Come Fare il Vino

Sei un enofilo (amante del buon vino) e sei pronto a portare la tua passione al livello successivo? Allora sei proprio nel posto giusto. Di seguito puoi trovare delle facili istruzioni "passo per passo" per fare il vino da solo, senza l'ausilio di un kit.

Ingredienti

  • 32 kg uva
  • 1 sacchetto lievito per il vino

Metodo 1 di 3:
Preparazione

  1. 1
    Leggi e comprendi il processo. Preparare il vino da zero è impegnativo e il risultato finale può variare completamente, soprattutto quando si tratta di un preparatore di vino decisamente inesperto. Detto questo, non scoraggiarti e prova, dopotutto è la pratica che rende perfetti!
  2. 2
    Ricavati un po' di spazio. Una cantina o un garage sarebbero l'ideale. Prova a trovare uno spazio che abbia una temperatura regolare.
  3. 3
    Trova l'uva [1]. Cerca tra i fornitori locali di uva. Contatta un vigneto locale e accordati con i proprietari per farti vendere l'uva. Considera che i vigneti non ti possono fornire una data precisa di consegna. L'uva è matura quando è matura. Quindi devi essere pronto quando l'uva diventa matura.
    • In alternativa, puoi ordinare del succo concentrato di uva su internet, che viene preparato appositamente per fare il vino. Se prendi il succo potresti saltare il passaggio "Verifica il contenuto di acidità".
    • La varietà d'uva adatta a fare il vino è diversa da quella da tavola, non sostituirla.
    • Avrai bisogno di circa 32-36 kg di uva per ogni damigiana [1] di vino che vuoi riempire. Una damigiana ha una capacità di circa 19 litri. [1]. Ovvero, circa 30 bottiglie di vino.
  4. 4
    Lava l'uva. Una volta che hai comprato l'uva, lavala e suddividila. Togli gli acini marci o ammaccati.
  5. 5
    Pigia l'uva. Puoi pigiare l'uva con o senza peduncolo (che contiene tannini). Dipende dal tipo di gusto che stai cercando di ottenere. Potresti pigiare l'uva con le mani, con i piedi o con una macchina. Il composto di polpa e succo che otterrai si chiama "mosto" [1].
  6. 6
    Verifica il contenuto di acidità. Segui le istruzioni riportate nel kit per testare l'acidità del mosto. Molto probabilmente il contenuto di acido sarà troppo basso, e quello dello zucchero troppo alto. Usa la miscela acida presente nel tuo kit fino a raggiungere il 65% [1].
  7. 7
    Regola la gravità specifica. Misura la gravità specifica del mosto usando l'idrometro. Regola la gravità specifica del mosto con l'acqua fino a raggiungere 1,095 [1].
  8. 8
    Aggiungi il metabisolfito. Aggiungi 1 grammo di metabisolfito ogni 4,5 kg di uva [1]. Mescola. Il metabisolfito formerà il diossido di zolfo (SO2) nel mosto. Questo eviterà che si formino dei microrganismi aggressivi. Il metabisolfito agisce come antiossidante.
    • Nota: alcune persone sono allergiche ai solfiti. Se è il tuo caso, potresti saltare questo passaggio, ma sii consapevole che corri un rischio maggiore di ottenere un vino contaminato.
  9. 9
    Controlla la temperatura. Il mosto dovrebbe essere tra i 20 e i 26 °C. [1]. Se è troppo caldo, aggiungi un sacchetto di ghiaccio. Mescola e controlla di nuovo. Se è troppo freddo, scuoti una bottiglia di acqua tiepida nel mezzo. Mescola e ricontrolla.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Fermentazione

  1. 1
    Aggiungi il lievito al mosto. Una volta che hai raggiunto la temperatura ideale (tra i 20 e i 26 °C) e stabile, è ora di aggiungere il lievito. Il lievito metabolizzerà lo zucchero naturale dell'uva in etanolo (alcol). La quantità di lievito di cui hai bisogno sarà indicato sulla confezione del lievito, ma di solito se ne usa un pacchetto per una damigiana o per 32 kg di uva.
    • Nota: il lievito per il vino è diverso da quello per il pane. Non provare a sostituirlo.
  2. 2
    Controlla e mescola ogni giorno. Se non l'hai già fatto, trasferisci il composto di mosto e lievito nel fermentatore. Una volta trasferito, mescola il mosto ogni giorno. Tieni a mente che il processo di fermentazione rilascia calore, quindi assicurati di tenere il vino in un posto fresco, altrimenti il lievito potrebbe morire prima del tempo.
    • Più a lungo lasci fermentare il vino, più sarà scuro e pieno di tannini. Non lasciarlo fermentare per più di una settimana.
  3. 3
    Travasa il succo dal fermentatore in una damigiana pulita. Premi il mosto restante nel fermentatore per togliere più succo possibile dai residui solidi d'uva. Quando hai finito, aggiungi il succo estratto nella damigiana. Riempila fino a 8-9 cm dall'orlo [1].
  4. 4
    Metti il tappo alla damigiana. Chiudi bene la damigiana con un tappo e una camera stagna. Ora la fermentazione inizierà sul serio. La camera stagna è piena d'acqua per far sì che i gas di vino escano e per evitare che le sostanze aeree contaminanti entrino nel fermentatore.
  5. 5
    Aspetta [1]. Dopo 10-14 giorni, il piccolo tappo nella camera stagna smetterà di fare su e giù. Quando succede questo significa che il lievito non sta più fermentando.
  6. 6
    Metti il vino in una nuova damigiana pulita [1]. Quando travasi il vino nella damigiana pulita, lascia i sedimenti nella damigiana vecchia.
  7. 7
    Regola ancora la gravità specifica. Misura la gravità specifica con l'idrometro. Se ha raggiunto 0,995 o meno [1](indica i livelli di alcol in aumento) procedi al passaggio successivo.
    • Se la gravità specifica supera 0,995, lascia fermentare il vino ancora per qualche giorno e controlla di nuovo.
  8. 8
    Filtra il vino, primo giorno [1]. Aggiungi la bentonite al vino. La bentonite si attaccherà al lievito morto e a qualsiasi altra particella di materia, e contribuirà a farla precipitare infondo alla damigiana. L'aggiunta di bentonite previene anche un'ulteriore fermentazione. Aspetta 24 ore dopo aver aggiunto la bentonite.
    • Prepara il tuo composto di bentonite aggiungendone 3 cucchiai a 550 ml di acqua bollente. Poi aggiungi 5-7 cucchiai di questo composto in ogni damigiana di vino [2].
  9. 9
    Filtra il vino, secondo giorno. Dopo un giorno, aggiungi 30 ml di colla di pesce liquida per ogni damigiana di vino. Aspetta dieci giorni.
  10. 10
    Metti il vino in una nuova damigiana pulita [1]. A questo punto puoi lasciar invecchiare il vino ulteriormente, oppure scegliere di imbottigliarlo subito.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Imbottigliamento

  1. 1
    Imbottiglia il vino. Ogni cosa deve essere sterilizzata durante questo processo. Il 90% dei fallimenti nella preparazione del vino dipendono dalla scarsa pulizia o da un'igiene insufficiente [3]. Per sterilizzare: tratta tutta l'attrezzatura con una soluzione di metabisolfito [1]. Una volta sterilizzato tutto, procedi a travasare il vino nelle bottiglie sterilizzate con il tappo di sughero.
    • Per preparare la soluzione sterilizzante di metabisolfito: sciogli 1 cucchiaino di cristalli di metabisolfito in 340 ml di acqua. Immergi tutti gli strumenti in questa soluzione. Dopo il trattamento, sciacquali accuratamente con acqua tiepida. Dopo dovresti usare delle pinze o dei guanti sterilizzati per maneggiare gli strumenti.
    • Assicurati di usare delle bottiglie verdi per il vino rosso, poiché è sensibile alla luce.
    • Alcune persone sono allergiche ai solfiti. In alternativa, puoi bollire gli strumenti per sterilizzarli.
  2. 2
    Goditi il tuo duro lavoro. Bevi una bottiglia subito, e conserva le altre in un posto fresco e asciutto per la tua prossima cena tra amici. Sicuramente farai un figurone.
    Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Macchina per pigiare l'uva (facoltativo)
  • Spremi-uva
  • Kit per verificare l'acidità
  • Vasetto
  • Fermentatore (un grande secchio in plastica con un coperchio ermetico e un buco al centro)
  • Due grandi damigiane di vetro
  • Camera stagna per le damigiane
  • Due tappi di gomma (uno per il buco nel tappo del fermentatore e l'altro per la damigiana)
  • Tubo per travasare il vino (tubo di plastica trasparente di 5 mm e circa 2 m di lunghezza)
  • Metabisolfito di sodio o potassio (per sterilizzare gli strumenti)
  • Cucchiaio di plastica con il manico lungo (1,2 m di lunghezza)
  • Idrometro (strumento delicato utile per misurare la gravità specifica del vino)
  • Lievito (non quello per il pane)
  • Bentonite (per filtrare il vino)
  • Colla di pesce (per filtrare il vino)
  • Bottiglie di vetro
  • Tappo di sughero
  • Tappatrice
  • Asciugamani

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Fai da Te | Drinks

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità