Come Essere Gentile

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Essere gentile è più semplice a dirsi che a farsi. La giornata è già abbastanza dura senza dover sorridere sempre e mostrarsi cortesi con gli estranei, dicendo "grazie" e "per favore". E allora perché farlo? Perché la gentilezza fa sentire meglio le persone e permette di stabilire ottime relazioni. Oltretutto, considera anche che può aiutarti a ottenere quello che vuoi: gli altri saranno più propensi a tenderti una mano se sei cordiale con loro. Continua a leggere l'articolo per iniziare ad apprendere questa qualità.

Parte 1 di 3:
Essere Gentile nella Vita Quotidiana

  1. 1
    Riconosci le altre persone. Quando passi davanti a qualcuno, anche uno sconosciuto, dai atto della sua presenza con un semplice "Ciao!", "Salve!" o "Come va?". Basta anche un cenno con la mano o con la testa nella sua direzione per dimostrarlo. È apprezzabile far notare la nostra attenzione verso gli altri: li fa sentire speciali.[1]
    • Se cammini in una strada affollata, può essere difficile salutare tutti quelli che incontri. Prova almeno a essere gentile con le persone che ti sono sedute vicino sull'autobus o in aereo oppure con quelle che incroci per caso.
    • La mattina saluta i compagni e gli insegnanti o i colleghi quando entri a scuola o in ufficio. Presto ti guadagnerai la fama di essere una persona gentile.
  2. 2
    Sii un buon ascoltatore. Ascolta quando qualcuno ti parla. Non è cortese ignorare le opinioni e i discorsi altrui. Lascia parlare il tuo interlocutore visto che, a parti invertite, anche a te piace essere ascoltato.[2]
    • Se vedi che qualcuno si comporta in maniera maleducata o assillante, non assumere atteggiamenti fisici di insofferenza o scortesia. Aspetta educatamente che finisca e prova a cambiare argomento una volta che ha terminato di parlare.
    • Essere gentili non significa farsi mettere i piedi in testa. Se interagisci con un estraneo che ti mette a disagio, cerca una scusa e allontanati.
  3. 3
    Sii cortese, educato e disponibile. Usa sempre le buone maniere dicendo "Per piacere" e "Grazie". Sii paziente, attento e premuroso. Tratta le persone con rispetto, anche quelle che non sei interessato a conoscere. Offri aiuto e sostegno quando serve.[3]
    • Non dimenticare di chiedere permesso anziché dire "Muoviti!" quando qualcuno ti intralcia il passaggio. Ricordati di non trattare male le persone: sono esseri umani come te. Se le rispetti, anche loro faranno altrettanto.
    • Se ti trovi su un mezzo pubblico e sale una persona anziana, un disabile o una donna incinta, offri il tuo posto. È un gesto gentile (in alcuni posti del mondo è prescritto dalla legge!).
    • Se vedi qualcuno che ha bisogno di un piccolo aiuto per raccogliere un oggetto caduto a terra o posizionato su uno scaffale alto, dagli una mano.
  4. 4
    Sorridi. In questo modo, darai l'impressione di essere una persona simpatica. Che si tratti di un sorriso caloroso o un timido accenno, guarda gli altri negli occhi. Un sorriso ti permetterà di stabilire il tono dell'incontro e, inoltre, chi hai di fronte sarà spinto a ricambiarlo sentendosi persino a suo agio in tua compagnia. Se non accade, è probabile che stia solo passando una brutta giornata. Certo, essere gentile non garantisce una risposta positiva, ma solitamente aiuta.[4]
    • Sorridi quando incontri la gente per strada, quando chiedi consiglio a un commesso, quando cammini per andare a scuola la mattina oppure ogni volta che stabilisci un contatto visivo con qualcuno.
    • Sorridi anche se ti senti giù. Puoi comunque essere gentile anche se non sei dell'umore giusto. Perché dovresti trasmettere energie negative ad altre persone?
    • Se sei di cattivo umore e non vuoi dare retta a nessuno, prova ad ascoltare un po' di musica, disegnare o dedicarti a qualunque cosa in grado di darti sollievo. In questo modo, non risulterai intollerante o scortese pur non avendone l'intenzione.
  5. 5
    Cerca di essere empatico. In altre parole, devi metterti nei panni degli altri. L'empatia non è una capacità innata, ma bisogna coltivarla. Quindi, prova a staccarti dal tuo modo di pensare e chiediti: "Chi ho di fronte che cosa sta provando?". L'obiettivo non è quello di trovare la "risposta giusta", ma nel dare priorità agli altri in modo da diventare una persona più attenta, premurosa e gentile.[5]
    • Non fare discriminazioni. Sii gentile con tutti. Se ti comporti bene con amici e insegnanti ma sei sgarbato con le persone che godono di poca considerazione, rischi di sembrare meno gentile di quanto tu non sia effettivamente. Non giudicare gli altri in base alla provenienza, all'età, al sesso, all'orientamento sessuale, alle abilità fisiche o alla religione.
  6. 6
    Non parlare male degli altri quando non sono presenti. Naturalmente, non dovresti criticare nessuno, ma ci sono momenti in cui è opportuno segnalare gli errori a chi li commette. Tuttavia, l'occasione giusta non è quando la persona in questione è assente. Parlare alle spalle dimostra che non rispetti il soggetto coinvolto e che lo consideri in modo diverso quando è presente. Le persone gentili sanno che parlare alle spalle di qualcuno è un comportamento deprecabile che può alimentare la reputazione di pettegolo.
    • In caso di problemi o dubbi con qualcuno, basta chiedere. Metti in luce i conflitti per poterli gestire con amabilità e in modo agevole.
  7. 7
    Considera tutti, non solo quelli che ti sono più vicini. Tenere la porta aperta a un amico è un gesto carino, ma gentilezza è sinonimo di disponibilità e cordialità con tutti. Dai una mano a una persona in difficoltà per strada e offriti di aiutare un compagno di classe o un collega se gli cadono a terra le cartelle e i documenti che porta in mano. Aiuta a organizzare il compleanno di qualcuno o un venerdì porta i cornetti senza un motivo particolare. Sii gentile in modo disinteressato.
    • Chiedi alle persone come stanno. Trova il tempo per chiedere a qualcuno come procede la sua vita, senza essere indiscreto o invadente. Se hai l'impressione che sia reticente, evita di spingerlo a dire più di quanto non voglia.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Essere Gentile con le Persone che Conosci

  1. 1
    Sii positivo. Quando i tuoi amici ti cercano per un consiglio o semplicemente per creare l'atmosfera giusta per una conversazione, non porti in maniera negativa o critica. Continua a cercare i risvolti positivi in ogni situazione. Tira su il morale. Ci sono sempre due lati della medaglia: quello positivo e quello negativo. Le persone gentili aiutano gli altri a vedere il bicchiere mezzo pieno.[6]
    • Rendi merito ai tuoi amici. Se prendono un bel voto a un esame o vincono un premio, congratulati con loro.
    • Fai complimenti. Se hai un'amica che detesta i suoi capelli, dille che è bellissima o che ha un sorriso fantastico. Anche se non sarai del tutto sincero, apprezzerà la tua gentilezza.
      • Se si tratta di un'amica molto stretta, puoi dirle: "Secondo me stai benissimo, ma prova a..." e dalle un piccolo suggerimento in grado di migliorare il suo aspetto.
    • A volte le persone hanno bisogno di sfogarsi in modo negativo. Puoi mostrarti tollerante e comprensivo mentre parlano, senza buttarla sullo scherzo. Assicurati che il tono delle tue risposte sia pertinente con quanto stanno cercando di dirti.
  2. 2
    Sii umile. Tendi a guardare dall'alto in basso chi è diverso o "strano"? Non è carino credersi migliori. Anche tu sei una persona, ma ognuno ha i suoi problemi, ed essere gentili gli uni con gli altri migliora la vita di ciascuno di noi. Siamo tutti uguali: quando ostenti superiorità, fai sentire gli altri meno importanti.[7]
    • Non vantarti e non essere borioso. Se hai realizzato qualcosa di eccezionale, certamente ne sarai orgoglioso. L'importante è dare il dovuto riconoscimento alle persone che nel frattempo ti hanno aiutato.
    • Non giudicare le persone finché non le conosci davvero. Non fare supposizioni basandoti sul loro modo di parlare o sul loro aspetto. Tieni conto che non sempre la prima impressione è attendibile. Come dice il proverbio, non giudicare un libro dalla copertina.
  3. 3
    Sii sincero. Se sei gentile soltanto per avere un trattamento privilegiato, ti stai comportando all'opposto di come dovresti: è un atteggiamento ipocrita, superficiale e crudele. Devi essere gentile perché, guardandoti indietro, potrai appurare di essere stato corretto in qualunque situazione. Sii gentile perché scegli di esserlo.[8]
    • Non essere ipocrita. Evita di parlare male degli altri e pugnalarli alle spalle. Se sei gentile e sincero con tutti, ti guadagnerai la loro fiducia. Inoltre, non fare la doppia faccia screditando chi, invece, si fida di te. Non fare pettegolezzi su altre persone o quelle che ti sono antipatiche. Questi comportamenti hanno sempre delle ripercussioni e ti faranno sembrare superficiale.
  4. 4
    Costella la tua quotidianità di piccoli atti di gentilezza. Ad esempio, tieni aperta la porta a un insegnante che non conosci o sorridi a chi non sempre è carino nei tuoi confronti. Sono proprio le piccole cose, quelle prive di apparente importanza, che alla fine ti faranno sembrare una persona molto più gentile.[9]
  5. 5
    Impara a condividere. Prova a dividere una fetta di dolce offrendone un po' al tuo fratellino. Potresti anche mettere a disposizione qualcosa di più importante, come il tuo tempo, i tuoi spazi o le tue competenze. Inoltre, considera le azioni di beneficenza o anche solo qualche piccolo gesto quotidiano di generosità. La bontà è sintomo di gentilezza d'animo. Non prendere più di quello che dai e, quando puoi, dai più di quello che ricevi.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Essere Gentile con le Persone che Ami

  1. 1
    Offri il tuo aiuto. Se vedi i tuoi genitori intenti a destreggiarsi tra mille impegni, offriti di aiutarli. Dai priorità agli altri quando hai energie e tempo disponibili. A lungo andare verrai sicuramente ricompensato per le tue buone azioni, quindi non essere egoista.
    • Non aspettare che ti chiedano una mano. Impara a individuare i momenti in cui le persone sono in difficoltà.
    • Sfrutta la tua creatività! Aiuta i tuoi fratelli con i compiti, ascolta le idee di tuo marito o tua moglie in relazione a un nuovo progetto, prepara la colazione per tutta la famiglia, porta a passeggio il cane, accompagna tua sorella a scuola e così via. Possono sembrare gesti di poca importanza, ma i tuoi sforzi verranno apprezzati.
  2. 2
    Sii serio e affidabile. Essere gentile con la propria famiglia e con chi si ama significa anche garantire la propria presenza nei momenti di bisogno. Rispondi alle e-mail e alle telefonate, rispetta gli appuntamenti e gli impegni e ascolta chi ti chiede attenzione.
    • Se qualcuno ti lascia un messaggio, richiamalo immediatamente. Non è bello lasciare le persone in attesa per giorni.
    • Se prometti di stare in un certo posto, cerca di esserci. Se dai la tua parola, fai quanto hai detto. L'inaffidabilità rovina la fiducia che gli altri ripongono in te e non è un bel modo di agire. Coltiva i tuoi rapporti di amicizia.
  3. 3
    Sii disponibile per le persone che attraversano momenti difficili. Durante una crisi o in un periodo di alti e bassi, probabilmente chi soffre non desidera altro che cucinare e mangiare da solo! Portagli un tegame di pasta al forno e un pacco di biscotti e passa la serata con lui. Se il tuo migliore amico è stato lasciato dalla sua compagna, offriti di aiutarlo a togliere gli effetti personali dell'ex sparsi per casa in modo che non debba affrontare da solo questo compito doloroso. I veri amici e le persone gentili non si dileguano quando le cose si mettono male: affrontano la situazione a testa alta e danno una mano.[10]
  4. 4
    Prendi la strada giusta. A volte non è semplice essere gentili. Ti troverai in situazioni che ti porteranno all'esasperazione. Anche le persone che ami talvolta possono essere sgarbate, eccessivamente critiche, egoiste, egocentriche o apertamente ostili. Devi evitare di scendere al loro livello. Non passare dalla gentilezza alla cattiveria solo perché la tua pazienza viene messa a dura prova.
    • Quando ti arrabbi e sei in procinto di agire sgarbatamente, scegli un'altra reazione anziché comportarti male. Fai una corsa, prendi a pugni un cuscino o rilassati giocando a un videogioco. Hai sempre il controllo delle tue azioni e dei tuoi comportamenti.
    • Ricorda di trattare gli altri nel modo in cui vorresti essere trattato. Se non calpesti la loro dignità, ti vedranno automaticamente come una persona gentile, premurosa, affidabile e attenta. In fin dei conti, vuoi essere rispettato per le tue opinioni, le tue idee e le tue passioni, anche se non sono condivisibili da tutti. Dovresti mostrare la stessa cortesia anche verso gli altri.
  5. 5
    Offri il tuo perdono. Non nutrire rancore e non continuare a punire o prendertela con le persone una volta che ti hanno chiesto scusa. Ricorda che perdonare vuol dire buttarsi alle spalle quanto è successo evitando di permettere alla rabbia o alla gelosia di continuare a dominare i tuoi pensieri. Questo non significa che devi improvvisamente tornare a confidarti con chi ti ha ferito. Vuol dire solo smettere di nutrire astio nei suoi confronti se ti ha chiesto sinceramente perdono. È un elemento essenziale della bontà d'animo. Le persone ti rispetteranno se sei gentile e indulgente.[11]
    • Anche se non ti viene chiesto perdono, prova ad andare avanti. Chi ti fa male e non si scusa in genere non merita la tua rabbia e la tua preoccupazione.[12]
    Pubblicità


Consigli

  • Sii gentile anche con gli animali! Ama e rispetta i tuoi amici a quattro zampe così come gli animali selvatici.
  • Non ridere degli errori altrui e non sottolineare i difetti in modo troppo duro. Va bene scherzare, ovviamente, ma usa buon senso e riconosci la differenza tra ridere con qualcuno e deriderlo.
  • Se gli amici non sono gentili con te, non ricambiare con la stessa scortesia. Avvicinati e chiedi che cosa c'è che non va.
  • Se qualcuno ti fa una confidenza e prometti di non dirlo a nessuno, resta fedele alla parola data e mantieni il segreto.
  • Se ogni tanto perdi la calma, non sei una persona cattiva, soprattutto se qualcuno si comporta male con te. In questi casi, non essere duro con te stesso e ricorda che non sei infallibile. Detto questo, non nutrire rancore senza motivo.
  • Non discriminare mai le persone per la loro religione o la loro provenienza. Dovresti sempre trattarle bene indipendentemente da chi siano.
  • Fai in modo che la gentilezza ti contraddistingua. Non comportarti bene un giorno sì e uno no, altrimenti le persone cominceranno a pensare che tu stia recitando.
  • Essere gentili significa anche dire la verità, ma se la verità è troppo dolorosa, comunicala con tatto.
  • Se sospetti di avere problemi di aggressività, considera la possibilità di consultare uno psicoterapeuta.
Pubblicità

Avvertenze

  • Non lasciare che gli altri si approfittino della tua cordialità e dei tuoi modi amichevoli e mansueti. Potrebbero ferirti e deludere altre persone. Se ti fai valere educatamente, puoi risparmiare a te stesso e ad altri numerosi problemi.
  • Stai attento quando sorridi o saluti qualcuno con cui hai avuto una brutta esperienza. La situazione ti si può ritorcere contro. Potrebbe pensare che tu sia subdolo e risponderti con una frase non molto piacevole.
  • Anche se ti comporti con gentilezza, non diventare un bersaglio facile. Il compromesso va bene, ma devi essere trattato in modo equo. Non avere paura di difendere ciò che è giusto e non esitare a difendere gli altri. Se ti accorgi che, pur rispettando qualcuno, non vieni ricambiato, esci di scena con eleganza e sparisci.
  • Probabilmente avrai sentito dire che "non è importante l'apparenza, perché quello che conta è chi sei dentro". È vero solo in parte, ma hai solo una possibilità quando conosci qualcuno. Se sei maleducato la prima volta, potresti essere etichettato in questo modo. Se, invece, dai una buona impressione, la gente ti considererà simpatico e schietto.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità