Come Grattugiare lo Zenzero

Lo zenzero ha molteplici usi, culinari e medicinali. Dato che ha una consistenza densa e fibrosa, grattugiarlo non è un'impresa facile se non si sa come farlo nel modo giusto. Ci sono diversi sistemi che consentono di raggiungere un ottimo risultato e non tutti richiedono l'uso di una grattugia.

Metodo 1 di 3:
Pelare lo Zenzero
Modifica

  1. 1
    Controlla lo zenzero per vedere se ci sono parti molli o secche. Deve avere una consistenza solida e nessun punto molliccio o rinsecchito. Tocca la radice in ogni sua parte e osservala con attenzione per vedere se ci sono macchie che indicano che non è fresco come dovrebbe.[1]
    • Una volta pelato, lo zenzero si scurirà alle estremità quando inizierà ad andare a male.[2]
  2. 2
    Pareggia i lati della radice con un coltello affilato. Rifila le estremità tagliandone una piccola porzione per renderlo più stabile sul tagliere e facile da impugnare.[3]
    • Quando rifili le estremità della radice, cerca di eliminare la minor quantità di polpa possibile per evitare sprechi.
  3. 3
    Pela lo zenzero con un coltellino o il pelaverdure. Decidi qual è il lato più regolare e sistemalo sul tagliere, quindi inizia a pelarlo usando un piccolo coltello ben affilato o un comune pelaverdure. In entrambi i casi dirigi la lama verso il basso. Anche in questo caso, cerca di rimuovere la minor quantità di polpa possibile.[4]
    • Se non vuoi rischiare di tagliarti, puoi pelare la radice grattandola con la punta di un cucchiaio. Questo metodo funziona solo nel caso si tratti di zenzero fresco ed è particolarmente efficace per rimuovere la buccia dalle parti arrotondate, che sono difficili da raggiungere con il coltello.[5]
  4. 4
    Congela lo zenzero per renderlo più facile da grattugiare. Una volta pelato, se non intendi usarlo subito, puoi conservarlo in frigorifero dopo averlo sigillato in un sacchetto per alimenti.[6] Se invece intendi utilizzarlo a breve, è meglio metterlo nel congelatore per fare in modo che diventi ancora più duro e quindi più semplice da grattugiare.[7]
    • Se vuoi che duri più a lungo, puoi conservarlo nel freezer anziché nel frigorifero. In questo caso si manterrà fresco anche fino a 3 mesi. Al momento dell'uso, lascialo scongelare prima di pelarlo.[8]
    • Lo zenzero già pelato può essere grattugiato subito dopo averlo tolto dal congelatore.[9]
    Advertisement

Metodo 2 di 3:
Grattugiare lo Zenzero con la Grattugia
Modifica

  1. 1
    Scegli una grattugia con una superficie ampia e i fori piccoli. Non importa che sia di tipo singolo o a quattro lati. Ricorda che è meglio usare una grattugia dotata di piccole lame affilate anziché dentini o spuntoni, che sono meno efficienti nel taglio e richiedono più tempo e fatica.[10] Puoi acquistare una grattugia di questo tipo, per esempio quelle della linea "Microplane", online o nei negozi di utensili da cucina.
  2. 2
    Impugna la radice in modo che le fibre siano perpendicolari alla grattugia. I filamenti dello zenzero corrono dall'alto al basso lungo tutta la radice. Se proverai a grattugiarlo dall'alto verso il basso, è molto probabile che in breve tempo i fori della grattugia risulteranno otturati. Rivolgendo invece un lato della radice contro le lame, riuscirai a evitare questo problema.[11]
    • Se i fori della grattugia dovessero ostruirsi, sciacquali sotto l'acqua calda ed elimina i residui con una spugna o uno spazzolino per i piatti.[12]
  3. 3
    Fai scorrere lo zenzero contro le lame della grattugia. Muovi la radice avanti e indietro di pochi centimetri, tenendola premuta contro l'utensile. Cerca di applicare una pressione costante, in modo che si grattugi uniformemente.[13]
    • Usa un pezzo di zenzero sufficientemente grande per evitare che le dita possano entrare accidentalmente in contatto con le lame, correndo così il rischio di tagliarti. Considera che per ottenere un cucchiaio di zenzero grattugiato, che corrisponde a circa 15 grammi, devi usare circa 35 g di radice.[14]
    Advertisement

Metodo 3 di 3:
Grattugiare lo Zenzero con la Forchetta
Modifica

  1. 1
    Sistema la forchetta sul tagliere. Appoggia il dorso di una forchetta in metallo sul tagliere da cucina, con la punta dei rebbi rivolta verso l'alto.[15] Tienila ferma con la tua mano non dominante impugnandola per il manico.
    • Se vuoi che lo zenzero risulti grattugiato fine, scegli una forchetta dai rebbi sottili.
  2. 2
    Strofina lo zenzero pelato contro i rebbi. Impugnalo in modo saldo con la tua mano dominante, quindi applica una pressione uniforme e costante mentre lo muovi avanti e indietro contro i rebbi della forchetta. Inizieranno a staccarsi delle striscioline di polpa dalla radice.[16]
  3. 3
    Muovi lo zenzero in tutte le direzioni. In questo modo riuscirai a rompere le fibre per liberare la maggior quantità di polpa possibile. Continua a grattare la radice contro i rebbi della forchetta finché non hai ottenuto la quantità di polpa desiderata.[17]
    Advertisement

ConsigliModifica

  • Puoi conservare lo zenzero grattugiato avanzato e i pezzi di radice interi nel congelatore fino a 3 mesi.[18]
  • Si ritiene che la polpa al centro della radice dello zenzero sia quella più gustosa e aromatica; purtroppo, però, è anche la parte più difficile da grattugiare. Preparati a dover aumentare gli sforzi una volta raggiunto il centro della radice.

AvvertenzeModifica

  • Fai attenzione a non assumere più di 4 g di zenzero al giorno.[19]
  • Se stai assumendo dei farmaci anticoagulanti, dovresti fare attenzione a consumare lo zenzero, quindi chiedi il parere del medico.[20]

Cose che ti ServirannoModifica

  • Coltello da cuoco
  • Coltellino
  • Pelaverdure
  • Grattugia
  • Tagliere da cucina
  • Forchetta

Hai trovato utile questo articolo?

No