Come Fare una Tabella di Marcia per lo Studio

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Una tabella di marcia è uno strumento comodo ed economico che ti aiuta a tenere sotto controllo il tempo che devi dedicare allo studio. Ti permette di renderti conto dei compiti e degli obiettivi che devi raggiungere e quanto tempo hai a disposizione per farlo. Se vuoi essere sempre organizzato e sentirti motivato, così da completare il tuo lavoro al meglio, cerca di sviluppare una tabella di marcia personalizzata per lo studio.

Parte 1 di 3:
Impostare un Programma

  1. 1
    Fai un elenco dei tuoi doveri. Devi pensare a tutte le tue responsabilità e scriverle adeguatamente in una lista. Se procedi in questo modo prima di stilare una programmazione, lo sviluppo di una tabella di marcia sarà più semplice.
    • Devi prendere in considerazione le lezioni che devi seguire, il tuo lavoro, le faccende domestiche, lo sport, l’esercizio fisico e tutto ciò che ti occupa in maniera regolare durante i periodi in cui studi.
    • Non dimenticarti i compleanni e le festività principali.
    • Probabilmente non riuscirai a ricordare proprio tutti i tuoi impegni, ma non c’è problema, potrai aggiungerli in un secondo momento.
  2. 2
    Raccogli tutte le informazioni in merito alle lezioni e ai compiti che devi presentare. Questo significa recuperare tutto il piano di studi, tutti i compiti o progetti che devi consegnare, e controllare il sito della scuola per accertarti della presenza di corsi online che devi seguire (ad esempio quelli di gestione o come quelli di Blackboard).
  3. 3
    Valuta quali siano i momenti migliori da dedicare allo studio. Impiega del tempo per capire quando sei (o saresti) in grado di studiare al meglio. Sei tendenzialmente molto attivo al mattino oppure dai il meglio di te alla sera? Pensare a questi dettagli ti aiuterà a programmare lo studio nei momenti in cui sei più concentrato.
    • Quando esegui questo passaggio, non pensare a tutti gli altri impegni (come il lavoro o lo sport); annota solamente quali sono i tuoi picchi di massima resa come se non avessi altre attività da svolgere.
  4. 4
    Decidi il formato della tabella di marcia. Puoi tracciarla su un foglio di carta oppure svilupparne una digitale su un foglio di calcolo o su una applicazione per smartphone.
    • Programmi di calcolo come Microsoft Excel o Apple Numbers offrono molte soluzioni. Inoltre, anche i programmi di videoscrittura mettono a disposizione dei modelli per ciò che stai cercando di sviluppare.
    • Puoi anche affidarti a una soluzione online. Fra le interfacce web che sono più apprezzate ricordiamo My Study Life.
    • Tuttavia, anche se accedi spesso a internet o hai la possibilità di usare il telefonino, sappi che una tabella di marcia “fisica” di carta potrebbe essere ancora la soluzione migliore. Si rivela utile se, a lezione, non ti è concesso portare dei dispositivi elettronici.
    • Sia i modelli cartacei che quelli digitali hanno i propri vantaggi. Quella digitale è semplice da organizzare e da modificare ampiamente, mentre quella cartacea si presta più a piccole correzioni e puoi portarla sempre con te. La versione su carta è più facile (e divertente) da colorare e personalizzare.
    • Puoi anche valutare una combinazione di programmazione su carta e digitale: usa il computer per creare una tabella già predisposta con i giorni e le ore, e successivamente stampane molte copie (in base al numero di settimane che vuoi organizzare) e completale a mano.
  5. 5
    Disegna una tabella. Una tabella di marcia dovrebbe essere una griglia con diverse “date” e “orari”, con i giorni della settimana nella parte alta (colonne) e gli orari che si sviluppano in verticale (righe).
    • Se stai disegnando a mano una tabella su carta, dovrai tracciare la griglia. Puoi usare un normale foglio di quaderno oppure quello bianco da stampante. Traccia le linee con l’aiuto di un righello per ottenere un risultato ordinato.
    • Il limite maggiore di una programmazione tracciata a mano su un foglio di carta è la difficoltà di apporre molte modifiche in futuro. Anche se scrivi tutto a matita, potrebbe essere difficile incasellare perfettamente i numeri in righe e colonne. Inoltre, avrai bisogno di diverse pagine, almeno una per ogni mese, e dovrai ripetere questo passaggio ogni volta.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Compilare un Programma

  1. 1
    Scegli un modello di tabella personalizzabile o costante. Ad esempio, puoi decidere che la tua programmazione sia sempre identica per ogni settimana. Oppure puoi crearne una personalizzata che si adegui ai cambiamenti di ogni specifica settimana. Dovresti sviluppare tutte le tabelle personalizzate nello stesso momento.
    • Se prevedi di usare un modello modificabile, ragiona al contrario. Inizia a individuare i compiti che devi consegnare e le date degli esami finali e sviluppa l’organizzazione a ritroso. Il tuo piano di studi cambierà in base alle scadenze importanti che si avvicinano.
    • Non dimenticare di annotare tutte le mansioni che hai scritto in precedenza nella lista. Dovresti inserirle nella tabella prima dei momenti di studio. Ricorda di aggiungere tutti gli impegni che devi onorare in maniera costante, come gli allenamenti per lo sport. Devi procedere in questo modo così da identificare i “tempi liberi” per lo studio.
    • Se stai organizzando un’agenda personalizzabile, non dimenticare di inserire gli eventi eccezionali, come i compleanni e le festività.
  2. 2
    Organizza i momenti di studio in “blocchi”. Cerca di riservarti dei periodi lunghi da dedicare allo studio, come 2-4 ore consecutive. In questo modo sarai maggiormente predisposto al compito, più concentrato e sicuramente più produttivo.
    • Solo perché non hai un intervallo di tempo molto lungo, non significa che tu non possa dedicarlo allo studio. Se ritieni utile inserire 45 minuti di studio in una fascia oraria e 60 in un’altra, non c’è motivo perché tu non lo faccia.
    • Per le materie particolarmente impegnative, dovresti prevedere più ore di studio.
  3. 3
    Non dimenticare le pause. Sono fondamentali per avere successo a scuola. Non sei un automa e non puoi lavorare senza tregua per ore. Renderai molto meglio se programmerai delle pause regolari durante lo studio.
    • Molti esperti consigliano di studiare ogni ora per 45 minuti consecutivi, facendo una pausa di 15. Tuttavia ogni individuo è diverso, quindi fai diversi esperimenti finché trovi il ritmo giusto per te.
  4. 4
    Sii molto dettagliato. Ricordi che hai raccolto tutte le informazioni in merito al piano di studi e ai compiti? Ora è il momento di usare queste informazioni. Programma i blocchi di studio per ogni specifica materia, scrivi tutti i compiti che devi consegnare e organizza i tempi in modo da svolgerli.
    • Le cose, con il tempo, possono cambiare, e un programma può essere perfetto per due mesi e poi dover essere modificato. Non lasciare che questo ti fermi: considera la tabella di marcia come una guida utile, qualcosa che ti aiuti a non perdere il passo e a suddividere i grossi compiti impegnativi in piccole sessioni di studio.
    • Se ogni settimana hai una determinata quantità di compiti da fare per una materia, potrebbe essere un ottimo elemento da aggiungere alla programmazione. Se, per esempio, hai sempre 20 problemi di matematica da risolvere ogni settimana, allora puoi suddividerli nella tua agenda.
  5. 5
    Organizza più materie in ogni sessione. Lavorare su più argomenti durante una singola sessione di studio ti aiuta a non “impazzire” su una sola materia e a non esaurire tutte le energie prima di affrontare altri compiti.
    • Ovviamente, questo può cambiare quando è in arrivo un esame e devi concentrare tutte le tue energie su un argomento!
  6. 6
    Fai in modo che la tabella di marcia sia anche bella da vedere. Puoi usare dei codici di colore in base alle materie e alle responsabilità a cui devi ottemperare: in questo modo avrai uno strumento più facile da consultare, anche a prima vista. Dovrai guardarla molto spesso, quindi personalizzala!
    • Se si tratta di una pianificazione su carta, usa delle matite colorate. In alternativa, evidenzia i vari impegni sulla programmazione digitale al computer e poi stampala a colori. Se hai optato per un'applicazione online, allora potrebbe essere già codificata con dei colori predefiniti, sebbene un certo grado di personalizzazione sia sempre consentito.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Rispettare un Programma

  1. 1
    Attieniti alla programmazione. Ci vorrà un po’ di tempo prima di abituarsi a usare correttamente la tabella di marcia, ma non desistere. Una volta che diventerà parte integrante della tua routine, ti accorgerai che sarà di grande aiuto!
  2. 2
    Non stressarti. Non sentirti in dovere di rispettare sempre la pianificazione al secondo! Si tratta di un sistema per darti un po’ di aiuto a scuola, usalo per aiutarti a essere organizzato, ma non farti prendere dall’ansia se non riesci a seguirlo alla perfezione.
  3. 3
    Revisiona la tabella di marcia. Controlla cosa funziona e cosa no; se noti delle imperfezioni, apporta delle modifiche! Ti sei già impegnato molto per sviluppare una buona organizzazione; non c’è bisogno di buttarla via, se bastano solo poche correzioni per farla funzionare meglio.
    Pubblicità

Consigli

  • Se iniziare al contrario e sviluppare una tabella personalizzata che cambia ogni settimana per il momento ti sembra troppo complicato, allora puoi attenerti a una programmazione standard più semplice. Anche se non cambia da una settimana all’altra, è estremamente utile avere una tabella di marcia.
  • Fai qualche ricerca online per trovare dei modelli di programmazione che puoi scaricare gratuitamente. Prova a usare anche Flickr o Pinterest.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità