Come Fare in Modo che un Cucciolo Smetta di Ringhiare quando lo Prendi

Scritto in collaborazione con: Pippa Elliott, MRCVS

Il tuo adorabile cucciolo ringhia contro di te quando lo prendi? Questo suo atteggiamento ti preoccupa a tal punto da farti temere che, una volta adulto, si trasformi in un cane aggressivo? Quasi ogni cucciolo attraversa questa fase. Solo perché ti ringhia non significa che non gli piaci o che sta diventando aggressivo. Tuttavia, un simile comportamento non deve essere tollerato, perciò sarebbe opportuno intervenire per fermarlo. Puoi insegnare al tuo cucciolo a contenersi e a diventare un cagnolino educato.

Parte 1 di 2:
Usare Stimoli Positivi

  1. 1
    Valuta l'uso di un rinforzo positivo. Il sistema migliore per insegnare un comando al tuo cucciolo o fargli capire che certi comportamenti non sono accettabili consiste nel ricorrere a un rinforzo positivo. In pratica, vuol dire lodare gli atteggiamenti giusti invece di punire quelli scorretti. Puoi sradicare i comportamenti sbagliati motivando il tuo cagnolino ad agire in un certo modo, tale che abbia la certezza di ricevere una lode e una ricompensa.[1]
  2. 2
    Scegli un comando. Uno degli aspetti più importanti dell'addestramento mediante l'uso del rinforzo positivo è la coerenza, perché il cucciolo capisce solo attraverso azioni che si ripetono. La prima cosa su cui bisogna essere coerenti è la parola da utilizzare per comunicargli che deve smettere di ringhiare. "Silenzio" è l'espressione più comune in questi casi.[2]
    • Una volta che il cucciolo avrà capito il significato di "silenzio", potrai utilizzare questo comando anche quando abbaia in modo fastidioso, piagnucola ed emette altri guaiti.[3] Sincerati sempre che non abbia un buon motivo per lamentarsi prima di impartirgli questo comando.
  3. 3
    Dai al tuo cucciolo un premio e lodalo quando lo prendi in braccio. Se non inizia a ringhiare appena lo prendi, complimentati a bassa voce dicendogli che è un bravo cagnolino. Dovresti anche tenere in tasca qualche delizioso bocconcino e porgergliene un pezzo affinché lo possa mangiucchiare mentre resta tranquillo e docile in braccio.[4]
    • Per avere la certezza di non dargli una ricompensa troppo grande mentre lo addestri, usa vari pezzetti delle dimensioni di un pisello.[5]
  4. 4
    Smetti di premiarlo se comincia a ringhiare. È meglio che il cucciolo inizi ad associare la ricompensa al fatto che deve assumere un comportamento calmo e sereno quando lo tieni in braccio. Non appena si accinge a ringhiare, smetti di lodarlo e di dargli il suo premio. Tuttavia, non metterlo a terra. Se lo metti giù dopo poco che comincia a ringhiare, inizierà a collegare il suo comportamento col fatto che lo poggi sul pavimento, quindi non farai altro che rafforzare la sua condotta invece di eliminarla.[6]
  5. 5
    Usa il comando che hai scelto. Se l'espressione che hai scelto è "silenzio", usa questo comando dopo che hai smesso di dargli la ricompensa.[7] Adopera anche un tono severo, ma non in modo così forte o aggressivo da spaventare il cucciolo. Se gli impartisci il comando con tono delicato, il cagnolino avrà l'impressione che si tratti di una lode, in quanto gli ricorderà lo stesso tono utilizzato quando gli hai dato il rinforzo positivo.
    • Utilizza il comando una volta soltanto, dopodiché aspetta finché il cucciolo non smette di ringhiare. Se lo ripeti più volte, sarà più difficile per lui associarlo al comportamento che desideri.
  6. 6
    Lodalo di più e dagli altri bocconcini quando smette di ringhiare. Quando si ferma per qualche secondo, complimentati di nuovo e offrigli un'altra ricompensa.[8] Forse sarà necessario attendere un minuto prima che il cagnolino si astenga da questo comportamento, ma non esitare a lodarlo e a dargli altri bocconcini non appena si ferma. Il cambiamento non avverrà subito, in quanto il cucciolo comincerà a capire dopo qualche giorno (anche dopo settimane) o diverse volte che, se sei contento quando sta tranquillo in braccio, potrà avere i suoi bocconcini saporiti e che, se ringhia, non riceverà nessuna ricompensa.
  7. 7
    Concludi con una nota positiva. Termina sempre con un incoraggiamento. Sebbene sia necessario aspettare finché non smette di ringhiare anche quando sei pronto a metterlo giù, concludi sempre l'addestramento con un rinforzo positivo. Attendi che il cucciolo finisca di digrignare, lodalo, dagli la ricompensa e, infine, poggialo a terra.
    • Per evitare che faccia troppo affidamento sui bocconcini, puoi ricorrere ad altri tipi di rinforzo positivo. Ad esempio, quando sei pronto a mettere il cucciolo sul pavimento, aspetta che smetta di ringhiare, complimentati e dagli subito il suo giocattolo preferito non appena lo poggi a terra.
  8. 8
    Sii coerente. I cuccioli adottano un certo tipo di comportamento solo se il padrone mostra la massima coerenza nel dare e togliere i rinforzi positivi. Se durante l'addestramento i messaggi sono contraddittori, non funzionano.[9] Affinché assuma il comportamento corretto, cerca di essere rigoroso quando devi lodarlo, dargli la ricompensa e suoi giocattoli.
    • Questo significa che anche ciascun componente della famiglia svolge un ruolo importante nell'addestramento del cucciolo. Quest'ultimo non imparerà se sei l'unico a impartirgli l'educazione. Assicurati che tutti coloro che hanno a che fare con lui utilizzino lo stesso sistema quando devono incentivarlo ad assumere il giusto comportamento.[10]
  9. 9
    Sii paziente. Alcuni cuccioli possono intuire il comando dopo poche volte, mentre altri potrebbero aver bisogno di settimane prima che lo capiscano. Sii paziente perché grazie alla tua coerenza il cucciolo, alla fine, imparerà.
    • Se ti senti frustrato, evita di arrivare al punto di sgridarlo o dargli uno scappellotto. I cani capiscono quando il padrone è arrabbiato con loro, ma raramente ne comprendono il motivo. Pertanto, se punisci il tuo cucciolo, corri il rischio di confonderlo. Continua a usare i rinforzi positivi.
  10. 10
    Riduci la dipendenza dalle ricompense. Una volta che il tuo cucciolo avrà imparato quale comportamento ti aspetti da lui mentre lo tieni in braccio e usi il comando "silenzio", potrai ridurre la frequenza con cui gli dai i bocconcini affinché ti obbedisca. Anche se dovresti diminuire la dipendenza dalle ricompense, continua sempre a essere coerente ricorrendo ad altre forme di incoraggiamento, in particolare le lodi.[11]
    • Inizialmente, dagli un bocconcino quattro volte su cinque che il cucciolo obbedisce, assumendo il comportamento corretto. Quando comincia a reagire regolarmente al comando "silenzio", riduci il premio a tre volte su cinque e continua a diminuire gradualmente la frequenza. Quando avrà capito, obbedendo sempre in maniera costante, potrai dargli una sola ricompensa ogni tanto.[12]
    • Varia la frequenza dei rinforzi. Il tuo cucciolo è più intelligente di quanto tu possa credere e capisce se gli dai la sua ricompensa una volta sì e una no: pertanto, la tua coerenza può indurlo a obbedirti in modo alternato. Scegli di premiarlo senza seguire uno schema preciso, in modo che cerchi di farti contento in ogni occasione per ottenere i suoi bocconcini.[13]
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Adottare Ulteriori Misure Affinché ti Obbedisca

  1. 1
    Tieni correttamente il cucciolo. Potrebbe ringhiare per il semplice fatto che non gradisce il modo in cui lo prendi o perché sta scomodo in braccio. Sebbene sia normale, i cagnolini non apprezzano essere presi sotto il braccio e sollevati in questo modo. C'è anche il rischio che si facciano male.
    • Piuttosto, metti una mano sul petto e sullo stomaco del cucciolo e usa l'altra per sollevarlo dall'estremità posteriore. È un modo più sicuro per prenderlo.[14]
    • Quando lo tieni, cullalo al petto o in grembo affinché si senta protetto.[15]
  2. 2
    Presta attenzione alla frequenza con cui ringhia. Se il tuo cucciolo lo fa con tutti, prendi in considerazione che forse non gli piace essere preso. I cani sono inclini a correre ed esplorare ovunque. Non è naturale o normale per loro essere trasportati e, quindi, potrebbero infastidirsi se vengono maneggiati in questo modo. Pertanto, la sua reazione potrebbe essere dovuta più allo spavento in una simile situazione che non all'intenzione di aggredire.[16]
  3. 3
    Distoglilo dal suo comportamento con un giocattolo. Se il tuo cucciolo non ha problemi quando lo prendi, ma comincia a ringhiare poco dopo, allora potresti distoglierlo dal suo atteggiamento usando un giocattolo. Assicurati di darglielo prima che cominci a ringhiare. In caso contrario, c'è il rischio che scambi il giocattolo come ricompensa per il fatto di aver ringhiato.
    • Un giocattolo è anche un ottimo modo per distrarre un cucciolo che usa troppo la bocca quando lo prendi, magari mordendo per gioco le braccia o le mani.
  4. 4
    Riconosci quando in altre circostanze ringhia per gioco. È probabile che il tuo cucciolo ringhi in altre occasioni, non solo quando lo prendi. Potrebbe farlo mentre gioca con altri cagnolini, con i suoi giocattoli e così via. È normale in questo genere di situazioni, perciò non pensare di "zittirlo" in simili circostanze. Se corre dappertutto, ha un'espressione giocosa con la bocca aperta e si piega in avanti saltellando con le zampe anteriori abbassate e la parte posteriore all'insù, sta semplicemente giocando e non ha alcuna intenzione di essere aggressivo o di dominare.[17]
    • I cani che ringhiano per esprimere aggressività o dominio sono molto più propensi a fissare il loro obiettivo, piegano le orecchie indietro e assottigliano la bocca mentre scoprono i denti.[18] Inoltre, quando ringhiano in modo aggressivo, restano immobili e concentrati.
    • Se il tuo cucciolo ringhia quando qualcuno gli si avvicina mentre mangia, i suoi sono segnali aggressivi connessi al fatto che sta mangiando. Contatta un veterinario comportamentalista della tua città per poter correggere l'atteggiamento aggressivo legato al cibo.
  5. 5
    Considera di consultare un addestratore cinofilo. Se dopo diverse settimane di addestramento, il cucciolo non ha ancora compreso il comando e ringhia ancora, allora rivolgiti a un istruttore cinofilo. Esaminerà il modo in cui gli impartisci il comando e correggerà tutte le incongruenze che possono confondere il tuo cagnolino.
    Pubblicità


Consigli

  • Non ti arrabbiare troppo se ringhia e ti morde. È un atteggiamento che molti cuccioli abbandonano se sei costante.
  • Non prenderti gioco di come si comporta il tuo cucciolo e non urlare. In entrambi i casi c'è il rischio di incoraggiare atteggiamenti indesiderati.
  • Quando smette di ringhiare, premia il suo comportamento lodandolo o dandogli un bocconcino. In questo modo saprà di essersi comportato bene.
Pubblicità

Avvertenze

  • Non permettere ai bambini di prendere il cucciolo perché, se lo sollevano, c'è il pericolo che cada e si faccia male. Inoltre, se ringhia e morde, potrebbero cominciare ad avere paura di lui. Se lasci che lo prendano in braccio, assicurati che siano controllati da un adulto.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Veterinaria del Royal College of Veterinary Surgeons
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Pippa Elliott, MRCVS. La Dottoressa Elliott è una veterinaria con oltre trenta anni di esperienza. Si è laureata all'Università di Glasgow nel 1987 e ha lavorato come specialista in chirurgia veterinaria per sette anni. In seguito, ha lavorato per più di dieci anni come veterinaria in una clinica per animali.
Categorie: Cani

Riferimenti

  1. http://www.humanesociety.org/animals/dogs/tips/dog_training_positive_reinforcement.html
  2. Canine and Feline Behavior for Veterinary Technicians and Nurses. Edited by Julie Shaw and Debbie Martin. John Wiley & Sons, Inc. 2015
  3. https://www.aspca.org/pet-care/virtual-pet-behaviorist/dog-behavior/barking
  4. Canine and Feline Behavior for Veterinary Technicians and Nurses. Edited by Julie Shaw and Debbie Martin. John Wiley & Sons, Inc. 2015
  5. http://www.humanesociety.org/animals/dogs/tips/dog_training_positive_reinforcement.html
  6. Canine and Feline Behavior for Veterinary Technicians and Nurses. Edited by Julie Shaw and Debbie Martin. John Wiley & Sons, Inc. 2015
  7. Canine and Feline Behavior for Veterinary Technicians and Nurses. Edited by Julie Shaw and Debbie Martin. John Wiley & Sons, Inc. 2015
  8. Canine and Feline Behavior for Veterinary Technicians and Nurses. Edited by Julie Shaw and Debbie Martin. John Wiley & Sons, Inc. 2015
  9. http://www.humanesociety.org/animals/dogs/tips/dog_training_positive_reinforcement.html
  1. http://www.humanesociety.org/animals/dogs/tips/dog_training_positive_reinforcement.html
  2. http://www.humanesociety.org/animals/dogs/tips/dog_training_positive_reinforcement.html
  3. http://www.humanesociety.org/animals/dogs/tips/dog_training_positive_reinforcement.html
  4. http://www.humanesociety.org/animals/dogs/tips/dog_training_positive_reinforcement.html
  5. Handbook of Applied Dog Behavior and Training, Procedures and Protocols. Volume 3. Steven R. Lindsay. Blackwell Publishing. 2005
  6. Handbook of Applied Dog Behavior and Training, Procedures and Protocols. Volume 3. Steven R. Lindsay. Blackwell Publishing. 2005
  7. Handbook of Applied Dog Behavior and Training, Procedures and Protocols. Volume 3. Steven R. Lindsay. Blackwell Publishing. 2005
  8. https://www.aspca.org/pet-care/virtual-pet-behaviorist/dog-behavior/canine-body-language
  9. https://www.aspca.org/pet-care/virtual-pet-behaviorist/dog-behavior/canine-body-language

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità