Come Gestire la Sensibilità Dentale Causata dal Trattamento Sbiancante

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Se ti sottoponi a dei trattamenti sbiancanti per i denti, probabilmente hai già provato la sensazione di dolore e formicolio che spesso li accompagna. Questa reazione è causata dagli agenti sbiancanti che irritano i nervi dentali, causando sensibilità. Per fortuna, ci sono diversi metodi per affrontarla: puoi preparare i denti in anticipo, usando un gel o un dentifricio desensibilizzante; è una buona idea anche rispettare scrupolosamente le istruzioni del trattamento. Nella fase successiva alla procedura puoi prenderti cura della bocca, evitando certi alimenti e spazzolando i denti con delicatezza.[1]

Parte 1 di 3:
Prendere delle Misure Preventive

  1. 1
    Lava i denti con un dentifricio desensibilizzante. Inizia a usarlo tre volte al giorno almeno dieci giorni prima del trattamento sbiancante. I prodotti come Sensodyne e Colgate Sensitive sono due buone soluzioni; questi dentifrici bloccano il segnale di dolore dalla superficie dentale al nervo interno.[2]
    • Usa uno spazzolino a setole morbide per strofinare il dentifricio sui denti con un movimento circolare e non rettilineo; in teoria, dovresti lavare i denti ogni volta per tre minuti.
  2. 2
    Applica un gel, un liquido o una pasta desensibilizzante. Procurati un cotton fioc pulito; metti una quantità abbondante di prodotto sulla punta cotonata e strofinala sulla superficie dentale. Lascia la sostanza sui denti per il tempo di posa raccomandato prima di risciacquare il cavo orale con l'acqua.[3]
    • Questi prodotti contengono in genere nitrato di potassio che intorpidisce i nervi dentali limitando la sensibilità; puoi chiedere consiglio al farmacista per trovare quello più adatto alla tua situazione. I desensibilizzanti possono essere usati sia prima sia dopo il trattamento sbiancante.
  3. 3
    Riempi il paradenti con il gel desensibilizzante. Riempi il contenitore speciale con il prodotto e applicalo sui denti trenta minuti prima di sbiancarli. Quando sei pronto per il trattamento, togli semplicemente il paradenti, risciacqualo e riempilo con l'agente sbiancante; dovresti anche sciacquare la bocca per eliminare ogni residuo.
    • Verifica che il paradenti si adatti bene alle tue arcate – dovrebbe coprire solo i denti, lasciando libere le gengive. Se le tocca, parte del prodotto sbiancante entrerà in contatto con le mucose, aggravando la sensazione di sensibilità.
  4. 4
    Prendi degli antidolorifici prima del trattamento. Assumi la dose consigliata di un farmaco antinfiammatorio, come Brufen o Moment, un'ora prima di sbiancare i denti; in questo modo, sei certo che faccia effetto in tempo e che agisca durante la procedura. Se lamenti della sensibilità residua, puoi continuare a prendere il medicinale anche dopo lo sbiancamento.[4]
    • Se hai dei dubbi in merito alla medicina da usare, chiedi consiglio al dentista.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Gestire il Dolore Durante il Trattamento

  1. 1
    Scegli un kit casalingo per lo sbiancamento dentale. La maggior parte di questi kit utilizza il perossido di idrogeno come ingrediente attivo; è una sostanza efficace, ma può irritare le terminazioni nervose e scatenare la sensibilità dentale. Scegli un kit per uso domestico che contenga un concentrazione ridotta di perossido di idrogeno (5-6%); le soluzioni più forti non sono automaticamente più efficaci, ma causano maggior dolore.[5]
    • Esistono molto prodotti per lo sbiancamento dentale a casa, come le strisce, i paradenti con gel, i dentifrici, gli smalti da applicare con il pennello e perfino le gomme da masticare. Se hai qualunque dubbio in merito a tali prodotti, chiedi consiglio al dentista.
    • Se scegli un metodo con il paradenti, accertati che questo si adatti bene alle arcate; se è piuttosto lasco, potrebbe lasciar uscire il gel, causando un'irritazione gengivale diffusa e aumentando la sensibilità.[6]
  2. 2
    Usa solo la quantità consigliata di prodotto e nulla di più. Potresti essere tentato di applicare più gel per ottenere dei risultati migliori e più rapidi, ma non farlo; rispetta invece scrupolosamente le istruzioni e ricorda che la salute del cavo orale è la priorità. Usare troppo agente sbiancante causa l'irritazione delle gengive e perfino il vomito, in caso di ingestione.
  3. 3
    Rispetta i tempi di posa consigliati dal bugiardino. Se lasci agire l'agente sbiancante per un tempo maggiore, non ottieni denti più bianchi o più brillanti, ma corri il rischio di consumare lo smalto dentale, causando problemi futuri di carie e sensibilità.[7]
    • Il tempo di posa consigliato dipende in genere dalla concentrazione del perossido attivo, che varia in base al prodotto.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Guarire Dopo il Trattamento

  1. 1
    Evita le bevande fredde e calde. Nelle prime 24-48 ore successive allo sbiancamento i denti sono molto sensibili, a prescindere dalle loro condizioni di salute precedenti. È meglio non bere liquidi troppo caldi o troppo freddi, ma limitarsi a cibi e bevande a temperatura ambiente; ad esempio, invece di mangiare un gelato, opta per una gelatina a temperatura ambiente.
    • Anche se non provi alcun dolore dopo lo sbiancamento, è meglio essere prudente e non esporre i denti a temperature estreme.
    • È una buona idea non consumare cibi e bevande acide; le bibite e i succhi di agrumi possono infiammare e irritare la bocca in via di guarigione.[8]
  2. 2
    Lava i denti con uno spazzolino a setole morbide. Dovresti sempre usare uno spazzolino di questo tipo prima e dopo la procedura. Esegui movimenti circolari; le setole morbide puliscono i denti senza irritarne la superficie. Aspetta però dai 30 ai 60 minuti dopo il trattamento prima di lavarli; se lo desideri, puoi fare nel frattempo dei risciacqui con acqua.[9]
    • Quando risciacqui e spazzoli i denti, usa acqua tiepida per minimizzare il fastidio.
    • Se provi disagio all'idea di lavare i denti con lo spazzolino, metti un po' di dentifricio su un cotton fioc e applicane uno strato sottile prima di coricarti; in questo modo, fornisci ai denti un po' di fluoro senza causare irritazione.[10]
  3. 3
    Usa dei prodotti che contengono fluoro per rimineralizzare i denti. Alcune marche di dentifrici e collutori contengono concentrazioni variabili di fluoro; si ritiene che questa sostanza aiuti a ridurre i segnali di dolore che colpiscono i nervi dentali, riducendo di conseguenza la sensibilità. Se usi il fluoro, non mangiare nulla per mezz'ora, in modo che abbia il tempo di fare effetto.[11]
    • Alcuni esempi di collutori a base di fluoro sono: Listerine Total Care Denti Sensibili, Colgate Cavity Protection e molti altri.
  4. 4
    Mastica una confezione di gomme senza zucchero. Subito dopo il trattamento, prendi una confezione di queste gomme e inizia a masticarne un pezzo alla volta. Ogni dieci minuti, sputa quello che hai in bocca e inizia con uno nuovo; continua in questo modo, finché non hai esaurito la confezione. Si ritiene che questo "esercizio" riduca la sensibilità dentale causata dallo sbiancamento.[12]
  5. 5
    Lascia riposare i denti fra un trattamento e l'altro. In genere, è sufficiente sottoporsi a uno o due trattamenti all'anno con il paradenti o presso lo studio dentistico; una frequenza maggiore potrebbe compromettere l'integrità dei denti e peggiorare i problemi di sensibilità. Considera lo sbiancamento una procedura invasiva e non una parte integrante della routine di igiene orale.[13]
    • Se stai usando dei dentifrici sbiancanti o delle strisce per un trattamento a casa, procedi a giorni alterni, in modo da concedere ai denti un tempo maggiore per recuperare.
  6. 6
    Recati dal dentista se la sensibilità persiste. Se i denti continuano a farti male per più di 48 ore dalla procedura, vale la pena fissare un appuntamento presso lo studio odontoiatrico. Il medico osserva attentamente i denti e determina se il trattamento sbiancante ha accentuato la sensibilità oppure se sussiste un'altra causa di fondo, come una carie.[14]
    • Quando vai dal dentista, dovresti portare con te la confezione di kit sbiancante oppure le strisce o il dentifricio che usi a casa; in questo modo, il medico può consigliarti un'alternativa migliore.
    Pubblicità

Consigli

  • Ricorda che la sensibilità non dovrebbe durare a lungo, non più di 24-48; puoi riuscire a resistere.[15]
Pubblicità

Avvertenze

  • È possibile sviluppare una dipendenza dalla procedura sbiancante, che viene classificata nel gruppo dei disturbi legati alla dismorfofobia. Se ti rendi conto che il desiderio di sbiancare i denti influisce su ogni aspetto della tua vita o altera negativamente lo stato di salute, cerca l'aiuto di un medico.[16]
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Denti & Bocca

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità