblico. Tieni conto che lo statalismo si fonda sull'idea che gli individui, per poter organizzarsi efficientemente in maniera egualitaria, hanno bisogno di uno stato centralizzato che li difenda contro il totalitarismo, vigili sulla popolazione contro le violenze e le organizzazioni criminali, e più in generale, garantisca il diritto, l'onestà e un sistema valutario, commerciale ed economico, al fine di evitare guerre a livello internazionale, nazionale, statale e locale, ma anche conflitti individuali e di gruppo.
  7. 7
    Non avere fretta. Stai sviluppando una visione del mondo. Quindi, non buttarti a capofitto perché è un argomento insolito o perché sei annoiato. Considera con attenzione ogni filosofo e ogni principio. Che cosa ti sembra più sensato?
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Vivere Come un Anarchico

  1. 1
    Parti da te stesso, vivendo a modo tuo. Prendi il controllo della tua vita come meglio puoi fare. Nessuno ti domina, ma vivi in una società. Nessuna autorità esercita un potere su di te, a meno che non violi i diritti altrui o non accetti spontaneamente che altri gestiscano un lavoro, un gioco o una comunità, così come non dovresti esercitare alcun predominio sugli altri, se non te lo consentono.
    • Rifletti sulle tue relazioni. Hai rapporti paritari con amici, familiari, partner, colleghi di lavoro? Se eserciti su di loro qualche forma di potere senza alcun consenso, trova un modo per porre rimedio alla situazione. Discuti con loro delle tue convinzioni anarchiche. Spiega che desideri stabilire rapporti egualitari. Potrebbe trattarsi di un'idea utopistica di unione comunitaria.
  2. 2
    Considera i tuoi rapporti con le autorità gerarchiche. Molti anarchici hanno difficoltà ad accettare le forme di governo, gli ordini religiosi e le grandi aziende sottoposte a rigide regole. Rifletti sui tuoi rapporti con ciascuna di queste entità.
    • Pensi che il potere statale sia troppo potente? Ritieni che lo Stato si intrometta eccessivamente nella tua vita? Rifletti sulle misure che puoi adottare per ridurre la sua presenza nella tuo modo di vivere. Potresti trasferirti in un altro Paese in cui lo Stato è meno invadente e il controllo dell'ordine pubblico sia meno fastidioso. Potresti sparire dalla circolazione ed eludere le leggi. In alternativa, puoi protestare. Leggi la sezione seguente.
    • Molti anarchici sono atei perché non accettano l'esistenza delle gerarchie ecclesiastiche. Altri scelgono di non abbandonare la fede, ma rifiutano queste strutture di potere preferendo incontri di gruppo di piccole dimensioni o individuali per professare la propria religione.
    • Alcuni anarchici, in particolare comunisti e sindacalisti, hanno serie difficoltà a lavorare presso aziende gestite da strutture manageriali di diversi livelli. Se ti rivedi in questo, considera di rinunciare al tuo lavoro e inizia un'attività in proprio. Alcuni addirittura si rivolgono all'agricoltura collettiva.
  3. 3
    Promuovi l'uguaglianza, ma tieni conto che quest'ultima sarebbe impossibile senza la subordinazione degli individui allo Stato. Rifletti sull'uguaglianza di genere, sulla parità sessuale, sull'uguaglianza delle razze e delle religioni, sulle pari opportunità e sull'uguaglianza nella retribuzione del lavoro. La solidarietà che si attua mediante l'utopia di un'uguaglianza non imposta o spontanea è il principio fondamentale dell'anarchismo, che i detrattori ritengono alla base della criminalità organizzata.
    • Assisti coloro che sono trattati ingiustamente dal "sistema". Incoraggiali a scegliere un lavoro che rientra nel loro settore professionale e a svolgerlo con dedizione affinché possano sviluppare conoscenze, esperienze e competenze atte a ottenere promozioni. Le donne vengono ancora impiegate in lavori sottopagati, per i quali non sono richiesti grandi abilità. Contribuisci a promuovere i diritti per la parità retributiva in campo occupazionale. Spesso le minoranze etniche devono affrontare vari pregiudizi. Aiuta a promuovere la diversità razziale. Cogli queste opportunità e ciò che offrono alla società.
    • Ricorda che l'uso di un grande Stato per applicare la visione politica dell'uguaglianza rientra nel pensiero socialista e nel marxismo. Un'idea centrale dell'anarchismo consiste nel guadagnare quello che spetta. Quindi, istituire uno Stato che attinge alle entrate dei cittadini va contro questa convinzione.
  4. 4
    Trova altre persone che condividono le stesse convinzioni. Trova una comunità di persone che credono in ciò che tu credi e che vivono in un piccolo gruppo, privo di schemi, composto da amici (magari una comune). Dovrai comunque fare affidamento sulle persone. È inevitabile. Potrete imparare gli uni dagli altri, insegnarvi l'uno con l'altro e allargare la vostra rete.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Diffondere il Messaggio

  1. 1
    Impara a essere convincente. Diffondi la tua filosofia. Poni l'accento su ciò che hai in comune con i tuoi interlocutori. Sarai particolarmente incisivo se le tue domande riescono a dirigere le risposte verso le tue conclusioni. Assicurati che la gente con cui hai a che fare sappia che l'anarchismo non corrisponde a caos o distruzione, ma che è un'ideologia politica e sociale che sostiene l'auto-organizzazione e un sistema politico ed economico non gerarchizzato, radicato nella democrazia diretta, nella democrazia radicale o nell'individualismo, in base a quale tipo di anarchismo fai riferimento.
  2. 2
    Preparati a rispondere alle accuse. Alle accuse di utopia rispondi con esempi reali di anarchia: nel corso della storia la maggior parte delle società indigene sono state anarchiche e ancora oggi esistono molte comunità che operano seguendo consapevolmente modelli anarchici – persino nei posti più impensati. Gli Amish, per esempio, sono un grande esempio di anarchismo non ideologico, ancora funzionante.
  3. 3
    Partecipa a proteste, azioni dirette e alle attività delle associazioni di base. Tuttavia, ricorda che le proteste non modificano nulla se non vi è alcun movimento che le sostiene. Ciò comporta lunghe ore di organizzazione collettiva, riunioni e incontri, lavorare con persone con cui probabilmente non sarai d'accordo e che potrebbero anche non piacerti. Non è facile, ma è necessario se desideri veramente diffondere il tuo messaggio.
    • Probabilmente dovrai fare molte telefonate a scopi propagandistici, mettere volantini e montare chioschi presso eventi locali al fine di ottenere l'attenzione della gente. Se credi veramente nella divulgazione della tua filosofia, allora tutto ciò sarà indispensabile.
  4. 4
    Organizza eventi anarchici. Dai l'esempio. In tutto il mondo esistono numerosi eventi locali guidati da gruppi anarchici. Vanno dai raduni informali alle fiere dei libri e ai concerti.
  5. 5
    Sfrutta i social network per diffondere il messaggio. Alcuni anarchici non convengono sull'uso dei social network, in quanto li ritengono orientati a sostenere le grandi aziende mediatiche.[8]
    • Nell'epoca dei social network puoi facilmente trovare altre persone con interessi simili ai tuoi. Cerca sulla tua piattaforma preferita (Facebook, YouTube, Google, Twitter, Tumblr, Instagram ecc.) altri individui che la pensano come te.
    • Puoi anche dare il tuo contributo nell'organizzazione di proteste e altre attività anarchiche attraverso i social network. È un ottimo modo affinché il tuo movimento guadagni visibilità in maniera gratuita.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 60 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Filosofia

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità