Come Fermare Temporaneamente il Bruciore nelle Ustioni di Primo Grado

Scritto in collaborazione con: Harrison Lewis

Che tu ti sia versato addosso del tè bollente o abbia toccato il forno, le ustioni di primo grado sono dolorose. Sebbene il primo istinto sia quello di appoggiare del ghiaccio sulla pelle sofferente, in realtà questo metodo provoca maggiori danni. Impara a trattare correttamente le ustioni non appena si verificano; il dolore dovrebbe iniziare ad affievolirsi entro alcune ore, ma se persiste puoi mettere in atto alcuni metodi per gestirlo.

Parte 1 di 2:
Fermare il Dolore

  1. 1
    Definisci se hai subito un'ustione di primo o secondo grado. Quella di primo grado è minore, mentre quella di secondo provoca ulteriori danni agli strati dell'epidermide; può causare la formazione di vesciche, dolore, arrossamento e sanguinamento, richiede pertanto delle cure diverse o dei trattamenti medici ed è quindi importante individuare il livello di gravità della situazione. Per capire se si tratta di ustione di primo grado, verifica la presenza delle seguenti caratteristiche:[1]
    • Arrossamento del solo strato esterno di pelle (epidermide);
    • Danni alla pelle, ma non ci sono vesciche;
    • Il dolore è simile a quello causato dalle scottature solari;
    • Il dolore è pungente, ma la pelle non è lacerata.
    • Se si formano delle grandi vesciche, l'ustione interessa un'ampia area del corpo o noti un'infezione (la ferita trasuda, provi forte dolore, c'è arrossamento e gonfiore) cerca cure mediche prima di tentare trattamenti casalinghi.[2]
  2. 2
    Raffredda la pelle. Metti la zona ustionata sotto l'acqua corrente fredda per 20 minuti; questo rimedio dovrebbe abbassare la temperatura dell'epidermide. Se non vuoi stare davanti al lavandino con l'acqua che scorre per così tanto tempo, riempi una ciotola con dell'acqua fresca e immergi la pelle scottata. Puoi aggiungere dei cubetti di ghiaccio nella vaschetta, dato che l'acqua può scaldarsi velocemente, ma fai attenzione che sia fresca e non troppo fredda.[3]
    • Non far scorrere l'acqua ghiacciata sulla pelle e non immergervi l'area ustionata, perché il rapido sbalzo di temperatura può danneggiare il tessuto delicato già lesionato.
    • Se decidi di usare la ciotola, fai in modo che sia abbastanza grande da sommergere completamente l'area ustionata.
  3. 3
    Applica il ghiaccio se provi dolore. Se la pelle è ancora dolorante dopo averla raffreddata con l'acqua, puoi procedere con questo metodo; assicurati però di avvolgere il ghiaccio in un asciugamano o nella carta da cucina per evitare il contatto diretto. Appoggia l'impacco, il ghiaccio avvolto nel panno o anche un sacchetto di verdure surgelate sull'ustione; lascialo in posa per 10 minuti, ma muovilo spesso se hai la sensazione che la pelle si raffreddi troppo.[4]
    • Non appoggiare mai il ghiaccio direttamente sulla zona ustionata.
  4. 4
    Spalma una pomata antibiotica e copri l'ustione se si formano delle vesciche. Da questo momento dovresti provare sollievo dal dolore. Dovresti coprire la ferita solo se si sviluppano delle bolle (il che significa che l'ustione ha raggiunto il secondo grado). Medicala semplicemente asciugandola tamponando; applica un'abbondante quantità di antibiotico topico, come Neosporin, e coprila con una garza pulita. Metti del nastro adesivo lungo i bordi per tenere ferma la garza o bloccala bendando la zona dell'ustione, se desideri una maggiore flessibilità.[5]
    • La maggior parte delle scottature di primo grado non ha bisogno di antibiotici o fasciature; dovresti invece applicare un prodotto idratante naturale, come l'aloe vera, diverse volte al giorno.[6]
    • Cambia la fasciatura ogni giorno finché la pelle non torna ad assumere un aspetto normale.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Gestire il Dolore Persistente

  1. 1
    Prendi degli antidolorifici. Se il dolore è ancora tanto forte da distoglierti dalle normali attività, prendi dei farmaci da banco, come l'ibuprofene, il naprossene sodico o il paracetamolo;[7] attieniti alle indicazioni riportate sul bugiardino per stabilire la posologia corretta e sapere con quale frequenza assumerli.
    • Se hai dei tagli o delle emorragie, non devi prendere i FANS (ibuprofene, naprossene e aspirina) perché possono fluidificare il sangue.
    • Non somministrare l'aspirina a bambini o adolescenti senza prima aver consultato il medico, soprattutto se il bimbo manifesta dei sintomi simil-influenzali.[8]
  2. 2
    Applica il gel di aloe vera. Spalmalo direttamente sull'area ustionata; dovresti provare una sensazione rinfrescante sulla pelle. Alcuni studi hanno riscontrato che stimola una guarigione più rapida delle ustioni, dato che idrata in maniera efficace.[9][10]
    • Se acquisti un prodotto per la pelle a base di aloe vera, accertati che questa sia l'ingrediente principale e che non ci siano troppi additivi; i gel che contengono alcol, per esempio, possono in realtà irritare e seccare l'epidermide.
    • Non spalmare questo prodotto sulla pelle rotta o su vesciche aperte perché potresti provocare delle infezioni.
  3. 3
    Applica un anestetico topico spray, come la lidocaina. Questo farmaco allevia temporaneamente la sensazione pungente dovuta all'ustione di primo grado. Assicurati che l'area da trattare sia ben pulita e asciutta prima di procedere, dovresti sentire un po' di torpore entro 1 o 2 minuti.
    • Tuttavia, non usare questi anestetici spray per più di una settimana; se il dolore è ancora presente o innesca irritazione, rivolgiti al medico.[11]
  4. 4
    Proteggi l'ustione dai danni solari e altri fattori. Tienila al riparo quando vai all'aperto, soprattutto se è una giornata assolata o ventosa, dato che queste condizioni atmosferiche possono provocare altri danni; inoltre, indossa indumenti comodi confezionati con una tessitura fitta.[12] Devi mettere in atto particolari precauzioni quando sei all'aperto negli orari in cui i raggi solari sono a picco, vale a dire tra le 10:00 e le 16:00.[13]
    • Applica una crema solare ad ampio spettro con fattore di protezione minimo pari a 30 e spalmala ogni due ore.[14]
  5. 5
    Fai attenzione alle infezioni. Qualsiasi danno cutaneo può compromettere la prima linea di difesa del corpo contro i batteri, provocando infezioni. Se ti accorgi che l'ustione guarisce con difficoltà, rivolgiti sempre al medico, il quale può stabilire se si è sviluppata tale complicazione. Durante la medicazione giornaliera, osserva la presenza di sintomi insoliti come:[15][16]
    • L'area arrossata si estende;
    • Presenza di secrezioni verdastre, simili al pus;
    • Aumenta il dolore;
    • L'area è gonfia.
    Pubblicità

Consigli

  • Evita i rimedi casalinghi comuni, come applicare il burro o l'olio per bambini nel tentativo di abbassare la temperatura della pelle; in realtà, queste soluzioni bloccano ancora di più il calore e possono causare delle infezioni.[17]
  • Tieni l'ustione al riparo da fonti di calore eccessivo.
  • In caso di ustione, verifica che lo stato vaccinale sia aggiornato, soprattutto per quanto riguarda l'antitetanica.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Soccorritore
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Harrison Lewis. Harrison Lewis è un Soccorritore Registrato a Livello Nazionale che vive in California. Ha conseguito la certificazione presso il NREMT (National Registry of Emergency Medical Technicians) e completato il corso di RCP/Primo Soccorso per Soccorritori Professionisti nel 2014.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità