Come Identificare i Vermi dei Cani

Ci sono molti tipi differenti di vermi che possono infettare i cani. Quelli che destano maggiore preoccupazione sono gli ascaridi, le tenie, le dirofilarie, gli anchilostomi e i tricocefali. Sebbene ogni tipo di verme abbia un ciclo di vita leggermente diverso, i sintomi possono essere simili tra i diversi tipi di infezione. Pertanto non è possibile determinare di quale tipo di verme si tratti basandosi solo sui sintomi, e può essere necessario fare alcune analisi. Tuttavia, conoscendo i sintomi generali, i rischi e le caratteristiche dei diversi tipi di vermi, è possibile curare e trattare il tuo amico a quattro zampe.

Parte 1 di 3:
Riconoscere un'Infezione da Vermi
Modifica

  1. 1
    Sii consapevole dei fattori di rischio per gli specifici tipi di vermi. Dato che possono sembrare molto simili tra loro, uno dei modi migliori per identificare il tipo di parassita che sta infettando il cane è quello di conoscere i fattori ambientali o le situazioni che favoriscono lo sviluppo di un verme piuttosto che un altro.
    • Gli ascaridi vengono spesso trasmessi ai cuccioli da una madre infestata, perché le uova e le larve attraversano la placenta e possono infettare il cucciolo ancora nel grembo materno; inoltre le uova sono presenti anche nel latte materno. In questo caso i cuccioli devono essere sverminati alla nascita come pratica di routine.
    • Le tenie vengono trasmesse attraverso il cibo dei cani già infettati dai vermi, o dalle pulci che contengono uova di tenia. Pertanto i cani da caccia o quelli infestati dalle pulci possono esserne affetti.
    • Gli anchilostomi e i tricocefali si trovano facilmente nei terreni umidi, e i cani maggiormente a rischio sono quelli che restano spesso nei prati, soprattutto in condizioni ambientali calde e umide.
    • La dirofilaria si diffonde tramite insetti come le zanzare, quindi è endemica nelle zone in cui gli insetti sono più comuni. Le aree ad alto rischio comprendono tutte le regioni settentrionali, soprattutto la Pianura Padana e la costa adriatica.
    • I nematodi strongili polmonari si stanno diffondendo sempre di più soprattutto attraverso le feci di volpi, lumache e chiocciole. Il contatto con uno di questi è considerato un fattore di rischio.
  2. 2
    Presta attenzione ai sintomi. Molti dei sintomi di infezioni da vermi sono generici e non specifici. Pertanto non è possibile diagnosticare quale tipo di verme ha infettato il cane sulla base della sintomatologia. Tuttavia, i segnali in un cane che non è stato sverminato di recente dovrebbero far sorgere il sospetto di un'infezione da vermi, e si dovrebbe cercare di capire quale tipo di parassita è presente.
  3. 3
    Cerca i vermi nelle feci. A volte anche in un cane asintomatico è possibile riscontrare una prova fisica della presenza di vermi nelle feci. Se non sei in grado di riconoscere il tipo di verme, raccogline qualche campione in un contenitore con un tappo a vite e portalo alla clinica veterinaria per l'identificazione.
    • Raccogliere qualche verme è molto più utile per il veterinario che limitarti a descriverlo, dato che a occhio nudo quasi tutti hanno caratteristiche fisiche simili.
  4. 4
    Analizza i sintomi gastrointestinali. Sebbene i cicli vitali dei vermi siano differenti tra loro, tutti comunque percorrono l'intestino. Se l'infezione è ancora limitata, in genere il cane non presenta segni evidenti. All'opposto, se i parassiti hanno colonizzato l'intestino, possono causare irritazione alle pareti intestinali, che si traduce in sintomi come vomito, diarrea (talvolta con muco e/o sangue), scarso appetito e perdita di peso.
  5. 5
    Raccogli un campione fecale. I vermi possono vivere o transitare attraverso l'intestino, quindi in determinate fasi del loro ciclo di vita si trovano nelle feci del cane. In un'infestazione grave si possono vedere effettivamente i vermi nelle feci, ma non in un'infezione lieve. Invece, sia le uova sia le larve possono essere presenti nelle feci, ma sono difficili da individuare a occhio nudo.
    • Raccogli un campione di feci con un bastoncino dei ghiaccioli o un cucchiaio monouso e inseriscilo in un contenitore pulito con un coperchio a vite aderente (il veterinario è in grado di fornirtene uno specifico per questo scopo, se non trovi nulla di adeguato).
    • Conserva il campione a una temperatura inferiore ai 30 °C e consegnala alla clinica veterinaria quando puoi (il campione non deve essere particolarmente fresco per l'analisi dei vermi).
    • Se il veterinario ti chiede di prelevare un campione per una coprocoltura, prendi un campione di feci del cane una volta al giorno per 3 giorni consecutivi, collocandoli nello stesso contenitore. Questo può essere necessario nel caso di un sospetto risultato "falso negativo". Il campione prelevato in diverse circostanze riduce il rischio di risultati inaffidabili.
    • Il veterinario può analizzare le feci esaminando uno striscio delle stesse al microscopio alla ricerca di uova o larve di vermi, oppure può inviarle a un laboratorio esterno per l'analisi.
  6. 6
    Chiedi al veterinario che sottoponga il cane a un esame del sangue. Alcuni vermi che causano gravi malattie, come la strongilosi polmonare o la filariosi, possono essere individuati con un esame del sangue. Il veterinario preleva una piccola quantità di sangue (1-2 ml) dall'animale per ottenere il campione.
    • Si possono eseguire diversi esami diagnostici, ma in genere il più comune è l'ELISA. Questo test cerca la presenza di anticorpi per i vermi e provoca un cambiamento di colore se l'esito è positivo.
    • La maggior parte dei veterinari nelle aree ad alto rischio di filariosi prevede un test annuale da svolgere all'interno del programma di check-up fisico del cane prima di rinnovare o di prescrivere un trattamento preventivo mensile.
  7. 7
    Evita il contatto con le feci e i vermi. Alcuni parassiti, come gli ascaridi, possono trasferirsi dai cani agli esseri umani. I bambini che vengono infettati possono subire danni alla vista.
    • I vermi o le feci contaminate devono essere rimossi dalle aree giochi per bambini.
    • Le feci infette devono essere trattate o raccolte con i guanti.
    • Lavati sempre accuratamente le mani con acqua e sapone dopo avere manipolato feci animali.
    Advertisement

Parte 2 di 3:
Distinguere i Tipi di Vermi
Modifica

  1. 1
    Esamina eventuali sintomi o fattori di rischio del tuo cane. A volte il modo migliore per diagnosticare i tipi di vermi è quello di documentare i fattori di rischio. Prendi nota dell'ambiente, del clima e delle abitudini dell'animale. Assicurati di documentare anche la gravità e la durata dei sintomi e di fornire al veterinario tutte le informazioni del caso, se sospetti un'infezione.
  2. 2
    Cerca le caratteristiche distintive di ogni tipo di verme. Se riesci a vederli nelle feci o nel vomito del cane, probabilmente riesci a identificarne il tipo. Sebbene molti siano simili tra loro, in realtà ognuno ha alcune caratteristiche distintive che ti permettono di capire la specie.
    • Gli ascaridi assomigliano molto a degli spaghetti cotti. Sono lunghi mediamente 8-10 cm, ma possono raggiungere anche 18 cm di lunghezza. Hanno un profilo rotondo e il corpo liscio.
    • Le tenie si distinguono per i corpi appiattiti divisi in segmenti. La lunghezza varia in base alla specie, ma in media vanno dai 50 ai 250 cm di lunghezza. Se riscontri la presenza di tenie nelle feci o nel vomito, è probabile che siano singoli segmenti e non l'intero verme.
    • Gli anchilostomi e i tricocefali sono molto più piccoli degli ascaridi o delle tenie. Di solito non superano i 5-20 mm di lunghezza e sono estremamente sottili, come un filo per cucire o un capello. La loro dimensione ridotta li fa apparire traslucidi e sono più difficili da vedere senza un attento esame.
  3. 3
    Presta attenzione ai segni respiratori o cardiaci. Gli strongili polmonari e le dirofilarie infestano i vasi sanguigni e colpiscono sia il cuore che i polmoni. Questo può causare tosse, respirazione pesante o rapida, mancanza di energie o addirittura il collasso e la morte.
    • Questi vermi possono interferire con la coagulazione del sangue e alcuni cani possono soffrire di un'allarmante emorragia incontrollata anche dopo un lieve infortunio.
    • Se riscontri uno qualunque di questi segni devi rivolgerti immediatamente al veterinario. Sebbene i trattamenti possano essere costosi, se intervieni tempestivamente puoi salvare il cane da una possibile morte.
  4. 4
    Verifica la presenza di gruppi di uova. Un segno sicuro di tenia è la formazione di gruppi di uova attaccati al pelo del cane vicino all'ano. Questo si verifica quando le tenie mature rilasciano le uova nel lume intestinale dell'animale, dopodiché le uova svicolano verso l'ano provocando prurito.
    • Questi gruppi di uova sembrano semi di sesamo o piccoli chicchi di riso attaccati ai peli in prossimità dell'ano del cane.
    • Se guardi con attenzione a volte puoi vedere queste palline simili a semi dal color crema brillante.
  5. 5
    Controlla il fisico dell'animale. Dato che i vermi, soprattutto la tenia, assorbono le sostanze nutrienti dal cibo del cane rendendole meno disponibili per l'ospite, i cani infestati possono perdere il grasso che circonda le ossa e possono avere l'addome gonfio a causa di una presenza eccessiva di vermi nell'intestino. Un cucciolo infestato ha un aspetto ossuto, con le costole ben visibili, pancia gonfia e pelo opaco.
  6. 6
    Porta al veterinario un campione di uova o vermi. Il modo migliore per diagnosticare il tipo specifico di vermi è quello di lasciarlo fare ai professionisti. Essi sono in grado di esaminare i vermi o le uova al microscopio, e hanno l'esperienza e la competenza per riconoscere le piccole differenze tra i diversi tipi di vermi.
    • Tra le uova le differenze sono davvero minime, come la forma ovale anziché rotonda oppure essere appuntite in una o entrambe le estremità.
    Advertisement

Parte 3 di 3:
Prevenire o Trattare i Vermi
Modifica

  1. 1
    Individua e tratta tempestivamente l'infezione. Più tardi la curi, più tende a peggiorare. Un'infezione con un gran numero di vermi adulti è grave e può avere effetti negativi sul benessere generale dell'animale, quindi è importante riuscire a riconoscere la tipologia di infestanti prima che diventi "incontrollata", così da curarla meglio.
    • Alcune infezioni possono causare malattie gastrointestinali, come la diarrea.
    • In casi estremi alcune infezioni da vermi possono portare persino alla morte, in particolare nel caso di strongili polmonari e dirofilarie.
  2. 2
    Somministra al cane un trattamento vermifugo preventivo mensile. Soprattutto se vivi in una zona ad alto rischio, con molte zanzare, dovresti trattare preventivamente il cane da possibili filariosi. Questi trattamenti richiedono una prescrizione medica.
    • La maggior parte dei veterinari richiede di sottoporre il cane a un test per la filariosi che dia esito negativo per prescrivere la cura preventiva.
    • Molti di questi trattamenti sono aromatizzati alla carne e possono essere masticati, così diventa più facile riuscire a somministrarli al cane.
  3. 3
    Evita che il cane venga infestato dalle pulci. Dato che alcuni parassiti sono trasmessi dalle pulci, sottoponendo l'animale a regolari trattamenti antipulci puoi prevenire una possibile infezione da vermi.
    • Alcuni farmaci sono pillole masticabili che contengono una combinazione di medicinali contro la filariosi cardiopolmonare e le pulci.
    • Eventualmente puoi anche sottoporre il cane a un trattamento topico mensile antipulci. Questo in genere viene applicato sulla nuca del tuo amico a quattro zampe, nella parte posteriore del collo.
  4. 4
    Impedisci al tuo cane di recarsi in ambienti pericolosi. Assicurandoti che rimanga lontano da ambienti che sono più favorevoli alle infezioni da vermi, puoi evitare la necessità di sverminarlo.
    • Tienilo lontano da spazi erbosi e caldi condivisi da altri cani che non sono stati sverminati.
    • Non lasciarlo entrare in contatto con animali selvatici o prede di caccia.
    • Evita per quanto possibile gli ambienti caldi e umidi che hanno un'alta presenza di insetti come pulci o zanzare.
    • Impediscigli di mangiare o di strofinarsi nelle feci di altri cani o animali selvatici.
  5. 5
    Sottoponilo a un trattamento vermifugo, se necessario. Se il cane ha i vermi, devi somministrargli una cura vermifuga. La terapia specifica dipende dai fattori di rischio individuali dell'animale ed è meglio valutarla insieme al veterinario.
    • La maggior parte dei trattamenti consiste in una polvere che può essere mescolata al cibo o con altri prodotti, come yogurt naturale (ma consulta sempre il veterinario prima di alimentare il cane con cibi indicati per gli umani).
    • La maggior parte dei prodotti vermifughi deve essere somministrata solo una volta, ma se il veterinario prescrive il fenbendazolo devi darglielo ripetutamente nel corso di diversi giorni. È un farmaco molto delicato usato spesso per i cuccioli.
    • Assicurati di leggere le istruzioni riportate sulla confezione del farmaco e consulta il veterinario prima di dare al cane qualunque tipo di medicina.
  6. 6
    Accertati che il cane faccia regolari visite veterinarie. Tienilo controllato regolarmente per garantirgli una buona salute generale. Il veterinario può riscontrare eventuali problemi prima che diventino gravi e causino danni durevoli al tuo amico peloso.
    Advertisement

ConsigliModifica

  • Raccogli sempre le feci del cane quando lo porti a passeggiare.
  • Assicurati di controllare sempre tutto l'anno la presenza di pulci.
  • Non lasciare che il cane annusi o mangi le feci o altra sporcizia. Questo succede molto con i cuccioli, ed è un modo sicuro di trasferire i parassiti indesiderati.

AvvertenzeModifica

  • Gli ascaridi e gli anchilostomi possono essere trasmessi da cane a uomo, quindi devi prestare la massima attenzione e gestire le feci del cane in modo appropriato. Parla con il tuo medico se temi che tu o qualche membro della famiglia possiate avere contratto i vermi.
  • La dirofilaria può provocare un attacco di cuore al cane, se non viene scoperta e trattata in modo tempestivo.
  • Se l'infezione da vermi viene trascurata e non viene trattata per troppo tempo potrebbe portare alla morte.
  • Se il cane mostra segni di stanchezza o di diarrea e vomito, consulta immediatamente un veterinario.

Hai trovato utile questo articolo?

No