Come Fare un'Endovenosa

Iniettare farmaci in vena può essere difficile e dovrebbe essere fatto con l’assistenza e il controllo di un professionista. Quando si fa un’endovenosa potrebbe essere necessario migliorare l'accessibilità alla vena rendendola più visibile. Usa attrezzature sterili e inietta il farmaco nel flusso sanguigno.

Parte 1 di 3:
Migliorare l’Accessibilità alla Vena

  1. 1
    Idrata il paziente. Il paziente dovrebbe bere da uno a quattro bicchieri (250 ml ciascuno) d'acqua a partire da un'ora prima di ricevere l'iniezione.
    • Quando il corpo è idratato correttamente, il sangue scorre più vigoroso nelle vene, rendendole più grandi e visibili.
    • Viceversa, sarà particolarmente difficile individuare una vena su una persona disidratata.
  2. 2
    Palpa la vena. Premi delicatamente sulla pelle sopra la vena per portarla più in superficie.
    • Trova la vena, quindi appoggia un dito su di essa. Usa questo dito per premere delicatamente su e giù per 20-30 secondi. Questo dovrebbe far espandere la vena e renderla un po’ più facile da vedere.[1]
    • Contrariamente alla credenza popolare, schiaffeggiare la vena non la porta in superficie. I nervi della zona interessata si contraggono al momento di sentire dolore, e rendono il vaso sanguigno più piccolo e più difficile da vedere.
  3. 3
    Applica calore sulla zona. Il calore fa sì che la vena si dilati e aumenti di dimensioni, rendendola più facile da trovare. Per avere i migliori risultati, riscalda il punto dove iniettare e il corpo del paziente prima di fare un'endovenosa.
    • Mai fare un'iniezione immediatamente dopo che il paziente è rientrato dopo essere stato fuori in una giornata fredda. Dai al paziente il tempo per riscaldarsi. Considera di coprire il paziente con delle coperte o con strati aggiuntivi di abbigliamento.[2]
    • Altre opzioni per riscaldare tutto il corpo includono bere una bevanda calda, come tè o caffè, o fare un bagno caldo. Somministra l'iniezione solo dopo che il paziente è uscito dal bagno, e non mentre è ancora in acqua.
    • Se hai bisogno di scaldare la zona in cui fare l’iniezione, metti nel microonde un asciugamano umido per 15-30 secondi e mentre è ancora caldo avvolgilo intorno alla vena. Potresti anche scaldare la zona mettendola direttamente in acqua calda o usando un asciugacapelli per alcuni secondi.
  4. 4
    Usa la gravità. Chiedi al paziente di sdraiarsi su un letto o su un divano tenendo il braccio in cui iniettare penzoloni su un lato. La gravità dovrebbe spingere il sangue verso il braccio, rendendo le vene più grandi e più scure.
    • In modo analogo, il paziente può estendere il braccio e farlo roteare per 20-30 secondi. La forza centrifuga farà sì che il sangue affluisca sul braccio mentre ruota, e operando in questo modo alcuni minuti prima della somministrazione dell'iniezione, l'aspetto della vena dovrebbe migliorare abbastanza da facilitare il compito.
  5. 5
    Comprimi una palla antistress. Immediatamente prima dell'iniezione invita il paziente ad afferrare una palla antistress e a schiacciare con quante forza è possibile,.[3]
    • Un'altra opzione è chiedere al paziente di aprire e chiudere rapidamente la mano a pugno per 30 secondi.
    • Una qualunque di queste soluzioni farà sì che il sangue scorra per le vene del braccio, rendendole più facili da vedere.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Prepararsi all’Iniezione

  1. 1
    Lavati le mani. Prima di maneggiare un farmaco o un ago, devi lavare le mani accuratamente con acqua tiepida e sapone. Asciuga le mani completamente usando un asciugamano pulito di carta, quando finisci di lavare.
    • Per ridurre ulteriormente il rischio d’infezione o di contaminazione, è consigliabile anche indossare guanti medicali sterili, monouso. I guanti non sono sempre necessari, ma dovrebbero essere considerati quando si maneggia un farmaco per pazienti deboli o con problemi immunitari.
  2. 2
    Prepara il farmaco. Riempi la siringa con il dosaggio corretto del farmaco attraverso l'ago inserito.
    • Ispeziona il flacone del farmaco per verificare che sia sicuro da usare. Oltre alla data di scadenza, verifica che sia privo di depositi e non sia scolorito; inoltre la boccetta non dovrebbe avere perdite o rotture.[4]
    • Somministra solo l'esatto dosaggio prescritto dal medico. Non usarne di più o di meno. Segui le istruzioni aggiuntive fornite dal medico riguardo alla corretta preparazione del farmaco.
    • Per aspirare il farmaco nella siringa:[5]
      • Tira indietro lo stantuffo per aspirare aria. La quantità di aria nella siringa deve corrispondere alla quantità di farmaco che devi preparare.
      • Inserisci l'ago nel tappo di gomma del flacone del farmaco. Spingi lo stantuffo per comprimere l'aria nella boccetta.
      • Capovolgi il flacone, coprendo completamente la punta dell'ago con il liquido. Tira indietro lo stantuffo e aspira il farmaco nella siringa, fermandoti una volta che il liquido ha raggiunto la tacca del dosaggio corretto.
      • Picchietta delicatamente il lato della siringa per spingere eventuali bolle d'aria sulla superficie. Premi lo stantuffo il tanto sufficiente per eliminare l'aria dalla siringa. Assicurati che tutta l'aria sia fuori dalla siringa prima di somministrare l'iniezione.
      • Estrai l'ago dal flacone e proteggilo con un cappuccio sterile o in una bustina. Non permettere che entri in contatto con qualsiasi superficie non sterile. Mettilo da parte fino all'uso.
  3. 3
    Scegli il miglior punto possibile per l’iniezione. Ci sono diversi modi per aumentare la visibilità e l'accesso alla vena, tuttavia ci sono anche alcuni punti preferiti rispetto ad altri.
    • Le vene all’interno del gomito sono relativamente sottopelle, quindi sono tra quelle più facili da vedere e da utilizzare.
    • Anche le vene sul dorso della mano sono di facile accesso, ma i nervi che accompagnano queste vene sono molto vicini, rendendo l’iniezione in questo punto più dolorosa rispetto all’interno del gomito.
    • Quando si somministrano iniezioni di frequente, potrebbe essere necessario alternare le braccia per evitare che le vene collassino.
  4. 4
    Detergi la zona con alcol denaturato. Pulisci accuratamente il punto che hai scelto con un batuffolo intriso d’alcol.
    • Se non hai preparato tamponi detergenti, immergi un batuffolo di cotone sterile in alcol e usalo per pulire la zona. È necessario assicurarsi che la pelle sia accuratamente pulita prima di fare l'iniezione.
  5. 5
    Avvolgi un laccio emostatico intorno al braccio. Avvolgi un lungo laccio emostatico circa 5-10 cm sopra il punto da pungere. Utilizza un nodo semplice o semplicemente infila le estremità del laccio emostatico nella fascetta usata per tenerlo fermo.
    • Il laccio emostatico deve essere facile da rimuovere.
    • Per somministrazioni nella parte interna del gomito, assicurati che il laccio emostatico sia legato prima del bicipite e non sul bicipite.
    • Se la vena è difficile da vedere, potresti legare il laccio emostatico sopra la spalla del paziente per aiutare a spingere il sangue nel braccio.
    • Per vene estremamente difficili da trovare, considera l'utilizzo di un cinturino per la pressione sanguigna invece che un laccio emostatico. Pompa fino a quando la pressione è appena sopra il punto di pressione diastolico, quindi rilascia la pressione prima di somministrare l'iniezione.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Iniettare nella Vena

  1. 1
    Identifica chiaramente la vena. Inizia l'iniezione soltanto una volta che è possibile identificare chiaramente la vena in cui iniettare.
    • Iniettare un farmaco per endovenosa in un’altra parte del corpo può essere pericoloso e può anche essere fatale.
    • Rivedi i suggerimenti elencati nella sezione "Migliorare l’Accessibilità alla Vena" di questo articolo, se hai bisogno di aiuto per aumentare la visibilità della vena. Se questi suggerimenti non aiutano, consulta un professionista prima di continuare.
  2. 2
    Inserisci l'ago con un'angolazione di 45 gradi. Estrai l'ago che hai preparato dalla sua protezione sterile e inserisci delicatamente la punta in vena nel punto prestabilito.[6]
    • L'ago deve essere inserito con un angolo di 45 gradi rispetto alla vena.
    • Devi inserire l'ago in modo che il farmaco sia iniettato nella stessa direzione in cui scorre il sangue. Poiché le vene portano il sangue al cuore, il farmaco deve essere iniettato in modo che fluisca verso il cuore.
    • Se hai dubbi o domande riguardo il corretto posizionamento dell'ago, consulta un medico o un infermiere qualificato prima di effettuare iniezioni in vena.
  3. 3
    Tira indietro lo stantuffo. Tira appena un po’ indietro lo stantuffo con cura. Devi controllare il punto d’iniezione per il sangue.
    • Se non vedi sangue nella siringa, hai perso la vena. Estrai l'ago e riprova.
    • Se il sangue esce con notevole pressione e appare rosso brillante e spumeggiante, hai inserito l'ago in un'arteria. Estrai l'ago immediatamente e applica una pressione diretta sul punto per fermare l'emorragia. Prova ancora una volta dopo che il sanguinamento è cessato.
    • Se estrai sangue rosso scuro, dovresti aver punto con successo una vena e puoi procedere con il resto del processo.
  4. 4
    Rimuovi il laccio emostatico. Togli il laccio emostatico prima di somministrare l'iniezione.
    • Se il paziente sta aprendo e chiudendo la mano a pugno, dovresti farlo interrompere a questo punto.
    • La pressione è utile per individuare la vena, ma quando si inietta il farmaco, troppa pressione potrebbe lacerarla.
  5. 5
    Spingi lentamente lo stantuffo. Spingi giù lo stantuffo per iniettare il farmaco in vena.
    • Spingi con pressione costante fino a quando tutto il farmaco è stato somministrato.
  6. 6
    Estrai l'ago. A questo punto puoi estrarre l'ago e applicare subito della pressione nel punto di iniezione.
    • È normale causare un piccolo sanguinamento con le iniezioni endovenose. Comunque una moderata pressione dovrebbe essere sufficiente a fermarlo.
    • Per ridurre al minimo il rischio d’infezione, applica una garza sterile tra la mano e il punto d’iniezione quando applichi pressione.
    • Se il sanguinamento è eccessivo e non si ferma, chiama assistenza medica di emergenza.
  7. 7
    Benda il punto dell’iniezione. Copri il punto d’iniezione con una nuova garza sterile, poi tieni ferma la garza con del cerotto o con una benda adesiva.
    • Dopo aver bendato il punto d’iniezione, il processo è terminato.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Le istruzioni fornite in questo articolo devono essere utilizzate solo come riferimento generico. Non sono state verificate da un professionista e non devono sostituire le istruzioni previste dalle linee guida professionali.
  • Le somministrazioni d’iniezioni in vena sono più complesse e potenzialmente pericolose di quelle somministrate in altro modo. Devi ricevere istruzioni professionali da un medico o da un infermiere prima di somministrare farmaci per via endovenosa da solo. Non iniettare nessun farmaco, salvo che un medico ti abbia dato istruzioni per farlo e su come farlo.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Asciugamano caldo e umido (opzionale)
  • Palla antistress (opzionale)
  • Sapone
  • Acqua
  • Asciugamano di carta pulito
  • Guanti medicali monouso
  • Farmaco prescritto
  • Siringa sterile con ago
  • Alcol denaturato
  • Batuffolo di cotone sterile o tampone
  • Laccio emostatico
  • Garza sterile
  • Cerotto o benda adesiva

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Salute

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità