Come Fare una Relazione su un Esperimento Scientifico

Tutte le volte che si esegue un esperimento scientifico si dovrebbe scrivere una relazione di laboratorio in cui viene specificato perché è stato eseguito l'esperimento, quali erano i risultati attesi, quale procedimento è stato utilizzato, quali sono i risultati effettivi, oltre a un commento analitico su ciò che significano i risultati. Le relazioni di laboratorio spesso seguono uno schema molto standard, che parte da una sintesi e dall'introduzione, seguite da una sezione contenente i materiali e i metodi utilizzati, per finire con i risultati e con l'analisi di questi ultimi. Questo schema consente al lettore di trovare le risposte alle domande più comuni che spesso ci si chiede: perché è stato eseguito l'esperimento? Quali sono i risultati attesi? Come è stato condotto l'esperimento? Che cosa è successo nell'esperimento? Qual è la rilevanza dei risultati? Questo articolo spiega come si elabora lo schema di una relazione di laboratorio.

Parte 1 di 3:
Scrivi la Sintesi e l'Introduzione
Modifica

  1. 1
    Inizia con la sintesi. Si tratta di un sommario molto breve di tutta la relazione, in genere non superiore alle 200 parole, in cui il lettore può sapere in breve quali sono stati i risultati dell'esperimento e qual è la loro significatività.[1]
    • Lo scopo di questa breve sintesi è quello di fornire al lettore informazioni sufficienti sull'esperimento, in modo che possa decidere se leggere o meno l'intera relazione.
    • Una delle prime cose che i ricercatori fanno è quella di svolgere una rapida ricerca di progetti simili. Le sintesi consentono di determinare quali relazioni o articoli siano più rilevanti.
    • La struttura della sintesi segue molto da vicino quella della relazione stessa.
    • Adopera una frase per descrivere lo scopo dell'esperimento e la sua rilevanza.
    • Descrivi brevemente i materiali e i metodi utilizzati.
    • Prosegui descrivendo in poche frasi i risultati dell'esperimento.
  2. 2
    Scrivi l'introduzione. Dovrebbe contenere informazioni sul tipo di esperimento, perché è stato fatto e perché è importante.[2]
    • L'introduzione di un relazione di laboratorio o di una pubblicazione scientifica si prefigge lo scopo di fornire al lettore due informazioni fondamentali: qual è la domanda alla quale l'esperimento dovrebbe essere in grado di rispondere e perché è importante rispondere a tale domanda.[3]
    • Essa di solito inizia con un breve profilo o una recensione della letteratura scientifica o di altri esperimenti che sono collegati all'argomento. Inoltre è necessario definire o riassumere il background teorico della questione.
    • Dovresti includere anche un'affermazione riguardo il problema o la questione che la ricerca ha sollevato.
    • Sintetizza brevemente il progetto e spiega come affronta il problema o la questione.
    • Spiega sommariamente di cosa tratta l'esperimento e come hai intenzione di eseguirlo, ma conserva i dettagli e i particolari per la sezione della tua relazione in cui parli dei metodi e dei materiali utilizzati.
    • In questa sezione devi spiegare anche quali sono i risultati attesi dell'esperimento.
  3. 3
    Stabilisci quali dovrebbero essere i risultati attesi. Questa parte della relazione, nota come ipotesi, deve contenere una spiegazione erudita e ben articolata dei risultati attesi.[4]
    • L'ipotesi va inserita all'interno dell'introduzione, verso la fine.
    • Un'ipotesi di ricerca dovrebbe consistere in una breve affermazione che trasforma il problema descritto nell'introduzione in qualcosa che sia verificabile e falsificabile.
    • Gli scienziati devono creare un'ipotesi a partire dalla quale un esperimento può ragionevolmente essere progettato e realizzato.
    • Un'ipotesi non è mai dimostrata in un esperimento, solo "verificata" o "supportata".
  4. 4
    Formula correttamente la tua ipotesi. Si dovrebbe iniziare con una dichiarazione di carattere generale sui risultati attesi e poi sviluppare su di essa l'intero procedimento, per renderlo verificabile.[5]
    • Per esempio, considera l'ipotesi "I fertilizzanti influiscono su quanto una pianta crescerà in altezza".
    • Amplia l'idea di base per darle più direzionalità. Ad esempio: "Le piante crescono più velocemente e più alte quando viene aggiunto il fertilizzante".
    • Infine, aggiungi dettagli sufficienti a spiegare le tue idee e rendere la tua ipotesi verificabile: "Le piante a cui viene somministrata una soluzione con 1 ml di fertilizzante crescono più velocemente delle piante senza fertilizzante perché ricevono più sostanze nutritive."
    Advertisement

Parte 2 di 3:
Spiega il Procedimento Seguito per Realizzare la Ricerca
Modifica

  1. 1
    Riserva una sezione della tua relazione alla spiegazione di come hai progettato la ricerca. A volte questa sezione è intitolata "Procedimento" o "Metodi e materiali". [6]
    • Lo scopo di questa sezione è quello di informare esattamente il lettore su come hai condotto l'esperimento.
    • Devi relazionare in dettaglio sui materiali utilizzati e sulle procedure seguite nel corso dell'esperimento.
    • L'obiettivo è rendere il procedimento che hai seguito chiaro e imitabile. Chi legge questa sezione dovrebbe essere in grado di ripetere esattamente l'esperimento.
    • Questa sezione è una documentazione assolutamente cruciale dei tuoi metodi di analisi.
  2. 2
    Descrivi tutti i materiali necessari per svolgere l'esperimento. Può trattarsi di un semplice elenco o di alcuni paragrafi descrittivi.[7]
    • Descrivi le attrezzature di laboratorio adoperate, includendo le dimensioni, la marca e il tipo.
    • Elenca i materiali che hai usato per la ricerca.
    • Ad esempio, se stai verificando come l'uso dei fertilizzanti influenzi la crescita delle piante, devi indicare quale marca di fertilizzante è stata utilizzata, quale specie di pianta hai adoperato e la marca delle sementi.
    • Può essere utile aggiungere uno schema o un grafico che indica come questi materiali siano stati predisposti.
    • Assicurati di precisare la quantità degli oggetti utilizzati nell'esperimento.
  3. 3
    Descrivi il procedimento che hai seguito. Suddividilo in una serie di fasi successive. [8]
    • Ricorda che ogni esperimento prevede una fase di controllo e delle variabili. Descrivi tutto ciò in questa sezione.
    • Scrivi, passo dopo passo, una serie di istruzioni dettagliate su come hai svolto l'esperimento.
    • Specifica tutte le misurazioni che hai fatto, incluso come e quando sono state effettuate.
    • Descrivi tutte le misure che ha preso per ridurre l'incertezza sperimentale. Tali misure comprendono l'uso di controlli aggiuntivi, di restrizioni o di precauzioni.
    • Se hai utilizzato un metodo scientifico riconosciuto e già pubblicato, ricordati di indicare i riferimenti al metodo originale.
    • Ricorda che l'obiettivo di questa sezione è che il lettore possa ripetere esattamente il tuo esperimento. Non bisogna tralasciare nessun dettaglio.
    Advertisement

Parte 3 di 3:
Descrivi i Risultati
Modifica

  1. 1
    Riserva una sezione della relazione alla descrizione dei risultati. Sarà la parte più cospicua della relazione. [9]
    • In questa sezione devi descrivere i risultati dei tuoi metodi analitici, sia quelli qualitativi che quelli quantitativi.
    • I risultati quantitativi sono quelli espressi in termini numerici, ad esempio sotto forma di percentuali o dati statistici. I risultati qualitativi derivano da un'analisi del problema nel suo insieme e vengono espressi in forma discorsiva da coloro che hanno partecipato alla ricerca.
    • In questa sezione includi tutti i test statistici effettuati e i loro risultati.
    • Fai in modo che tutti i dati siano non solo descritti, ma anche visualizzabili con un grafico o con un diagramma. Tutti i grafici e i diagrammi devono avere un numero e un titolo.
    • Ad esempio, se stai sperimentando l'effetto del fertilizzante sulla crescita delle piante, farai un grafico che mostra la crescita media delle piante cui è stato dato il fertilizzante e un grafico che mostra la crescita media delle piante prive di fertilizzante.
    • Dovresti descrivere il risultato anche in forma discorsiva. Ad esempio: "Le piante a cui è stata data una concentrazione di 1 ml di fertilizzante sono cresciute in media 4 cm in più rispetto a quelle cui non è stato dato il fertilizzante".
    • A mano a mano che vai avanti, descrivi i risultati. Spiega al lettore perché i risultati siano importanti per l'esperimento o per il problema. In questo modo il lettore può seguire il filo del tuo ragionamento.
    • Confronta i risultati con l'ipotesi originaria. Stabilisci se l'ipotesi è stata corroborata o no dall'esperimento.
  2. 2
    Includi una parte dedicata alla discussione. Qui discuterai in profondità il significato dei risultati che hai ottenuto.[10]
    • Dichiara se l'esperimento ha confermato le tue aspettative preliminari oppure no.
    • In questa sezione l'autore può affrontare altre questioni. Ad esempio: perché abbiamo ottenuto un risultato inaspettato? Oppure: cosa accadrebbe se un aspetto del procedimento venisse alterato?
    • Puoi anche discutere dell'eventualità che i risultati non abbiano verificato l'ipotesi.
    • Questa sezione può servire all'autore anche per presentare o confrontare i propri risultati con quelli di altri studi o per suggerire ulteriori percorsi di ricerca sul problema affrontato nell'esperimento.
  3. 3
    Scrivi una conclusione. Essa riassume l'esperimento e spiega cosa hanno rivelato i risultati riguardo al problema che è stato affrontato.[11]
    • Spiega cosa hai imparato facendo l'esperimento.
    • Riassumi il problema affrontato dall'esperimento e le questioni che hai sollevato per impostare l'analisi dei risultati.
    • Descrivi brevemente eventuali insidie o sfide che si sono verificate durante il procedimento e fornisci suggerimenti per ulteriori ricerche.
    • Assicurati di ricollegarti all'introduzione e dichiara se l'esperimento ha soddisfatto gli scopi che intendevi perseguire attraverso l'analisi dei dati.
  4. 4
    Assicurati di fornire tutte le citazioni necessarie. Se hai fatto riferimento a ricerche o idee diverse dalle tue, assicurati che siano adeguatamente referenziate.
    • Per inserire i riferimenti e le citazioni all'interno del testo, indica tra parentesi l'anno di pubblicazione della ricerca e l'autore.
    • Includi tutti i riferimenti bibliografici in un'apposita sezione dedicata alle opere citate, da inserire alla fine del documento.
    • È possibile utilizzare software come EndNote, utili per organizzare le citazioni e per costruire una corretta bibliografia di riferimento.
    Advertisement

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Scienze

Hai trovato utile questo articolo?

No
Advertisement