Come Gestire le Critiche Più Dure

Scritto in collaborazione con: Tasha Rube, LMSW

Riceviamo tutti una critica di tanto in tanto ed è impensabile aspettarsi che venga accettata senza alcuna reazione. Tuttavia, non è necessario biasimarsi, addossare la colpa a qualcun altro, attribuirgli cose spiacevoli o reagire con risentimento. Con i trucchi e i suggerimenti giusti, saper gestire un'aspra critica può aiutare sul piano psicologico ed eventualmente scongiurare il rischio di andare incontro a conseguenze incresciose.

Parte 1 di 3:
Far Cadere le Critiche

  1. 1
    Allontanati. Prenditi il tempo per riflettere, digerire quello che ti è stato detto e allontanarti dalla tensione del momento. Impara a prendere atto che le critiche riguardano il tuo comportamento, non la tua persona.[1]
    • Esci dalla stanza. Allontanati da chi ti ha criticato e chiudi la porta andando via.
    • Fai quattro passi. Concediti qualche minuto per riflettere sulle parole che ti sono state rivolte.
    • Prendi le distanze dalle persone critiche evitandole. Se non attiri la loro attenzione, forse smetteranno di comportarsi in questo modo.
  2. 2
    Ridici sopra. Le risate comportano uno sforzo positivo sotto tutti i punti di vista, in quanto impediscono alla mente di pensare in modo disfattista.[2] Il fatto di prendere le critiche in maniera inflessibile potrebbe essere dovuto a un fraintendimento delle intenzioni dell'interlocutore o della loro gravità, e influire psicologicamente. Scoprendo il lato divertente nell'atteggiamento di chi ti giudica o nell'infondatezza di ciò che dice, riuscirai a stemperare la tensione causata dalle circostanze.
    • Impara a ridere da solo pensando in che misura una critica è connessa a un tuo momento di difficoltà o imbarazzo.
    • Immagina la persona che ti muove una critica con un vestito diverso, un'acconciatura diversa o qualcosa che la rende goffa.
    • Fai un'analisi introspettiva per renderti conto se ti stai sbagliando e se le critiche ricevute trovano una giustificazione in un tuo banalissimo errore.
    • Reinventa lo scenario, immaginando di muovere una critica verso chi te l'ha rivolta.
  3. 3
    Ignora le critiche. A volte una critica può essere fuori luogo, sbagliata o semplicemente ridicola. Opponiti fermamente a quanto ti viene detto, se è infondato. In alcuni casi è più facile respingere categoricamente le critiche:
    • Se vengono avanzate da qualcuno verso cui non nutri una stima profonda, è molto più facile non prenderle in considerazione.[3]
    • Quelle irrazionali fanno parte della vita quotidiana. Non è possibile vivere senza criticare gli altri, quindi è anche normale ricevere giudizi da parte loro. Se ci facciamo trasportare troppo dalle emozioni, spesso c'è il rischio di superare la soglia civile delle critiche.
    • Quelle che contengono bugie o colpe attribuite erroneamente a chi le riceve sono distruttive e non vale la pena accettarle. Respingile e fai notare a chi te le rivolge che si sta sbagliando.[4]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Accettare le Critiche

  1. 1
    Presta ascolto. Molte volte le persone perdono tempo ad argomentare repliche e ragionamenti taglienti invece di ascoltare chi hanno di fronte. Sfrutta la tua capacità di ascolto invece di parlare, e cerca di comprendere le intenzioni del tuo interlocutore.[5]
  2. 2
    Ripeti la critica. In questo modo calmerai chi te l'ha mossa perché gli dimostrerai che hai ascoltato il suo parere, rispettato quanto ha detto e che sei disposto a ragionare sulla sua posizione.[6] Prova le seguenti strategie per ottenere la sua attenzione, ma anche la sua approvazione.
    • Sostituisci i pronomi, ripeti le parole che hai sentito e imbastisci la tua frase. Se dice: "Sei troppo lento!", rispondi: "Sono troppo lento. Ho capito".
    • Appunta le critiche che ti vengono rivolte. Le potrai ricordare testualmente e non ci sarà alcuna confusione sulle intenzioni di chi le ha proferite.
  3. 3
    Riformula le critiche. Se prendono di mira un tuo comportamento, ma in maniera piuttosto severa, cerca di non farti condizionare dalla loro durezza. Prova a riformulare quanto ti è stato detto per coglierne l'effettivo significato. Ecco qualche esempio:[7]
    • "La tua pigrizia sta rovinando l'andamento di questo progetto!" - "Prenditi qualche ora per continuare a lavorare";
    • "Non ne hai la più pallida idea, vero?" - "La tua preparazione è inadeguata".
    • "Fa' come ti ho detto, altrimenti butterai tutto all'aria!" - "Sono più in sintonia con la visione dell'azienda: seguo le direttive che mi sono state date".
  4. 4
    Riconosci i tuoi errori. Nessuno è perfetto. Ammettendo la validità di una critica – soprattutto se è fondata – hai l'opportunità di sdrammatizzare la situazione e calmare chi te la sta rivolgendo.[8]
  5. 5
    Considera la critica come un'opportunità di apprendimento. Malgrado il carattere aspro delle critiche o la tua insofferenza, esiste la concreta possibilità che determinati giudizi siano utili. Tieni conto di ogni aspetto e vedi se puoi sfruttarli a tuo vantaggio.[9]
    • È molto probabile che una critica contenga un punto di vista che non avevi mai considerato. Prova ad analizzarla e a utilizzare questo nuovo approccio.
    • Considera chi ti critica come qualcuno che stimi o ami, ad esempio un genitore o una guida spirituale. Quando ricevi una critica da queste persone, la vedi sicuramente con occhio diverso.
    • Immagina che la critica provenga da qualcuno con un bagaglio culturale di gran lunga superiore al tuo e con molta più esperienza di te.
  6. 6
    Chiedi un consiglio e sostituiscilo alla critica. Saper rivolgere un complimento al posto di una critica è un'arte e molti sono sprovvisti di questa capacità. Disarma chi ti critica chiedendo un parere su come dovresti comportarti, su come potresti migliorare o qualsiasi altra raccomandazione sul tuo modo di agire.
    • "Potresti spiegarmi come si risolve questo problema?";
    • "Ho bisogno della tua esperienza per capire come si gestisce questo aspetto";
    • "Mi farebbe piacere avere un consiglio e un aiuto da parte tua per affrontare questa difficoltà".
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Mettere in Discussione le Critiche

  1. 1
    Smorza la critica. Chiedi a chi ti critica di chiarire il suo punto di vista. Una volta che si sarà spiegato meglio, continua a mostrare interesse per la sua posizione. In questo modo, gli lascerai intendere che sei curioso e ansioso di capire, portandolo a rielaborare il suo parere. Per partire con il piede giusto, prova uno dei seguenti approcci:[10]
    • "Non capisco il tuo punto di vista. Potresti spiegare esattamente quello che intendi dire?";
    • "Non ha molto senso ai miei occhi. Potresti esporre il concetto in un altro modo?";
    • "Per favore, offrimi qualche esempio che chiarisca il tuo punto di vista".
  2. 2
    Spiega la tua posizione. Non muovere accuse verso chi ti ha rivolto una critica. Tenta di spiegare i motivi che lo hanno portato a giudicarti e in che modo può arrivare a rettificare o correggersi.
    • "Forse non sono stato chiaro. Permettimi di spiegare il mio punto di vista in un altro modo";
    • "Senza offesa, ma non credo che tu abbia capito la mia posizione. Per favore, lasciami spiegare meglio";
    • "Ho scelto male le mie parole. Dammi un'altra possibilità per dimostrarti perché non merito le tue critiche".
  3. 3
    Lasciati coinvolgere in un dialogo costruttivo. L'approccio più utile per avere un dialogo costruttivo consiste nell'ascoltare il punto di vista di chi avanza una critica, nell'essere certo che l'altro abbia compreso il tuo modo di vedere le cose, nell'essere paziente, nel mettere da parte il tuo ego e nel saperti controllare emotivamente in modo da non prendere nulla sul piano personale.
    • Fai domande aperte. Invece di permettere al tuo interlocutore di essere brusco e severo, cerca di capire meglio il suo punto di vista, senza dargli l'opportunità di rispondere laconicamente con un semplice "sì" o "no".
    • Critica i tuoi punti deboli e chiedi al tuo interlocutore qualche suggerimento per migliorare.
    • Se in qualsiasi momento il dialogo diventa aggressivo o per niente proficuo, probabilmente non è costruttivo.
  4. 4
    Evita di avere reazioni esagerate. È facile scambiare una critica per un'opinione, e viceversa. In alcuni casi potrebbe trattarsi di un parere. Se qualcuno ti dice qualcosa a proposito di come puoi migliorare, tieni conto che probabilmente è un parere che riguarda il tuo comportamento, non il tuo carattere; è un consiglio incoraggiante, non sei costretto a seguirlo.[11]
  5. 5
    Suggerisci un percorso alternativo alle critiche. Se non apprezzi il tono utilizzato dal tuo interlocutore, diglielo. Proponigli un approccio più costruttivo la prossima volta che ha in animo di criticarti.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Laurea Magistrale in Assistente Sociale Registrata
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Tasha Rube, LMSW. Tasha Rube è un'Assistente Sociale Registrata nel Missouri. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Assistenza Sociale presso l'Università del Missouri nel 2014.

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità