Come Individuare i Segni delle Infezioni Sessuali del Pene

Scritto in collaborazione con: Chris M. Matsko, MD

Se entri in contatto con i genitali di un'altra persona, ti esponi al rischio di contrarre qualche infezione sessualmente trasmissibile (IST), chiamata a volte anche malattia sessualmente trasmissibile (MST). I preservativi maschili e femminili possono ridurre il rischio di diffusione, ma non sono dei metodi infallibili; i sintomi non sono sempre evidenti, ma ci sono alcuni segnali che possono aiutarti a individuare la patologia. Se temi che tu o il tuo partner abbiate contratto una IST, la cosa migliore da fare è cercare cure mediche; tali infezioni possono infatti provocare danni permanenti al sistema riproduttivo e ad altri organi del corpo. Questo articolo descrive i segni più comuni delle infezioni sessualmente trasmissibili nelle donne e negli uomini, oltre a fornire alcuni consigli per sottoporsi agli esami di screening.

Parte 1 di 5:
Cercare i Sintomi di Gonorrea e Clamidia

  1. 1
    I sintomi della gonorrea e della clamidia non sono sempre evidenti. Tu o il tuo partner potreste manifestarne solo alcuni o nessuno. Si tratta di infezioni batteriche; i sintomi della gonorrea si sviluppano solitamente entro dieci giorni dall'esposizione all'agente patogeno, mentre quelli della clamidia da una a tre settimane dopo il contatto.[1] In entrambi i casi, possono infettarsi il tratto genitale, gli occhi, la bocca, la faringe e l'ano.[2]
  2. 2
    Controlla se il pene presenta delle fuoriuscite di secrezioni. Entrambe le infezioni possono provocare delle perdite gialle, verdi, dense, sanguinolenti o anche torbide.[3][4] Non è normale che il pene abbia questo sintomo, ma la sua presenza non significa automaticamente che si tratti di una IST; il solo modo per assicurartene è andare dal medico e sottoporti a degli esami.
  3. 3
    Osserva se provi dolore o una sensazione di bruciore durante la minzione. L'infezione dell'uretra causata dai batteri della gonorrea può innescare una reazione flogistica,[5] che a sua volta può provocare appunto dolore e una sensazione di bruciore.
  4. 4
    Palpa (senti al tatto) i testicoli. Se sono sensibili al tatto, doloranti o gonfi, rivolgiti al medico; potrebbero essere sintomi di gonorrea, clamidia o altre malattie.[6][7]
  5. 5
    Cerca i sintomi di gonorrea o clamidia anale. Potresti provare prurito, dolore durante l'evacuazione delle feci, indolenzimento della zona, sanguinamento, gonfiore della prostata e perdite anali.[8][9]
  6. 6
    Fai sottoporre anche il tuo partner ai test. Se presenta i sintomi di gonorrea o clamidia (anche se tu non li manifesti), dovete entrambi seguire dei trattamenti medici. Se il tuo partner è un uomo, assicurati che esegua gli stessi controlli descritti finora; se è invece una donna, invitala ad attenersi alle linee guida indicate di seguito:
    • Prestare attenzione a un aumento delle perdite vaginali o se sono diverse dal solito per colore, consistenza o aspetto, perché potrebbero essere segni indicatori di queste infezioni;[10][11]
    • Verificare la presenza di dolore o bruciore durante la minzione; anche in questo caso, potrebbe trattarsi di clamidia o gonorrea;[12][13]
    • Anche le donne possono contrarre le infezioni anali: i sintomi includono prurito, dolore durante l'evacuazione, indolenzimento, sanguinamento e secrezioni anali;[14][15]
    • La presenza di sangue vaginale tra un ciclo mestruale e l'altro può indicare la presenza di queste IST.[16]
  7. 7
    Se la partner presenta uno qualunque dei sintomi descritti, deve cercare cure mediche. Ricorda che se non vengono trattate, queste infezioni possono causare danni permanenti all'organismo.
    Pubblicità

Parte 2 di 5:
Cercare i Segni della Sifilide

  1. 1
    Controlla i genitali, la bocca e l'ano alla ricerca delle piaghe da sifilide durante la fase primaria. Assicurati che anche il tuo partner faccia gli stessi controlli. Queste piaghe appaiono in genere come delle ulcere aperte e umide o piaghe indolori.[17] Tali lesioni, causate dai batteri della sifilide, appaiono in genere tra dieci giorni e tre mesi dopo l'esposizione;[18] si formano nell'area del corpo infetta (come il pene, la vagina, la lingua, le labbra e l'ano), ma solitamente guariscono, anche se l'infezione rimane nel corpo. La sifilide nella fase secondaria può ripresentarsi in futuro.[19]
  2. 2
    Esamina da solo i segni della sifilide secondaria. Iniziano generalmente dalle tre alle sei settimane dopo la scomparsa delle ulcere della fase primaria e comprendono:[20]
    • Eruzioni cutanee con piaghe marroni o rossastre dal diametro di 1 cm circa. Questo è il sintomo più caratteristico della sifilide secondaria; gli sfoghi sono caratterizzati da un'area arrossata e piatta coperta da bozzi soprattutto sul torace e sulle estremità, come i palmi delle mani e gli archi plantari;
    • Febbre;
    • Cefalea;
    • Mal di gola;
    • Anoressia;
    • Dolore muscolare;
    • Perdita di peso;
    • Malessere generale;
    • Alopecia;
    • Disturbi gastrointestinali;
    • Disturbi dell'apparato muscolo-scheletrico;
    • Problemi neurologici e oculari;
    • Gonfiore dei linfonodi;
    • Sensazione di malessere generale.
  3. 3
    Sappi che in qualche momento del suo sviluppo la sifilide può diffondersi al sistema nervoso. Si tratta di una grave complicazione e può provocare dei sintomi neurologici, come la perdita di coordinazione dei movimenti e delle alterazioni comportamentali; inoltre, la sifilide secondaria può sfociare nella fase terziaria, che può diffondersi agli altri organi, con conseguenze anche mortali.
    • È difficile diagnosticare la neurosifilide ed è in genere necessario analizzare il liquido spinale per averne la conferma.
  4. 4
    Cerca cure mediche se presenti dei sintomi descritti finora o sospetti di avere la sifilide. Ricorda che è una malattia pericolosa che può provocare danni permanenti ed essere persino mortale, se non viene curata; parla subito con il medico per sottoporti a degli esami diagnostici.
    Pubblicità

Parte 3 di 5:
Verificare i Segni dell'Herpes Genitale

  1. 1
    Cerca delle vesciche o delle piaghe aperte e arrossate oppure dei bozzi arrossati nella zona genitale o anale.[21] Le piaghe possono formarsi sul pene, sullo scroto e anche all'interno dell'uretra. L'herpes genitale è un'infezione virale causata dal virus dell'herpes simplex (HSV); l'agente patogeno causa in genere delle piaghe dolorose sul pene e nella vagina.
    • Sebbene gli sfoghi possano essere gestiti con dei farmaci, una volta contratta l'infezione, il virus resta per sempre nell'organismo.
  2. 2
    Presta attenzione a qualunque sensazione di dolore o prurito nella zona genitale, cosce, sedere o ano. Il prurito è in genere il segno indicatore principale dell'herpes genitale; le lesioni erpetiche sono comunque anche molto dolorose e questo sintomo ti aiuta a distinguere tale infezione dalle altre.[22]
  3. 3
    Osserva se provi disagio durante la minzione. Le piaghe dell'herpes si sviluppano anche dentro l'uretra, rendendo molto dolorosa l'espulsione dell'urina.[23]
    Pubblicità

Parte 4 di 5:
Verificare i Segni dell'Infezione da Papilloma Virus Umano (HPV) e delle Verruche Genitali

  1. 1
    Sappi che ci sono molti ceppi di HPV. Quelli che causano il cancro non sono gli stessi che si manifestano con le verruche genitali;[24] inoltre, non esiste un test diagnostico per rilevare la presenza del virus negli uomini.
  2. 2
    Ispeziona il pene alla ricerca di piccole escrescenze color carne o delle lesioni grigiastre simili a verruche. Le singole verruche genitali sono in genere molto piccole, con un diametro inferiore a 1 mm; tuttavia, possono moltiplicarsi crescendo le une vicine alle altre. Quando questo accade, il gruppo di verruche assume l'aspetto di un cavolfiore.[25] Queste neoformazioni si sviluppano attorno ai genitali, all'ano, in bocca e nella parte posteriore della gola.
  3. 3
    Fai attenzione a qualunque traccia di sangue dopo un rapporto sessuale.[26] Può essere un segno indicatore di verruche genitali o di altre patologie.
  4. 4
    Prendi nota del prurito o del dolore nella regione genitale, dei glutei o in bocca. Tutti questi sintomi sono tipici del HPV o di un'altra infezione venerea.
  5. 5
    Sappi che i ceppi del virus responsabili del cancro negli uomini e nelle donne non causano in genere alcun sintomo. Nei soggetti di sesso maschile, tali virus portano al cancro del pene, dell'ano o quello orofaringeo;[27] tra le donne, sono la causa del carcinoma alla cervice, all'ano e all'orofaringe.[28] Esistono dei vaccini che possono prevenire l'infezione di alcuni tipi di HPV che generano le verruche genitali o il cancro.[29]
    • I maschi di età compresa tra i 9 e i 26 anni possono sottoporsi al vaccino Gardasil.[30]
  6. 6
    Sottoponiti a cure mediche se lamenti qualunque sintomo descritto in precedenza. Il medico può prescriverti dei farmaci per curare le verruche e valutare il rischio di cancro, nel caso avessi contratto un ceppo virale che causa questa grave complicazione.
    Pubblicità

Parte 5 di 5:
Rispettare le Linee Guida per gli Screening

  1. 1
    Accertati che tu e il partner rispettiate il protocollo per gli esami di screening per le infezioni veneree. Se il tuo partner è una donna, ci sono alcuni test a cui deve sottoporsi regolarmente; se è un uomo, dovrebbe eseguire degli esami per alcune IST.[31] Queste procedure diagnostiche possono confermare se tu o il partner siete stati contagiati, permettendovi quindi di prendere le dovute precauzioni e curarvi. Si tratta di un fattore estremamente importante perché, come accennato in precedenza, molte infezioni sono del tutto asintomatiche.
    • Le linee guida sono appunto solo un protocollo consigliato; dovresti discutere di tutti gli esami e dei fattori di rischio con il medico, che è in grado di modificare le procedure di screening in base alla tua situazione.
    • Assicurati che anche il partner si sottoponga agli esami e venga curato in maniera opportuna.
  2. 2
    Fai il test per il virus dell'immunodeficienza umana (HIV) almeno una volta nella vita, tra i 13 e i 64 anni d'età. Gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini dovrebbero fare l'esame almeno una volta all'anno, se non più spesso.[32]
  3. 3
    Se hai meno di 25 anni, hai un nuovo partner sessuale o più di uno, fai gli esami per la gonorrea e la clamidia ogni anno.[33] Avere rapporti sessuali con più persone ti espone a un maggior rischio di infezioni veneree.
  4. 4
    Se sei un uomo e hai qualunque tipo di contatto sessuale con altri uomini, sottoponiti ogni anno ai test per la sifilide, la gonorrea e la clamidia.[34] Gli individui che hanno più partner e/o incontri sessuali occasionali con sconosciuti dovrebbero monitorare le proprie condizioni di salute con maggiore frequenza.[35]
    Pubblicità

Avvertenze

  • Molte infezioni veneree non causano alcun sintomo evidente; se tu o il tuo partner temete di essere stati contagiati, rivolgetevi al medico per sottoporvi a degli esami.
  • Esistono diverse infezioni sessualmente trasmissibili, come l'epatite (A, B e C) e l'HIV, che non causano alcun sintomo alla regione genitale e che quindi non sono state prese in considerazione in questo articolo.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Medico di Medicina Generale
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Chris M. Matsko, MD. Il Dottor Matsko è un Medico in pensione che vive in Pennsylvania. Si è laureato presso la Temple University School of Medicine nel 2007.
  1. http://www.cdc.gov/std/gonorrhea/stdfact-gonorrhea.htm
  2. http://www.cdc.gov/std/Chlamydia/STDFact-Chlamydia.htm
  3. http://www.cdc.gov/std/gonorrhea/stdfact-gonorrhea.htm
  4. http://www.cdc.gov/std/Chlamydia/STDFact-Chlamydia.htm
  5. http://www.cdc.gov/std/gonorrhea/stdfact-gonorrhea.htm
  6. http://www.cdc.gov/std/Chlamydia/STDFact-Chlamydia.htm
  7. http://www.cdc.gov/std/gonorrhea/stdfact-gonorrhea.htm
  8. http://www.plannedparenthood.org/learn/stds-hiv-safer-sex/syphilis
  9. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/sexually-transmitted-diseases-stds/in-depth/std-symptoms/art-20047081?pg=2
  10. http://www.cdc.gov/std/syphilis/STDFact-Syphilis.htm
  11. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/sexually-transmitted-diseases-stds/in-depth/std-symptoms/art-20047081?pg=2
  12. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/sexually-transmitted-diseases-stds/in-depth/std-symptoms/art-20047081?pg=2
  13. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/sexually-transmitted-diseases-stds/in-depth/std-symptoms/art-20047081?pg=2
  14. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/sexually-transmitted-diseases-stds/in-depth/std-symptoms/art-20047081?pg=2
  15. http://www.cdc.gov/STD/HPV/STDFact-HPV.htm
  16. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/sexually-transmitted-diseases-stds/in-depth/std-symptoms/art-20047081?pg=2
  17. http://www.publichealth.va.gov/infectiondontpassiton/womens-health-guide/stds/hpv.asp
  18. http://www.cdc.gov/std/hpv/stdfact-hpv-and-men.htm
  19. http://www.cdc.gov/std/hpv/stdfact-hpv-and-men.htm
  20. http://www.cdc.gov/std/hpv/stdfact-hpv-and-men.htm
  21. http://www.webmd.com/vaccines/adult-hpv-vaccine-guidelines#1
  22. http://www.cdc.gov/std/prevention/screeningreccs.htm
  23. http://www.cdc.gov/std/prevention/screeningreccs.htm
  24. http://www.cdc.gov/std/prevention/screeningreccs.htm
  25. http://www.cdc.gov/std/prevention/screeningreccs.htm
  26. http://www.cdc.gov/std/prevention/screeningreccs.htm

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità