Come Iniziare un Racconto

Scritto in collaborazione con: Stephanie Wong Ken

I grandi scrittori ci rapiscono già dalle prime righe e ci tengono incollati alle pagine fino alla fine. Forse ti chiedi come riescono a creare quelle frasi o semplicemente come fanno a iniziare a scrivere. Le tecniche descritte in questo articolo ti aiuteranno a comporre introduzioni efficaci per i tuoi racconti e prime stesure convincenti. Imparerai come iniziare a scrivere, come scegliere le prime righe e come perfezionarle.

Parte 1 di 4:
Iniziare a Scrivere

  1. 1
    Prova a scrivere la struttura della storia in una volta sola. Puoi provare questo metodo, scrivendo i dettagli della trama di getto. Puoi scegliere la storia bizzarra e divertente che condivideresti con un amico ma che non sai ancora come tradurre nel formato del racconto. Mettendo nero su bianco i fatti, avrai la possibilità di trasformarli in un'opera compiuta in seguito.[1]
    • Concentrati semplicemente sul racconto della storia e su come trasferirla sulla pagina. Può bastarti un'ora o una giornata intera. Immagina di parlare con un buon amico e di raccontargli gli eventi a voce davanti a un caffè.
    • Evita di fare delle ricerche o di comunicare informazioni esterne alla storia che stai raccontando. Non rallentare per riflettere su alcune sezioni della trama. Penserai a questi problemi quando rileggerai quanto hai scritto in seguito.
  2. 2
    Usa dei prompt di scrittura. Se non riesci a trovare un'idea per un racconto, puoi usare questo strumento creativo. I prompt aiutano a esprimere la creatività e a restringere il campo. Possono anche portarti a scrivere di un argomento che non avevi mai considerato prima.[2]
    • Quasi tutti i prompt impongono un limite di tempo (per esempio, scrivi dell'argomento indicato per 5 minuti). Se ritieni che l'esercizio ti stia aiutando a creare materiale utile per il tuo racconto, concediti pure di superare il limite. Puoi anche decidere di ignorare il prompt, se la tua creatività ti guida in un'altra direzione. Questo strumento serve per spingerti a iniziare a scrivere, ma non deve limitarti in alcun modo.
    • Un prompt di scrittura può essere una frase, come "Mi ricordo...", o un'immagine, come "Immagina di essere intrappolato nella tua camera da bambino". Puoi anche usare una frase della tua poesia o libro preferiti, così come una strofa di una canzone che ti piace.
    • Puoi trovare una lista di prompt di scrittura su Writer's Digest e Daily Teaching Tools. In alternativa, puoi provare anche un generatore casuale di frasi introduttive.
  3. 3
    Individua il protagonista. Una volta scritto il materiale di base per il racconto, dovresti rileggerlo e notare se uno dei personaggi emerge tra gli altri. Il protagonista è la figura il cui destino è più importante all'interno della storia. Questo non significa che deve essere un eroe o un classico cattivo. Dovrebbe essere il personaggio che sta più a cuore ai lettori e con cui si possono immedesimare di più, nonostante tutti i suoi difetti.[3]
    • Il protagonista non deve essere per forza il narratore della storia, ma dovrebbe essere lui a prendere le decisioni che portano avanti la trama. Dovrebbe guidare gli eventi che accadono nel racconto e il suo percorso deve dare un significato all'opera.
  4. 4
    Crea la struttura della trama. Può esserti utile cominciare a scrivere la storia partendo dalla struttura della trama, in modo che tu sappia che cosa accadrà nel racconto. Quasi tutti gli scrittori evitano questo metodo, perché non vogliono sentirsi limitati da una struttura rigida. Tuttavia, se non riesci a iniziare a scrivere, ti sarà d'aiuto identificare il protagonista, l'ambientazione della storia e gli eventi della trama.[4]
    • Nella struttura della trama devi per prima cosa occuparti dell'obiettivo del racconto. Pensa a che cosa vuole ottenere il protagonista o a quale problema vuole risolvere. Questo sarà il "desiderio" centrale della storia: qualcosa che il protagonista vuole per sé, per un altro personaggio, per un'istituzione eccetera.
    • Nella struttura della trama dovresti descrivere anche le conseguenze per il protagonista se non dovesse ottenere il proprio obiettivo. Si tratta della cosiddetta "posta in gioco", che il personaggio principale rischia di perdere se non avrà successo. Un'alta posta in palio di solito coinvolge di più il lettore nella storia e lo porta a preoccuparsi per il destino del protagonista.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Scegliere il Tipo di Inizio

  1. 1
    Comincia in medias res. Molti scrittori di racconti cercano di iniziare le loro opere da una scena, di solito importante e coinvolgente. Questo permette di catturare subito il lettore e calarlo all'interno della storia.[5]
    • Dovresti scegliere una scena molto importante per il personaggio principale o per il narratore e mostrarli in azione, mentre fanno qualcosa che avrà delle conseguenze in seguito o che serva per introdurre la trama. Per esempio, invece di cominciare con "Marco crede che sia una giornata come tutte le altre", puoi provare: "Marco si sveglia dopo un brutto sogno e capisce che oggi non sarà una giornata come tutte le altre".
    • Puoi decidere di usare il tempo passato nel tuo racconto, ma il presente attribuisce all'opera un senso di urgenza, che aiuta a spingere in avanti il lettore. Per esempio, cominciare con "Oggi farò una rapina in banca" è più efficace di "Ieri ho rapinato una banca", perché il presente consente all'azione di svilupparsi davanti al lettore in tempo reale. Chi legge ha la possibilità di vivere l'evento principale accanto ai personaggi.
  2. 2
    Descrivi l'ambientazione. Questo tipo di incipit è utile se l'ambientazione della storia è molto importante e vuoi creare una certa atmosfera. Forse il tuo racconto non è incentrato su una trama complessa, ma si svolge in una situazione molto particolare, che vuoi subito comunicare al lettore. Puoi usare il punto di vista di un personaggio per descrivere l'ambientazione e concentrarti su un dettaglio che colpisca o interessi chi legge.[6]
    • Per esempio, nel racconto Oceanic di Greg Egan, la prima riga descrive l'ambientazione, una barca nell'oceano: "La marea alzava e abbassava leggermente la barca. Il mio respiro si fece più lento, imitando lo scricchiolio dello scafo, finché non riuscii più a notare la differenza tra il flebile movimento ritmato della cabina e la sensazione di riempimento e di svuotamento dei miei polmoni". Egan utilizza dettagli specifici e legati ai sensi per trasmettere al lettore la sensazione di trovarsi seduti nella cabina di una barca e comincia il suo racconto in un momento preciso.[7]
    • Ricorda che puoi presentare l'ambientazione anche più avanti nel racconto, se non vuoi cominciare da questo aspetto. Se il tema o la trama sono più importanti per la storia rispetto all'ambientazione, puoi decidere di cominciare da quegli elementi. Dovresti comunque cercare di iniziare in medias res, in modo che il lettore sia coinvolto da subito.
  3. 3
    Introduci il narratore o il protagonista. Un'altra soluzione per cominciare è iniziare con una potente voce narrativa o con un'intensa descrizione del personaggio principale. Si tratta di una buona opzione per le storie basate sui personaggi più che sulla trama. Spesso, le narrazioni in prima persona hanno inizio con una frase della voce protagonista. Puoi mostrare al lettore la visione del mondo del narratore e presentare la sua voce, in modo che chi legge sappia cosa aspettarsi nel resto del racconto.[8]
    • Anche se Il giovane Holden di J.D. Salinger è un romanzo e non un racconto, la frase di apertura presenta subito la voce del narratore: "Se davvero avete voglia di sentire questa storia, magari vorrete sapere prima di tutto dove sono nato e com'è stata la mia infanzia schifa e che cosa facevano i miei genitori e compagnia bella prima che arrivassi io, e tutte quelle baggianate alla David Copperfield, ma a me non mi va proprio di parlarne".[9]
    • Il narratore ha un tono aspro e rude, ma attira l'attenzione con la sua visione frustrata del mondo e il suo disprezzo per la narrazione tradizionale. Il narratore ha un punto di vista ben preciso, che dà al lettore un'idea chiara di come sarà il resto del racconto.
  4. 4
    Inizia con un bel dialogo. Può essere una soluzione efficace, ma il dialogo deve essere semplice da seguire e andare dritto al punto. Come regola generale, i dialoghi in un racconto devono sempre realizzare più di uno scopo e non devono mai essere inseriti come semplici conversazioni. Quelli più efficaci aiutano a conoscere meglio i personaggi e a far avanzare la trama.[10]
    • Molti racconti iniziano con un discorso diretto, poi passano alla descrizione di chi parla e di dove si trova all'interno della scena. Di solito a parlare è il protagonista o uno dei personaggi principali della storia.
    • Per esempio, nel racconto di Amy Hempel Nel cimitero dov'è sepolto Al Jolson la storia inizia con una frase che colpisce: «“Raccontami qualcosa che non mi dispiacerà dimenticare”, mi disse lei. “Roba inutile, sennò lascia perdere”».[11] Il lettore è attirato subito nella storia dal dialogo divertente, strano e dalla presenza di una "lei".
  5. 5
    Presenta un piccolo conflitto o un mistero. Una buona frase di apertura dovrebbe far nascere delle domande nella mente del lettore, mettendo in evidenza un conflitto o un dubbio. Puoi semplicemente scrivere le riflessioni di un personaggio su un evento recente e la sua reazione, oppure un mistero più complesso, come un omicidio o un crimine irrisolti. Evita di iniziare con un punto di domanda troppo grande o che può confondere chi legge. Lascia che la prima riga sia un indizio verso qualcosa di più importante e che avvicini il lettore al conflitto principale.[12]
    • Per esempio, la prima frase del racconto di Shirley Jackson Elizabeth solleva molte domande: «Appena prima del suono della sveglia era sdraiata in un giardino assolato e caldo, con prati verdi intorno a lei, fino a dove si estende la vista». Il lettore si chiede perché la protagonista sta sognando un giardino soleggiato, per quale motivo si sta svegliando e che cosa significherà il sogno per lei in futuro. Si tratta di un conflitto minore, ma è un modo efficace per calare gradualmente chi legge nei temi e nelle idee più importanti del racconto.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Correggere l'Introduzione

  1. 1
    Leggi di nuovo l'introduzione, una volta terminato il racconto. Anche se potresti pensare di aver scritto l'apertura perfetta per la tua opera, dovresti rileggerla a lavoro finito, in modo da confermarne la qualità. In alcuni casi, le storie cambiano o si trasformano mano a mano che le scrivi e il tuo incipit geniale potrebbe non avere più molto senso. Leggi di nuovo le prime frasi considerando il contesto del resto del racconto e verifica che siano ancora adatte.[13]
    • Potresti essere in grado di correggere le prime frasi per adattarle al tono, all'atmosfera e allo stile del resto del racconto, oppure potresti essere costretto a scrivere una nuova introduzione più in linea con la storia. Puoi sempre archiviare la versione precedente per un altro racconto o un progetto futuro, specialmente se ritieni che sia scritta bene, ma che non sia ideale per questa specifica opera.
  2. 2
    Cura il linguaggio. L'introduzione non dovrebbe contenere parole o frasi inutili, altrimenti l'impatto sul lettore sarebbe meno intenso. Rileggi le prime righe e assicurati che siano concise e potenti. Nota se stai usando dei termini banali o delle frasi abusate e sostituiscili con parole più interessanti. Elimina tutte le descrizioni non necessarie oppure condensa in un unico paragrafo una descrizione di personaggi e ambientazione.[14]
    • Potresti accorgerti che stai usando verbi o aggettivi poco efficaci, vaghi e non molto descrittivi. Sostituiscili con termini più forti, in modo che le prime righe colpiscano il lettore ed elevino lo standard per il tono e le descrizioni del resto del racconto.
  3. 3
    Mostra l'introduzione a un lettore neutrale. Non è facile correggere da solo quello che hai scritto, quindi devi essere disposto a farlo leggere a una persona di cui ti fidi. Considera di mostrare solo le prime righe o il primo paragrafo dell'opera e chiedile se è stata colpita abbastanza da leggere il resto. Dovresti anche chiederle se ha capito chi è il personaggio, qual è l'ambientazione e se ha dei suggerimenti che possono aiutarti a migliorare l'inizio.[15]
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Riconoscere lo Scopo dell'Introduzione

  1. 1
    Ricorda il ruolo dell'inizio di un racconto. Le prime righe di un'opera di questo tipo sono importantissime, perché catturano l'attenzione e l'interesse del lettore, spingendolo a continuare. La prima frase o il primo paragrafo introducono spesso l'idea o la situazione che saranno esplorate nella storia. Dovrebbero dare a chi legge un'indicazione chiara del tono, dello stile e dell'atmosfera. Possono anche comunicare qualcosa sui personaggi e sulla trama del racconto.[16]
    • Usando le regole di Kurt Vonnegut per i racconti, un riferimento molto usato dagli scrittori, dovresti sempre cercare di "cominciare il più vicino possibile alla fine" nell'introduzione.[17] Cala il lettore direttamente al centro dell'azione, il prima possibile, in modo che siano rapiti e leggano il libro tutto d'un fiato.
    • Spesso, gli editori leggono le prime righe di un racconto per valutare se vale la pena arrivare fino in fondo al libro. Molti racconti sono scelti per essere pubblicati sulla base dell'impatto provocato dalla prima frase. Per questo motivo è importante riflettere su come colpire il lettore e impressionarlo già a partire dalle primissime parole.[18]
  2. 2
    Leggi degli incipit di esempio. Per imparare a scrivere l'inizio di un racconto, dovresti leggere molti esempi. Nota le tecniche usate dallo scrittore per attirare il lettore e come ogni parola usata abbia un peso. Ecco alcuni esempi:[19]
    • "Il primo grande gesto d'amore a cui ho mai assistito è stato Split Lip che faceva il bagno a sua figlia handicappata". Isabelle di George Saunders.
    • "Quando questa storia diventerà pubblica, potrei diventare l'ermofrodita più famoso della storia". L'oggetto oscuro di Jeffrey Eugenides.
    • "Appena prima del suono della sveglia era sdraiata in un giardino assolato e caldo, con prati verdi intorno a lei, fino a dove si estende la vista". Elizabeth di Shirley Jackson.
  3. 3
    Analizza gli esempi. Una volta lette le frasi riportate, poniti delle domande:
    • Come ha introdotto il tono o l'atmosfera lo scrittore? Per esempio, la prima riga del racconto L'oggetto oscuro di Eugenides presenta il narratore come un ermafrodita e fa sapere al lettore che sta per ascoltare la storia della sua vita. Crea un'atmosfera riflessiva, in cui il narratore descrive la propria vita come un famoso ermafrodita.
    • Come introduce i personaggi principali e l'ambientazione lo scrittore? Per esempio, nella prima frase del racconto Isabelle di Saunders, viene presentato il personaggio chiamato "Split Lip" e sua figlia handicappata. Viene introdotto anche un tema fondamentale della storia: l'amore tra padre e figlia. L'introduzione di Jackson in Elizabeth fa uso di dettagli sensoriali e di descrizioni, come "caldo e assolato" e "verde", per dipingere un'immagine specifica nella mente del lettore.
    • Quali sono le tue aspettative da lettore, in base alle prime frasi? Un'introduzione efficace fa capire a chi legge quello che lo aspetta e fornisce informazioni appena sufficienti a coinvolgerlo nella storia. Per esempio, l'apertura del testo di Saunders fa sapere al lettore che il racconto sarà strano o bizzarro, per la presenza di un personaggio chiamato "Split lip" e di una bambina handicappata. Si tratta di un inizio audace, che fa capire al lettore come verrà narrata la storia, con una voce unica.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Laurea Magistrale in Scrittura Creativa
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Stephanie Wong Ken. Stephanie Wong Ken possiede una Laurea Magistrale in Scrittura Creativa conseguita presso la Portland State University.
Categorie: Scrittura

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità